13.1 C
Bruxelles
Sabato, settembre 24, 2022

Vladimir Solovyov e il suo sistema religioso-filosofico

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

Più da parte dell'autore

Le discussioni tematiche della Commissione sugli stupefacenti 2022 si concentrano sulle questioni trasversali della politica in materia di droga e dei diritti umani

La Commissione sugli stupefacenti si concentra su questioni di politica in materia di droga e diritti umani

0
Le discussioni tematiche della Commissione sugli stupefacenti 2022 si concentrano sulle questioni trasversali della politica in materia di droga e dei diritti umani

Autore: Protopresbitero Mihail Pomazanski

 Vladimir Solovyov ha dato un nuovo impulso allo sviluppo del pensiero filosofico e teologico russo, ponendosi il compito di "giustificare la fede dei padri" davanti alla ragione dei suoi contemporanei. Sfortunatamente, ha fatto una serie di chiare deviazioni dal modo di pensare cristiano-ortodosso, molte delle quali sono state adottate e ulteriormente sviluppate dai suoi seguaci.

Ecco una breve esposizione di questi momenti in Solovyov, che si distinguono per la loro differenza e anche per la loro chiara deviazione dal credo professato dalla Chiesa.

1) Presenta il cristianesimo come lo stadio più alto dello sviluppo sequenziale complessivo delle religioni. Secondo Solovyov, tutte le religioni sono vere, ma unilaterali, e il cristianesimo sintetizza gli aspetti positivi delle religioni precedenti. Scriveva: «Come gradualmente si rivela alla mente umana la natura esterna, per cui bisogna parlare dello sviluppo dell'esperienza e delle scienze naturali, così il principio divino si rivela gradualmente alla mente umana, e si deve parlare della sviluppo dell'esperienza religiosa e del pensiero religioso… Lo sviluppo religioso è un processo positivo e oggettivo, è una reale interazione tra Dio e l'uomo, un processo Dio-umano. È chiaro, scriveva Solovyov, che nessuna delle fasi e nessun momento del processo religioso può essere di per sé una menzogna o un'illusione. La “falsa religione” è contradictio in adjecto”*.

2) La dottrina della salvezza del mondo nella forma in cui fu data sotto gli apostoli è messa da parte. Secondo Soloviev, Cristo è venuto sulla terra non per "salvare il genere umano", ma per elevarlo a un livello superiore nell'ordine della successiva manifestazione del principio divino nel mondo: l'elevazione e la deificazione dell'uomo e del mondo. Cristo è l'anello più alto della serie delle teofanie (epifanie), a coronamento delle teofanie precedenti.

3) La teologia di Solovyov si concentra sul lato ontologico dell'essere, cioè sulla vita di Dio stesso in se stesso e, a causa dell'insufficienza delle Sacre Scritture, il pensiero ricorre a costruzioni arbitrarie – razionali o basate sull'immaginazione.

4) Un essere chiamato “Sophia” viene introdotto nella vita divina, ponendosi al confine tra la Divinità e il mondo creato.

5) Nella vita divina viene introdotta una distinzione tra maschio e femmina. Con Solovyov, questo momento è oscurato. Padre Pavel Florensky, seguendo Soloviev, presenta Sophia come segue: “Questo è un grande Essere Regale, Femminile, il quale, senza essere né Dio, né Figlio eterno di Dio, né angelo, né santo, riceve venerazione entrambi dal finitore dell'Antico Testamento e dal Capostipite del Nuovo” (“Pilastro e affermazione della verità”).

6) Un inizio elementare, un'aspirazione elementare, si introduce nella vita divina, costringendo Dio stesso Verbo a partecipare a un certo processo, inizio che subordina il Logos a questo processo, che deve elevare il mondo dallo stato di pura materialità e limitazione alle forme più perfette dell'essere.

7) Dio come Assoluto, Dio Padre, si presenta come distante e inaccessibile al mondo e all'uomo. Nonostante quanto detto nella parola di Dio, Egli si separa dal mondo in un'area inaccessibile dell'essere, che in quanto essere assoluto non ha contatto con l'essere relativo, con il mondo dei fenomeni. Pertanto, secondo Solovyov, è necessario un mediatore tra l'Assoluto e il mondo. Tale mediatore è il “Logos”, che si è incarnato in Cristo.

8) Secondo Soloviev, il primo Adamo unì in sé la natura divina e quella umana, simili al loro rapporto nell'uomo-divinità del Verbo incarnato, solo che violò tale rapporto. Se è così, allora la deificazione dell'uomo non è solo una santificazione graziosa dell'uomo, ma è una restaurazione in lui dell'umanità divina, una restaurazione delle due nature. Ma questo non è d'accordo con l'intero insegnamento della Chiesa, che intende la deificazione solo come beneficenza. "Non c'è stato e non ci sarà un'altra persona, dice il Rev. John Damasceno, composta da divinità e umanità, tranne Gesù Cristo".

9) Solovyov scrive: "Dio è l'onnipotente Creatore e Sostenitore di tutto, ma è il Sovrano della terra e delle creature che ne derivano". <…> “La divinità è incommensurabile con le creature terrene e può avere nei loro confronti un rapporto morale-pratico (potere, dominio, gestione) solo attraverso la mediazione dell'uomo, che come essere divino è commisurato sia alla Divinità che alla natura materiale. In questo modo, l'uomo è una base necessaria per il vero governo divino” (“Storia e teocrazie future”). Questa posizione è inaccettabile dal punto di vista della gloria e della potenza di Dio e, per così dire, contraddice la parola di Dio. Allo stesso tempo, è smentito dalla semplice osservazione dell'esistente. L'uomo soggioga la natura a se stesso, non in nome di Dio come mediatore tra Dio e il mondo, ma per i propri bisogni e scopi egoistici.

I punti qui annotati, dove le opinioni di Solovyov divergono dagli insegnamenti della Chiesa, mostrano che il sistema religioso di Solovyov è completamente inaccettabile per la coscienza ortodossa.

NOTA:

* contradictio in adjecto – (lat.) contraddizione nella definizione, come “quadrato tondo”, “umidità secca”, “ferro di legno”, ecc.

Fonte: Protopresbitero Mikhail Pomazansky. Teologia dogmatica ortodossa. St. Herman of Alaska Brotherhood Press, 1992.

- Annuncio pubblicitario -
- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti