8.4 C
Bruxelles
Lunedi, October 3, 2022

Leader religiosi e influencer religiosi morti nel 2020

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Più da parte dell'autore

La CEC addestra le chiese belghe alla sicurezza

La CEC addestra le chiese belghe alla sicurezza

0
I dirigenti della Chiesa belga hanno ricevuto una formazione per garantire la sicurezza nelle comunità religiose.
La dott.ssa Valerie Duval-Poujol riflette su come la creatività e lo sforzo di CEC stiano dando speranza al mondo

La dott.ssa Valerie Duval-Poujol riflette su come la creatività e lo sforzo di CEC stanno dando speranza a...

0
La dott.ssa Valerie Duval-Poujol, teologa battista, è un membro del consiglio della CEC. Di seguito, riflette su come la creatività e lo sforzo potrebbero essere ciò che è necessario per inaugurare la CEC in una nuova era piena di sfide, ma anche con grande speranza.

(RNS) — Il 2020 è stato un anno di lutto di proporzioni apparentemente bibliche, compreso un numero crescente di vittime a livello mondiale per il pandemia di coronavirus, quasi 2 milioni alla fine dell'anno.

Le perdite nel mondo religioso includevano persone note per i loro contributi alla predicazione, ai diritti civili o alla musica.

Luminari dello spettacolo, della politica e dello sport, come Chadwick Boseman, Little Richard, Ruth Bader Ginsburg e Kobe Bryant, erano noti per lavori estranei alla fede, ma vivevano comunque vite legate alla religione. I suicidi del pastore Darrin PatrickMarilane Carter, la moglie di un pastore, suscitò sfoghi di dolore e allarme per la salute mentale del clero.

Ecco 10 influencer religiosi morti nel 2020:

Vescovo Barbara Harris

Il prelato in pensione è stata la prima donna ad essere ordinata e consacrata vescovo nella Comunione anglicana mondiale.

Recentemente consacrata come prima donna vescovo nella storia della Chiesa episcopale, la Rev. Barbara Harris impartisce la benedizione al termine di un servizio a Boston l'11 febbraio 1989. Religion News Service file foto

Harris morì all'età di 89 anni il 13 marzo.

Nota per aver citato le parole "Hallelujah comunque" da una canzone gospel, Harris ha servito come vescovo suffraganeo, o assistente, nella diocesi episcopale del Massachusetts dal 1989 fino al suo pensionamento nel 2002. In seguito è stata vescovo assistente nella diocesi di Washington.

Pronipote di una donna nata in schiavitù, Harris ha infranto numerosi stereotipi: non solo è stata la prima donna vescovo anglicano, era afroamericana, divorziata e non si era laureata in seminario.

“La tentazione che abbiamo”, ha detto nel suo primo sermone da vescovo, “è di giocare sul sicuro, non fare ondate.

“Ma se Gesù avesse giocato sul sicuro, non saremmo salvati”, ha continuato, come notato nel 1989 copertura nel Los Angeles Times. “Se la diocesi del Massachusetts avesse giocato sul sicuro, non sarei qui in piedi vestito rochet e chimere e con indosso una croce pettorale”.

Il Rev. Joseph Lowery

Il predicatore e stretto collega del reverendo Martin Luther King Jr. era noto per i suoi sforzi per desegregare gli autobus, protestare contro l'apartheid e attirare l'attenzione sulla crisi dell'AIDS negli Stati Uniti e in Africa.

In questa foto del 12 agosto 2009, il presidente Barack Obama presenta una medaglia presidenziale della libertà 2009 al reverendo Joseph E. Lowery nella Sala Est della Casa Bianca a Washington. (Foto AP/J. Scott Applewhite, File)

inferiore morì all'età di 98 anni il 27 marzo.

Il ministro metodista unito è stato presidente della Southern Christian Leadership Conference per 20 anni dopo averla co-fondata con King.

Lowery, che è stato soprannominato il "decano del movimento per i diritti civili" dalla NAACP, ha dato la benedizione all'inaugurazione del presidente Barack Obama nel 2009, ricordando le sfide razziali del paese quando la nazione ha ottenuto il suo primo presidente nero. Diversi anni dopo, Lowery ha criticato il presidente George W. Bush per "armi di cattiva direzione" poiché entrambi erano sul palco per il funerale di Coretta Scott King.

Obama ha consegnato a Lowery la Presidential Medal of Freedom nell'agosto 2009. Alla domanda se il suo lavoro fosse stato per lo più completato dopo la sua preghiera inaugurale e aver ricevuto la medaglia, Lowery ha detto di no.

“Il nostro lavoro non è mai finito”, ha detto Religion News Service nel 2011. “Il lavoro di un cristiano non è mai finito. Lo spirituale dice che abbiamo sempre 'un fiume in più da attraversare'”.

Ravi Zaccaria

L'evangelista cristiano e autore di oltre 20 libri è salito alla ribalta dopo che Billy Graham lo ha invitato a partecipare a una conferenza internazionale sull'evangelizzazione del 1983.

Ravi Zacharias parla agli studenti dell'Oxford Center for Christian Apologetics, a Oxford, in Inghilterra, nel luglio 2018. Foto di Hazel Thompson/True Image Media

Zacharias morì all'età di 74 anni il 19 maggio.

Ha fondato un ministero di apologetica con sede in Georgia in cui lui e, alla fine, quasi 100 altri evangelisti cristiani hanno parlato e formato altri su come rispondere alle domande sul cristianesimo e sull'esistenza di Dio.

Poco prima della morte di Zaccaria, eminenti evangelici parlarono di come fosse uno dei loro “eroi” e di come i loro scaffali includessero i suoi libri.

Ma negli ultimi mesi un indagine da un studio legale assunto dal suo ministero ha trovato ciò che l'azienda ha definito "prove significative e credibili che il signor Zacharias si è impegnato in una cattiva condotta sessuale nel corso di molti anni".

In un 23 dicembre annuncio sull'aggiornamento provvisorio dell'indagine, il consiglio di amministrazione di Ravi Zacharias International Ministries ha dichiarato: "condividiamo la tua compassione per tutte le vittime di questa condotta e apprezziamo le tue preghiere per loro e anche per la famiglia di Ravi che è stata devastata da queste informazioni".

John Lewis

L'attivista di lunga data per i diritti civili e ordinato ministro battista era noto per aver predicato di cacciarsi in “buoni guai”. È stato spesso ricordato per essere stato picchiato dalla polizia sull'Edmund Pettus Bridge mentre lavorava per i diritti di voto a Selma, in Alabama, nel 1965.

Il presidente Barack Obama e la first lady Michelle Obama si uniscono al rappresentante John Lewis, al centro, mentre guidano la passeggiata attraverso il ponte Edmund Pettus per commemorare il 50° anniversario della Bloody Sunday e le marce per i diritti civili da Selma a Montgomery, a Selma, in Alabama, il 7 marzo 2015. Foto per gentile concessione di The White House/Lawrence Jackson

Lewis morì all'età di 80 anni il 17 luglio.

Fu anche il più giovane oratore alla marcia su Washington nel 1963, parlando poco prima che il reverendo Martin Luther King Jr. pronunciasse il suo discorso "I Have a Dream". Lewis in seguito divenne un membro del Congresso degli Stati Uniti di lunga data in rappresentanza dello stato della Georgia.

Mentre affrontava una diagnosi di cancro al pancreas, Lewis ha esortato i partecipanti al Prima colazione nazionale di preghiera a febbraio per “essere una benedizione per i nostri simili”.

Lewis ha scritto in "March", una pluripremiata serie di graphic novel, di come predicava ai suoi polli da bambino nella fattoria di famiglia e in seguito ha tenuto il suo primo sermone pubblico all'età di 15 anni. Ha detto a RNS nel 2016 che non se ne pentiva allontanarsi dal ministero tradizionale.

“Io predico ogni giorno”, lui disse. “Ogni giorno predico un sermone, dicendo alle persone di alzarsi dal sedere e fare qualcosa”.

Il Rev. CT Vivian

Il ministro e difensore dei diritti civili era noto per aver affrontato uno sceriffo dell'Alabama mentre i residenti neri di Selma cercavano di registrarsi per votare.

Il Rev. CT Vivian a Washington il 23 agosto 2013. RNS foto di Adelle M. Banks

Vivian morì all'età di 95 anni il 17 luglio.

Il lavoro di giustizia sociale di Cordy Tindell "CT" Vivian iniziò nel 1947, quando protestò in modo non violento e con successo ai banchi del pranzo segregati a Peoria, nell'Illinois.

Due decenni dopo, era quasi faccia a faccia con lo sceriffo Jim Clark sui gradini di un tribunale di Selma.

"Puoi voltarmi le spalle ma non puoi voltare le spalle all'idea di giustizia", ​​ha detto Vivian a Clark pochi minuti prima che lo sceriffo prendesse a pugni il ministro in faccia. "Puoi voltare le spalle ora e puoi tenere il club in mano, ma non puoi abbattere la giustizia".

Vivian ha fatto parte dello staff esecutivo del Rev. Martin Luther King Jr. alla Southern Christian Leadership Conference di Atlanta ed è stata l'editore di un editore di una scuola domenicale battista. Nel 2013 è stato insignito da Obama della Presidential Medal of Freedom.

Suor Ardeth Platte

La suora dell'ordine domenicano era una sostenitrice del disarmo nucleare che in seguito è stata l'ispirazione per un personaggio della serie "Orange Is the New Black" su Netflix.

La sorella Ardeth Platte viene mostrata fuori dal Danbury Federal Correctional Institute di Danbury, nel Connecticut, dopo essere stata rilasciata dalla prigione il 22 dicembre 2005. (AP Photo/Douglas Healey)

Piastra morì all'età di 84 anni il 30 settembre.

Ha lavorato con suor Carol Gilbert, la sua frequente collaboratrice e migliore amica, e ha scontato una pena in prigione per la sua disobbedienza civile non violenta mentre si opponeva alla guerra e alle armi nucleari. Recentemente avevano lavorato per ottenere sostegno per il Trattato sulla proibizione delle armi nucleari.

In Michigan, Platte ha lavorato come insegnante e coordinatrice della Saginaw's Home for Peace and Justice. La sua storia è diventata l'argomento di un documentario su di lei e altre suore e il catalizzatore per il personaggio di "Orange Is the New Black". Aveva praticato yoga con il compagno di prigionia Piper Kerman, autrice del libro su cui si basava la serie, quando entrambi prestavano servizio in una prigione del Connecticut.

Nel 2017, Platte si è descritta al Denver Post come una persona dedita alla pace.

"Mi rifiuto di avere un nemico", ha detto. "Semplicemente non lo farò."

James Randi

L'ex mago e autore era noto per le sue indagini e smentite sui guaritori della fede.

James Randi nel 2014. Foto per gentile concessione di Creative Commons

Randi è morto all'età di 92 anni il 20 ottobre.

Il New York Times segnalati che lo scettico, noto come "l'incredibile Randi", è passato dal cercare di battere i record dell'illusionista Houdini all'esporre falsità. Ha notato che era curioso sin dalla tenera età da ragazzo che frequentava la scuola domenicale.

“Hanno iniziato a leggermi dalla Bibbia”, ha detto il giornale di aver ricordato nel 2016. “E l'ho interrotto e ho detto: 'Scusa, come fai a sapere che è vero? Suona strano.'”

Nel 1976, insieme a scienziati come Carl Sagan e Isaac Asimov, Randi fondò il Committee for Scientific Investigation of Claims of the Paranormal, ora noto come Center for Inquiry. L'uomo con la barba bianca e gli occhiali è apparso in programmi TV e ha parlato a raduni atei, incluso il 2016 Raduno della ragione a Washington, DC Il vincitore del MacArthur Grant è stato premiato da numerose organizzazioni scientifiche, atee e di maghi.

"Per il movimento scettico, era un eroe", ha detto il presidente del Center for Inquiry Robyn Blumner al momento della morte di Randi. “Per noi era una famiglia”.

Vescovo Rance Allen

Il cantante gospel noto per la canzone "Something About the Name Jesus" ha creato il Rance Allen Group nel 1969 con due dei suoi fratelli.

Il vescovo Rance Allen si esibisce nel 2014. Screengrab video tramite Warner Music Group

Allen morì all'età di 71 anni il 31 ottobre.

Era il cantante principale del gruppo noto per aver incorporato R&B, soul e rock con la tradizionale musica gospel nera. Il cinque volte candidato ai Grammy si è unito al suo gruppo in un'esibizione del 2015 per Obama in un evento che celebra la storia della musica gospel.

Pastore dell'Ohio diventato vescovo della Chiesa di Dio in Cristo nel 2011, Allen ha eseguito "Blessing Me Again" con il rapper Snoop Dogg alla Celebrazione Gospel del Super Bowl del 2018.

All'inizio del 2020, una stazione radiofonica di Toledo ha onorato Allen durante il Black History Month.

“Canto da oltre 60 anni e per quanto mi riguarda è stato tutto un ministero”, ha detto detto la stazione.

Rabbi Jonathan Sacks

L'ex rabbino capo del Regno Unito era un rabbino ortodosso moderno che ha promosso la comprensione interreligiosa.

Il rabbino Jonathan Sacks tiene una conferenza stampa in Vaticano il 17 novembre 2014. (AP Photo/Andrew Medichini)

sacchi morì all'età di 72 anni il 7 novembre.

I suoi sforzi per educare fedi diverse l'una sull'altra non furono privi di controversie.

"Nessuno credo ha il monopolio della verità spirituale", ha scritto nel suo libro del 2002, "La dignità della differenza". Dopo le lamentele di alcuni gruppi ortodossi, nelle edizioni successive usò un linguaggio attenuato.

L'ex leader della famosa sinagoga occidentale Marble Arch nel centro di Londra, Sacks ha continuato a ricoprire il ruolo di rabbino capo delle congregazioni ebraiche unite del Commonwealth dal 1991 al 2013.

Il principe Carlo è stato tra i leader internazionali che hanno reagito alla morte di Sacks:
"Con la sua morte, la comunità ebraica, la nostra nazione e il mondo intero hanno perso un leader la cui saggezza, cultura e umanità non avevano eguali".

Il vescovo Harry Jackson Jr.

Il pastore conservatore e consigliere evangelico del presidente Donald Trump era noto per i suoi sforzi per promuovere riconciliazione razziale.

Il vescovo Harry Jackson del Maryland parla alla presentazione della "Dichiarazione di giustizia", ​​una dichiarazione dei leader cristiani sulla giustizia penale, a Washington, DC, il 20 giugno 2017. RNS foto di Adelle M. Banks

Jackson morì all'età di 66 anni il 9 novembre.

Dieci anni dopo una diagnosi di cancro esofageo del 2005, ha detto a "The 700 Club" che a un certo punto era "a 24 ore dalla morte", ma credeva che Dio avesse ancora del lavoro da fare per lui.

Autore e coautore di diversi libri, il pastore nero nella tradizione carismatica è stato schietto nella sua opposizione al matrimonio tra persone dello stesso sesso e all'aborto. Ma Jackson sostenuto riforma carceraria e sviluppo economico nel suo "Contratto nero con l'America" ​​del 2005.

Era tra le dozzine di leader evangelici che hanno esortato l'amministrazione Trump a rivolgersi riforma della giustizia penale in alternativa al linguaggio "duro al crimine". In una riunione dello Studio Ovale del 10 aprile il Venerdì Santo, Trump ha invitato Jackson a dichiarare una benedizione mentre il clero si è unito a un evento due giorni prima di Pasqua.

"Quello che credo è che l'intero paradigma di destra e di sinistra che la politica ha scelto di creare per se stessa sia fondamentalmente errato perché la Bibbia ha sia ciò che chiamiamo problemi di destra che di sinistra", Jackson detto RNS nel 2005.

- Annuncio pubblicitario -
- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti