9.7 C
Bruxelles
Domenica, Settembre 25, 2022

Lancio del portale informativo sul COVID-19 per i professionisti dei media in Kenya

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

Più da parte dell'autore

Le discussioni tematiche della Commissione sugli stupefacenti 2022 si concentrano sulle questioni trasversali della politica in materia di droga e dei diritti umani

La Commissione sugli stupefacenti si concentra su questioni di politica in materia di droga e diritti umani

0
Le discussioni tematiche della Commissione sugli stupefacenti 2022 si concentrano sulle questioni trasversali della politica in materia di droga e dei diritti umani

COVID-19 Information Portal launched for Media Professionals in KenyaScarica il logo
Dallo scoppio della pandemia di COVID-19, la disinformazione/disinformazione, le informazioni false, i miti e l'incitamento all'odio sono in aumento, diffondendosi anche più velocemente del virus stesso su varie piattaforme. Per affrontare questa minaccia emergente, l'UNESCO ha collaborato con il Media Council of Kenya, per sviluppare un portale nazionale di informazioni COVID-19 per i professionisti dei media.

Lanciata il 4 ottobre 2021, questa iniziativa rientra nel progetto finanziato dall'UNESCO-Unione Europea Progetto #CoronavirusFacts per affrontare la 'disinfodemia' sul COVID-19 è progettato per fungere da sportello unico per i professionisti dei media e il pubblico per accedere tempestivamente a informazioni fattuali, credibili e autentiche sulla pandemia e su altre questioni correlate.

Lo sviluppo di questa piattaforma è un passo importante guidato dal Media Council of Kenya per promuovere l'accesso all'informazione come bene pubblico, una mossa vitale durante questo periodo di pandemia, poiché incoraggia e promuove il giornalismo responsabile e professionale, facilitando l'accesso e la condivisione di informazioni affidabili e contrasto alla disinformazione/disinformazione sulla base di pubblicazioni, materiali e rapporti governativi e statistiche sulla pandemia in Kenya.

Nel dare il suo intervento di apertura, l'on. Mutahi Kagwe, Segretario di Gabinetto per la Salute del Kenya, ha ricordato la disinformazione sulla pandemia di COVID-19 e la falsa informazione che i vaccini non funzionano: “Il lancio del portale di informazioni COVID-19 per i professionisti dei media è un'iniziativa tempestiva. Garantirà la fornitura di informazioni tempestive, fattuali e accurate al pubblico e amplierà la portata e la qualità della copertura sulla pandemia”.

Ha ulteriormente lodato UNESCO per il suo continuo sostegno al settore dei media, ricordando che questa pandemia richiede una comunicazione pubblica ben coordinata con informazioni fattuali, autentiche e credibili che ispireranno e instilleranno disciplina per affrontarla e contrastarla nelle nostre comunità locali.

On. Joe Mucheru, segretario di gabinetto del Kenya per le TIC, l'innovazione e gli affari giovanili, ha applaudito lo sviluppo e il lancio di un portale di informazioni COVID-19 per i professionisti dei media come tempestivo per affrontare le numerose sfide che sono arrivate con la pandemia di COVID-19. “Lo sviluppo di questo portale di informazioni è un passo per consentire la fornitura di informazioni credibili sulla pandemia in Kenya. Informazioni false hanno portato alla perdita di vite umane e alla distruzione dei mezzi di sussistenza. Ha anche causato esitazione sul vaccino”. Ha fatto eco.

Ha inoltre affermato che il ruolo dei media come cane da guardia della società e fonte di informazioni fattuali, verificabili e autentiche è fondamentale in questo momento. Pertanto, i resoconti dei media e la copertura della pandemia hanno creato consapevolezza con conseguente cambiamento comportamentale positivo e successiva riduzione dei tassi di infezione nel paese.

David Omwoyo, amministratore delegato del Media Council of Kenya, ha ringraziato l'UNESCO per il suo continuo sostegno al Media Council of Kenya e ha celebrato la piattaforma come strumento per lo sviluppo delle capacità e il networking: "Questo portale informativo che stiamo lanciando oggi servirà da strumento fondamentale e una strada per costruire capacità dei professionisti dei media e offrirà anche opportunità di networking tra giornalisti e stakeholder chiave nel settore sanitario”.

Il Prof. Hubert Gijzen, Direttore Regionale dell'UNESCO per l'Africa Orientale, ha ribadito l'impegno dell'UNESCO a promuovere l'accesso all'informazione come diritto umano fondamentale e a continuare a sostenere il settore dei media e le organizzazioni della società civile nella lotta alla disinformazione/disinformazione sulla pandemia di COVID-19 in Kenya. “L'accesso alle informazioni da solo non è sufficiente. Oltre al semplice accesso alle informazioni, abbiamo bisogno di informazioni verificate, pertinenti e affidabili, ma anche disponibili in lingue e formati comprensibili alle persone. Ecco perché siamo particolarmente entusiasti di questo hub di informazioni online COVID-19, che fornirà anche informazioni localizzate a diversi segmenti di pubblico in inglese e in kiswahili. Speriamo che questo venga esteso ad altre lingue locali parlate in Kenya, incluso il braille e la lingua dei segni – ricorda, abbiamo promesso di non lasciare indietro nessuno”. Egli ha detto.

Ha ulteriormente amplificato il ruolo di advocacy dell'UNESCO, insieme ai suoi partner, per promuovere l'accesso all'informazione come bene pubblico, essenziale per progredire meglio. Al riguardo, ha condiviso una citazione dal Messaggio del Direttore Generale dell'UNESCO, Audrey Azoulay, in occasione della Giornata Internazionale dell'Accesso Universale all'Informazione (28 settembre).

“In UNESCO crediamo fermamente che l'accesso all'informazione debba essere riconosciuto come un pilastro dello sviluppo sostenibile, e come un prerequisito per la promozione e la protezione di tutti diritti umani,” Sig.ra Audrey Azoulay, Direttore Generale dell'UNESCO.

Sul progetto #CoronavirusFacts: 

Basandosi sul principio centrale che l'informazione è l'opposto della disinformazione, il progetto dell'UNESCO #CoronavirusFacts sfrutta il ruolo fondamentale della libertà di espressione e di accesso alle informazioni per soddisfare le esigenze di informazione in tempi di COVID-19 e per affrontare la massiccia ondata di disinformazione che minaccia democrazia, sviluppo sostenibile e stabilità nel mondo. Finanziato dall'Unione Europea, il progetto sostiene la capacità di media professionali, diversificati e indipendenti di riferire sulla pandemia; rafforza le organizzazioni locali di verifica dei fatti per sfatare la disinformazione; e consente ai giovani e agli altri cittadini di elaborare in modo critico ciò che leggono e ascoltano in relazione al COVID-19 attraverso la formazione in Media e alfabetizzazione informatica. 

Distribuito dal Gruppo APO per conto dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura (UNESCO). article.gif?aid=553567768§ion=www - Lanciato il portale informativo COVID-19 per i professionisti dei media in Kenya

- Annuncio pubblicitario -
- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti