18.2 C
Bruxelles
Sabato, Ottobre 1, 2022

La crisi economica dello Sri Lanka spinge il sistema sanitario sull'orlo del collasso

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Più da parte dell'autore

È tempo di affrontare i problemi di salute mentale sul posto di lavoro, esortano le agenzie delle Nazioni Unite

È tempo di affrontare i problemi di salute mentale sul posto di lavoro, esortano le agenzie delle Nazioni Unite

0

Con una stima di 12 miliardi di giornate lavorative perse ogni anno a causa di depressione e ansia, che costano all'economia globale quasi 1 trilione di dollari, sono necessarie più azioni per affrontare i problemi di salute mentale sul lavoro, hanno affermato l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e l'Organizzazione internazionale del lavoro (ILO). di mercoledì. 

Inquinamento e cambiamento climatico aumentano il rischio di "pena climatica"

Inquinamento e cambiamento climatico aumentano il rischio di "pena climatica"

0
Un aumento della frequenza, dell'intensità e della durata delle ondate di calore non solo aumenterà gli incendi in questo secolo, ma peggiorerà anche la qualità dell'aria, danneggiando la salute umana e gli ecosistemi, secondo un nuovo rapporto dell'Organizzazione meteorologica mondiale (OMM) lanciato mercoledì, la Giornata internazionale di aria pulita per cieli blu.
L'inizio dell'inverno settentrionale potrebbe vedere un picco di ricoveri e decessi per COVID-19

L'inizio dell'inverno settentrionale potrebbe vedere un picco di ricoveri e decessi per COVID-19

0
Sebbene i decessi per COVID-19 siano diminuiti in tutto il mondo, i numeri potrebbero aumentare quando i paesi del nord si dirigono verso l'inverno, hanno avvertito alti funzionari dell'agenzia sanitaria delle Nazioni Unite, l'OMS. 
Pakistan: l'OMS avverte di rischi significativi per la salute mentre continuano le inondazioni

Pakistan: l'OMS avverte di rischi significativi per la salute mentre continuano le inondazioni

0
In Pakistan si stanno manifestando gravi rischi per la salute mentre continuano le inondazioni senza precedenti, ha riferito mercoledì l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), avvertendo della minaccia di un'ulteriore diffusione di malaria, febbre dengue e altre malattie trasmesse dall'acqua e da vettori.
Lo Sri Lanka è nel mezzo della peggiore crisi socioeconomica della sua storia e il sistema sanitario, un tempo robusto, è prossimo al collasso, con i pazienti a rischio di mancanza di energia elettrica, mancanza di medicinali e carenza di attrezzature.
Quando Ruchika ha scoperto di essere incinta del suo secondo figlio, nell'ottobre 2021, non poteva immaginare che si sarebbe trovata, ore prima della consegna del bambino, in una fila affollata di distribuzione, a chiedere carburante per arrivare in ospedale.

"La maggior parte della folla era comprensiva", ha ricordato Ruchika. "Le autorità mi hanno permesso di acquistare il carburante di cui avevo bisogno dopo aver esaminato i miei documenti medici per confermare la mia storia, ma c'erano ancora alcuni che ci urlavano contro".

Le donne incinte in Sri Lanka si trovano in un mondo inimmaginabile solo pochi mesi fa. La crisi sta minando gravemente i servizi di salute sessuale e riproduttiva, compresi l'assistenza sanitaria materna e l'accesso alla contraccezione, e anche i servizi per prevenire e rispondere alla violenza di genere sono stati compromessi.

Ai pazienti è stato chiesto di fornire attrezzature mediche

Ruchika è arrivata in ospedale il giorno dopo la sua straziante attesa per il carburante, giusto in tempo per far nascere il suo bambino. Ma il carburante non era la sua unica preoccupazione.

Due mesi prima della data del parto, Ruchika ha sentito che alle donne era stato chiesto di fornire guanti, lame e altri materiali di base necessari per un parto sicuro quando hanno visitato l'ospedale statale per il parto. "L'ospedale era esaurito e non aveva modo di ricostituire le scorte", ha ricordato Ruchika.

Era terrorizzata. “Ho chiamato subito il mio medico e gli ho chiesto la disponibilità dei materiali e se avevo bisogno anche di fare i preparativi. "Abbiamo il materiale per ora", è quello che mi ha detto", ha detto. “Ma non poteva darmi alcuna assicurazione su quale sarebbe stata la situazione tra due mesi per la mia consegna. Ero preoccupato per quanto sarebbero peggiorate le cose, quindi ho chiesto due volte al mio medico se il mio bambino poteva essere partorito in sicurezza anche se fosse stato due mesi in anticipo”.

Il medico ha rifiutato, adducendo rischi per la salute del bambino. "Mi ha assicurato che finché fossi arrivato in ospedale in tempo si sarebbe assicurato che fossimo entrambi sani, ma anche quella è stata una tale lotta".

Ha finito per preoccuparsi non solo del proprio accesso al carburante, ma anche di quello del personale ospedaliero. "La settimana prima del mio parto, mio ​​marito ha chiesto informazioni sullo stato del carburante del mio medico perché avevamo sentito tante storie di medici e infermieri che non potevano presentarsi al lavoro a causa della crisi del carburante", ha detto.

Banca Mondiale/Domenico Sansoni (file)

Furgone mobile per l'educazione sanitaria nelle zone rurali dello Sri Lanka

Appello per i fondi

La famiglia di Ruchika continua a lottare. Quando sua figlia di quattro anni e mezzo si è ammalata, sono dovute andare in sei farmacie per trovare il nebulizzatore di cui aveva bisogno. E settimane dopo il parto, Ruchika è ben oltre la data in cui avrebbe dovuto rimuovere i punti di sutura. Sta aspettando che il suo medico le faccia sapere quando può entrare. In questo momento, il medico è tenuto a risparmiare il carburante limitato che ha per viaggiare solo quando uno degli altri suoi pazienti inizia il travaglio attivo. 

"L'attuale crisi economica ha conseguenze di vasta portata per la salute, i diritti e la dignità di donne e ragazze", ha affermato la dott.ssa Natalia Kanem, direttore esecutivo dell'Agenzia delle Nazioni Unite per la salute sessuale e riproduttiva, UNFPA. "In questo momento, la nostra priorità è rispondere ai loro bisogni unici e salvaguardare il loro accesso a servizi e supporto sanitari salvavita".

Si stima che circa 215,000 donne dello Sri Lanka siano attualmente incinte, secondo i dati del Ministero della Salute dello Sri Lanka, comprese 11,000 ragazze adolescenti e circa 145,000 donne partoriranno nei prossimi sei mesi.

L'UNFPA chiede 10.7 milioni di dollari per soddisfare urgentemente i bisogni di salute sessuale e riproduttiva e di protezione delle donne e delle ragazze in Sri Lanka. Questo finanziamento andrebbe a medicinali, attrezzature e forniture salvavita, comprese forniture per la gestione clinica degli stupri e servizi per i sopravvissuti alla violenza domestica.

Fornirebbe inoltre 10,000 kit per il parto, la maternità e la dignità e fornirebbe a più di 37,000 donne assistenza in denaro per i servizi di salute riproduttiva, amplierebbe i servizi per i sopravvissuti alla violenza e sosterrebbe 1,250 ostetriche.

Tuttavia, con le sfide delle infrastrutture e dei trasporti, il parto potrebbe rimanere una prospettiva pericolosa per la vita di coloro che non possono accedere a cure mediche qualificate.
 

- Annuncio pubblicitario -
- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti