5.6 C
Bruxelles
Domenica, Febbraio 25, 2024
EuropaConsiglio e Parlamento raggiungono un accordo sulla proposta di revisione della prestazione energetica...

Consiglio e Parlamento raggiungono un accordo sulla proposta di revisione della direttiva sulla prestazione energetica nell'edilizia

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

istituzioni ufficiali
istituzioni ufficiali
Notizie per lo più provenienti da istituzioni ufficiali (istituzioni ufficiali)

Il Consiglio e il Parlamento hanno raggiunto oggi un accordo politico provvisorio su una proposta di revisione della direttiva sul rendimento energetico nell'edilizia.

La direttiva rivista stabilisce nuovi e più ambiziosi requisiti di prestazione energetica per gli edifici nuovi e ristrutturati nell’UE e incoraggia gli Stati membri a rinnovare il proprio patrimonio edilizio.

Gli edifici sono responsabili di oltre un terzo delle emissioni di gas serra nell’UE. Grazie a questo accordo saremo in grado di migliorare la prestazione energetica degli edifici, ridurre le emissioni e contrastare la povertà energetica. Questo è un ulteriore grande passo avanti verso l'obiettivo dell'UE di raggiungere la neutralità climatica entro il 2050. Oggi è un buon giorno per i cittadini, la nostra economia e il nostro pianeta.Teresa Ribera, terza vicepresidente spagnola del governo e ministra per la transizione ecologica e la sfida demografica

Teresa Ribera, terza vicepresidente del governo spagnolo e
ministro per la transizione ecologica e la sfida demografica

Gli obiettivi principali della revisione sono che entro il 2030 tutti i nuovi edifici siano edifici a emissioni zero e che entro il 2050 il patrimonio edilizio esistente venga trasformato in edifici a emissioni zero.

Energia solare negli edifici

I due colegislatori hanno concordato l'articolo 9 bis sull'energia solare negli edifici che garantirà l'installazione di idonei impianti di energia solare nei nuovi edifici, negli edifici pubblici e in quelli esistenti non residenziali che subiscono un'azione di ristrutturazione che richiede un'autorizzazione.  

Standard minimi di prestazione energetica (MEPS)

Se vuoi standard minimi di prestazione energetica (MEPS) per quanto riguarda gli edifici non residenziali, i colegislatori hanno convenuto che nel 2030 tutti gli edifici non residenziali avranno i risultati peggiori superiori al 16% ed entro il 2033 superiori al 26%.

Per quanto riguarda la obiettivo di ristrutturazione degli edifici residenziali, gli Stati membri garantiranno che il parco edilizio residenziale riduca il consumo medio di energia del 16% nel 2030 e di un intervallo compreso tra il 20 e il 22% nel 2035. Il 55% della riduzione energetica dovrà essere ottenuta attraverso la ristrutturazione degli edifici con le prestazioni peggiori.

Eliminazione graduale dei combustibili fossili negli edifici

Infine, in relazione al piano di eliminare gradualmente le caldaie a combustibili fossili, entrambe le istituzioni hanno convenuto di includere nei Piani nazionali di ristrutturazione degli edifici una tabella di marcia con l'obiettivo di eliminare gradualmente le caldaie a combustibili fossili entro il 2040.

Prossimi passi

L'accordo provvisorio raggiunto oggi con l' europeo Il Parlamento ora deve essere approvato e adottato formalmente da entrambe le istituzioni.

sfondo

Il 15 dicembre 2021 la Commissione ha presentato al Parlamento europeo e al Consiglio una proposta di rifusione della direttiva sulla prestazione energetica nell'edilizia. La direttiva fa parte del "Misura per 55' pacchetto, fissando la visione per raggiungere un parco immobiliare a emissioni zero entro il 2050.

La proposta è particolarmente importante perché gli edifici rappresentano il 40% dell’energia consumata e il 36% delle emissioni dirette e indirette di gas serra legate all’energia nell’UE. Costituisce inoltre una delle leve necessarie per realizzare la Renovation Wave Strategy, pubblicata nell'ottobre 2020, con specifiche misure normative, finanziarie e abilitanti, con l'obiettivo di almeno raddoppiare il tasso annuo di rinnovamento energetico degli edifici entro il 2030 e favorire ristrutturazioni profonde .

L’attuale EPBD, rivista l’ultima volta nel 2018, stabilisce i requisiti minimi per la prestazione energetica dei nuovi edifici e degli edifici esistenti in fase di ristrutturazione. Stabilisce una metodologia per il calcolo della prestazione energetica integrata degli edifici e introduce una certificazione di prestazione energetica degli edifici.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -