6 C
Bruxelles
Giovedi, dicembre 1, 2022

La visita di Erdogan a un tempio alevita fece arrabbiare la numerosa comunità sunnita

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

Più da parte dell'autore

L'incontro regionale sostenuto dall'UNODC adotta misure per affrontare i problemi della droga nel Vicino e Medio Oriente

Misure per affrontare i problemi di droga nel Vicino e Medio Oriente

0
L'incontro regionale sostenuto dall'UNODC adotta misure per affrontare i problemi della droga nel Vicino e Medio Oriente

Il conflitto ha scosso la comunità alevita, la seconda comunità religiosa più grande della Turchia dopo i sunniti, anche se non ufficialmente riconosciuta. L'occasione è stata una visita del presidente turco Recep Tayyip Erdoğan al tempio Alevi (jemevi) “Hussein Gazi” nel distretto Mamak di Ankara, che è sotto la gestione della “Hussein Gazi Art and Culture Foundation” con il presidente Huseyn Yoz, chiamato “dede” (secondo la terminologia alevita – leader).

Da molti anni questa è la prima visita del presidente turco a un tempio alevita. Erdogan ha programmato la sua visita in concomitanza con la festa di Muharrem Aya (mese di Muharram, il primo mese del calendario islamico), che include anche un digiuno di 10 giorni (oruch), interrotto dalla tradizione musulmana con una cena iftar.

Con ogni probabilità la visita non avrebbe trasgredito i limiti del rispetto per la festa e della tolleranza, come probabilmente era inteso, se non fosse successo qualcosa che al grande pubblico potesse sembrare strano e poco importante. Si è scoperto che a causa della visita di Erdoğan, il ritratto del profeta Hazrat Ali (Santo Ali), nipote e genero del profeta sunnita Maometto (l'affetto per il profeta Ali è stato elevato a culto presso gli aleviti) e Hünkyar Hadji Bektash-i Veli, considerato un leader religioso, e anche il fondatore della Repubblica di Turchia, Mustafa Kemal Atatürk.

La Federazione Alevi (AVF), che unisce le associazioni della comunità, ha accusato i padroni di casa della Hussein Ghazi Art and Culture Foundation di aver provocato una spaccatura e un confronto tra gli aleviti a favore del Partito Giustizia e Sviluppo (AKP) al governo e del presidente. Secondo il presidente dell'AVF Haydar Baki Dogan, la Fondazione per l'arte e la cultura Hussein Ghazi fa parte della Federazione. Ma le informazioni su una visita così importante come quella del presidente Erdoğan non sono state condivise con la sua leadership.

In un'intervista con T24, ha detto quanto segue:

“La fondazione, a nostra insaputa, ha presentato alla presidenza un elenco di sette persone che hanno ospitato l'evento. Ma non è la cosa principale. Ancora più importante, i ritratti di Hazrat Ali, Hunkar Haji Bektash-i Veli e Atatürk sono un inventario permanente di ogni jamevi, senza il quale non è possibile che sia un tempio per rituali e visite. E la loro rimozione è un profondo insulto e una mancanza di rispetto per i sentimenti primordiali degli aleviti. Inoltre, nel nostro tempio non è accettato di rompere l'oruch (digiuno) nella sala centrale, come facevano durante la visita di Erdoğan. Questo viene fatto in un'altra stanza (la sala da pranzo). Tutto ciò lede i sentimenti religiosi dei nostri membri e la consideriamo una profonda provocazione volta a confrontarsi e dividere la comunità attraverso la Fondazione. Ecco perché abbiamo avviato una procedura per escluderla dalla Federazione”.

Anche dall'Associazione degli Aleviti Democratici e dall'Associazione culturale Pir Sultan Abdal si sono lanciati contro la visita, accusando l'AKP al potere e il presidente di ipocrisia e doppio standard.

“Dzemevi è un luogo di culto, un luogo sacro, non un luogo dove ricevere ospiti ufficiali. Ci sono uffici per quello. È quando chiediamo un incontro con il presidente o qualche persona responsabile, loro programmano un incontro per noi nelle loro moschee. Non è stato il presidente Erdoğan a chiamare i james “case del divertimento”. Che cosa è cambiato che ora sia entrato in una casa del genere? ha affermato Ismail Atesh, segretario della Fondazione Pir Sultan Abdal.

Il capo della Fondazione Hussein Gazi, Dede Hussein Yoz, che ha ospitato la visita di Erdogan, ha confermato che la visita aveva causato un profondo conflitto, che a suo dire non era giustificato.

Hussein Yoz ha detto al quotidiano filogovernativo Hurriyet che la visita è stata un segno di rispetto.

“Il Presidente era accompagnato dal Vice Presidente Fuat Oktay, dal Ministro dell'Interno Suleyman Soylu, dal Ministro della Cultura e del Turismo Mehmet Nuri Ersoy e dal Portavoce della Presidenza Ibrahim Kalan, che sono venuti a trovarci per rispetto. Credo che la visita sia molto importante per la comunità alevita. Nelle leggi del nostro Paese, i templi Jamevi non compaiono come luoghi di culto religioso, nonostante la decisione della Corte europea dei diritti dell'uomo, che non è stata attuata dai governanti statali. Forse questa visita sarà un'occasione per realizzarlo finalmente”.

Un altro scandalo si è svolto sullo sfondo degli attacchi a tre templi aleviti ad Ankara due settimane fa. La polizia ha arrestato un uomo di 30 anni di Smirne, che, secondo la sua stessa confessione, aveva compiuto gli attacchi da solo. Tuttavia, altre tre persone sono state successivamente detenute in relazione al caso.

La polizia ha stabilito che gli attacchi erano pianificati o ordinati. Si ritiene che alcune forze siano nel cuore dell'attacco.

Alcuni anni fa, elementi nazionalisti hanno attaccato il leader dell'opposizione Kemal Kulçdaloğlu, un rappresentante della comunità alevita, mentre incontrava gli elettori. Grazie alla sicurezza di Kulçdaroğlu, la vita del leader dell'opposizione è stata salvata.

Sono emerse anche informazioni secondo cui in diverse città della Turchia sono stati apposti vari segni sulle case degli aleviti.

Tra le date più tragiche nella storia moderna degli aleviti c'è l'incendio doloso nel 1993 di un hotel nella città di Sivas, in cui morirono 37 persone, esponenti di spicco dell'élite intellettuale degli aleviti. L'incendio doloso è stato compiuto da fanatici islamisti sunniti dopo aver pregato nella moschea.

Secondo vari dati, gli aleviti in Turchia sono circa 12-15 milioni di persone, che rappresentano il 15 per cento dei turchi. Allo stesso tempo, però, molti aleviti non osano farsi pubblicità per paura di essere molestati dalle autorità. La religione dominante in Turchia è quella dei sunniti, considerati gli unici “ortodossi”.

La comunità alevita in Turchia è considerata un pilastro della laicità dello Stato (per questo il ritratto di Atatürk è un attributo invariabile nelle jamves) e dell'uguaglianza tra fedi diverse. Sono tra i critici più seri del presidente Recep Tayyip Erdogan e del suo Partito per la giustizia e lo sviluppo islamico-conservatore.

Il leader della principale forza di opposizione - il Partito Repubblicano Popolare (NRP) - Kemal Kulçdaroğlu è il politico alevita più importante della Turchia. Tradizionalmente, gli aleviti costituiscono il nucleo dell'elettorato del NRP.

I media vicini all'opposizione collegano la visita di Erdogan alle elezioni presidenziali e parlamentari del prossimo anno. Definiscono la visita come una mossa tattica di Erdoğan, che si candiderà nuovamente alla presidenza, con l'obiettivo di attirare parte dei rappresentanti della comunità a votare per lui.

Il giornalista Ihsan Charalan del quotidiano di opposizione “Diken” ha scritto che “con questa visita, Erdogan mira a colpire tre piccioni con una fava: denunciare gli ultimi attacchi, rassicurare i suoi sostenitori, ovvero gli islamisti sunniti, di aver effettivamente visitato un centro culturale alevita fondazione e alla fine divise l'unità alevita".

E secondo il commentatore del quotidiano di opposizione Sozju Deniz Zeyrek, la visita di Erdoğan al tempio Alevi ad Ankara è sicuramente una mossa tattica pre-elettorale.

“Non so se gli aleviti apprezzeranno questa mossa del presidente come un gesto sincero per votarlo, scrive, ma è chiaro che Erdogan è consapevole che per vincere un nuovo mandato dovrà attrarre al suo fianco i sostenitori di Atatürk, che lo amano veramente, coloro che si dichiarano contro la corruzione, l'illegalità e vogliono una lotta attiva contro di loro, così come le voci degli aleviti. E allo stesso tempo è consapevole che non vincerà senza attirare dalla sua parte i voti dei curdi, se, ovviamente, riuscirà a vincere le resistenze del suo compagno, il nazionalista Devlet Bahceli”.

Foto di Sushil Nash on Unsplash

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti