15 C
Bruxelles
Venerdì, Settembre 23, 2022

Potere: influenza, deviazioni...

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

Più da parte dell'autore

Impatto sulle anime e sui cuori

Il Signore insegnò nella sinagoga di Cafarnao e tutti si meravigliarono del suo insegnamento, perché insegnava loro come autorità e non come scribi (Mt 7). Questo potere non è un tono imperativo, ma il potere di influenzare le anime e i cuori. La sua Parola è entrata dentro e ha soggiogato la coscienza umana, indicando che tutto è esattamente come Lui ha detto. Tale è sempre la parola intrisa di potenza divina, la parola dello Spirito. Questo fu il caso dei santi apostoli, e dopo di loro, di tutti i maestri influenti, che parlavano non per erudizione, ma per il modo in cui lo Spirito dava loro di annunziare. Questo è un dono di Dio, acquisito con le fatiche non solo per lo studio della verità, ma più per l'assimilazione vitale di essa da parte del cuore. Dove ciò accade, la parola penetra con persuasione, perché passa di cuore in cuore; da qui il potere della parola sulle anime. Agli scribi che parlano e scrivono per erudizione non è dato tale potere, perché parlano dalla testa e riversano nella testa il loro ragionamento. Non c'è vita nella testa, ma solo la sua punta. La vita è nel cuore e solo ciò che viene dal cuore può influenzare intere epoche della vita. San Vescovo Teofane il Recluso (29, 107-271), (272, 115).

Ebrei orgogliosi e arroganti, volendo interrompere la conversazione con i discepoli, si avvicinarono a Lui con la domanda: "Con quale autorità fai questo?" (Matteo 21:23). Poiché gli ebrei non potevano umiliare i suoi miracoli, lo incolpano per la sua azione con i mercanti nel tempio. Hanno rivolto all'evangelista Giovanni una domanda simile, anche se non con le stesse parole, ma con lo stesso significato: "Con quale segno ci dimostrerai che hai l'autorità per fare questo?" (Giovanni 2:18). E Cristo rispose loro: «Distruggete questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere» (Gv 2). E qui li mette in estrema difficoltà. Questo mostra che l'incidente descritto da Giovanni era all'inizio del ministero di Gesù, quando aveva appena iniziato a fare miracoli, e quello descritto da Matteo era alla fine del suo ministero. Il senso della domanda degli ebrei era questo: hai ricevuto una cattedra, sei stato ordinato sacerdote, per esercitare tale autorità? Benché Cristo non abbia fatto nulla che mostrasse orgoglio, ma solo stabilito un buon ordine nel tempio, tuttavia, non avendo nulla da dire contro Gesù, gli ebrei lo rimproverano per questo. Tuttavia, a causa dei miracoli, non osarono rimproverarlo proprio nel momento in cui scacciò i mercanti dal tempio, ma lo rimproverarono solo dopo averlo visto. Cos'è Cristo? Non risponde direttamente alla loro domanda, mostrando dal fatto che potrebbero conoscere la sua autorità se lo volessero, ma Egli stesso chiede loro: "Il battesimo di Giovanni fu dal cielo o dagli uomini?" (Luca 20:4). Ma come è rilevante, vi chiederete? Direttamente. Se avessero detto: "dal cielo", avrebbe risposto loro: "Perché non gli avete creduto?" (Luca 20:5). Perché se avessero creduto a Giovanni, non l'avrebbero chiesto, poiché Giovanni ha detto di Lui: Con Lui «non sono degno di slegare il cinturino dei miei calzari» (Lc 3). E ancora: «Ecco l'Agnello di Dio che toglie il peccato del mondo» (Gv 1). E ancora: «Chi viene dall'alto è anche al di sopra di tutti» (Gv 3). E ancora: «Ha in mano la sua pala e pulirà la sua aia» (Mt 3). E se i Giudei avessero creduto a Giovanni, non sarebbe stato difficile per loro capire con quale autorità Cristo fa questo. Poiché i Giudei gli risposero scaltramente: «Non lo sappiamo» (Lc. 20), Cristo non disse loro: “Neppure io lo so”. Ma cosa? “E non vi dirò con quale autorità faccio queste cose” (Lc 20). Se davvero non lo sapessero, sarebbe necessario insegnarglielo. Ma poiché hanno agito malvagiamente, e Cristo giustamente non ha risposto loro nulla. Perché i giudei non dicevano che il battesimo di Giovanni proveniva dal popolo? Avevano paura del popolo, si dice. Vedi il cuore corrotto? Dio è trascurato ovunque, ma tutto è fatto per le persone. Perché anche Giovanni era temuto per il popolo, rispettando il santo uomo, non per se stesso, ma per il popolo. Anche per la gente, non volevano credere in Gesù Cristo. Ecco dove la fonte di tutto il male per loro!

Il potere è una grande croce

Qualsiasi potere per un cristiano non è pace e onore, ma una grande croce, gravata di grandi e molte fatiche, preoccupazioni e pazienza costante, che nessuno desidera. Ognuno infatti deve prima rendersi degno di onore e attendere la chiamata di Dio, mediante la quale si compie l'elezione delle autorità superiori (104, 326-327).

Ragione e buona coscienza sono necessarie per un leader cristiano. Senza ragione, il capo, come un cieco, errà; senza una buona coscienza, rovinerà e non costruirà la società. L'onore cambia l'indole umana, ma raramente in meglio. Molti sarebbero santi se non fossero onorati. Pensaci, Cristiano, e non farti carico di un peso più grande della tua forza. San Tikhon di Zadonsk <104, 1200).

Forse qualcuno dirà che l'apostolo Paolo non ha bestemmiato coloro che volevano essere vescovi, perché dice: se uno desidera il vescovado, desidera una buona azione (1 Tm 3); quindi, il desiderio di episcopato non è un desiderio vergognoso.

Chi parla così, ascolti le ultime parole dell'apostolo: «Desidera una buona azione». I "fatti" vogliono, e non il potere, il lavoro, non l'onore, le preoccupazioni, non la saturazione. L'apostolo loda il desiderio, perché il grado di gerarca è stato stabilito dal Signore sulla terra non per la pace e il piacere, ma perché il santo porti sempre le più grandi fatiche, avendo cura della salvezza di tutti... da tutti venerato, ma per senza ipocrisia ed essere sempre immagine dell'umiltà di Cristo, per essere paladino della verità, senza esitazione, indipendentemente dalle persone, per essere sempre pronto a dare la vita per Cristo e per la Chiesa di Cristo. L'apostolo non bestemmiava coloro che desideravano l'episcopato proprio perché in quei tempi apostolici al martirio seguiva l'episcopato. E pochi degli apostoli e dei vescovi morirono di morte naturale. Ma molti morirono martiri. Perché gli empi aguzzini cercarono prima di tutto i vescovi e i maestri cristiani come capi. E perciò, se qualcuno desiderava l'episcopato, desiderava anche il martirio, desiderava disonore, sputi, mutilazioni e ferite, e non superba esaltazione e onori; perciò, in quei giorni, chi desiderava l'episcopato desiderava una buona azione. Ora, però, chi cerca il rango episcopale deve temere che, avendo preso su di sé la cura della salvezza degli altri, non possa distruggere la sua anima. San Demetrio di Rostov (103, 786-787).

Sete di potere

La brama di potere è un grande male nell'uomo e l'inizio di ogni male... Sappiamo che l'illegale Erode non aveva paura di uccidere così tante migliaia di bambini innocenti, solo per non perdere il suo potere regale. Oh, grande male: brama di potere! L'uomo vuole controllare gli altri, ma non può controllare se stesso. Fuggi da questo male per non distruggere te stesso e gli altri. Dobbiamo prima imparare a controllare noi stessi e poi prendere il potere sugli altri (104, 327).

Quando senti rabbia nel tuo cuore contro il subordinato, fai attenzione a punire con rabbia e con parole e azioni, ma aspetta che la rabbia sia domata. Poiché nella rabbia non potrai punire come un cristiano, ma farai molte cose oscene e indecenti, cristiano, che, sebbene poi ti pentirai, non restituirai più ciò che è stato fatto o detto. San Tikhon di Zadonsk (104, 1201).

Dopo la morte dell'igumeno-sacerdote, i fratelli del monastero vollero eleggere un anziano come egumeno, come uomo grande e caritatevole. L'anziano li pregò di rinunciare. “Lasciatemi, padri, a piangere i miei peccati. Non sono affatto il tipo che si prende cura delle anime degli altri. Questa è l'opera di grandi padri come Abba Antonio, Pacomio, San Teodoro e altri”. Tuttavia, non passò giorno senza che i fratelli lo esortassero ad accettare la badessa. Il vecchio continuava a rifiutare. Alla fine, vedendo che i fratelli lo interrogavano con insistenza, disse: “Lasciami pregare per tre giorni. E qualunque cosa piaccia a Dio, la farò”. Era venerdì allora, e domenica mattina presto l'anziano morì. Prato spirituale (75, 13).

Abba Orsisio disse: “Un mattone umido posato nelle fondamenta di una casa, non lontano dal fiume, non durerà nemmeno un giorno, ma un mattone bruciato giace come un sasso. Così anche una persona che nutre pensieri carnali e non è imbevuta, come Giuseppe, del fuoco del timore di Dio, è schiacciata dal potere non appena lo riceve. Perché ci sono molte tentazioni per queste persone se vivono in società. E perciò, conoscendo la povertà delle loro forze, è bene sottrarsi al giogo delle autorità. Tuttavia, coloro che sono saldi nella fede sono irremovibili. Se qualcuno iniziasse a parlare del santissimo Giuseppe (Gen. 39), direbbe che era una persona ultraterrena. Che tentazioni era!... Ma il Dio dei padri era sempre con lui e lo liberò da ogni sventura, e ora è nel regno dei cieli con i suoi padri. E così cominciamo l'impresa, avendo conosciuto in anticipo la misura della nostra forza: perché anche nello stesso tempo difficilmente possiamo sfuggire al giudizio di Dio. Leggende memorabili… (79, 182).

Foto di Julius Silver: https://www.pexels.com/photo/saint-basil-s-cathedral-753339/

- Annuncio pubblicitario -
- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti