6 C
Bruxelles
Lunedi, 30 ° gennaio, 2023

Leonid Sevastianov: Il Papa parla del Vangelo, non della politica

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Jan Leonid Bornstein
Jan Leonid Bornstein
Jan Leonid Bornstein è giornalista investigativo per The European Times

Il presidente dell'Unione mondiale dei vecchi credenti Leonid Sevastianov ha recentemente affermato che papa Francesco intende visitare Mosca e poi Kiev. Abbiamo invitato Leonid Sevastianov a commentare più in dettaglio sia questo caso che il suo rapporto con il Papa in generale. 

JLB: Le sue dichiarazioni sulla posizione di papa Francesco sulla guerra in Ucraina compaiono spesso sui media, e in effetti lei agisce come mediatore pubblico del papa. Impariamo di più sulla sua posizione e sui suoi piani da te che da lui. È autorizzato dal Santo Padre a fare tali commenti? 

LS: La mia famiglia conosce il Papa da 10 anni. La nostra conoscenza con lui è avvenuta nel contesto dell'organizzazione di un concerto per la pace in Siria in Vaticano nel 2013. Mia moglie Svetlana Kasyan, cantante lirico, ha partecipato al concerto con un programma solista. Io stesso ho affrontato questioni organizzative. Da allora, la pace, la pacificazione è esattamente ciò su cui si basa il nostro rapporto con il Papa. Inoltre, mia moglie ed io siamo stati attivamente coinvolti nel per la vita movimento. Nel 2015 abbiamo creato il Fondazione Salva la vita insieme, che opera a tutela della dignità e dei diritti dei nascituri. Per le sue attività, Svetlana è stata elevata da Papa Francesco al rango di Dama dell'Ordine di San Silvestro. Io e mia moglie apprezziamo molto il nostro rapporto con Papa Francesco e abbiamo persino dato il suo nome a nostro figlio appena nato. Quando è iniziata la guerra, il Papa mi ha dato l'obbedienza per lavorare alla causa della pace. Sono il suo ambasciatore di buona volontà per la promozione della pace. Sapete che il Papa è un gesuita. La spiritualità dei gesuiti sottolinea il ruolo dell'individuo, il piccolo uomo, la sua autonomia nel promuovere il Vangelo in tutto il mondo. Papa Francesco, credo, si fida di me, rendendosi conto che non ho scheletri nell'armadio, e la mia motivazione per lui è chiara ed evidente. Pope mi ha detto che era pronto a qualsiasi passo affinché regnasse la pace Europa. Per lui, un viaggio in Russia e Ucraina ha un grande simbolismo. È sicuro che questo viaggio aiuterà l'Ucraina e la Russia a concordare un mondo giusto per tutti. 

JLB: Durante le proteste in Bielorussia, hai inequivocabilmente sostenuto il popolo bielorusso nella lotta per la pace, la libertà e la giustizia. Da che parte sta la verità nella guerra della Russia in Ucraina adesso? Quanto ritiene giustificate le rivendicazioni territoriali della Russia in relazione all'Ucraina, anche in relazione alla penisola di Crimea?

LS: Qualche anno fa, avrei cercato di rispondere alla tua domanda nel modo in cui vorresti sentire la mia risposta. Ma il mio rapporto con papa Francesco mi ha aiutato a capire me stesso come cristiano, o, se vuoi, a capire il cristianesimo stesso. Vi rispondo con una domanda alla domanda: da che parte sta il Papa sulla questione della distruzione dello Stato Pontificio, sulla questione della conquista di Roma da parte di Garibaldi e Vittorio Emanuele? O da che parte stavano Gesù Cristo e l'apostolo Pietro nella questione della caduta di Gerusalemme nell'anno 70? Il mio punto è che il cristianesimo in quanto tale non risponde alle domande della geopolitica. Piuttosto, non è competenza del cristianesimo. Considerare il cristianesimo come patriottismo non fa parte del Vangelo. Non sto dicendo che una persona non dovrebbe essere un patriota, sto solo dicendo che il cristianesimo non può essere coinvolto nella questione del patriottismo e degli interessi nazionali. Il cristianesimo opera con questioni di eternità, anche quando la Terra stessa e il sistema solare non esisteranno. Per questo molti non capiscono il Papa, vogliono vederlo come un politico, come molti suoi contemporanei hanno visto in Cristo. Essendo deluso da Lui come politico, alcune persone Lo tradiscono, altri Lo negano, e altri ancora sono pronti a crocifiggerLo. Guardiamo al Papa come a un predicatore del Vangelo, non come a un politico. 

[Leonid Sevastianov ha già espresso la sua opinione personale sulla guerra, affermando che da un punto di vista cristiano, sostenerla è un'eresia. E il 30 agosto 2022, il Vaticano ha rilasciato una dichiarazione che conteneva: “Quanto alla grande guerra in Ucraina iniziata dalla Federazione Russa, gli interventi di papa Francesco sono chiari e inequivocabili nel condannarla come moralmente ingiusta, inaccettabile, barbara, insensata, ripugnante e sacrilega”.]

JLB: Fai regolarmente commenti a TASS, che all'estero è percepito come uno dei portavoce della propaganda del Cremlino. Perché collabori con questo particolare media?

LS: Ci sono solo 3 agenzie di stampa in Russia: TASS, RIA Novosti e Interfax. Nessun altro. Non posso essere responsabile per gli altri. Posso rispondere solo per me stesso. Solo perché nelle mie parole non c'è motivazione politica e propaganda politica.

JLB: Conosce il patriarca Kirill da molto tempo, da quando era metropolita di Smolensk. Qual è il tuo rapporto con lui adesso? Cosa si può dire della frase di papa Francesco secondo cui è il chierichetto di Putin? Quali sono ora i tuoi rapporti con il metropolita Hilarion e il nuovo capo del DECR Vladika Anthony (Sevryuk)? Ti tieni in contatto con loro?

LS: Conosco il patriarca Kirill dal 1995. Sono stato mandato dal metropolita Alimpiy Gusev, presidente della Chiesa ortodossa russa dei vecchi credenti, a studiare al Seminario teologico di Mosca tramite il metropolita Kirill. Contemporaneamente il Patriarca mi ha mandato a studiare a Roma presso l'Università Gregoriana, ci sono andato nel 1999 attraverso la comunità monastica di Bose, che si trova nel nord Italia. Ho studiato a Roma con i soldi di questa stessa comunità sotto la supervisione del suo capo Enzo Bianchi. Poi ho continuato i miei studi alla Georgetown University di Washington grazie a una borsa di studio dell'American Bradley Foundation. Ho lavorato alla Georgetown University come cappellano, così come alla Banca Mondiale. Quando sono tornato a Mosca nel 2004, non volevo lavorare per il Dipartimento degli Affari Esteri del Patriarcato di Mosca (DECR). Su questa base, abbiamo avuto un malinteso con il metropolita Kirill, che allora dirigeva questa struttura, che, si potrebbe dire, persiste ancora oggi (l'equivoco). Nel 2009, dopo l'elezione del metropolita Kirill a Patriarca e la nomina del metropolita Hilarion (Alfeev) a presidente del DECR, ho creato e guidato il Fondazione Gregorio il Teologo, che ha patrocinato le attività del DECR e la realizzazione e il restauro di edifici e locali, degli studi post-laurea e dottorati di tutta la Chiesa, nonché le sue attività quotidiane. A causa del fatto che non ho sostenuto la rottura della comunione con le chiese greche nel 2018 ed ero anche indignato per l'atteggiamento indegno del Patriarcato di Mosca nei confronti dei Vecchi Credenti, i finanziamenti sono stati bloccati da parte nostra e ho lasciato la fondazione. Nel 2018 si è svolto l'unico Congresso Mondiale dei Vecchi Credenti della storia, in cui ho presentato il concetto di Unione Mondiale. Questo concetto è stato approvato dal Congresso e nel 2019 ho creato l'organizzazione del Unione Mondiale dei Vecchi Credenti. Da allora, nell'ambito di questa organizzazione, mi sono impegnato nella protezione e nella promozione dei Vecchi Credenti del mondo. Sono anche molto coinvolto in Russia nella promozione della libertà religiosa per tutti a livello nazionale. Per quanto riguarda Vladyka Anthony (Sevryuk), il nuovo capo del DECR, lo conosco bene, da quando era ancora studente. Non posso dire niente di male su di lui. Lo conosco solo dal lato migliore. Non ha mai fatto niente di male a me oa nessuno che conosco.

JLB: Perché il Papa intende visitare prima Mosca e non Kiev? Hai provato a discutere con lui la possibilità di venire prima a Kiev e solo allora di trasmettere la posizione delle autorità ucraine al Cremlino e non viceversa?

LS: Penso che per il Papa l'ordine della visita non sia di fondamentale importanza: vuole solo collegare la visita alle due capitali nell'ambito di un unico viaggio. Cioè, andare in Ucraina e Russia, e se entra in Russia dal territorio dell'Ucraina o, al contrario, in Ucraina dal territorio della Russia, questo non è importante per lui. È importante che le due visite facciano parte di un viaggio comune per sottolineare il mantenimento della pace e la natura umanitaria del viaggio. Penso che i russi non si offenderanno se vola in Russia dall'Ucraina.

JLB: Quanto ascolta il Papa la tua opinione? Quanto è importante per lui? 

LS: Il Papa ascolta qualsiasi opinione. E per lui, più piccola è la persona, più importante è la sua opinione. L'ho visto per esperienza personale. La mia opinione per lui, ne sono assolutamente certo, non è più importante dell'opinione degli ucraini o di quei bielorussi con cui comunica. 

JLB: Il gregge ucraino reagisce molto dolorosamente alle parole e alle azioni del Papa, credendo di agire sulla scia della politica del Cremlino. Il papa vede una minaccia di perdere il gregge ucraino a causa del suo flirt con Mosca? 

LS: Riguardo al cosiddetto “flirtare” del Papa, vorrei ricordarvi ancora una volta che il Papa parla del Vangelo, non della politica. Ricordi come i discepoli andarono da Cristo e Gli dissero che molti si erano allontanati da Lui a causa delle Sue parole politicamente scorrette? Allora Cristo chiese loro: E voi, non volete lasciare anche me? E fu allora che Pietro rispose che non avevano dove andare, perché Lui è Cristo. Il Papa parla del Vangelo. Ed è per tutti, russi e ucraini. Cristo era appeso alla croce e alla sua destra e alla sua sinistra c'erano dei ladri. Ma uno di loro ha detto che voleva stare con Cristo, e l'altro ha detto di no. Ecco la storia del Papa. Il Papa non può essere paragonato a George Washington, ai fratelli Maccabei, al principe Vladimir, al Monomakh o al re Stanislao. Il Papa può essere paragonato solo a Cristo. E chiedersi se il suo comportamento corrisponde a Cristo o no, porre la domanda, cosa avrebbe fatto Cristo al suo posto. Non sono i sani che hanno bisogno di un medico, ma i malati. Tutto il Vangelo parla di questo!

JLB: È d'accordo con l'affermazione del Papa secondo cui la defunta Daria Dugina è una vittima innocente della guerra? Conoscevi Daria quando era parrocchiana di una delle chiese della Chiesa ortodossa russa? Com'è che è diventata una delle propagande della guerra?

LS: Sai, vorrei rispondere alle parole su Daria con il discorso del Padrino al becchino, venuto a chiedere al Padrino di uccidere i criminali che hanno violentato sua figlia. Il becchino disse che sarebbe stata fatta giustizia. Il Padrino chiese: è giusto uccidere chi non ha ucciso nessuno? Persino l'Antico Testamento aveva una regola del tit per tat. Daria non ha ucciso nessuno, non ha partecipato alla guerra in prima linea. Pertanto, la sua morte è ingiusta. In questo senso è una vittima innocente della guerra. Questo è quanto ha detto il Papa. Non conoscevo Daria. Prima della sua morte, pochissime persone la conoscevano affatto. Non ha avuto alcuna influenza significativa sull'ideologia in Russia.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti