6.6 C
Bruxelles
Mercoledì, novembre 30, 2022

Patriarcato di Alessandria: smettiamo di menzionare il Patriarca di Mosca

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

Più da parte dell'autore

Il 22 novembre si è riunito il Santo Sinodo del Patriarcato di Alessandria sotto la presidenza del Patriarca Teodoro II nel Monastero Patriarcale “S. George” al Cairo Vecchio e ha discusso i problemi della vita ecclesiale derivanti dall'ingresso non canonico del Patriarcato di Mosca nella giurisdizione della Chiesa alessandrina in Africa.

Il Patriarca ha richiamato l'attenzione sul simbolismo della convocazione di questa riunione del Santo Sinodo proprio in questo luogo sacro, dove sono sepolti molti dei suoi illustri predecessori che hanno difeso l'unità ei diritti della sede patriarcale di Alessandria.

Il Patriarca ha informato i vescovi su tutto ciò che è stato fatto quest'anno da gennaio a oggi in tutti gli ambiti del suo ministero pontificio.

Successivamente il Santo Sinodo ha approfondito e approfondito la questione dell'ingresso non canonico della Chiesa russa nella giurisdizione spirituale e pastorale del Patriarcato di Alessandria nel continente africano, attuato e coordinato dal Metropolita Leonid (Gorbaciov), chiamato “Esarca patriarcale per l'Africa” del Patriarca di Mosca.

Dopo la discussione, il Santo Sinodo ha proceduto alla deposizione dal rango episcopale dell'ex Metropolita di Klinsk Leonida a causa delle sue violazioni canoniche, tra cui: invasione della giurisdizione dell'antico Patriarcato di Alessandria, distribuzione di antiminsi, unguento sacro, corruzione di chierici locali, compresi quelli scomunicati, creazione di una divisione ecclesiale e fazioni, etnofilismo, ecc. Il Santo della Chiesa di Alessandria ha condannato anche le “nuove teorie ecclesiastiche e politiche” della pastorale del “mondo russo” in tutti i continenti sulla base della nazionalità.

Infine, dopo la prolungata ignoranza e silenzio da parte del Patriarca di Mosca Kirill delle proteste scritte inviategli dal Patriarca di Alessandria chiedendogli di ritirare i suoi corpi “esarchici” dall'Africa, il Santo Sinodo del Patriarcato di Alessandria ha deciso di non menzionare più il nome del Patriarca di Mosca nei suoi dittici liturgici per un tempo imprecisato.

Finora solo il Patriarcato di Mosca ha deciso unilateralmente di interrompere la menzione di tutti i prelati che hanno riconosciuto la Chiesa ortodossa autocefala in Ucraina, mentre queste chiese, da parte loro, hanno continuato a menzionare il Patriarca di Mosca durante i servizi divini come segno che non sono loro a violare l'unità eucaristica della Chiesa. Il Patriarcato di Alessandria è diventato la prima chiesa a fermare la menzione liturgica del Patriarca di Mosca.

- Annuncio pubblicitario -

Lascia un Commento

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti