8.2 C
Bruxelles
Sabato, Marzo 2, 2024
Scelta dell'editoreLibertà religiosa, c'è qualcosa di marcio nella mente della Francia

Libertà religiosa, c'è qualcosa di marcio nella mente della Francia

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Juan Sánchez Gil
Juan Sánchez Gil
Juan Sánchez Gil - at The European Times Notizie - Principalmente nelle retrovie. Reporting su questioni di etica aziendale, sociale e governativa in Europa e a livello internazionale, con particolare attenzione ai diritti fondamentali. Dare voce anche a chi non viene ascoltato dai media generalisti.

In Francia, il Senato sta lavorando a un disegno di legge per “rafforzare la lotta contro le devianze cultuali”, ma il suo contenuto sembra porre seri problemi agli esperti di libertà di religione o di credo e agli studiosi di religione.

Il 15 novembre il Consiglio dei ministri della Repubblica francese ha inviato un progetto di legge al Senato volto a “rafforzare la lotta alle devianze cultuali”. Il disegno di legge sarà discusso e votato al Senato francese il 19 dicembre e poi inviato all'Assemblea nazionale per la revisione prima del voto finale.

Naturalmente, la “lotta contro le devianze settarie” sembrerebbe molto legittima, se qualcuno potesse fornire una definizione legale e accurata di “devianza settaria” o addirittura di “setta”. Tuttavia, oltre al titolo del disegno di legge, è il suo contenuto che sembra essere altamente problematico agli occhi degli esperti e degli studiosi religiosi della libertà di religione o di credo.

Il suo articolo 1 mira a creare un nuovo reato definito come “mettere o mantenere una persona in uno stato di soggezione psicologica o fisica risultante dall'esercizio diretto di pressioni gravi o ripetute o di tecniche atte a alterarne la capacità di giudizio e aventi l'effetto di causare gravi pregiudizio alla sua salute fisica o psichica o che induca tale persona a un atto o ad un'astensione che le rechi grave pregiudizio”. Ancora una volta, leggendo rapidamente, chi sarebbe contrario a punire un comportamento così cattivo? Ma il diavolo è nei dettagli.

Il ritorno delle teorie del “controllo mentale”.

“Sottomissione psicologica” è sinonimo di ciò che di solito viene chiamato “manipolazione mentale”, “controllo mentale” o anche “lavaggio del cervello”. Ciò risulta evidente leggendo lo “studio d’impatto” del governo francese, che tenta con grande difficoltà di giustificare la necessità di una nuova legislazione. Questi concetti vaghi, quando applicati al diritto penale e ai movimenti religiosi, sono stati finalmente sfatati come pseudo-scientifici nella maggior parte dei paesi in cui erano stati utilizzati, ad eccezione di alcuni paesi totalitari come Russia e Cina. Negli Stati Uniti, il concetto di “controllo mentale” degli anni '1950, utilizzato dalla CIA per cercare di spiegare perché alcuni dei suoi soldati sviluppavano simpatia per i loro nemici comunisti, iniziò ad essere applicato da alcuni psichiatri ai nuovi movimenti religiosi negli anni '80. Fu creata una task force di psichiatri per lavorare sui "metodi ingannevoli e indiretti di persuasione e controllo" da parte delle religioni minoritarie e nel 1987 presentarono un "rapporto" all'American Psychological Association. La risposta ufficiale del comitato etico dell'American Psychological Association è stato devastante. Nel maggio 1987, respinsero il concetto di "persuasione coercitiva" dell'autore, dichiarando che "in generale, il rapporto manca del rigore scientifico e dell'approccio critico imparziale necessari per l'imprimatur dell'APA", e aggiungendo che gli autori del rapporto non dovrebbero mai pubblicizzare il loro rapporto. senza indicare che fosse “inaccettabile per il consiglio”.

image 2 Libertà religiosa, c'è qualcosa di marcio nella mente della Francia
La risposta dell'APA alle teorie sul controllo mentale

Subito dopo, l’American Psychological Association e l’American Sociological Association hanno presentato un amicus curiae alla Corte Suprema degli Stati Uniti in cui hanno sostenuto che la teoria del lavaggio del cervello settario non è generalmente accettata come dotata di valore scientifico. Questa tesi sostiene che la teoria del lavaggio del cervello settario non fornisce un metodo scientificamente accettabile per determinare quando l’influenza sociale prevale sul libero arbitrio e quando no. Di conseguenza, i tribunali statunitensi hanno ripetutamente ritenuto che il peso delle prove scientifiche abbia dimostrato che la teoria del lavaggio del cervello antisette non è accettata dalla comunità scientifica interessata.

Ma la Francia (o almeno i funzionari pubblici francesi che hanno redatto la legge, ma anche il governo che l’ha approvata) non si preoccupa veramente dell’accuratezza scientifica.

L’Italia e la legge “Plagio”.

Una legge simile a quella proposta dal disegno di legge francese esisteva effettivamente in Italia dal 1930 al 1981. Si trattava di una legge fascista chiamata “plagio” (che significa “controllo mentale”), che introduceva nel codice penale la seguente norma: “Chiunque sottopone una persona al proprio potere, per ridurla in uno stato di soggezione, è punita con la reclusione da cinque a quindici anni”. Si tratta infatti dello stesso concetto contenuto nell'articolo 1 della legge francese.

La legge Plagio divenne famosa quando venne usata contro un noto filosofo gay marxista, Aldo Braibanti, che aveva accolto in casa sua due giovani perché gli facessero da segretari. Secondo l'accusa li avrebbe portati in uno stato di sottomissione psicologica con l'obiettivo di renderli suoi amanti. Nel 1968 Braibanti fu riconosciuto colpevole di “plagio” dalla Corte d'Assise di Roma e condannato a 9 anni di prigione. In appello finale, la Suprema Corte (andando anche oltre le decisioni dei giudici di grado inferiore) ha descritto il “plagio” di Braibanti come una “situazione in cui la psiche della persona costretta veniva svuotata. Ciò era possibile anche senza ricorrere alla violenza fisica o alla somministrazione di farmaci patogeni, attraverso l’effetto combinato di diversi mezzi, ciascuno dei quali da solo forse non sarebbe stato efficace, mentre lo diventavano se combinati insieme”. In seguito a questa convinzione, intellettuali come Alberto Moravia e Umberto Eco, e moltissimi importanti avvocati e psichiatri, chiesero l'abolizione della legge sul “plagio”.

Sebbene la convinzione non sia mai stata revocata, per anni ha suscitato dibattiti in Italia. Le critiche alla legge erano di due tipi. Il primo era dal punto di vista scientifico: la maggior parte degli psichiatri italiani riteneva che il “plagio” nel senso di “sottomissione psicologica” non esistesse, altri sostenevano che comunque fosse troppo vago e indeterminato per essere utilizzato nel diritto penale. Il secondo tipo di critica era politica, poiché i critici sostenevano che il “plagio” consentiva una discriminazione ideologica, come nel caso di Braibanti che fu condannato per un punto di vista palesemente omofobico, perché promuoveva uno “stile di vita immorale”.

Dieci anni dopo, nel 1978, la legge venne poi applicata per perseguire un prete cattolico, padre Emilio Grasso, accusato di aver praticato il “controllo mentale” sui suoi seguaci. Emilio Grasso, leader di una comunità cattolica carismatica in Italia, è stato accusato di aver creato sudditanza psicologica nei suoi seguaci per farli lavorare come missionari a tempo pieno o volontari per attività caritative in Italia e all'estero. A Roma, il tribunale incaricato di valutare il caso ha sollevato la questione di costituzionalità del reato di “plagio”, e ha rinviato il caso alla Corte Costituzionale italiana.

L'8 giugno 1981 la Corte Costituzionale dichiarò incostituzionale il reato di plagio. Secondo la decisione della Corte, Sulla base della letteratura scientifica in materia, sia essa “psichiatrica, psicologica o psicoanalitica”, l'influenza o la “sottomissione psicologica” costituiscono una parte “normale” dei rapporti tra esseri umani: “situazioni tipiche di dipendenza psicologica possono raggiungere gradi di intensità anche per lunghi periodi, come il rapporto d'amore, e i rapporti tra sacerdote e credente, maestro e allievo, medico e paziente (…). Ma in pratica è estremamente difficile, se non impossibile, distinguere, in situazioni come queste, la persuasione psicologica dalla sottomissione psicologica, e distinguerle a fini legali. Non esistono criteri fermi per separare e definire ciascuna attività, tracciando un confine preciso tra le due”. La Corte ha aggiunto che il reato di plagio è “una bomba sul punto di esplodere nel nostro ordinamento, poiché può applicarsi a qualsiasi situazione che implichi la dipendenza psicologica di un essere umano da un altro”.

Ciò segnò la fine della sudditanza psicologica in Italia, ma a quanto pare ciò non è sufficiente a impedire che il governo francese ritorni oggi con lo stesso concetto fascista.

Chi potrebbe essere toccato?

Come affermato dalla Corte Costituzionale italiana, tale concetto “può essere applicato a qualsiasi situazione che implichi la dipendenza psicologica di un essere umano da un altro”. E questo è sicuramente il caso per qualsiasi gruppo religioso o spirituale di qualsiasi denominazione, soprattutto se c'è ostilità sociale o governativa nei loro confronti. La valutazione dell'effetto invalidante di tale “assoggettamento psicologico” dovrà essere affidata a esperti psichiatri, ai quali sarà chiesto di esprimere un parere sulla caratterizzazione di un concetto che non ha basi scientifiche consolidate.

Qualsiasi sacerdote potrebbe essere accusato di mantenere i fedeli in uno stato di “soggezione psicologica”, così come lo potrebbero essere un insegnante di yoga o un rabbino. Come ci ha detto un avvocato francese a proposito del disegno di legge: “È facile caratterizzare una pressione grave o ripetuta: ordini ripetuti impartiti da un datore di lavoro, da un allenatore sportivo o anche da un superiore dell'esercito; un'ingiunzione a pregare o a confessarsi può essere facilmente qualificata come tale. Le tecniche per alterare il giudizio sono di uso quotidiano nella società umana: seduzione, retorica e marketing sono tutte tecniche per alterare il giudizio. Schopenhauer avrebbe potuto pubblicare L'arte di avere sempre ragione sotto l'influenza di questo progetto, senza essere accusato di complicità nel crimine in questione? Anche un grave danno alla salute fisica o mentale è più facile da caratterizzare di quanto possa sembrare a prima vista. Nel periodo che precede i Giochi Olimpici, ad esempio, un atleta di alto livello sotto ripetuta pressione potrebbe subire un deterioramento della sua salute fisica, ad esempio in caso di infortunio. Un atto gravemente pregiudizievole o un'astensione copre un'ampia gamma di comportamenti. Un soldato dell’esercito, sotto ripetute pressioni, sarà spinto a compiere azioni che potrebbero essere gravemente pregiudizievoli, anche in un contesto di addestramento militare”.

Naturalmente, una condanna basata su un concetto giuridico così vago potrebbe portare alla condanna definitiva della Francia da parte della Corte europea dei diritti dell'uomo. Come del resto, nella sentenza Testimoni di Geova di Mosca e altri c. Russia n°302, la Corte ha già affrontato il tema del “controllo mentale”: “Non esiste una definizione scientifica e generalmente accettata di ciò che costituisce 'controllo mentale'”. Ma anche se così fosse, quante persone verranno ingiustamente condannate al carcere prima che arrivi la prima decisione della CEDU?

La provocazione ad abbandonare le cure mediche

Il progetto di legge contiene altre disposizioni controverse. Uno di questi è nell'articolo 4, che mira a criminalizzare “La provocazione ad abbandonare o ad astenersi dal seguire un trattamento medico terapeutico o profilattico, quando tale abbandono o astensione si presenta come benefico per la salute delle persone interessate, mentre, considerato lo stato di conoscenze mediche, è chiaramente probabile che ciò abbia gravi conseguenze sulla loro salute fisica o mentale, data la patologia di cui sono affetti”.

Nel contesto post-pandemico, tutti ovviamente pensano alle persone che sostengono la non assunzione dei vaccini e alla sfida che ciò rappresenta per i governi che spingono per la vaccinazione. Ma poiché la legge si applicherebbe a chiunque “provochi” in generale sui social media o sulla carta stampata, il pericolo di tale disposizione è più ampio e preoccupante. Infatti, il Consiglio di Stato francese (Conseil d'Etat) si è pronunciato su questo provvedimento il 9 novembre:

“Il Consiglio di Stato sottolinea che quando i fatti incriminati risultano da un discorso generale e impersonale, ad esempio in un blog o in una rete sociale, mentre l'obiettivo di tutela della salute, derivato dall'undicesimo comma del preambolo della Costituzione del 1946, può giustificare le limitazioni alla libertà di espressione, è necessario trovare un equilibrio tra questi diritti costituzionali, in modo da non mettere a repentaglio la libertà del dibattito scientifico e il ruolo degli informatori criminalizzando le sfide alle attuali pratiche terapeutiche”.

Infine, il Consiglio di Stato francese ha consigliato di ritirare la disposizione dal disegno di legge. Ma al governo francese non potrebbe importare di meno.

Via libera alle associazioni antisette

Il disegno di legge, che in effetti sembra frutto di un'importante attività di lobbying nei confronti delle associazioni antisette francesi aderenti alla FECRIS (Federazione europea dei centri di ricerca e informazione sulle sette e sulle sette), non le ha lasciate senza indennizzi. Con l'articolo 3 della legge, le associazioni antisette potranno costituirsi legittimamente parte civile (parti civili) e promuovere azioni civili in cause riguardanti “devianze settarie”, anche se non hanno subito personalmente alcun danno. Avranno solo bisogno di un “accordo” del Ministero della Giustizia.

In realtà, lo studio d'impatto allegato al disegno di legge nomina le associazioni che dovrebbero beneficiare di questo accordo. È noto che sono tutte finanziate esclusivamente dallo Stato francese (che le rende “Gongos”, termine coniato per irridere le pretese organizzazioni non governative che in realtà sono “organizzazioni governative-non governative”) e che prendono di mira quasi esclusivamente le minoranze religiose. . Con questo articolo senza dubbio satureranno i servizi giudiziari con denunce penali premature contro i movimenti che disapprovano, in questo caso le minoranze religiose. Ciò, ovviamente, metterà a repentaglio il diritto a un giusto processo per le minoranze religiose in Francia.

È anche interessante notare che molte di queste associazioni appartengono alla FECRIS, Federazione che The European Times ha denunciato di essere dietro la propaganda russa contro l’Ucraina, accusando le “sette” di essere dietro il regime “cannibalistico nazista” del presidente Zelenskyj. Puoi vedere Copertura FECRIS qui.

Verrà approvata la legge sulle devianze cultuali?

Sfortunatamente, la Francia ha una lunga storia di problemi con la libertà di religione o di credo. Sebbene la sua Costituzione richieda il rispetto di tutte le religioni e il rispetto della libertà di coscienza e di religione, è il Paese dove i simboli religiosi sono vietati a scuola, dove agli avvocati è vietato indossare qualsiasi simbolo religioso quando entrano in tribunale, dove molte minoranze religiose sono state discriminate come “sette” per decenni, e così via.

È quindi improbabile che i deputati francesi, che di solito non sono interessati alle questioni relative alla libertà di religione o di credo, comprendano il pericolo che una legge del genere rappresenterebbe per i credenti, e anche per i non credenti. Ma chi lo sa? I miracoli accadono, anche nel paese di Voltaire. Fiduciosamente.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -