9.3 C
Bruxelles
Martedì, Ottobre 4, 2022

In mezzo alla pandemia, gli abusi domestici e sessuali sono alle stelle

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

Più da parte dell'autore

In mezzo alla pandemia, gli abusi domestici e sessuali sono alle stelle. Gli attivisti temono che le notizie vengano seppellite

CITTÀ DEL VATICANO (RNS) — Le elezioni negli Stati Uniti, una pandemia globale e le proteste per i diritti umani hanno affollato la copertura giornalistica per gran parte del 2020.

Ma gli attivisti e le vittime di abusi sessuali continuano a chiedere che la protezione dei minori e degli adulti vulnerabili nella Chiesa cattolica e altrove rimanga una priorità nonostante la perdita di slancio, poiché i rischi di abusi online e domestici crescono a livello globale.

“Ci è apparso subito chiaro che l'attenzione prestata alla salvaguardia e alla protezione della dignità e della sicurezza dei bambini, e delle persone vulnerabili in generale, si è spostata fuori dal centro dell'attenzione di molte persone e di molte istituzioni”, ha affermato il Rev. Hans Zollner, un funzionario vaticano alla guida della lotta agli abusi sessuali nella Chiesa cattolica, in un'intervista a Religione Servizio di notizie di mercoledì (26 agosto).

Zollner dirige il Centro per la Protezione dell'Infanzia della Pontificia Università Gregoriana ed è membro della Pontificia Commissione per la Protezione dei Minori, creata da Papa Francesco nel 2014.

Poiché la pandemia ha innescato il blocco globale, costringendo i cittadini a rimanere a casa ed evitare eventi affollati, molti giovani e adulti vulnerabili si sono trovati ad aumentare il rischio di subire abusi fisici e psicologici.

La più grande organizzazione no-profit anti-aggressione sessuale negli Stati Uniti, Rape, Abuse and Incest National Network, o RAINN, ha annunciato in un comunicato stampa di luglio che quest'anno ha ricevuto un numero senza precedenti di segnalazioni da parte di minori di abusi sessuali durante la pandemia.

In tutta Europa, i paesi hanno registrato un picco preoccupante nella violenza domestica proprio come “divorzi corona” crescono in Giappone e Cina dopo mesi di blocco, con molte donne che citano la violenza domestica come causa principale.

Per i giovani, più tempo a casa significa anche più accesso a Internet e ai social media, dove le organizzazioni globali di sorveglianza hanno riscontrato un aumento dei predatori sessuali e degli sforzi di adescamento. L'Agenzia dell'Unione europea per la cooperazione tra le forze dell'ordine, denominata Europol, ha avvertito di un "forte aumento" dello scambio di materiale offensivo online in un comunicato stampa emesso nel mese di giugno.

webRNS Pope Bangkok1 112119 427x316 - In mezzo alla pandemia, gli abusi domestici e sessuali sono alle stelle

 

Papa Francesco tocca la testa di un bambino al St. Louis Hospital di Bangkok il 21 novembre 2019. Papa Francesco ha chiesto che i migranti siano accolti e che donne e bambini siano protetti dallo sfruttamento, dagli abusi e dalla riduzione in schiavitù mentre ha iniziato un'intensa attività due giorni di attività in Thailandia. (Foto AP/Rapeephat Sitichailapa)

Nonostante queste tendenze riguardanti, le agenzie per la protezione dell'infanzia e i sopravvissuti hanno detto a RNS di sentirsi messi da parte nel discorso globale poiché le donazioni diminuiscono e l'attenzione dei media si concentra sulle questioni sanitarie e finanziarie poste dalla pandemia.

Il capo della più grande rete di sopravvissuti agli abusi del clero in Italia, Rete L'Abuso, ha affermato di aver visto un "massiccio calo" dell'attenzione e dell'azione sulla protezione dei minori dall'inizio del blocco nella penisola.

"C'era un senso di abbandono per molte vittime", ha detto giovedì a RNS il sopravvissuto agli abusi del clero Francesco Zanardi, aggiungendo che molti centri per denunciare gli abusi e fornire servizi alle vittime sono stati chiusi al culmine della pandemia.

I processi per abusi sessuali, sia laici che canonici, sono stati interrotti o rinviati da diversi mesi, ha affermato Zanardi. Ha anche affermato che molte vittime in Italia stanno ora cercando di concludere accordi con le diocesi per evitare spese costose e ricevere denaro immediato in un contesto finanziario difficile.

Nel frattempo, le donazioni per la rete dei sopravvissuti sono "scese a zero", con molti donatori che hanno ritirato l'abbonamento mensile, ha affermato Zanardi.

"È troppo presto per valutare l'impatto della pandemia di COVID-19 sugli abusi sessuali da parte del clero", ha affermato Zanardi, soprattutto perché i rapporti tendono a emergere anni - anche decenni - dopo il reato, ma la continua attenzione dei media "dà alle vittime il coraggio di farsi avanti, oltre a fornire una maggiore consapevolezza ai cittadini”.

Zanardi ha evidenziato l'isola di Sicilia, situata all'estremità della penisola italiana a forma di stivale, come una regione ad alto rischio di abusi e priva di adeguate tutele per i minori. Uno di questi esempi è il caso della famiglia di una ragazza minorenne che, secondo le autorità, è stata violentata per un periodo di quattro anni dal capo di un'associazione laica cattolica.

Il processo al capo laico dell'associazione cattolica, Piero Alfio Capuana, è stato più volte rinviato durante la pandemia e anche la diocesi locale ha taciuto sul caso, che in passato aveva acquisito un notevole controllo mediatico.

“Non abbiamo saputo nulla dalla Curia”, ha detto giovedì la madre della vittima, che desidera rimanere anonima per proteggere l'identità della figlia minorenne, in un'intervista telefonica a RNS.

"Ora siamo dimenticati", ha aggiunto.

webRNS Hans Zollner 082720 807x538 - In mezzo alla pandemia, gli abusi domestici e sessuali sono alle stelle

 

Il Rev. Hans Zollner, uno dei membri fondatori della Pontificia Commissione per la Protezione dei Minori, interviene durante una conferenza stampa presso la sede dell'Associazione della Stampa Estera a Roma il 27 settembre 2018. (AP Photo/Domenico Stinellis)

Anche la chiesa ha lottato nei primi mesi della pandemia per continuare a monitorare e istruire sulle misure di sicurezza contro gli abusi mentre l'attenzione globale si è spostata sulle questioni sanitarie e politiche. Zollner ha affermato che i primi due o tre mesi di blocco hanno mostrato un calo delle richieste di comunicazione e collaborazione da parte di numerose istituzioni e diocesi in tutto il mondo.

“Prima (della pandemia) c'era molto interesse per gli abusi sessuali commessi dai sacerdoti anche in passato. C'è stato un aumento di interesse in molti media in tutto il mondo", ha detto. "All'improvviso si è fermato".

Il sacerdote tedesco ha affermato che anche nelle conversazioni con politici e attivisti in diversi paesi, gli abusi sessuali hanno fatto scorrere le agende internazionali a beneficio delle preoccupazioni per l'impatto della pandemia sulla economia, restrizioni di viaggio e salute pubblica.

"Le persone si sono interessate al proprio benessere, il che è comprensibile, ovviamente, non guardando i pericoli per gli altri, in questo caso per i giovani, mentre allo stesso tempo quei pericoli erano più grandi di prima", ha detto.

Ha chiesto un rinnovato interesse da parte dei media nella copertura dei casi di abusi sessuali, incoraggiando i giornalisti a concentrarsi anche su storie positive su come i sopravvissuti hanno trovato giustizia e riconciliazione.

Le attuali battute d'arresto hanno anche alimentato la creatività e l'ingegnosità nel Center for Child Protection, ha affermato Zollner, in particolare attraverso l'uso dei social media e delle conferenze stampa online che sono state in grado di riunire un numero maggiore di persone rispetto a quanto fosse possibile con incontri di persona.

“Impariamo da diverse esperienze e otteniamo nuovi spunti pedagogici”, ha affermato, aggiungendo che la presenza online del centro si è “intensificata” negli ultimi mesi, creando il quadro per futuri passi avanti.

Nei prossimi mesi, Zollner spera di svelare un nuovo approccio concreto che si basa sulle lezioni apprese durante la pandemia: vale a dire, il networking.

"I mezzi finanziari saranno limitati man mano che l'attenzione del pubblico diminuirà", ha affermato. "Per trovare qualcosa che ci riporti alla fase precedente dell'attenzione, dovremo necessariamente riunirci e lavorare insieme, perché questo è qualcosa che nessuno può fare per se stesso o per un'istituzione da solo".

- Annuncio pubblicitario -
- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti