10.4 C
Bruxelles
Martedì, Aprile 23, 2024
AmericaIran, yakhchāl, faloodeh e perché l'Italia non è la patria del ghiaccio...

Iran, yakhchāl, faloodeh e perché l'Italia non è la patria del gelato

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Edicola
Edicolahttps://europeantimes.news
The European Times Le notizie mirano a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

In estate, uno dei risparmi con il caldo è il gelato. Sia che lo scegliamo dal congelatore del negozio o che ci affidiamo a opzioni artigianali più costose, l'importante è goderselo.

Anche se non abbiamo pensato da dove arriva il gelato, la risposta ci sorprenderà sicuramente. Almeno, perché non è l'Italia. L'Iran è considerato il luogo di nascita del gelato. Tutto è iniziato circa 2000 anni fa. Una soluzione al difficile compito dal punto di vista odierno: abbassare la temperatura fino al punto di congelamento, dà un edificio a forma di cono nell'antica Persia. Mi chiamano yakhchāl (frigorifero evaporativo di tipo antico).

Sopra il suolo è di forma conica e nella sua parte più profonda del sottosuolo la temperatura è abbastanza bassa da congelare l'acqua. In effetti, questo è uno dei vanti dell'architettura iraniana.

Ogni yakhchāl ha un muro massiccio che fornisce ombra, uno stagno da cui proviene l'acqua e un ripostiglio sotterraneo dove si congela a causa della bassa temperatura. Il leder, ottenuto durante le notti dei mesi freddi o portato dalle montagne vicine, viene conservato qui per mesi.

Questa tecnica è stata utilizzata già nel 400 aC. Con questo ghiaccio gli iraniani preparavano anche il faloodeh, il loro dolce tipico, molto simile al gelato odierno. Faloodeh (una forma arabizzata di paloodeh che apparve dopo la conquista araba dell'Iran, a causa della mancanza del fonema /p/ nell'arabo standard) è una combinazione di ghiaccio, amido e diversi tipi di sciroppo. In apparenza, il prodotto finale si presenta come spaghetti molto sottili.

Oggi in molti posti in Iran puoi ancora provare il faloodeh, scrive la BBC. Qui viene proposto insieme al gelato, che siamo tutti abituati a vedere ovunque. Il dolce tradizionale prevede latte di pecora, acqua di rose, zafferano e zucchero. È molto probabile che non tutti apprezzeranno il faloodeh, ma vale la pena provare se ne hai l'opportunità. Certo, oggi non si conserva in uno yakhchāl, ma in frigoriferi.

Oggigiorno, dopo migliaia di anni di preparazione del faloodeh, le macchine per il gelato vengono importate in Iran dall'Italia, che molti considerano la patria del dolce gelato, perché lì sta diventando molto popolare.

Gli stessi iraniani preferiscono un gusto più ricco, con più zucchero e latte intero, come gli americani. Nel frattempo Europa, dove gli egemoni sono gli italiani, si consumano versioni più leggere di gelato e vari tipi di sorbetti.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -