10.1 C
Bruxelles
Giovedi, November 24, 2022

Restituire sicurezza e dignità alle donne del Malawi, sfollate dalla tempesta tropicale Ana

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Più da parte dell'autore

Oltre un miliardo di persone obese a livello globale, la crisi sanitaria deve essere invertita - OMS

Oltre un miliardo di persone obese a livello globale, la crisi sanitaria deve essere invertita - OMS

0
In occasione della Giornata mondiale dell'obesità, celebrata venerdì, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha esortato i paesi a fare di più per invertire quella che è una crisi sanitaria prevenibile.
L'agenzia sanitaria delle Nazioni Unite aggiorna le linee guida sulle terapie COVID-19

L'agenzia sanitaria delle Nazioni Unite aggiorna le linee guida sulle terapie COVID-19

0
L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), per la prima volta, ha incluso un farmaco antivirale orale nella sua guida al trattamento del COVID-19.
Oltre un miliardo di persone a rischio di perdita dell'udito: l'OMS

Oltre un miliardo di persone a rischio di perdita dell'udito: l'OMS

0
Avvertendo che oltre un miliardo di persone di età compresa tra 12 e 35 anni, che rischiano di perdere l'udito a causa dell'esposizione prolungata ed eccessiva a musica ad alto volume e altri rumori ricreativi ad alto volume, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha emesso mercoledì un nuovo consiglio internazionale sulla sicurezza per affrontare la crescente minaccia di perdita dell'udito. 
Il sottolignaggio di Omicron BA.2 rimane una variante preoccupante

Il sottolignaggio di Omicron BA.2 rimane una variante preoccupante

0
Il virus BA.2, un sottogenere della mutazione Omicron COVID-19, dovrebbe continuare a essere considerato una variante preoccupante, hanno affermato gli scienziati convocati dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) in una dichiarazione martedì. 
La tempesta tropicale Ana ha lasciato una scia di distruzione nel Malawi, in particolare nei distretti meridionali più colpiti, dopo aver colpito il paese alla fine di gennaio. Il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (UNFPA) è stato in prima linea negli sforzi per aiutare le donne incinte e le madri fornendo forniture mediche e servizi riproduttivi.
"La prospettiva di un altro ciclone era spaventosa", dice Monica, che vive a Mbenje, nel distretto di Nsanje, in Malawi. “Abbiamo vissuto la stessa esperienza con il ciclone Idai e poi con il ciclone Kenneth. Abbiamo dovuto ricostruire da zero".

Durante il giorno si era sparsa la voce nel villaggio che un potente ciclone aveva colpito il vicino Mozambico, e quella domenica sera di due settimane fa il tempo era improvvisamente cambiato. Per quasi sei ore piogge torrenziali e forti venti hanno colpito Mbenje; La tempesta tropicale Ana era approdata in Malawi.  

“Ho guardato fuori e ho visto il livello dell'acqua aumentare. Dalle precedenti esperienze, sapevo che dovevamo trasferirci in sicurezza", ha detto Monica, che è incinta di sei mesi. "Ho avvisato mio marito che ha rapidamente raccolto i bambini". 

Monica e la sua famiglia hanno camminato tutta la notte sotto la pioggia e il fango fino al campo di Nyambese, uno dei 27 siti di disastri temporanei sorti in tutta Nsanje e che ora ospitano le persone colpite dalla tempesta.

Il giorno seguente, Monica e suo marito hanno fatto il viaggio di cinque chilometri fino al loro villaggio per vedere se potevano salvare qualcosa dalla loro casa. Le loro peggiori paure sono state confermate. Ora c'era una profonda pozza d'acqua piena di macerie dove un tempo si trovava la loro casa, il grano del cibo era sparito e i loro animali erano stati spazzati via. "Dopo aver visto la distruzione, sapevo che il campo nyambese sarebbe stato la nostra casa fino a quando l'acqua non si fosse calmata", disse stancamente Monica.

©UNFPA

Monica, che ha già dovuto ricostruire dopo i cicloni Idai e Kenneth del 2019 e ha perso tutto a causa della tempesta tropicale Ana, tiene i suoi due figli vicini nella sua nuova casa temporanea al campo di Nyambese, nel distretto di Nsanje.

Vite e case distrutte

La tempesta tropicale Ana ha lasciato una scia di distruzione nel Malawi, in particolare nei distretti meridionali più colpiti di Nsanje, Phalombe, Mulanje e Chikwawa. Le inondazioni hanno interrotto le strade, ostacolando i soccorsi, mentre i danni alle infrastrutture elettriche del paese stanno causando frequenti interruzioni di corrente.

Nel distretto di Nsanje, più di 55,000 persone vivono ora in campi temporanei. Tra loro ci sono Monica, che aspetta il suo terzo figlio a maggio, e circa 1,500 donne incinte. Costrette a condividere le latrine e con poca privacy, donne e ragazze sono maggiormente a rischio di violenza fisica e sessuale in un paese in cui una donna su tre subisce violenze di genere.

La mobilità limitata a causa delle inondazioni e dei blackout elettrici stanno influenzando l'erogazione dell'assistenza sanitaria sessuale e riproduttiva; la stragrande maggioranza delle strutture sanitarie nel distretto di Nsanje – 21 su 24 – stanno lottando per fornire servizi. Tre neonati sono già morti nel distretto quando le incubatrici sono rimaste inutilizzabili per mancanza di corrente. Il carburante per il generatore dell'ospedale distrettuale, così come le forniture, compresi i medicinali salvavita per la salute materna, stanno finendo.

image1170x530cropped 9 - Restituire sicurezza e dignità alle donne in Malawi, sfollate dalla tempesta tropicale Ana UNFPA/Joseph Scott

Masaki Watabe, vice rappresentante dell'UNFPA in Malawi, aiuta con la distribuzione dei kit di dignità al campo della scuola elementare di Sekeni

Ripristino dei servizi di salute sessuale e riproduttiva  

Il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (UNFPA) e i partner erano sul campo pochi giorni dopo il disastro. Ad oggi sono stati distribuiti a donne e ragazze di Nsanje e Chikwawa 6,600 kit di dignità contenenti articoli per l'igiene di base come assorbenti mestruali, sapone e biancheria intima. Le riparazioni al generatore dell'ospedale distrettuale di Nsanje sono state completate, ripristinando l'energia elettrica alla struttura. Sono inoltre in corso piani per la consegna di kit per la salute riproduttiva contenenti forniture mediche e non, medicinali per la salute materna e contraccettivi alle comunità colpite nei due distretti. 

"La nostra priorità immediata è ripristinare la salute sessuale e riproduttiva di qualità e servizi di protezione all'indomani del disastro", ha affermato Young Hong, rappresentante dell'UNFPA in Malawi. "Poiché gli eventi meteorologici estremi diventano più frequenti nella regione, il sostegno dell'UNFPA alla ripresa deve concentrarsi sul rafforzamento dei sistemi e sulla costruzione della resilienza delle comunità colpite, in particolare donne e ragazze". 

Per Monica, la strada da percorrere sarà impegnativa. Affronta la prospettiva di ricostruire di nuovo sia la sua casa che la sua vita. Ma, per ora, la sua preoccupazione più urgente è il suo bambino non ancora nato. "Ho perso tutto, anche il mio passaporto sanitario", dice, coprendosi il viso tra le mani tremanti. “Dovevo andare in una clinica prenatale questa settimana, ma non è possibile recarmi al centro sanitario. Le strade sono dissestate e ancora allagate”.
 

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti