9.9 C
Bruxelles
Mercoledì, Settembre 28, 2022

Cultura e libri ucraini: le biblioteche di tutto il mondo aiutano a salvaguardarli

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Più da parte dell'autore

Uccisione di prigionieri per trapianti: prelievo forzato di organi in Cina

Quando la Cina giustizia i prigionieri di coscienza per alimentare il traffico di organi

0
La Cina è l'unico paese al mondo ad avere una pratica di traffico di organi su scala industriale che preleva organi da prigionieri di coscienza giustiziati.
Un carro armato accanto a una basilica Transnistria, Moldavia

Guerra in Ucraina: 4 cose da sapere su Moldova e Transnistria

0
Cresce la preoccupazione che Moldova e Transnistria possano essere trascinate nella guerra della Russia contro l'Ucraina.
pillole di farmaci

I dolcificanti possono essere collegati a un aumento del rischio di cancro: una nuova ricerca

0
È stato a lungo suggerito che i dolcificanti siano dannosi per la nostra salute. Gli studi hanno collegato il consumo di troppi dolcificanti con condizioni come l'obesità, il diabete di tipo 2 e le malattie cardiovascolari. Ma i collegamenti con il rischio di cancro sono stati meno certi.

by Ksenja Kiebuzinski

Mia madre è nata a Sambir, in Ucraina, e mio padre a Przemyśl, in Polonia. Entrambi hanno trascorso la loro infanzia come rifugiati.

Vivevano tra gli sfollati ucraini fuggiti in Austria e Germania come l'Armata Rossa avanzò nel luglio 1944. La decisione dei miei nonni di abbandonare le loro case e lasciare tutto alle spalle salvò i miei genitori dalla tirannia dell'occupazione sovietica.

Erano alcuni dei 200,000 ucraini che scelsero di vivere in esilio piuttosto che essere rimpatriati in Unione Sovietica. Si sono organizzati intorno interessi civili, educativi, culturali e politici. All'interno di questi circoli, gli ucraini hanno prodotto newsletter, opuscoli e libri per connettersi tra loro e per informare il mondo sulla storia del paese.

Questo sforzo editoriale si aggiungeva al lavoro svolto dagli ucraini immigrati per motivi economici in Nord America a partire dagli anni '1890, e coloro che vissero all'estero per motivi politici durante l'era rivoluzionaria in primi del '1920.

Sono il custode di queste pubblicazioni nel mio ruolo di bibliotecario che sviluppa, rende accessibile e ricerca raccolte in ucraino e in altre lingue slave presso il Biblioteche dell'Università di Toronto.

Il patrimonio ucraino della nostra biblioteca, sia che sia stato pubblicato in Ucraina sotto il dominio austriaco, polacco o russo, durante l'indipendenza o nei centri per i rifugiati e nelle comunità della diaspora, offre una prospettiva sulla storia distinta dell'Ucraina che la distingue dalla convinzione del presidente russo Vladimir Putin che l'Ucraina fosse “interamente creato dalla Russia. "

Cultura e storia ucraina nelle biblioteche

I bibliotecari e le biblioteche di tutto il mondo svolgono un ruolo nel preservare e condividere la storia culturale dell'Ucraina. Acquisiscono osservazioni occidentali sull'Ucraina o materiale stampato sui suoi territori. E le persone possono imparare molto da queste risorse.

Architetto e ingegnere militare francese, mappa di Guillaume le Vasseur de Beauplan, Carta d'Ucraina, rappresentò per la prima volta il paese come un territorio discreto con confini delineati nel 1660. Fu incaricato dal re Ladislao IV di Polonia di aiutarlo a comprendere meglio la terra e la sua gente per proteggere il territorio dai nemici (in particolare la Russia).

In Storia di Carlo XII (1731), Voltaire descrive e mappa testualmente l'Ucraina come il paese dei cosacchi, situata tra la Tartaria minore, la Polonia e la Moscovia. Ha detto: "L'Ucraina ha sempre voluto essere libera".

Altro materiale nelle nostre biblioteche porta tracce fisiche che testimoniano gli orrori del dominio sovietico. Al Biblioteca del libro raro di Thomas Fisher, con Libro del Vangelo stampato a Pochaiv, Ucraina, tra il 1735 e il 1758, e scritto in slavo ecclesiastico, reca l'annotazione che fu dato al Monastero di San Michele dalle cupole dorate a Kiev, “rimanere per sempre irremovibili dalla chiesa”. Tuttavia, questo monastero fu distrutto per ordine di Stalin a metà degli anni '1930 e i volumi della biblioteca furono venduti dal governo sovietico. 'Carte d'Ukranie' di Guillaume Le Vasseur de Beauplan, pubblicata con la sua Description d'Ukranie (Rouen, 1660) La mappa è orientata da sud a nord per evidenziare l'importanza militare del bacino del Mar Nero per il Commonwealth polacco-lituano. (Guillaume Le Vasseur de Beauplan)

Ma i libri entrano nelle collezioni delle biblioteche anche attraverso mezzi più onesti: i rifugiati a volte donano le loro biblioteche personali alle università. All'Università di Toronto, abbiamo un numero scritto a mano, acquerellato, di un periodico di prigionieri di guerra ucraino intitolato Liazroni (Vagabondo) (1920). È stato prodotto in un campo di internamento vicino a Cassino, in Italia, dove decine di migliaia di ucraini furono tenuti prigionieri dopo aver combattuto nel esercito austro-ungarico.

Tra i vicini 1,000 libri e opuscoli che è stato pubblicato dagli ucraini sfollati dopo la seconda guerra mondiale, è una storia per bambini che ricordo di aver letto dalla mia giovinezza, ospitata all'Università di Toronto. Il libro, Bim-bom, dzelenʹ-bom! (1949), racconta la storia di come un gruppo di galline e gatti aiuta a spegnere un incendio in casa. Un passaggio del libro può essere applicato alla guerra della Russia contro l'Ucraina:

“Galli, galline e pulcini, gatti e gattini sanno come collaborare per salvare la loro casa. Allora, piccoli, imparate a vivere nel mondo, e come in ogni pericolo difendere la vostra casa natale!”

Stampa ucraina e conoscenza digitale a rischio

Oggi, squadre di archivisti e bibliotecari stanno ascoltando una chiamata simile e stanno lavorando per salvare Biblioteca ucraina e collezioni museali. I loro sforzi fanno eco al lavoro di Gli uomini dei monumenti che, durante la seconda guerra mondiale, donò “pronto soccorso all'arte e ai libri” e impegnata nel recupero dei materiali culturali.

Lo stato maggiore delle forze armate ucraine afferma che la polizia militare russa lo è distruggere la letteratura ucraina e i libri di testo di storia — Forze russe hanno bombardato anche archivi, biblioteche e musei.


Leggi di più: Dovremmo tutti essere preoccupati che Putin stia cercando di distruggere la cultura ucraina


Hanno distrutto gli archivi del servizio di sicurezza a Chernihiv che ha documentato la repressione sovietica degli ucraini, hanno anche danneggiato il Biblioteca scientifica statale Korolenko a Kharkiv, la seconda più grande collezione di biblioteche dell'Ucraina.

Il personale archivistico in Ucraina lavora giorno e notte per scansionare documenti cartacei e spostare contenuti digitalizzati su server all'estero. Bibliotecari e volontari fanno anche le valigie e pianificano l'evacuazione dei libri.

Mantenere e preservare archivi online o oggetti digitali durante la guerra è difficile. Sono precari come il materiale di stampa perché si basano su infrastrutture nel mondo fisico. Le apparecchiature informatiche collegate a cavi e server necessitano di alimentazione per funzionare. Interruzioni di alimentazione o server inattivi possono comportare la perdita temporanea o permanente dei dati.

Oltre 1,000 volontari, in collaborazione con università del Canada e degli Stati Uniti, partecipano al progetto crowd-sourced denominato Salvataggio online del patrimonio culturale ucraino (SUCHO) per preservare e proteggere manoscritti digitalizzati, musica, fotografie, modelli architettonici 3D e altre pubblicazioni. Finora, il team ha catturato 15,000 file, accessibili tramite il Internet Archive.

Proprio come le biblioteche hanno raccolto, conservato e condiviso le conoscenze detenute dalle proprie istituzioni nel secolo scorso, ora stanno condividendo queste conoscenze a livello globale in modo che quando la guerra sarà finita, l'Ucraina possa vedere i suoi tesori culturali salvati e restaurati.

Ksenja Kiebuzinski Coordinatore delle risorse slave e capo, Centro risorse Petro Jacyk, Biblioteche dell'Università di Toronto, Università di Toronto

- Annuncio pubblicitario -
- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti