7.8 C
Bruxelles
Martedì, Ottobre 4, 2022

La sempre Vergine Maria è la Madre di Dio

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Gaston de Persigny
Gaston de Persigny
Gaston de Persigny - Reporter presso The European Times News

Più da parte dell'autore

Tu sei la corona della verginità, Tu sei la Vergine Madre! E chi tra la gente è in grado di lodare adeguatamente Maria che tutto canta? Oh miracolo! Lei è insieme la Madre e la Vergine! Considerazioni conclusive al III Concilio Ecumenico (113, 252).

Dal principe di quest'epoca si nascosero la verginità di Maria, la sua nascita e anche la morte del Signore, i grandi misteri che avvenivano nel silenzio di Dio. Ieromartire Ignazio il portatore di Dio (113, 253).

La potenza di Dio, che si è trovata sulla Vergine, l'ha adombrata e ha reso feconda la Vergine. Giustino il filosofo martire (113, 253).

La Madre e la Vergine sono una cosa sola: né la verginità le ha impedito di partorire, né la nascita ha violato la sua verginità. San Gregorio di Nissa (113, 253).

Colei che ha detto le parole: «Ecco la Serva del Signore; avvenga di me secondo la tua parola» (Lc 1, 38) e dopo aver concepito nel grembo, Vergine, e dopo aver partorito, Vergine, poiché anche il profeta annunciò non solo che la Vergine concepirà, ma anche ciò che il La Vergine darà alla luce (Is. 7, 14) sant'Ambrogio di Milano (113, 253).

La sempre Vergine Maria è la Madre di Dio. La Beata Vergine Maria ha dato alla luce Colui che, essendo vero Dio, nel momento stesso del concepimento nel suo grembo, ha accolto la natura umana nell'unità della sua Ipostasi. Sicché nell'incarnazione da Lei era, e dopo l'incarnazione rimane invariabilmente l'unica Persona Divina, poiché esisteva dall'eternità fino all'incarnazione. Ella diede alla luce il Signore Gesù Cristo, non secondo la sua Divinità, ma secondo l'umanità, la quale, però, fin dal momento stesso della sua incarnazione, si unì inseparabilmente e ipostaticamente in Lui con la sua Divinità. Dal momento stesso della Sua incarnazione, fu divinizzato da Lui, e divenne il Suo stesso Volto Divino. Sicché tanto il concepimento, quanto la permanenza nel grembo della Vergine durante un certo periodo di gestazione, e la nascita da lei appartenevano alla sua persona divina propriamente detta. Ella diede alla luce non un uomo semplice, ma il vero Dio, e non solo Dio, ma Dio nella carne, il quale non portò un corpo dal cielo e passò per Lei come attraverso un canale, ma che prese dalla sua carne consustanziale a noi, che in Sé ricevette un'ipostasi. San Giovanni di Damasco (113, 253).

Lo Spirito Santo brillò in uno specchio puro, nel corpo immacolato della Vergine, formando un Uomo perfetto non secondo la legge di natura, non nel tempo, non da seme umano, ma per una sola apparizione, per potenza spirituale e santa mosse il Vergine alla nascita, prosciugando inspiegabilmente l'Embrione in Lei, come se quale tessuto per salvare le persone. San Giovanni Crisostomo (42, 913).

Da sua Madre Immacolata, il Signore ha preso in prestito la carne pura e le ha dato la Divinità invece della carne che Lei gli ha dato. Oh, meraviglioso e meraviglioso scambio. San Simeone il Nuovo Teologo (60, 398).

La Vergine Madre è, per così dire, l'unico confine tra la natura divina creata e increata. E tutti coloro che vedono Dio la riconosceranno come il luogo dell'Incontenibile. E tutti quelli che lodano Dio canteranno anche di Lei dopo Dio. Ella è la causa delle benedizioni e dei doni che furono prima di Lei al genere umano, e la Datrice del presente, e l'Intercessore degli eterni. Ella è il fondamento dei profeti, il principio degli apostoli, il fondamento dei martiri, il fondamento dei maestri. Ella è la gloria di coloro che sono sulla terra, la gioia di coloro che sono in cielo, l'ornamento di tutta la creazione. Ella è il principio, la sorgente e la radice della speranza preparata per noi in cielo, che tutti noi siamo onorati di ricevere attraverso le sue preghiere per noi, a gloria di Gesù Cristo, nostro Signore, che è nato prima dei secoli da il Padre e in tempi recenti si è incarnato da Lei. San Gregorio Palamas (65, 144).

Parlando dell'Incorrotto e dell'Imartistico, è impossibile usare la parola “concepimento” nel senso proprio, perché le parole “verginità” e “concepimento carnale” sono incompatibili nell'Uno e nello Stesso.

Ma come il Figlio ci è dato senza padre (terreno), così il Bambino nasce senza un concepimento carnale. Così come la Vergine non sapeva come si fosse formato nel Suo corpo un corpo accettabile per Dio, non si sentì nascere. Secondo la testimonianza della profezia, la sua nascita sarebbe stata senza malattie: «prima che venissero le sue pene, è nata con un figlio» (Is 66). San Gregorio di Nissa (7, 19).

… La Vergine (Eva) ci ha espulsi dal paradiso, per mezzo della Vergine (Maria) abbiamo trovato la vita eterna – da ciò che siamo condannati, da ciò siamo incoronati. San Giovanni Crisostomo (39, 196).

La Vergine Maria si è fatta per noi cielo, trono di Dio, perché in Lei è scesa e ha abitato la Divinità più alta per esaltarci... In Lei la Divinità si è vestita di una veste per noi, per consegnarci la salvezza. Sant'Efraim il Siro (29, 226).

Quando vedi l'icona della Santissima Theotokos, volgi il tuo cuore a Lei, la Regina del Cielo, e ringraziala per essere apparsa così pronta all'obbedienza alla volontà di Dio che ha dato alla luce, nutrito e cresciuto il Redentore del mondo, e che nella nostra guerra invisibile non diventi mai impoverita intercessione per aiutarci. San Nicodemo il Santo Alpino (64, 95).

Era di statura media, o, come dicono alcuni, leggermente al di sopra della media. I suoi capelli erano dorati, i suoi occhi erano vivaci, le sue sopracciglia erano arcuate, scure, il suo naso era dritto, allungato, le sue labbra erano fiorite, il suo viso non era rotondo e non appuntito, ma un po' allungato, le sue braccia e le sue dita erano lunghe. Niceforo Callisto (113, 255).

Era una Vergine non solo nel corpo, ma anche nell'anima: umile nel cuore, prudente nelle parole, prudente, reticente, amante della lettura... operosa, casta nel parlare, onorando non una persona, ma Dio come giudice dei suoi pensieri . La sua regola era di non offendere nessuno, di essere ben disposti con tutti, di onorare gli anziani, di non invidiare gli eguali, di evitare di vantarsi, di essere sani di mente, di amare la virtù. Ha mai offeso i suoi genitori con la sua espressione facciale o è stata in disaccordo con i suoi parenti, è diventata orgogliosa di fronte a una persona modesta, ha riso dei deboli, è sfuggita ai poveri? Non aveva niente di severo negli occhi, niente di imprudente nelle sue parole, niente di indecente nei suoi gesti: i movimenti del suo corpo erano modesti, il suo passo era calmo, la sua voce era regolare; in modo che il suo aspetto fosse un riflesso dell'anima, la personificazione della purezza. Sant'Ambrogio di Milano (113, 256).

Nella conversazione, ha mantenuto una modesta dignità, non ha riso, non si è indignata e soprattutto non si è arrabbiata. Assolutamente ingenua, semplice, non pensava minimamente a Se stessa, e lungi dall'effeminatezza, si distingueva per completa umiltà. Era soddisfatta del colore naturale delle sue vesti, che anche ora è dimostrato dal suo sacro copricapo. Insomma, in tutte le sue azioni si è rivelata una grazia speciale. Niceforo Callisto (113, 256).

Sappiamo tutti che la sempre vergine Madre di Dio è piena di grazia e di tutte le virtù. Si dice che nelle persecuzioni e nei guai fosse sempre allegra, nel bisogno e nella povertà non si turbò, non si arrabbiò con coloro che la offendevano, anzi fece loro del bene. Era mite nel benessere, misericordiosa con i poveri e li aiutava quanto poteva, era maestra nella pietà e in ogni buona azione. Amava particolarmente gli umili, perché lei stessa era piena di umiltà. Molte lodi le vengono date da coloro che l'hanno vista. Persone degne di fiducia raccontavano di Lei che, secondo la Sua santità nel Suo aspetto, la natura angelica e la natura umana erano unite. San Geromartire Ignazio il portatore di Dio (113, 256).

Quando fui presentato davanti al volto della Vergine divina e luminosissima, una grande e incommensurabile luce divina brillò intorno a me dall'esterno e dall'interno, e un profumo così meraviglioso si diffuse intorno a me che né il mio debole corpo né il mio stesso spirito potevano sopportare tali abbondanti e grandi segni e primizie. beatitudine e gloria eterna. Il mio cuore ha fallito, il mio spirito ha fallito in me per la sua gloria e grazia divina! La mente umana non può immaginare gloria e onore (nemmeno nello stato di persone glorificate da Dio) superiori alla beatitudine che allora assaporai, indegna, ma ricompensata dalla misericordia e benedetta oltre ogni idea. San Dionisio l'Areopagita (113, 256).

Annunciazione e istituzione del sacramento del Corpo e del Sangue. Che combinazione! Partecipiamo del vero Corpo e del vero Sangue di Cristo, gli stessi che, nell'incarnazione, sono ricevuti dal sangue immacolato della Purissima Vergine Maria. Così, nell'incarnazione avvenuta nell'ora dell'Annunciazione, si posero le basi per il sacramento del Corpo e del Sangue. E ora questo è portato alla memoria da tutti i cristiani, così che, ricordando ciò, onorano la Santissima Theotokos come loro vera Madre, non solo come libro di preghiere e intercessore, ma anche come nutritrice di tutti. I bambini si nutrono del latte materno e noi ci nutriamo del Corpo e del Sangue, che provengono dalla Beata Vergine Maria. Vescovo Teofano il Recluso (107, 96-97).

Chi non si stupirà del fatto che per tutto il tempo dal crimine di Adamo all'incarnazione del Verbo di Dio, venuto sulla terra per la salvezza del genere umano nella metà del sesto millennio, non ci fosse una sola vergine terra chi sarebbe puro non solo nel corpo, ma anche nello spirito? Ella sola si rivelò essere la prima e l'ultima tale Vergine, la quale, per la sua purezza di corpo e di anima, divenne degna di essere chiesa e tempio dello Spirito Santo. E come allora, grazie alla sua purezza verginale, salì e si avvicinò a Dio Spirito Santo e fu unita in un solo spirito con Dio – come è detto nella Scrittura: «Chi è unito al Signore è un solo spirito con il Signore Signore» (1 Cor 6, 17), così e nella sua onoratissima Dormizione, per lo stesso passo, salì a lui, al cielo e al di là del cielo. Ascese a Dio Figlio al livello dell'umiltà, perché attraverso l'umiltà divenne degna di essere sua Madre. Con lo stesso passo salì al cielo e superò in onore e dignità tutti i volti dei santi... Con lo stesso passo alto della più profonda umiltà raggiunse il più alto onore della Nascita di Dio, la maternità incorruttibile, perché durante le Sue umili parole : «Ecco la serva del Signore» (Lc 1) nel suo purissimo seno verginale «Il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi» (Gv 38). L'umiltà è il fondamento di tutto e tutte le altre virtù servono da sovrastruttura su questo fondamento. E nella sua vita, la purissima Vergine soprattutto, per umiltà, si è avvicinata a Dio, che dice:

«Su chi guarderò: sugli umili e contriti di spirito» (Is 66, 2). Con la stessa umiltà e nella sua assunzione salì al cielo e fu elevata con gloria al trono del regno celeste, perché l'umiltà regna per mezzo della purissima Vergine dove è abbattuta l'orgoglio.

Alla terza persona più importante della Santissima Trinità – Dio Padre, è salita al terzo gradino più alto – l'amore, perché secondo l'apostolo «l'amore di loro è più grande» (1 Cor 13, 13). Per lei è diventata la Figlia del Padre Celeste. Come la Purissima Vergine amasse Dio, nessuna lingua può spiegarlo, nessuna mente può comprendere, perché l'amore è uno dei segreti sconosciuti del cuore, noto solo a Dio, e noto al cuore che prova.

… Nelle persone l'amore differisce per tipo: in modo speciale amano i genitori, altrimenti un amico, altrimenti un figlio. L'amore della Purissima Vergine non aveva differenze, perché Colui che Ella amava era per Lei sia il Padre, che il Figlio unigenito, e lo Sposo imperituro. Tutto il suo amore totalizzante era rivolto all'unico Dio, e per amor suo fu chiamata sia la sposa dello Spirito Santo, sia la Madre di Dio, il Figlio e la Figlia, non per tale comunione che tutti diventano figli fedeli di Dio, secondo le parole della Scrittura: «A quelli che credono nel suo nome, ha dato potenza, siate figli di Dio» (Gv 1), e in un altro luogo: «E io vi accoglierò. E io sarò vostro Padre e voi sarete i miei figli e le mie figlie, dice il Signore onnipotente» (12 Cor 2-6). La Purissima Vergine divenne figlia di Dio Padre in una diversa, incomparabilmente più alta, più onesta e intima assimilazione.

Immaginiamo che un uomo abbia accolto due fanciulle orfane, le abbia cresciute come figlie, e le abbia nominate entrambe sue figlie, e poi abbia fatto di una di loro la sposa del suo figlio mezzosangue. Questa fanciulla, unita a suo figlio, diventa, secondo la legge di natura, la figlia più vicina, a lui imparentata in misura maggiore della fanciulla che non era unita a suo figlio. Poiché quest'ultima è solo la sua figlia nominata, la prima diventa sua figlia secondo la legge di natura, poiché diventa una sola carne con suo figlio, secondo la legge di natura, la figlia dello stesso padre. Lo stesso si può dire della purissima Madre di Dio. Così con questi tre passi (non ne cito altri innumerevoli), la Madre di Dio ora ascende nei cieli: a Dio Spirito Santo – con purezza vergine, a Dio Figlio con umiltà, ea Dio Padre – amore. Dirò di più: con tutti questi passi è salita all'unico Dio nella Trinità. Infatti, per ciò che piacque a Dio Spirito Santo, per ciò che piacque sia a Dio Figlio che a Dio Padre; ciò che piacque a Dio Figlio, lo stesso piacque sia a Dio Padre che a Dio Spirito Santo; ciò che piacque a Dio Padre, tanto più piacque a Dio Figlio e a Dio Spirito Santo. San Demetrio di Rostov (103, 681-686).

Il corpo divino del Dio-Uomo è stato concepito divinamente e nato divinamente. Vergine. è nato, essendo al momento della nascita pieno della santissima gioia spirituale. La malattia non accompagnò questa nascita, così come la malattia non accompagnò la sottrazione di Eva ad Adamo (111, 403).

La Madre di Dio era l'unico vaso verbale in cui Dio dimorava con il suo stesso essere (111, 404).

Con tutta la grandezza della Madre di Dio, il suo concepimento e la sua nascita avvennero secondo la legge generale dell'umanità, quindi la confessione generale del genere umano sul concepimento nell'iniquità e sulla nascita nel peccato appartiene alla Madre di Dio. La Madre di Dio confessa davanti a tutta l'umanità nel Vangelo… che il Dio da Lei nato è anche il suo Salvatore. Se Dio è il suo Salvatore, allora è stata concepita e nata nel peccato secondo la legge generale dell'umanità decaduta (111, 405-406).

La discesa dello Spirito Santo sulla Semprevergine avvenne due volte. Per la prima volta lo Spirito Santo scese su di Lei dopo il vangelo pronunciato dall'Arcangelo Gabriele, la purificò, pura secondo il concetto umano, la rese graziosamente pura, capace di accogliere in sé la Parola di Dio e di divenire sua Madre... La seconda volta lo Spirito Santo discese sulla Vergine nel giorno di Pentecoste… Allora lo Spirito Santo distrusse in Lei il dominio della morte eterna e del peccato originale, la elevò ad un livello alto di perfezione cristiana, la fece nuova persona ad immagine del Signore Gesù Cristo (111, 407-408).

La Madre di Dio non conosceva la lotta con i desideri carnali: prima che la concupiscenza potesse agire in Lei, lo Spirito Santo discese su di Lei, suggellò la sua purezza, elargiva al suo piacere spirituale, al quale il suo cuore si aggrappava (111, 413).

La Madre sempre vergine è al di sopra di tutti i santi, sia perché è diventata Madre del Dio-Uomo, sia perché è stata la più costante, più attenta ascoltatrice ed esecutrice dell'insegnamento proclamato dal Dio-Uomo (111, 423).

Proprio come il Signore ha sostituito Adamo con Se stesso, così ha sostituito Eva con la Madre di Dio. Eva, essendo stata creata vergine, trasgredì il comandamento di Dio e non poté trattenere in sé il santo sentimento della verginità... La Madre di Dio, essendo concepita e nata nel peccato degli antenati, si preparò con una vita casta e gradita a Dio nel vaso di Dio (111, 425).

La Madre di Dio il terzo giorno, secondo la sua benedetta Dormizione, è risorta e ora vive in cielo nel corpo e nell'anima. Non solo vive in cielo, regna in cielo… La Santa Chiesa, rivolgendosi con suppliche a tutti i più grandi santi di Dio, a tutti gli Angeli e Arcangeli, dice loro: “Pregate Dio per noi”, chiede solo alla Madre di Dio: “Salvaci”. Vescovo Ignazio (Bryanchaninov) (111, 428).

Nell'estate del 1395 Tamerlano invase i confini russi. Si vantava che l'erba non cresce dove cammina il suo cavallo. Tamerlano aveva già preso la città di Yelets, picchiato molte persone e si era trasferito a Mosca. Il granduca Vasily Dimitrievich radunò frettolosamente un esercito e aspettò un formidabile ospite a Kolomna. Beleno doveva trasferire la famosa icona di Vladimir da Vladimir a Mosca. Il pianto stava nelle chiese di Mosca, innumerevoli candele tremolavano davanti alle icone... Gli abitanti di Mosca con la famiglia granducale e con tutto il clero andarono al campo di Kuchkovo, verso l'icona, e accadde un miracolo. Nell'ora dell'incontro dell'icona a Mosca, Tamerlano dormiva nella sua tenda. In sogno vide un'alta montagna. Gerarchi con bacchette d'oro scesero dalla montagna, sopra di loro nell'aria con indescrivibile grandezza, nello splendore di raggi luminosi, stava la Vergine radiosa. Gli angeli oscuri circondarono la Vergine e tenevano in mano spade di fuoco... Tamerlano si svegliò con orrore e chiamò i saggi. "Questa Vergine", dissero, "l'Intercessore dei Russi, la Madre del Dio cristiano... Il suo potere è irresistibile". Tamerlano ordinò alle sue orde di tornare indietro. “Tamerlano è fuggito, dice il cronista, spinto dal potere della Beata Vergine”. Paterico di Mosca (94, 6-7).

Una volta, nel cuore della notte, San Sergio stava facendo il suo governo di cella e davanti all'icona della Madre di Dio cantava l'Akathist, cosa che faceva ogni giorno... ora per avere una meravigliosa visita. E subito si udì una voce: “Ecco, viene il Purissimo!”… L'anziano si alzò, uscì nell'androne, e qui una luce più brillante del sole splendeva su di lui. Egli vide la Beata Vergine, accompagnata dagli Apostoli Pietro e Giovanni il Teologo... Incapace di sopportare questo splendore meraviglioso e l'ineffabile gloria della Madre della Luce, San Sergio cadde con la faccia a terra. Ma la buona Madre lo toccò e gli disse: “Non temere, Mia eletta. La tua preghiera per i tuoi discepoli è stata ascoltata. Non ti addolorare più per il tuo monastero. D'ora in poi, avrà abbondanza in ogni cosa, non solo durante la tua vita, ma anche dopo, come andrai a Dio. Non lascerò questo posto e lo terrò sempre “… Troitzkiy (Trinity) Paterico (90, 250, 253).

Foto di Ron Lach : https://www.pexels.com/photo/close-up-on-orthodox-icon-raffigurante-virgin-mary-and-jesus-10628192/

- Annuncio pubblicitario -
- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti