4.9 C
Bruxelles
Giovedi, dicembre 1, 2022

Tunisia: intervista televisiva esplora il ruolo costruttivo della religione nella società | BWNS

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Più da parte dell'autore

Aggiornamento: 6 case bahá'í distrutte e 20 ettari di terra confiscati da agenti del governo iraniano | BWNS

Case bahá'í distrutte e terreni confiscati da agenti del governo iraniano

0
Agenti del governo iraniano hanno sigillato il villaggio di Roushankouh, demolendo case bahá'í e confiscando le loro terre, intensificando la persecuzione dei bahá'í dell'Iran.
Breaking: La scioccante demolizione di case e l'accaparramento di terre segnalano l'intensificarsi della persecuzione dei baháʼí iraniani | BWNS

Rottura: la demolizione scioccante di case e l'accaparramento di terre segnalano l'intensificazione della persecuzione dei baháʼí iraniani

0
In una crudele escalation, fino a 200 agenti del governo iraniano hanno isolato il villaggio di Roushankouh, dove vive un gran numero di baháʼí, demolendo le loro case.
Esercitazione sull'incidente di massa

Guerra in Ucraina: l'importanza dell'addestramento dei sinistri di massa

0
Johan von Schreeb è professore di medicina globale dei disastri presso il Dipartimento di salute pubblica globale del Karolinska Institutet in Svezia e dirige il Center for Research on Health Care in Disasters, un centro collaborativo dell'OMS che organizza corsi di medicina globale dei disastri. Più di recente, ha organizzato corsi di formazione per i sinistri di massa in Ucraina e nei paesi limitrofi.
un uomo e una donna davanti a un camion Who che fanno l'inventario del contenuto

Portare forniture mediche di emergenza dove sono più necessarie

0
Intervista a Olexander Babanin sulla logistica del supporto dell'OMS all'Ucraina.

TUNISI, Tunisia — In una recente puntata di un programma televisivo nazionale in Tunisia, un rappresentante dei bahá'í di quel Paese si è seduto per una discussione sul ruolo della religione nella società, tema di crescente interesse nella coscienza pubblica. Chiamato "Per la cronaca", lo spettacolo settimanale mira a documentare storie significative per plasmare un'identità nazionale inclusiva.

presentazione
5 immagini
Burhan B'saees, l'ospite dello spettacolo, e Mohamed Ben Moussa, dell'Ufficio bahá'í per gli affari esteri, hanno esplorato le intuizioni degli sforzi storici e in corso della comunità bahá'í tunisina che hanno permesso alle persone di unirsi e creare legami di fiducia e cooperazione.

Burhan B'saees, l'ospite del programma, ha iniziato interrogandosi sulla capacità della religione di affrontare le sfide contemporanee, come il cambiamento climatico e le molte forme di disparità sociali. Mohamed Ben Moussa, dell'Ufficio Bahá'í per gli Affari Esteri della Tunisia, ha risposto affermando che “al centro di queste sfide c'è una crisi di valori e la frammentazione della società in credenti e non credenti, donne e uomini, ricchi e poveri, studiosi e ignorante.

“Questo può impedire a molti segmenti della società di partecipare pienamente alla vita pubblica o di contribuire a soluzioni. Tali divisioni impediscono all'umanità di raggiungere la piena maturità e di affrontare le sue sfide".

presentazione
5 immagini
L'intervista ha messo in evidenza gli sforzi bahá'í di costruzione della comunità che promuovono l'uguaglianza di donne e uomini alla base, come spazi di discussione che consentono alle donne di partecipare pienamente ai processi consultivi e decisionali.

Durante la conversazione di un'ora e venti minuti, il signor B'saees e il signor Ben Moussa hanno esplorato le intuizioni degli sforzi storici e in corso della comunità bahá'í tunisina che hanno consentito alle persone di unirsi e creare legami di fiducia e cooperazione.

Uno degli esempi osservati nella conversazione è stato che, partecipando ai discorsi sulla convivenza e sull'uguaglianza tra donne e uomini, i bahá'í tunisini hanno promosso nuove nozioni di cittadinanza basate sulla giustizia e sull'unità essenziale dell'umanità.

L'intervista ha anche messo in evidenza gli sforzi bahá'í di costruzione della comunità che promuovono l'uguaglianza di donne e uomini alla base, come spazi di discussione che consentono alle donne di partecipare pienamente ai processi consultivi e decisionali.

presentazione
5 immagini
Come parte dei suoi continui sforzi per creare legami di fiducia e cooperazione nella sua società, la comunità bahá'í tunisina contribuisce ai discorsi sociali, inclusa l'uguaglianza tra donne e uomini, la giustizia sociale e la convivenza.

Il Sig. Ben Moussa ha spiegato che gli sforzi della comunità bahá'í della Tunisia, stabilita in quel paese cento anni fa, sono stati aperti a tutte le persone e hanno ruotato attorno all'applicazione del principio spirituale dell'unità dell'umanità. "Questo principio richiede la convinzione dell'uguaglianza tra donne e uomini e l'eliminazione di ogni forma di pregiudizio, l'armonia tra scienza e religione, il riconoscimento della giustizia come prerequisito per l'unità e il servizio disinteressato ai propri concittadini".

L'intervista completa in arabo può essere visualizzata in due parti, parte 1 e parte 2, in cui Ben Moussa sottolinea il potere della religione di contribuire al progresso materiale e spirituale della civiltà.

presentazione
5 immagini
Questa
cortometraggio

esplora i contributi della comunità bahá'í tunisina a una maggiore convivenza in quel paese negli ultimi 100 anni.

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti