0.5 C
Bruxelles
Domenica, gennaio 29, 2023

La difficile situazione degli Amhara in Etiopia sollevata alle Nazioni Unite

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Il 30 giugno 2022, a Ginevra, il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha tenuto un dialogo interattivo sul briefing orale della Commissione internazionale di esperti in materia di diritti umani sull'Etiopia.

Mappa Etiopia 1024x826 - La difficile situazione degli Amhara in Etiopia sollevata alle Nazioni Unite
fonte: www.ethiovisit.com

Sig.ra Kaari Betty Murungi, Presidente della Commissione ONU di Esperti in Diritti Umani sull'Etiopia esposto lo stato di avanzamento dei lavori della Commissione sulla situazione dei diritti umani in Etiopia.

La Sig.ra Murungi ha presentato la missione di questa Commissione come « un'entità indipendente e imparziale incaricata di condurre indagini per stabilire i fatti e le circostanze che circondano presunte violazioni e abusi dell'Internazionale Diritti umani Legge, diritto internazionale umanitario e diritto internazionale sui rifugiati, commesse da tutte le parti in conflitto in Etiopia dal 3 novembre 2020. La Commissione è inoltre incaricata di fornire guida e supporto tecnico sulla giustizia di transizione, compresa la responsabilità, la riconciliazione nazionale, la guarigione e formulare raccomandazioni al Governo dell'Etiopia su queste misure '.

Ha aggiunto che “La Commissione è allarmata dal fatto che le violazioni e gli abusi dei diritti umani internazionali, del diritto umanitario e dei rifugiati – oggetto della nostra indagine – sembrino essere perpetrati impunemente anche adesso da varie parti in conflitto in Etiopia. Questa diffusione della violenza e la terribile crisi umanitaria aggravata dalla mancanza di accesso in alcune aree della popolazione civile all'assistenza umanitaria, compresi gli aiuti medici e alimentari, l'ostruzione degli operatori umanitari e la persistente siccità, esacerba le sofferenze di milioni di persone in Etiopia e il regione. La commissione sottolinea la responsabilità del governo dell'Etiopia di porre fine a tali violazioni sul suo territorio e di assicurare i responsabili alla giustizia. In questo contesto, il lavoro della Commissione è assolutamente centrale per la risposta del Consiglio alla violenza”.

La signora Murungi ha anche richiamato l'attenzione del Consiglio per i diritti umani sulla difficoltà per il suo team di condurre questa missione a causa di « alla Commissione non sono state assegnate risorse sufficienti per coprire il numero di posti di personale di cui ha bisogno e necessita ancora di risorse aggiuntive. » e quello " ci manca ancora il personale necessario per svolgere il nostro mandato. Tale mandato include la raccolta e la conservazione delle prove a sostegno degli sforzi di responsabilità e per questo abbiamo bisogno di risorse adeguate. "

La signora Murungi invita anche il governo etiope ad avere « accesso in Etiopia'.

Ha anche sottolineato che è importante per un'indagine imparziale e completa « incontrare e impegnarsi con vittime e testimoni nelle aree colpite dal conflitto, nonché con il governo e altre parti interessate. Desideriamo inoltre incontrare le istituzioni regionali con sede in Etiopia. "

Il Rappresentante Permanente del governo etiope ha assicurato la sua disponibilità a risolvere il conflitto ea collaborare a questa indagine consentendo l'accesso al territorio etiope agli Esperti della Commissione.

Infine, la sig.ra Murungi ha dichiarato a nome degli esperti della Commissione: “Speriamo che le consultazioni ad Addis Abeba daranno ai nostri investigatori l'accesso ai luoghi delle violazioni da identificare e ai sopravvissuti, alle vittime e ai testimoni."

In conclusione, ha invitato il Presidente del Consiglio ad esprimere la sua preoccupazione per il deterioramento della situazione in Etiopia e ha esortato il Consiglio come segue: « Nonostante le altre crisi che il Consiglio deve affrontare, gli Stati membri non devono distogliere lo sguardo dalla situazione in Etiopia. Come affermato in precedenza, siamo estremamente allarmati dalle continue atrocità contro i civili, compresi gli eventi segnalati nella regione di Oromia. Qualsiasi diffusione della violenza contro i civili, alimentata dall'incitamento all'odio e dall'incitamento alla violenza su base etnica e di genere, è un indicatore di allerta precoce e un precursore di ulteriori crimini atroci. Questi e la prolungata crisi umanitaria, compresi i blocchi agli aiuti alimentari e medici, alle forniture e ai servizi, rappresentano un grave rischio per la popolazione civile etiope e la regione”.

Evidenziare la necessità di estendere il mandato dell'UNHRC a Wellega, Benishangul Gumuz e Shewa dove si stanno verificando uccisioni di massa di Amharas. Lo ha detto anche la signora Murungi :

"Nonostante questi progressi, e come notato in precedenza, ci manca ancora il personale necessario per svolgere il nostro mandato. Tale mandato include la raccolta e la conservazione delle prove a sostegno degli sforzi di responsabilità e per questo abbiamo bisogno di risorse adeguate. Ad esempio, gli eventi più recenti nell'Oromia occidentale rientrano chiaramente nel mandato della Commissione e richiedono indagini immediate, urgenti e approfondite, ma non abbiamo la capacità di farlo. Sarò franco e dirò che se questo Consiglio si aspetta che raggiungiamo ciò che ha richiesto lo scorso dicembre, abbiamo bisogno di maggiori risorse. Facciamo appello agli stati membri per il supporto tecnico (compresi individui con competenze pertinenti), logistico e finanziario.“

Diversi Stati membri hanno partecipato al dibattito. La stragrande maggioranza ha sostenuto, così come la delegazione dell'Unione europea, il fatto che:

« La gravità e la portata delle violazioni dei diritti umani e degli abusi perpetrati da tutte le parti durante questo conflitto rimangono spaventose. Ciò include una diffusa violenza sessuale e di genere. Le uccisioni extragiudiziali e le detenzioni arbitrarie devono cessare. Non ci sarà pace senza piena responsabilità e giustizia per le vittime”.

L' EU delegazione ha anche fatto a “invitare tutte le parti coinvolte nel conflitto a cooperare con il mandato degli esperti internazionali in materia di diritti umani e consentire indagini e meccanismi di responsabilità completi, indipendenti e trasparenti, complementari agli sforzi nazionali in corso. Questo meccanismo internazionale contribuisce a creare fiducia e a prevenire ulteriori atrocità”.

Altri paesi dell'Unione Europea hanno espresso preoccupazione per la situazione in Etiopia, in particolare nelle regioni del Tigray, Afar e Amhara.

Di seguito si riportano le dichiarazioni di alcuni paesi dell'UE che hanno espresso profonda preoccupazione per il deterioramento della situazione in queste regioni:

Rappresentante permanente delle Nazioni Unite della Francia:

“È essenziale attuare un processo indipendente e imparziale per combattere l'impunità per gli autori di abusi. Non ci sarà pace senza responsabilità per gli autori e giustizia per le vittime. Questa è una condizione essenziale per una stabilizzazione sostenibile e la prevenzione di nuovi cicli di violenza”.

Rappresentante permanente delle Nazioni Unite del Lichtenstein:

"Sono stati segnalati numerosi casi di violazioni e abusi dei diritti umani gravi e su vasta scala, comprese sparizioni forzate, sfollamenti forzati, violenze sessuali, torture, nonché uccisioni arbitrarie e di massa. Condanniamo fermamente tali atti.

La mancanza di informazioni e l'ostacolo all'accesso a situazioni di crisi immediate all'interno dell'area di conflitto aggravano ulteriormente la situazione umanitaria. La sospensione dell'assistenza e dei servizi umanitari accresce ulteriormente le sofferenze dei civili.

Chiediamo a tutte le parti in conflitto di condurre indagini approfondite e imparziali su tutte le accuse di gravi violazioni e abusi del diritto internazionale dei diritti umani e del diritto internazionale umanitario, in particolare sui recenti omicidi nell'Etiopia occidentale, come riportato dall'Alto Commissario per i diritti umani”.

Rappresentante permanente delle Nazioni Unite della Germania:

"L'uccisione di centinaia di persone nella zona di West Wollega la scorsa settimana, costringendo migliaia di persone a fuggire e alcune sarebbero state rapite, è stato un atto orribile. Rapporti come questi ci ricordano che i conflitti armati in Etiopia devono finire e che deve essere assicurata la responsabilità delle vittime”.

Rappresentante permanente delle Nazioni Unite dei Paesi Bassi:

"Le recenti esplosioni di violenza nella regione dell'Oromia, così come a Benishangul-Gumuz e Gambella, hanno purtroppo nuovamente provocato varie gravi violazioni dei diritti umani e violazioni e violazioni del diritto umanitario internazionale da parte di diverse parti. Sono un tragico promemoria del fatto che la violenza guidata dall'emarginazione politica e l'urgenza di giustizia di transizione, riconciliazione nazionale e guarigione non si limitano solo alle parti settentrionali dell'Etiopia".

Rappresentante permanente delle Nazioni Unite del Lussemburgo:

“13 milioni di persone hanno bisogno di aiuti alimentari urgenti nel nord dell'Etiopia. Il mio paese condanna l'uso della fame come arma di guerra e invitiamo tutte le parti in conflitto – in primis i governi di Etiopia ed Eritrea – a rimuovere tutti gli ostacoli all'accesso umanitario alle regioni di Tigray, Afar e Amhara.

Le recenti notizie di pulizia etnica, così come di altri crimini di guerra e crimini contro l'umanità, sono estremamente inquietanti.

Esortiamo il governo etiope a cogliere l'opportunità di collaborare pienamente con la Commissione internazionale di esperti in materia di diritti umani e di condurre indagini indipendenti e credibili su tutte le violazioni e abusi dei diritti umani".

Alcune ONG hanno potuto esprimersi sulla situazione in Etiopia e allertare il Consiglio, gli Stati membri e gli esperti della Commissione sulle gravi violazioni dei diritti umani e le atrocità che vi vengono commesse.

Alcuni hanno condiviso i loro rapporti su ciò che sta accadendo sul campo, allertando su ciò che sta accadendo a determinati gruppi etnici come gli Amhara, che hanno bisogno di concentrare le atrocità su cui stanno soffrendo e di includerle nelle indagini della Commissione.

Come Christian Solidarity Worldwide (CSW) che ha informato che « Il 18 giugno almeno 200 persone, per lo più Amhara, sono state uccise in mezzo a controversie sulla responsabilità” e CIVICUS cioè “Seriamente allarmato dalle notizie di crimini contro l'umanità in un'ampia gamma di violazioni dei diritti umani, comprese uccisioni di massa, violenze sessuali e attacchi militari ai civili. Il 18 giugno più di 200 persone, per lo più della comunità etnica Amhara, sarebbero state uccise in un attacco nella regione dell'Oromia del paese. Circa 12 giornalisti sono stati arrestati e detenuti in incommunicado. Due sono stati denunciati assassinati".

Ed è stata la CAP Liberté de Conscience insieme a Human Rights Without Frontiers ad allertare il Consiglio, gli Stati membri e gli esperti della Commissione su questo specifico problema sofferto dai civili Amharas, presentando una dichiarazione orale sugli arresti di massa di Amharas in Etiopia:

"PAC Libertà di coscienza con Human Rights Without Frontiers e altre ONG internazionali, siamo molto preoccupati per una recente ondata di arresti di massa e sparizioni di attivisti, giornalisti e altri critici Amhara da parte del governo federale etiope.

Più di quattromilacinquecento persone sono state arrestate nella regione di Amhara entro la fine di maggio, hanno detto i funzionari.

Tra questi:

un bambino di quattro anni Ashenafi Abebe Enyew

uno storico settantaseienneTadio Tantu

accademico Meskerem Abera

giornalisti. Temesgen Desalegn e Meaza Mohammed

A metà giugno, il ragazzino, l'accademico e il giornalista Meaza sono stati rilasciati dopo aver trascorso un po' di tempo in detenzione.

Gli Amhara, il secondo gruppo etnico più numeroso in Etiopia, si sono ripetutamente lamentati della mancanza di protezione del governo federale quando le forze del Tigray e dell'Oromo hanno invaso la loro regione e attaccato i civili.

Raccomandiamo che la Commissione internazionale di esperti in materia di diritti umani sull'Etiopia indaghi sui recenti arresti di massa di Amhara, localizzi i loro luoghi di detenzione e il modo in cui sono trattati".

Oggi 12 Amhara sono detenuti.

Tra questi:

  • giornalista Temesgen Desalegn. La corte ha deciso che dovrebbe essere liberato, ma il governo ha rifiutato di rilasciarlo. È ancora in carcere con false accuse al governo federale.
  • Il sig. Sintayehu Chekol del partito Balderas è stato detenuto a Behar Dar e rilasciato dalla prigione dalle autorità regionali di Amhara il 30 giugno 2022, ma dirottato proprio davanti alla porta della prigione dalle forze federali e imprigionato ad Addis Abeba.
  • Un altro giornalista come il signor Wogderes Tenaw Zewdie è stato arrestato il 2nd di luglio 2022.
  • Anche altri giornalisti di Ashara Media sono ancora in detenzione.
- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti