15.8 C
Bruxelles
Domenica, Ottobre 2, 2022

Combattere l'incitamento all'odio nel nesso tra tecnologia, governo e società civile

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

BWNS
BWNS
Rapporti BWNS sui principali sviluppi e sforzi della comunità baha'i globale

Più da parte dell'autore

Nuovo stratagemma propagandistico per incriminare i baha'i in Iran

Nuovo stratagemma propagandistico per incriminare i baha'i in Iran

0
La comunità internazionale baha'i ha ricevuto la notizia di un nuovo stratagemma di propaganda scioccante e oltraggioso per incriminare i baha'i in Iran
Regno Unito: come il giornalismo sensazionalista oscura la visione della realtà | BWNS

Regno Unito: come il giornalismo sensazionalista oscura la visione della realtà

0
Giornalisti esperti si sono incontrati con l'Ufficio per gli affari pubblici bahá'í del Regno Unito per esplorare come le notizie possono promuovere la comprensione e il dialogo.
BIC New York: l'ONU chiede all'Iran di porre fine alla discriminazione religiosa | BWNS

BIC New York: l'ONU chiede all'Iran di porre fine alla discriminazione religiosa

0
L'Assemblea Generale delle Nazioni Unite invita l'Iran a rispettare i diritti umani per tutti i suoi cittadini, compresi i membri della Fede Bahá'í.
Turchia: il sindaco di Edirne celebra il centenario della morte di 'Abdu'l-Bahá | BWNS

Turchia: il sindaco di Edirne celebra il centenario della morte di 'Abdu'l-Bahá

0
Il centenario è stato recentemente celebrato a Edirne, dove Bahá'u'lláh, 'Abdu'l-Bahá e un piccolo gruppo di credenti hanno vissuto in esilio per oltre quattro anni.

BIC GINEVRA — Per affrontare la sfida dell'aumento dell'incitamento all'odio online, è necessaria una collaborazione molto più stretta tra il settore tecnologico, il governo e le organizzazioni della società civile, afferma la Bahá'í International Community (BIC). Questo è stato il tema di una recente tavola rotonda ospitata dall'Ufficio di Ginevra del BIC nell'ambito del vertice RightsCon, un forum internazionale annuale sui diritti umani nell'era digitale.

Il forum BIC ha riunito il relatore speciale delle Nazioni Unite sulla libertà di religione o di credo, Ahmed Shaheed, un fiduciario del consiglio di sorveglianza di Meta, Kristina Arriaga, e una ricercatrice di Human Rights Watch, Tara Sepehri Far, per esplorare le sfide della lotta all'odio online discorso nel contesto della campagna di disinformazione contro i bahá'í dell'Iran.

"L'incitamento all'odio alla fine crea una cultura dell'odio, in cui i gruppi non sono considerati membri a pieno titolo della società, in cui la coesione sociale viene erosa e la divisione può radicarsi, influenzando ogni aspetto delle relazioni tra individui, comunità e istituzioni di governo, ” ha affermato Simin Fahadej, rappresentante dell'Ufficio di Ginevra.

presentazione
3 immagini
Un forum BIC al vertice RightsCon ha esplorato la collaborazione necessaria tra il settore tecnologico, il governo e la società civile per affrontare l'incitamento all'odio online

La signora Arriaga, membro dell'Osservatorio per la società tecnologica Meta, che gestisce Facebook, Instagram e WhatsApp, ha spiegato che mentre i social media sono uno strumento importante per gli operatori dei diritti umani, possono anche essere usati per diffondere propaganda d'odio, come nel caso dei bahá'í dell'Iran.

La risposta di Meta, ha detto la signora Arriaga, è stata quella di istituire un consiglio di sorveglianza che monitori i contenuti e stabilisca le politiche su come moderare il materiale. Questo consiglio ha anche iniziato a lavorare con gruppi e comunità mirati in modo che l'incitamento all'odio possa essere segnalato e monitorato.

Nonostante questi sforzi, i partecipanti hanno notato che la moderazione dei contenuti, sia manuale che algoritmica, è estremamente difficile. “Non è facile sapere dove tracciare la linea dell'incitamento all'odio”, ha detto la signora Sepehri Far.

Ha aggiunto: "Le piattaforme online devono investire di più in risorse per comprendere non solo i contenuti in lingua [non inglese], ma anche il contesto sociale".

La signora Arriaga è d'accordo, affermando che "la portata del problema... rende necessario per la comunità dei diritti umani investire [tempo] nella comunità tecnologica per imparare a... lavorare con gli algoritmi e come iniettare la conoscenza dei diritti umani nel settore tecnologico”.

I relatori hanno notato che, sebbene l'incitamento all'odio cerchi di creare divisione tra le popolazioni, la creazione di forum come quello creato dal BIC eleva le discussioni al livello di principio e può portare a una più forte collaborazione tra i diversi settori per affrontare i problemi.

Le discussioni hanno anche evidenziato l'idea che, nonostante l'importante ruolo che le piattaforme online e le entità dei media devono svolgere nell'affrontare l'incitamento all'odio, il problema non può essere affrontato esclusivamente attraverso soluzioni tecniche.

"[Esiste una] intera gamma di norme, modi di comportarsi, mezzi di coinvolgimento e comunicazione, incluso il rispetto reciproco, che crea il tipo di ambiente in cui le persone possono prosperare", ha affermato il dottor Shaheed.

presentazione
3 immagini
"Possiamo avere tutti gli algoritmi giusti e le leggi giuste... ma alla fine, il modo in cui finiamo per comportarci come esseri umani ha a che fare con la realtà vissuta della nostra cultura". -Kristina Arriaga, membro del consiglio di sorveglianza di Meta

La signora Arriaga ha aggiunto: "Possiamo avere tutti gli algoritmi giusti e le leggi giuste... ma alla fine, il modo in cui finiamo per comportarci come esseri umani ha a che fare con la realtà vissuta della nostra cultura".

Ha aggiunto: “Ecco perché ciò che i bahá'í stanno facendo per elevare [le conversazioni] e coinvolgere gli altri è così importante. In definitiva, ciò che accade online è un riflesso di ciò che sta accadendo nella vita reale. E possiamo risolverlo solo se stiamo... cambiando la nostra cultura".

Riflettendo sull'evento, la Sig.ra Fahandej afferma: “Il forum ha rappresentato un momento importante per promuovere una visione condivisa tra gli attori sociali interessati alla tecnologia e al miglioramento della società. Il BIC prevede di organizzare eventi futuri su questo tema al fine di rafforzare ulteriormente le relazioni multisettoriali".

- Annuncio pubblicitario -
- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti