18.2 C
Bruxelles
Sabato, Ottobre 1, 2022

Una dea vivente è adorata in Nepal

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Più da parte dell'autore

La CEC addestra le chiese belghe alla sicurezza

La CEC addestra le chiese belghe alla sicurezza

0
I dirigenti della Chiesa belga hanno ricevuto una formazione per garantire la sicurezza nelle comunità religiose.
La dott.ssa Valerie Duval-Poujol riflette su come la creatività e lo sforzo di CEC stiano dando speranza al mondo

La dott.ssa Valerie Duval-Poujol riflette su come la creatività e lo sforzo di CEC stanno dando speranza a...

0
La dott.ssa Valerie Duval-Poujol, teologa battista, è un membro del consiglio della CEC. Di seguito, riflette su come la creatività e lo sforzo potrebbero essere ciò che è necessario per inaugurare la CEC in una nuova era piena di sfide, ma anche con grande speranza.

I cristiani adorano le icone o le statue di Cristo, della Vergine e dei santi, e i buddisti accendono candele davanti alle immagini degli Illuminati. In Nepal, tuttavia, adorano ancora una dea vivente: Kumari Devi. Il suo culto è considerato un mondo unico, ma si inserisce ancora perfettamente nel ricco pantheon delle divinità orientali. In Nepal, il casting della dea si tiene regolarmente tra le bambine. Tuttavia, la vita del "prescelto dall'alto" non è affatto facile.

Shakti

“Kumari” deriva dalla parola sanscrita “Kaumaria” – “vergine” e “Devi” significa “dea”. Questa tradizione, che risale al X secolo, si basa su antiche credenze. Derivano dal testo filosofico indù Devi Mahatmya secondo cui la dea suprema di Durga, che si crede abbia manifestato tutta la creazione dal suo grembo, risiede negli spazi interiori di ogni donna, in tutto il Cosmo.

La gente crede che la dea Kumari porti le energie femminili chiamate 'shakti'. Con loro può guarire i malati, esaudire desideri specifici, benedire per protezione e prosperità. Si ritiene che Kumari Devi abbia il potere di collegare il mondo dei vivi e il mondo del divino. In Nepal, sia gli indù che i buddisti credono sinceramente che Kumari sia un'incarnazione della proto-dea Durga (o Taleju). Anche i re in questa parte del mondo non potevano intraprendere alcuna azione senza le benedizioni di Kumari.

Backgammon

Una delle leggende sul suo aspetto afferma che un re malvagio andò a letto con una ragazza minorenne. Morì e il sovrano, per espiare la sua colpa, introdusse nel paese il culto delle dee vergini. Una leggenda più comune sul culto della dea vivente afferma che un giorno il re Jayaprakash stava giocando a backgammon con la dea Taleju e stava per sedurla. Tuttavia, discerneva i suoi pensieri empi, che violavano il suo stato divino. Si arrabbiò e scomparve dal mondo mortale, ma annunciò che avrebbe trasmesso la sua saggezza attraverso una bambina che non aveva mai visto sangue in vita sua.

Casting

Così fino ad oggi viene eseguito il casting per la dea Kumari. I candidati sono scelti tra ragazze tra i 3 ei 4 anni. I più apprezzati sono quei bambini che non hanno perso il primo dente da latte. Le famiglie della futura dea devono far risalire almeno tre generazioni alla casta dei gioiellieri Bara del popolo Newari. Il bambino stesso deve essere assolutamente sano e non avere cicatrici o segni di nascita sul corpo. Superati questi requisiti, vai a un attento studio dell'oroscopo del bambino. Se soddisfa le descrizioni speciali nei libri antichi, i sacerdoti verificano se il bambino soddisfa 32 altri requisiti (test). Alcuni di loro sono piuttosto scioccanti.

trials

Alla bambina non resta che entrare in una stanza semibuia, nella quale sono sparse teste di bufali e arieti appena mozzate, sanguinanti e appena illuminate da lanterne. Un vero Kumari non dovrebbe mostrare alcuna paura. Poi deve passare la notte in un tempio tra statue di draghi e serpenti, sempre senza mostrare il minimo segno di paura. Se anche lui vive questo incubo, la bambina dovrà scegliere oggetti appartenuti al precedente Kumari tra i tanti oggetti posti davanti a lui.

Rituali

Diventare un Kumari è un grande onore per la famiglia del bambino, ma allo stesso tempo un peso e una responsabilità. Quando la nuova dea viene scelta, elaborati rituali quotidiani iniziano a sostenere la sua divinità. Non dovrebbe calpestare il terreno e usare solo cibi "puliti" speciali. Ogni giorno, alla bambina viene dato un trucco molto complicato. Non socializza con nessuno tranne i servi, i preti, la sua stessa famiglia e talvolta alcuni coetanei ben scelti con i quali fa giochi di addomesticamento. Un Kumari non può uscire a meno che non ci sia un festival. Anche allora, i suoi piedi non dovrebbero toccare il terreno sbagliato. La bambina va portata in braccio o su un palanchino (lettiera cerimoniale per persone incoronate). L'obiettivo è proteggerla da lesioni accidentali. Perché se vede il proprio sangue, dovrà essere detronizzata come una dea.

Appare alla finestra del suo palazzo a Kathmandu ogni giorno alle 11 del mattino e benedice i suoi devoti con speciali mantra curativi insegnati da saggi dedicati. Il resto del tempo nessuno dovrebbe vederla, nemmeno fotografarla quando benedice. Con l'inizio della pubertà, la dea vivente lascia il palazzo per far posto al prossimo Kumari.

Hanno sollevato la questione dei diritti dei bambini

Tuttavia, le fondamenta della secolare tradizione nepalese sono state gravemente scosse di recente.

I drammatici eventi politici che hanno scosso il Nepal alle sue fondamenta tra il 1997 e il 2007 e hanno trasformato il Paese da una monarchia quasi medievale in una moderna repubblica federale non sono sfuggiti alle antiche regole di vita di Kumari. Nel 2020, la Corte Suprema ha accolto un appello di gruppi per i diritti dell'infanzia che hanno allentato il rigido regime delle "dee viventi", che le ha private di un'infanzia normale e ha trasformato il loro palazzo a Kathmandu nella loro prigione. La corte ha stabilito che Kumari dovrebbe godere di tutti i diritti sanciti dalla Convenzione sui diritti dell'infanzia. La dea potrà andare a scuola, viaggiare senza restrizioni e usufruire dei servizi sanitari.

La vita dopo il palazzo si rivela un incubo

Dopo aver lasciato il suo palazzo, un'ex Kumari trova terribilmente difficile adattarsi alla vita normale. Deve andare a scuola senza avere la minima idea di come comunicare con i suoi coetanei, prendersi cura di se stessa. La ragazza Rashmila è la prima delle ex Kumaris che è riuscita a ottenere un'istruzione e lavorare come programmatrice. Gli altri stanno imparando a malapena a leggere.

“È stato terribilmente difficile per me padroneggiare le attività domestiche più ordinarie. Odiavo gli “stranieri” – la mia stessa famiglia, con la quale dovevo vivere, odiavo la mia casa, che era molto diversa dal palazzo. Non sapevo come vestirmi, come uscire per strada. A 13 anni ho iniziato la prima elementare con mio fratello di 5 anni e non ci capivo niente. Non ero bravo in nessuna materia, non conoscevo nemmeno l'alfabeto. È stato difficile per me, ma ho sconfitto i Kumari in me”, l'ex dea è orgogliosa.

Chi sposa un ex muore presto

Attualmente ci sono nove ex dee viventi che vivono in Nepal. Il più vecchio di loro, Dill, ha più di 90 anni. Tuttavia, si crede che chiunque sposi una ragazza del genere morirà presto. Tuttavia, Dill è un'eccezione: ha figli e nipoti e suo marito è vivo alla stessa età avanzata. Nella sua casa, invece, è in una stanza in cui nessun altro entra. Lì, sotto il suo ritratto di 80 anni fa, ripete i mantra segreti appresi nel tempio. E quando una delle nipoti le chiede cosa ha imparato essendo una dea, Dil risponde con una sola parola: "Pazienza".

- Annuncio pubblicitario -
- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti