6.6 C
Bruxelles
Giovedi, settembre 29, 2022

Implicazioni generali: un nuovo studio rivela dove sono archiviati i frammenti di memoria

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Più da parte dell'autore

Lo studio ha gettato nuova luce sul processo di richiamo della memoria.

Richiamare i ricordi richiede la cooperazione di diverse regioni del cervello.

Quando trascorri una serata memorabile in un ristorante, più del semplice cibo rimane nella tua memoria. Un vivido ricordo della serata è creato dagli odori, dall'arredamento, dalla musica suonata dalla band, dalle conversazioni e da molti altri elementi. In seguito, riportare solo una di queste impressioni potrebbe essere sufficiente per rivivere l'intera esperienza.

Secondo una recente ricerca, i ricordi complessi nel cervello sono costituiti da un tutto e dalle sue parti. L'ippocampo, una parte del cervello a lungo ritenuta la sede della memoria, è il luogo in cui viene conservata l'esperienza generale, ma i dettagli specifici vengono analizzati e archiviati in una parte diversa del cervello, la corteccia prefrontale. In futuro, questa separazione farà in modo che l'esposizione a qualsiasi segnale sia sufficiente per attivare la corteccia prefrontale, che accederà quindi all'ippocampo per ricordare l'intera memoria.


La ricerca, pubblicata in Natura, fa luce su come il cervello elabora i ricordi in modi diversi e offre nuove informazioni su come vengono richiamati i ricordi, che è un processo meno compreso dell'archiviazione della memoria.

È stato difficile studiare la memoria come un processo cerebrale distribuito, in parte a causa di limitazioni tecniche. Priya Rajasethupathy, neuroscienziata presso Rockefeller University e i suoi colleghi hanno sviluppato nuove tecniche per registrare e manipolare simultaneamente l'attività neurale da più aree del cervello mentre i topi navigavano in esperienze multisensoriali, incontrando vari panorami, suoni e odori mentre si trovavano in un corridoio infinito nella realtà virtuale.

I ricercatori hanno addestrato i topi ad associare stanze diverse, che erano composte da diverse combinazioni di segnali sensoriali, come esperienze gratificanti o avverse. Più tardi, spinti da un odore o un suono specifico, i topi sono stati in grado di ricordare l'esperienza più ampia e hanno saputo se aspettarsi felicemente acqua zuccherata o cercare un fastidioso soffio d'aria.


Gli esperimenti hanno dimostrato che mentre il percorso entorinale-ippocampale, un circuito ben studiato che coinvolge l'ippocampo e la regione circostante, era essenziale per formare e memorizzare le esperienze, le caratteristiche sensoriali individuali venivano inviate ai neuroni prefrontali. Successivamente, quando i topi hanno incontrato particolari caratteristiche sensoriali, è stato attivato un circuito diverso. Questa volta, i neuroni prefrontali hanno comunicato con l'ippocampo per evocare la memoria globale rilevante.

"Ciò suggerisce che esiste un percorso dedicato per il richiamo della memoria, separato dalla formazione della memoria", afferma Nakul Yadav, il primo autore dello studio e uno studente laureato co-mentore di Rajasethupathy e di Conor Liston, neuroscienziato presso Weill Cornell Medicine.

Questi risultati hanno implicazioni per il trattamento di condizioni come Alzheimer malattia, dove si pensa che i deficit siano più legati al richiamo della memoria che alla conservazione. L'esistenza di percorsi separati di memorizzazione e recupero nel cervello suggerisce che il targeting dei percorsi di richiamo prefrontale potrebbe essere più promettente dal punto di vista terapeutico, afferma Rajasethupathy.

Riferimento: "Le rappresentazioni delle caratteristiche prefrontali guidano il ricordo della memoria" di Nakul Yadav, Chelsea Noble, James E. Niemeyer, Andrea Terceros, Jonathan Victor, Conor Liston e Priyamvada Rajasethupathy, 13 luglio 2022, Natura.
DOI: 10.1038/s41586-022-04936-2

 

- Annuncio pubblicitario -
- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti