13.8 C
Bruxelles
Sabato, settembre 24, 2022

La Commissione propone possibilità di pesca per il 2023 nel Mar Baltico nel tentativo di recuperare le specie

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Commissione europea
Commissione europea
La Commissione Europea (CE) è il ramo esecutivo dell'Unione Europea, responsabile della proposta legislativa, dell'applicazione delle leggi dell'UE e della direzione delle operazioni amministrative dell'Unione. I commissari prestano giuramento presso la Corte di giustizia europea della città di Lussemburgo, impegnandosi a rispettare i trattati e ad essere completamente indipendenti nell'esercizio delle loro funzioni durante il loro mandato. (Wikipedia)

Più da parte dell'autore

Ecco il piano dell'Europa per un mercato unico a prova di crisi

Ecco il piano dell'Europa per un mercato unico a prova di crisi

0
Quando la pandemia di COVID-19 ha colto di sorpresa il mondo, compresa l'UE, non c'era un playbook su come affrontare la crisi.
Palestina: Ue annuncia 261 milioni di euro

Palestina: l'UE annuncia 261 milioni di euro a sostegno delle operazioni dell'UNRWA

0
La Commissione Europea ha adottato 261 milioni di euro come contributo pluriennale che consentirà di garantire risorse finanziarie prevedibili all'Agenzia per la fornitura di servizi essenziali ai rifugiati palestinesi
InvestEU in Germania: la BEI sostiene l'edilizia sociale e conveniente ad Hannover con 60 milioni di euro

Germania: la BEI sostiene l'edilizia sociale e conveniente ad Hannover con 60 milioni di euro

0
InvestEU in Germania: la BEI sostiene l'edilizia sociale e conveniente ad Hannover con 60 milioni di euro

La Commissione Europea ha adottato oggi la sua proposta sulle possibilità di pesca per il 2023 per il Mar Baltico. Sulla base di questa proposta, i paesi dell'UE determineranno le quantità massime delle specie ittiche commerciali più importanti che possono essere catturate nel bacino marino.

La Commissione propone di aumentare le possibilità di pesca dell'aringa centrale e della passera di mare, mantenendo gli attuali livelli per il salmone ei livelli di catture accessorie di merluzzo bianco occidentale e orientale, nonché dell'aringa occidentale. La Commissione propone di ridurre le possibilità di pesca per i quattro stock rimanenti oggetto della proposta, al fine di migliorare la sostenibilità di tali stock e consentirne la ricostituzione.

Virginia Sinkevičius, Commissario per l'Ambiente, gli oceani e la pesca, ha dichiarato: “Rimango preoccupato per il cattivo stato ambientale del Mar Baltico. Nonostante alcuni miglioramenti, stiamo ancora soffrendo degli effetti combinati dell'eutrofizzazione e della lentezza della risposta per affrontare questa sfida. Tutti dobbiamo assumerci la responsabilità e agire insieme. Questo è l'unico modo per garantire che i nostri stock ittici tornino sani e che i nostri pescatori locali possano contare di nuovo su di loro per il loro sostentamento. La proposta di oggi va in questa direzione”.

Nell'ultimo decennio, i pescatori e le donne dell'UE, l'industria e le autorità pubbliche hanno compiuto grandi sforzi per ricostruire gli stock ittici nel Mar Baltico. Laddove era disponibile una consulenza scientifica completa, le possibilità di pesca erano già state stabilite in linea con il principio del rendimento massimo sostenibile (MSY) per sette stock su otto, che coprono il 95% degli sbarchi di pesce in volume. Tuttavia, gli stock commerciali di merluzzo bianco occidentale e orientale, di aringa occidentale e i numerosi stock di salmone sia nel Mar Baltico meridionale che nei fiumi degli Stati membri dell'UE del Baltico meridionale subiscono una forte pressione ambientale a causa della perdita di habitat, a causa del degrado della loro vita ambiente.

I totali ammissibili di catture (TAC) proposti oggi si basano sui migliori pareri scientifici disponibili sottoposti a revisione paritaria dal Consiglio internazionale per l'esplorazione dei mari (ICES) e seguire il Piano di gestione pluriennale del Baltico (MAP) adottata nel 2016 dal Parlamento Europeo e dal Consiglio. Di seguito è disponibile una tabella dettagliata. 

Merluzzo

Fatti merluzzo del Baltico orientale, la Commissione propone di mantenere il livello del TAC limitato alle catture accessorie inevitabili e tutte le misure di accompagnamento del Possibilità di pesca 2022. Nonostante le misure adottate dal 2019, quando gli scienziati hanno lanciato per la prima volta l'allarme sul pessimo stato dello stock, la situazione non è ancora migliorata.

La condizione di merluzzo del Baltico occidentale purtroppo è peggiorato e la biomassa è scesa al minimo storico nel 2021. La Commissione, pertanto, rimane prudente e propone di mantenere il livello del TAC limitato alle catture accessorie inevitabili e tutte le misure di accompagnamento delle possibilità di pesca 2022.

Aringa

La dimensione dello stock di aringa del Baltico occidentale rimane al di sotto dei limiti biologici di sicurezza e gli scienziati consigliano per il quinto anno consecutivo di interrompere la pesca dell'aringa occidentale. La Commissione propone pertanto di autorizzare un TAC molto piccolo solo per le catture accessorie inevitabili e di mantenere tutte le misure di accompagnamento dalle possibilità di pesca del 2022.

Fatti aringa del Baltico centrale, la Commissione resta prudente, con un aumento proposto del 14%. Ciò è in linea con il parere del CIEM, perché la dimensione dello stock non ha ancora raggiunto livelli sani e si basa solo sui pesci appena nati, il che è incerto. Anche in questo caso, in linea con il parere del CIEM, la Commissione propone di ridurre il livello del TAC per aringhe nel Golfo di Botnia del 28%, in quanto il titolo è sceso molto vicino al limite al di sotto del quale non è sostenibile. Infine, per Aringa di Riga, la Commissione propone di ridurre il TAC del 4% in linea con il parere del CIEM.

Passera di mare

Sebbene il parere del CIEM consentirebbe un aumento significativo, la Commissione resta cauta, principalmente per proteggere il merluzzo bianco, che è una cattura accessoria inevitabile durante la pesca della passera di mare. A breve dovrebbero entrare in vigore nuove norme che rendano obbligatorio l'uso di nuovi attrezzi da pesca che dovrebbero ridurre sostanzialmente le catture accessorie di merluzzo bianco. La Commissione propone pertanto di limitare l'aumento del TAC al 25%.

Spratto

Il CIEM consiglia una diminuzione per lo spratto. Ciò è dovuto al fatto che lo spratto è una specie preda del merluzzo, che non è in buone condizioni, quindi sarebbe necessario per il recupero del merluzzo. Inoltre, ci sono prove di segnalazioni errate dello spratto, che si trova in una condizione fragile. La Commissione, pertanto, rimane prudente e propone di ridurre il TAC del 20%, al fine di impostarlo sulla fascia di rendimento massimo sostenibile (MSY) inferiore.   

Salmone

Lo stato delle diverse popolazioni di salmoni fluviali nel bacino principale varia considerevolmente, alcune sono molto deboli e altre sane. Per raggiungere l'obiettivo MSY, l'anno scorso il CIEM ha consigliato la chiusura di tutte le attività di pesca del salmone nel bacino principale. Per le acque costiere del Golfo di Botnia e del Mare delle Åland, il consiglio affermava che sarebbe stato accettabile mantenere la pesca durante l'estate. Il parere del CIEM rimane invariato quest'anno, pertanto la Commissione propone di mantenere il livello del TAC e tutte le misure di accompagnamento a partire dalle possibilità di pesca del 2022. 

Prossimi passi

Il Consiglio esaminerà la proposta della Commissione in vista della sua adozione nel corso di una riunione ministeriale del 17-18 ottobre.

sfondo

La proposta sulle possibilità di pesca fa parte dell'approccio dell'Unione europea volto ad adeguare i livelli di pesca a obiettivi di sostenibilità a lungo termine, denominati rendimento massimo sostenibile (MSY), entro il 2020, come concordato dal Consiglio e dal Parlamento europeo nella Politica comune della pesca. La proposta della Commissione è inoltre in linea con le intenzioni politiche espresse nella comunicazione della Commissione “Verso una pesca più sostenibile in Ue: stato di avanzamento e orientamenti per il 2023” e con il Piano pluriennale per la gestione del merluzzo bianco, dell'aringa e dello spratto nel Mar Baltico.

- Annuncio pubblicitario -
- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti