7.8 C
Bruxelles
Martedì, Ottobre 4, 2022

I cani non ricordano la generosità

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Gaston de Persigny
Gaston de Persigny
Gaston de Persigny - Reporter presso The European Times News

Più da parte dell'autore

Gli specialisti dell'Università di Medicina Veterinaria di Vienna hanno studiato se i cani a quattro zampe preferirebbero un addestratore generoso a uno che non li ricompenserebbe con leccornie

I cani non si legano più quando ricevono ricompense perché non ricordano la generosità e non costruiscono un'immagine basata su ciò che hanno ricevuto, ha riferito il Daily Mail.

Gli specialisti dell'Università di Medicina Veterinaria di Vienna hanno studiato se i cani a quattro zampe preferirebbero un addestratore generoso a uno che non li ricompenserebbe con leccornie. Hanno scoperto che né i cani né i lupi mostravano preferenze dopo aver visto l'essere umano dare o mantenere il bocconcino.

La conclusione degli specialisti è che "creare una reputazione può essere più difficile del previsto tra gli animali".

Secondo alcune ricerche, i modellatori cooperano con le persone perché si formano un'immagine di loro osservandole interagire con gli altri. Il dottor Hoi-Lam Jim esamina questa capacità e se si è evoluta attraverso l'addomesticamento o esisteva anche nei lupi.

Ha lavorato con nove lupi e sei cani. Gli esperimenti mostrano che la maggior parte degli animali non ha preferenze dopo l'osservazione o l'esperienza diretta. Tre cani e due lupi, invece, mostravano una certa inclinazione verso quello più generoso.

Foto di Nancy Guth: https://www.pexels.com/photo/photography-of-three-dogs-looking-up-850602/

- Annuncio pubblicitario -
- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti