5.1 C
Bruxelles
Giovedi, dicembre 1, 2022

Pagine della storia della Chiesa russa a Sofia

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

Più da parte dell'autore

Quando e come è stato creato il tempio

La prima pietra della futura chiesa “S. Nicholas the Wonderworker” fu deposto dal Granduca Vladimir Alexandrovich (figlio dell'imperatore Alessandro II), che arrivò a Sofia appositamente per questo scopo insieme alla moglie e al figlio. Il 30 agosto 1907 presero parte alla solenne consacrazione del monumento allo Zar Liberatore, creazione dello scultore italiano Arnoldo Zocchi, e il 2 settembre 1907 avvenne la solenne posa delle fondamenta del tempio dell'ambasciatore. Alla cerimonia hanno partecipato funzionari bulgari - membri del Sinodo bulgaro, il principe ereditario Boris, e anche rappresentanti della legazione russa, guidata dall'ambasciatore Sementovski-Kurilo e un'ampia delegazione dei reggimenti russi che hanno combattuto per la liberazione della Bulgaria. La cerimonia di consacrazione del futuro tempio in onore di San Nicola Taumaturgo è stata eseguita dal metropolita Partenio di Sofia.

Fu deciso che la chiesa dell'ambasciatore sarebbe stata costruita nello stile dell'architettura della chiesa di Mosca del XVII secolo secondo il progetto dell'accademico artista riconosciuto Mikhail Timofeevich Preobrazhensky (autore delle cattedrali ortodosse di Nizza, Firenze e molti altri). La costruzione fu supervisionata da un altro Rusyn, l'architetto Alexander Smirnov, che mostrò anche le migliori qualità nel campo della costruzione di chiese. Sotto la sua guida, ad esempio, nel 17 fu costruita la magnifica chiesa-monumento “Natività di Cristo” a Shipchen Pass; curò anche la costruzione del tempio-monumento “S. Alexander Nevsky” a Sofia. Smirnov si impegnò a costruire il tempio secondo i progetti e i disegni dettagliati, i calcoli e i resoconti fatti da Preobrazhensky. I lavori per la costruzione del tempio sono seguiti da una commissione edile ed economica appositamente creata sotto la guida personale dell'ambasciatore, che comprende dipendenti della legazione russa e del viceconsolato a Sofia. Nel 1902, ad esempio, oltre all'ambasciatore Neklyudov, il principe Urusov, l'addetto militare tenente colonnello Romanovsky e il vice console Jackeli lavoravano nella commissione. I compiti della commissione includono anche il controllo finanziario. I documenti conservati testimoniano un atteggiamento molto responsabile dei membri della commissione nei confronti dei lavori di costruzione: da bravi uomini d'affari, non consentono sprechi di fondi, ma allo stesso tempo curano l'alto livello di tutte le attività svolte . Non si può non notare che sia gli architetti che gli artisti chiedono un compenso molto moderato per il loro lavoro, considerando un onore partecipare a un'opera così nobile.

Nella primavera del 1910, per ordine dello Zar di Russia, furono stanziati ulteriori 75,000 franchi per il completamento dei lavori di costruzione e per la decorazione interna del tempio, perché i primi calcoli erano stati fatti diversi anni prima a prezzi inferiori e non comprendono le spese per la decorazione interna. In generale, la costruzione del tempio fu completata nel 1911. All'epoca si poteva vedere un vero e proprio “angolo russo a Sofia” nei pressi del palazzo reale: una pregevole chiesa circondata da betulle, collegata da un bel viale all'edificio di la legazione russa, un vero capolavoro dello “stile russo” nell'architettura ecclesiastica.

Sorgendo su un colle, il tempio, la cui altezza dalla base alla croce della cupola centrale è di 35 m, è ben visibile da tutti i lati. La base della sua costruzione è formata da un edificio quadrangolare – una “quadrupla”, a cui sono attaccati quattro aggetti: un'abside d'altare nella parte orientale, un'abside con prospetto per le persone nella parte occidentale e due navate – nord e sud , a cui conducono due ingressi: dal giardino della legazione e dallo zar Osvoboditel Blvd. L'ingresso operativo era quello settentrionale, al quale conduceva una porta che collegava il tempio con il territorio della legazione. Nei giorni festivi si accedeva attraverso il portale sud, davanti al quale veniva realizzata una piattaforma semiovale per gli equipaggi. È circondato da uno squisito reticolo in ferro battuto e su entrambi i lati dell'ingresso sono appese lanterne a pilastri di ghisa con immagini di aquile bicipite, un'abile creazione degli artigiani di Tula. Il tetto a due falde ricoperto di tegole verdi e smaltate sopra ogni ingresso è disegnato ad arte come un antico "terem" russo. I frontoni dei portali meridionali e settentrionali sono decorati con immagini in maiolica di San Nicola Taumaturgo e Sant'Alexander Nevsky. Sopra quello settentrionale c'è un piccolo campanile con otto campane.

Il tempio è a cinque cupole: la cupola centrale che corona la torretta a forma di tenda è circondata da quattro cupole decorative con sommità a “cipolla” dorata. Ciascuno è sormontato da una corona di "kokoshniki" semisferici intarsiati con piastrelle multicolori e sormontato da una croce ottagonale russa. L'ampio fregio che circonda la parte superiore del “Quad” è formato da formelle con fregio a rilievo. Basta uno sguardo per capire che questo è un tempio russo.

Per due anni sono stati eseguiti lavori sulla decorazione e sulla pittura degli interni: sono stati realizzati da un gruppo di artisti russi, dipingendo contemporaneamente la chiesa “St. Aleksandr Nevskij”. Sono guidati dall'esperto maestro della pittura ecclesiastica Vasiliy Perminov, professore al Politecnico di Varsavia. Davanti agli artisti c'è un compito assegnato loro dalle autorità russe: la chiesa "essere in questo paese ci ha riferito un degno monumento dell'arte russa, corrispondente al significato del nome russo ea tutto ciò che è connesso ad esso".

La decorazione interna del tempio “S. Nicholas the Wonderworker” è un magnifico esempio di pittura di icone russe dell'era moderna. Espressiva l'immagine in trono della Madre di Dio con il Bambino, circondata dalle potenze celesti, situata nell'altare. La composizione è coronata da un'immagine di Dio Padre sulla volta emisferica. Sulla parete meridionale del tempio è raffigurato il Cristo crocifisso con i santi a venire, sotto di esso in lettere slave ecclesiastiche è scritta una citazione dal canto liturgico del Grande Sabato: "Tutta la carne taccia". Sulla parete nord vediamo la composizione “Deisis”, su cui è raffigurato Cristo – il Grande Gerarca, al quale pregano la Vergine in vesti regali e San Giovanni il Precursore, e sotto di essi – una schiera di santi, personificazione del Trionfante Chiesa celeste. Sulla volta dell'abside occidentale è raffigurato Gesù Cristo “in gloria” sopra una schiera di santi russi. Successivamente, la navata settentrionale della chiesa fu decorata con la composizione "Resurrezione di Cristo", dipinta dal grande maestro della pittura ecclesiastica, l'artista emigrato russo Nikolai Rostovtsev. Al suo pennello appartengono anche le grandi icone della navata sud: della Beata Vergine Maria, San Nicola Taumaturgo, i taumaturghi Rev. Giovanni di Rila, Rev. Sergio di Radonezh e Rev. Seraphim di Sarov.

Magnifica è l'iconostasi in maiolica a fila singola con un ornamento floreale su fondo dorato, su cui sono poste le icone del Salvatore, della Madre di Dio e di Sant'Alexander Nevsky: meravigliose copie delle icone, opera di Viktor Mikhailovich Vasnetsov, da la cattedrale “S. Vladimir” a Kiev. L'icona del tempio di San Nicola Taumaturgo è una copia dell'icona conservata nella stessa cattedrale, opera di Mikhail Nesterov. Non è un caso che gli artisti si rivolgano a questi capolavori della pittura di icone russa: è un ricordo della Russia, una chiamata a una fervente preghiera per lei.

Il 5 luglio 1912, sul suo yacht imperiale “Standart”, Nicola II appose sul testo della legge sullo stato dei dipendenti della Chiesa ortodossa alla Legazione Imperiale Russa a Sofia una risoluzione: “Lascialo stare”. Il diacono della Chiesa russa viennese Pyotr Preobrazhensky, allora ordinato sacerdote, fu nominato primo sacerdote e Nikolay Makarov, trasferito qui da Yambol, dove prestò servizio nel tempio commemorativo russo “St. Aleksandr Nevskij”. L'ambasciatore russo propone di lasciare vacante uno dei posti per i ministri della chiesa, in modo che i fondi così risparmiati possano essere utilizzati per sostenere un "coro dignitoso di almeno 16 persone" che "deve essere un modello di canto in chiesa rigorosamente mantenuto. " Non c'è bisogno di invitare un direttore di coro dalla Russia, poiché il dragoman (interprete) della legazione P. Kiryakov si occupa di organizzare un coro misto a quattro voci.

Arrivato a Sofia, il prefetto decise che il tempio non era abbastanza pronto per essere consacrato e aperto al culto pubblico. Le sue obiezioni furono causate da una parte della zografia del tempio che, a suo avviso, non corrispondeva al canone della chiesa, che riferì in una lettera al Ministero degli Affari Esteri nell'ottobre 1913. Anche il completamento finale del tempio fu ritardato perché, proprio dalle relazioni tra il capo della legazione russa e il capo della legazione russa, Savinsky, iniziò a sforzarsi. Il 5 febbraio 1914 fece appello al ministero affinché richiamasse Preobrazhensky perché era "maleducato" con lui, "coinvolto nella politica e gli piace parlare con i bulgari di argomenti politici" e nei suoi modi è "assolutamente inadatto al servizio estero '. La sua richiesta fu accolta e nel marzo 1914 l'archimandrita Nikolay (Drobyazgin), che aveva servito nelle chiese di Baden-Baden e Karlsruhe, fu nominato capo della chiesa di Sofia e al suo posto fu mandato Preobrazhensky. Allo stesso tempo, il tempio viene preparato per la consacrazione: dalla Russia sono stati consegnati libri liturgici, stoffe per l'altare e oggetti degli utensili ecclesiastici appositamente ordinati dall'associazione industriale "Figli di PI Olovyanishnikov". Le icone sono state realizzate nella fabbrica di IA Zheverzheev. Poco dopo, il Gabinetto di Sua Maestà Imperiale consegnò al tempio un'icona analogica di San Nicola, donata dall'imperatore, con finiture in argento dorato, decorata con pietre preziose, in uno scrigno di quercia.

L'11/24 settembre 1914, davanti a un gran numero di persone, alla presenza del capo della legazione russa Savinsky e dei diplomatici dei paesi amici della Russia, la chiesa fu consacrata dal metropolita Basil di Dorostolo-Cherven, in sostituzione del all'epoca capo della Chiesa bulgara gravemente malato - l'esarca Giuseppe. Il proto-single dell'esarca, l'archimandrita Stefan (successivamente metropolita di Sofia, e nel 1945-1948 esarca di Bulgaria), il capo del tempio, l'archimandrita Nikolai, e anche il ieromonaco russo Juvenalius e il ieromonaco bulgaro Khariton, prestarono servizio con lui . Il coro della cattedrale “S. Sofia” sotto la direzione di N. Nikolaev.

Il fatto che la chiesa russa sia stata consacrata dal clero bulgaro insieme a quello russo è un evento di grande importanza. Già nel 1872, il Patriarcato di Costantinopoli rifiutò di riconoscere l'esarchia bulgara indipendente creata poco prima, dichiarò i bulgari dissidenti scismatici e li scomunicò dalla chiesa. Sebbene la Chiesa russa non aderisse a questa decisione, tuttavia, non volendo complicare i suoi rapporti con Costantinopoli, si astenne dalla comunione liturgica con l'Esarcato. Nel 1914, per la prima volta dopo la proclamazione dell'Esarcato bulgaro, il Sinodo russo si rivolse al capo della Chiesa bulgara con la richiesta di consacrare personalmente la Chiesa russa a Sofia, a testimonianza della volontà di ristabilire la comunione canonica. L'esarca bulgaro Giuseppe definisce questo evento “l'inizio dell'unione fraterna delle due Chiese ortodosse”. Nei telegrammi inviati all'imperatore Nicola II e al metropolita Vladimir di Pietrogrado, ha ringraziato la Chiesa russa per la mano fraterna tesa. Dopo la Divina Liturgia, l'archimandrita Stefan si è rivolto ai radunati con un discorso eccitato: "... Vivremo con la stessa mentalità e amore in completo amore fraterno e unità". Partecipando in larga misura alla consacrazione del tempio dell'ambasciatore russo, il pubblico bulgaro, dal canto suo, mostra il suo attaccamento ai legami spirituali con la Russia ortodossa nei giorni in cui si accendono i fuochi della prima guerra mondiale ed è già evidente che Bulgaria e Russia si troveranno in questo conflitto da diverse parti del fronte.

La fede e la religiosità ortodosse sono l'elemento più importante della visione del mondo e dell'autocoscienza della maggior parte delle persone nella Russia pre-rivoluzionaria. In esilio, la fede acquista per loro un'importanza ancora maggiore: dà conforto ai profughi, fortifica lo spirito, infonde speranza. La numerosa colonia russa in Bulgaria è orientata verso il tempio, si sforza di raggiungerlo, da lì si aspetta guida e istruzione spirituale. Il vescovo Seraphim riuscì a realizzare il tempio “S. Nikolay” focolare e centro della comunità russa a Sofia.

Soprattutto, il vescovo Seraphim si occupò dell'organizzazione della chiesa parrocchiale. Nel settembre 1921, in conformità con gli statuti parrocchiali adottati dal Consiglio locale di Mosca (1918), fondò una comune russa presso il tempio della legazione russa a Sofia. Lo stesso vescovo fu eletto presidente del comune, il suo vice era il membro dell'Alto Consiglio della Chiesa Raevski e i segretari erano Shurupov e il colonnello Lisovski. Oltre a loro, quattro sacerdoti in servizio nel tempio furono eletti nel consiglio parrocchiale: il protopresbitero Georgi Shavelski, l'arciprete Vasily Florovski, l'arciprete Alexander Rozhdestvenski e lo ieromonaco Sergiy (Sobolev), oltre a nove laici. Tra questi vi sono il generale Artsyshevsky, plenipotenziario dell'Unione delle città tutta russa, che si occupa dell'organizzazione del lavoro educativo russo; il prof. Pogorelov, paleografo, compilatore di un inventario sistematico dei manoscritti medievali bulgari; il generale Romanovsky, capo dell'amministrazione della rappresentanza militare di Wrangel; von Feldmann, procuratore della ROKK; Principessa Trubetskaja. L'8/21 settembre 1921 il consiglio parrocchiale prese possesso della chiesa e dei suoi beni ecclesiastici in qualità di fiduciario.

L'altra questione che richiede una soluzione immediata è la questione dei rapporti con la Chiesa bulgara, che a quel tempo era in scisma. Nel dicembre 1921, il presidente del Consiglio degli ambasciatori a Parigi, Girs, fece appello al sovrano delle Chiese ortodosse russe nell'Europa occidentale, l'arcivescovo Evlogiy, con la richiesta di regolare i rapporti ecclesiali tra i sacerdoti russo e bulgaro, ma ricevette un risposta negativa. La posizione del vescovo Seraphim come vescovo sul territorio di un'altra chiesa locale, anch'essa sotto scisma, complica notevolmente le sue attività in Bulgaria. Preparando un rapporto dettagliato sulla vita ecclesiale bulgara, ha presentato la relativa petizione al Sinodo dei Vescovi della Chiesa Russa all'Estero e, con la sua benedizione, è diventato il primo vescovo ortodosso ad entrare in comunione eucaristica con l'Esarcato bulgaro durante il periodo dello scisma . Fu così proseguita la linea nei rapporti delle due chiese, il cui inizio fu stabilito durante la consacrazione del tempio russo nel 1914.

Il 9 gennaio 1923, nel giorno della memoria di Santo Primo Martire e Arcidiacono Stefano, nella chiesa russa “S. Nicholas” Mons. Seraphim e il proto-single di San Sinodo – Vescovo Stefan di Marcianopol – celebrano una liturgia congiunta: la strada per superare gli ostacoli canonici nel rapporto delle due Chiese è spianata. Nel settembre 1924, i vescovi bulgaro e russo del Sinodo russo all'estero celebrarono congiuntamente liturgie divine alla consacrazione dei tre troni del tempio-monumento “S. Alexander Nevsky” a Sofia. Successivamente, il vescovo Seraphim ha servito ripetutamente liturgie congiunte con il clero bulgaro, ha partecipato all'ordinazione dei vescovi bulgari. Il contributo del vescovo al ripristino della comunione canonica tra le due chiese è stato molto apprezzato dallo zar Boris, che gli ha conferito due alti riconoscimenti statali bulgari. Il fatto che nel 1945 la questione della cancellazione dello scisma sia stata risolta con successo e che la Chiesa bulgara sia entrata in un'eguale comunione canonica con tutte le Chiese ortodosse locali, anche l'arcivescovo Seraphim ha un grande merito.

La Chiesa bulgara aiuta i profughi russi in tutti i modi possibili. Pregano con fervore per loro, se ne prendono cura spirituale nei templi bulgari. Si stanno raccogliendo donazioni per i fratelli russi nelle chiese di tutta la Bulgaria. È interessante notare che nel gennaio 1920, il metropolita Stefan, il futuro esarca della Bulgaria, dirigeva la prima organizzazione a fornire assistenza agli emigranti russi: il Comitato culturale e di beneficenza russo-bulgaro. Uno dei profughi russi ha poi ricordato: “Immancabilmente ha aiutato quanto ha potuto i russi, il San Sinodo bulgaro e, soprattutto, i troppi emigranti con un senso della più sincera gratitudine ricorderanno l'ex rappresentante dell'Alto Commissario della Società delle Nazioni per gli Affari dei Rifugiati Russi – Mons. Stefan. Non con i fondi della Società delle Nazioni, ma esclusivamente grazie alla sua energia, reattività, cuore gentile, ha sostenuto, nutrito, vestito, vestito molti, molti, centinaia di rifugiati russi, organizzato visti per molti di loro nei paesi che desideravano e li mandò là; e infine ha aiutato con partecipazione e consigli”.

Sebbene nella massa generale dei profughi ci siano pochi rappresentanti del clero, quasi tutti i sacerdoti russi in esilio finiscono in Jugoslavia e Bulgaria, perché qui provengono principalmente dalla Russia meridionale insieme al loro gregge: le truppe russe dell'Armata Bianca , che trovano rifugio proprio in questi paesi. Le autorità ecclesiastiche bulgare accettano liberamente i sacerdoti russi, li inviano nelle parrocchie e nei monasteri e li nominano insegnanti nelle scuole teologiche e nei seminari.

Oltre al tempio russo a Sofia prima della prima guerra mondiale, ce n'erano altri due: a Shipka ea Yambol. Con l'arrivo di numerosi profughi russi, si è resa necessaria l'apertura di nuovi templi. Le autorità ecclesiastiche bulgare non solo non lo impediscono, ma assistono anche in tutti i modi possibili l'emergere di chiese e parrocchie russe nei luoghi dove ci sono colonie di emigranti russi, scuole russe, divisioni dell'esercito russo, ad esempio a Ruse, Plovdiv, Varna, Shumen e altri. Nell'agosto del 1921, con un decreto speciale del patriarca di Mosca Tikhon, il vescovo Seraphim fu nominato governatore delle parrocchie ortodosse russe in Bulgaria con i diritti di vescovo diocesano e ricevette il titolo di "vescovo di Bogucharsky" (Boguchari è un piccolo cosacco cittadina nella regione di Voronezh).

Il vescovo Seraphim fa del culto un'attività quotidiana, senza giorni di riposo, ogni mattina e ogni sera. Profondo conoscitore dell'ordine liturgico, adempie al suo dovere pastorale e, nonostante la tubercolosi in progressione, presta spesso servizio da solo, senza eccezioni, in tutte le domeniche e nei giorni festivi, e a metà settimana legge invariabilmente l'akatista di San Nicola il Wonderworker, il santo del tempio.

I servizi divini nel tempio russo sono accompagnati dal meraviglioso canto di un coro della chiesa russa, che attira anche molte persone. Nell'estate del 1921, il coro cosacco di Sergey Zharov arrivò a Sofia da Lemno e la prima domenica si fermò nel lucernario della chiesa russa. Per un anno intero, il canto del gruppo, che in seguito divenne famoso in tutto il mondo, fu parte integrante dei servizi nella chiesa russa. Il tempio dell'ambasciatore, creato per ospitare un piccolo numero di dipendenti in preghiera della legazione russa e i loro familiari, non può accogliere tutti coloro che vengono. La partecipazione del coro di Zharov al servizio divino nella chiesa cattedrale “St. Alexander Nevsky”, raccolse circa cinquemila credenti. Le voci dei trentadue cantanti russi fuggiti miracolosamente dall '"isola della morte", che hanno perso la patria e i propri cari e tuttavia hanno glorificato Dio, creano uno speciale stato d'animo di preghiera. Secondo i ricordi di un contemporaneo, i presenti nel tempio sono rimasti scioccati, “sono state versate molte lacrime”.

Con grande successo, il coro di Zharov ha eseguito concerti di musica spirituale russa davanti al pubblico bulgaro. I coristi sono costretti a mantenersi da soli perché la parrocchia è numerosa ma povera. Durante il giorno si affaticano per la routine quotidiana e la sera si riuniscono per le prove per eseguire alcune nuove opere dal tesoro della musica sacra russa durante il servizio domenicale. Nonostante la fervente richiesta del vescovo Seraphim di non lasciare il tempio russo, nell'estate del 1923 un gruppo di persone, insieme allo stesso Zharov, partì per la Francia. Ma anche dopo la loro partenza, nella chiesa russa lavorano brillanti professionisti e direttori d'orchestra esperti. Nel 1923-1926, il coro della chiesa fu guidato dal compositore S. Ignatiev, poi un altro compositore di talento – N. Panin, il cui assistente era A. Saveliev. Sostituì Panin nel 1928 e guidò il coro fino al 1944. Secondo i contemporanei, il suo coro era uno dei migliori in Bulgaria a quel tempo. Nel 1931, con una carta del capo del Sinodo all'estero, il metropolita Antonio, al coro del tempio russo sotto il governo di Saveliev fu assegnato il titolo di "coro del vescovo". Un brillante professionista, Saveliev ha fatto molto per la divulgazione della musica sacra russa. Ha introdotto la pratica di commemorare le date giubilari della vita di famosi compositori russi con l'esecuzione delle loro composizioni durante le funzioni religiose, comprese le loro opere poco conosciute. Ad esempio, il 7 novembre 1933 ha segnato il 40° anniversario della morte di Pyotr Ilyich Tchaikovsky e il 9° anniversario della morte del compositore Arkhangelsky, quindi il 12 novembre, durante il servizio domenicale, sono stati eseguiti i canti della liturgia di Tchaikovsky e il concerto dell'Arcangelo “Beato l'Eletto…”.

Il vescovo si prende cura non solo della sua congregazione di Sofia, ma visita le numerose parrocchie russe nelle città e palanchini, visita le istituzioni educative russe, molte delle quali è fiduciario. La sua apparizione è sempre una celebrazione per i bambini che adorano i suoi tradizionali discorsi spirituali. È aperto a tutti e trova parole di sostegno e conforto per tutti.

Nel tempo cambia la composizione del consiglio parrocchiale. A capo del tempio, lo stesso vescovo Seraphim nomina i sacerdoti ei suoi assistenti. Ad esempio, nel 1925, il principe Andrey Liven, che aveva fatto voto di ricevere il santo rango, che, secondo i contemporanei, era a quel tempo il rappresentante più importante della nobiltà russa in Bulgaria, divenne suo assistente. Era un nobile leader del distretto di Kolomna nella provincia di Mosca, un candidato di scienze giuridiche, un partecipante alla guerra civile a fianco dell'Esercito Volontario Bianco nella Russia meridionale. La storia del suo voto è ben nota ai parrocchiani del tempio russo. Dopo la sua evacuazione dalla Russia, Lieven ha cercato a lungo la sua famiglia a Costantinopoli, un milione di abitanti, senza successo. Poi giura di dedicare la sua vita a Dio se trova i suoi cari. Presto trova miracolosamente sua moglie e i suoi figli. Passando per Gallipoli in Bulgaria, il principe divenne un figlio spirituale del vescovo Seraphim e il suo desiderio di prendere gli ordini sacri si fece più forte. Nel 1925 il principe Lieven fu ordinato vescovo e divenne sacerdote nella Chiesa russa, e dal 1926 al 1944 fu segretario del consiglio episcopale, braccio destro del vescovo Seraphim.

Negli anni '1930, l'assistente del vescovo era lo ieromonaco Panteleimon (Mikhail Nikolaevich Staritsky), un ex partecipante alla prima guerra mondiale, capitano delle guardie di vita della seconda brigata di artiglieria e poi compagno di cella del vescovo Seraphim. Nel 1936, l'arciprete Nikolay Pavlovich Ukhtomski divenne membro del consiglio episcopale. Proveniva da una famiglia aristocratica e principesca, fu ufficiale di Stato Maggiore della Settima Armata, partecipò alla prima guerra mondiale. Dopo che il vescovo Seraphim lo ha ordinato sacerdote, è stato nominato capo del tempio commemorativo russo di Shipka.

All'inizio degli anni '1930 si formò un sistema elettorale di gestione del tempio: ogni 4 anni si tenevano le elezioni per l'epitropa della chiesa, il consiglio parrocchiale e la commissione di revisione, organismi composti da laici. Nel corso di molti anni, il Vescovo è stato assistito disinteressatamente e devotamente da Epitropa Gorbatov, i membri del consiglio parrocchiale: il medico Dr. Stepankovsky (presidente dell'Unione dei medici russi in Bulgaria), Stavrovski, Neveinov, Saveliev, Zapriev, Pavlenko, Zhukov e molti altri. L'esperto finanziere Berkov è stato più volte rieletto presidente del comitato di revisione. I membri del consiglio parrocchiale sono regolarmente informati sulle loro attività, il che rende più fruttuoso il lavoro della parrocchia.

Il vescovo Seraphim dirige e dirige le ampie attività caritative dei suoi parrocchiani. Una confraternita lavora attivamente con il tempio, aiutando i soli, i disabili, i poveri e le persone bisognose. Il denaro ricevuto da donazioni e donazioni viene distribuito tra di loro. Se possibile, vengono corrisposte prestazioni una tantum e regolari. Vengono raccolti vestiti, scarpe, biancheria intima per le persone bisognose. I malati vengono inviati per cure gratuite all'ospedale russo del dottor Berzin, al policlinico del dottor Zhukov o alle case di cura e ai centri di accoglienza per invalidi. I disoccupati vengono aiutati a trovare lavoro, una domanda molto acuta in quel momento. La maggior parte degli emigranti russi sono persone ben istruite e professionalmente preparate. Ma il lavoro fisico predomina sul mercato del lavoro in Bulgaria, con troppi pochi posti di lavoro e un'elevata disoccupazione tra gli stessi bulgari.

Su iniziativa del vescovo Seraphim, nel tempio è stato creato un comitato per raccogliere donazioni a beneficio dei monaci russi affamati a Holy Mountain. La rivoluzione in Russia interruppe il flusso costante di pellegrini russi verso il Monte Athos e privò il monachesimo russo di sostegno materiale. I monaci sono miserabili, affamati. Nei suoi sermoni, il vescovo invita le persone a sostenere i loro fratelli ortodossi, a non permettere che il santuario dell'Athos muoia. Offre personalmente alle persone facoltose l'acquisto di icone dipinte dai monaci di Svetogorje per fornire loro un supporto materiale. La maggior parte di queste icone furono poi donate da benefattori a chiese e monasteri bulgari. È anche noto che l'arcivescovo Seraphim ha organizzato una raccolta di donazioni per la costruzione di nuove chiese sia in Bulgaria che all'estero. Ad esempio, ha contribuito con 1,360 BGN dai suoi fondi personali per la costruzione di un tempio commemorativo a Bruxelles "in onore del santo giusto Giobbe longanime, in memoria del martire zar Nicola II e di tutti i russi che furono distrutti dal Il potere bogoboriano nei tempi travagliati”.

Lo stesso vescovo mostra una sollecitudine veramente cristiana per i poveri e gli ammalati, sebbene viva più che modestamente e debba sfamare il fratello malato. Fa sempre l'elemosina ai bambini senzatetto davanti al tempio, nutre alcune persone nella sua casa, dona ad altri la sua legna durante il freddo invernale, invia numerose richieste ai vari reparti, li aggira instancabilmente lui stesso, intercedendo per i bisognosi. Non è un caso che l'Unione dei disabili russi lo renda membro onorario.

1934 apre una nuova pagina nella vita del “S. Nikolay l'Operatore di Miracoli”. Il 23 luglio 1934, la Bulgaria stabilì relazioni diplomatiche con l'URSS e una bandiera rossa sventolò sull'edificio dell'ex legazione russa. Ma l'ambasciata sovietica non ha bisogno di una chiesa!

La questione dello status della chiesa russa e del patrimonio ecclesiastico dei comuni ortodossi russi è oggetto di lunghe e complicate trattative tra Sofia e Mosca. Gli emigranti russi preoccupati cercano di influenzare la soluzione del problema, sono spaventati dalla sorte della chiesa russa a Vienna, che su richiesta della parte sovietica è stata trasformata in un museo dell'ateismo subito dopo l'instaurazione delle relazioni diplomatiche tra l'Austria e l'Unione Sovietica.

Il Consiglio di Amministrazione dell'Unione dei Veterani Russi della Guerra di Liberazione 1877-1878, una delle più autorevoli organizzazioni di emigrati russi in Bulgaria, si rivolge al Ministro della Difesa, e poi ai Ministri dell'Interno e delle Religioni con una richiesta di lasciare la chiesa russa a Sofia nelle mani della comunità ecclesiastica russa. “Dal 1919 ad oggi, questo tempio è stato un luogo che ci unisce, ci conforta e allevia spiritualmente la nostra difficile situazione di rifugiati”, si legge nella petizione dei veterani. Il vescovo Seraphim, il metropolita Antonio e il Sinodo della Chiesa russa all'estero hanno ripetutamente fatto appello alla chiesa e alle autorità civili bulgare chiedendo di non cedere la chiesa russa all'ambasciata sovietica, sottolineando che si trattava di proprietà della chiesa, non di proprietà dello stato.

Le autorità bulgare hanno cercato di assecondare i desideri della comunità ecclesiastica russa nella bozza iniziale del protocollo offerto alla parte sovietica come base per ulteriori negoziati. A Mosca, questo collegamento delle due questioni provoca grande stupore, poiché prima non esistevano precedenti del genere. Dopo aver categoricamente respinto il progetto bulgaro con il pretesto che tale decisione potesse essere interpretata come un successo per le “Guardie Bianche” russe, i diplomatici sovietici dichiararono di non aver affatto bisogno di una chiesa e suggerirono di chiuderla o trasformarla in una Museo Bolscevico. In questa situazione, la parte bulgara propone che la chiesa russa sia consegnata alle autorità ecclesiastiche bulgare con la garanzia del governo bulgaro che sarà assicurata la sicurezza dell'ambasciata sovietica.

La Chiesa bulgara non lascia i russi senza un tempio. Il metropolita Stefan di Sofia fornisce al comune russo-ortodosso la chiesa “St. Nikolay” in via “Tsar Kaloyan”, la cui parrocchia, a sua volta, è stata trasferita nell'ex tempio russo su “Tsar Osvoboditel” blvd. La proprietà del tempio russo fu ceduta a padre Nikolai Vladimirsky. I monaci russi dei monasteri di Shipka e Yambol furono trasferiti al monastero di Kokalyan “St. Arcangelo Michele” vicino a Sofia – un luogo dove il vescovo Seraphim ama visitare. Ancora oggi si può vedere la pietra su cui si inginocchiò e pregò con fervore. Qui si isola per scrivere le sue opere teologiche, alle quali attribuisce grande importanza: «I miei libri sono il mio sangue», dice. Il vescovo Seraphim difende costantemente la purezza dell'Ortodossia, espone opinioni e insegnamenti eretici e modernisti che distorcono la verità ortodossa, combatte contro l'ecumenismo.

L'instaurazione di relazioni diplomatiche tra la Bulgaria e l'URSS causò una stagnazione nelle attività di tutte le organizzazioni di emigrati russi: il controllo del governo bulgaro su di esse si rafforzò, che fu obbligato a non consentire alcuna manifestazione antisovietica. Eppure la vita della parrocchia russa, espulsa dalla sua chiesa natale, non si è spenta. Un evento luminoso nella vita dei credenti è l'accoglienza del grande santo russo, l'icona miracolosa del "Segno" della Madre di Dio, portata dalla Jugoslavia nell'estate del 1935. Fu accolta solennemente dai rappresentanti del clero russo e bulgaro , guidato dal vescovo Seraphim, alla presenza di una grande folla di persone – russi e bulgari. Massiccia anche la partecipazione al solenne servizio episcopale in onore del 950° anniversario della Conversione della Russia.

Il tempio della comunità russa rimane come prima un esempio di pratica di culto esemplare. D'accordo con il vescovo Seraphim, il Sinodo bulgaro iniziò a inviare lì giovani diaconi per acquisire le competenze necessarie, dopodiché furono ordinati sacerdoti nelle chiese bulgare.

A seguito del bombardamento di Sofia, effettuato dall'aviazione anglo-americana nella primavera del 1944, la chiesa del comune russo in via “Kaloyan” fu gravemente danneggiata, ma ancora, anche nella chiesa semidiroccata, illuminata solo con candele e lampade, i servizi continuavano ogni mattina e ogni sera. Il 30 marzo 1944, durante un bombardamento particolarmente brutale, il tempio fu completamente distrutto, il capo arciprete Nikolay Vladimirski morì. Il funerale assente è stato celebrato dal vescovo Seraphim insieme ai fratelli del monastero di Kokalyan. Fu solo nel settembre del 1944 che le persone trovarono i resti del patriarca caduto sotto le macerie e li seppellirono nella sezione russa del cimitero di Sofia. L'archivio del consiglio parrocchiale perì tra le fiamme, miracolosamente sono sopravvissuti solo l'icona della porta di San Nicola, un piatto di rame con l'immagine di Nicola Taumaturgo, un incensiere d'argento e gli arredi dei Vangeli bruciati.

Pubblicazione in bulgaro: Restare umani/Storia e religioni di Olga Reshetnikova – In SVET, Numero 3/2022

Fonte: podvorie-sofia.bg

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti