8.1 C
Bruxelles
Giovedi, February 29, 2024
EuropaI luoghi di culto devono essere mantenuti sicuri e accessibili in tempi di...

I luoghi di culto devono essere mantenuti sicuri e accessibili in tempo di pace e di conflitto, afferma il capo dell'OSCE per i diritti umani

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Edicola
Edicolahttps://europeantimes.news
The European Times Le notizie mirano a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

VARSAVIA, 22 agosto 2022 — L'istituzione, il mantenimento e l'accesso a luoghi e oggetti di culto o contemplazione sono fondamentali per il diritto alla libertà di pensiero, coscienza, religione o credo, che si applica durante i conflitti e in tempo di pace, ha affermato l'Ufficio OSCE per Istituzioni democratiche e diritti umani (ODIHR) in occasione della Giornata internazionale per la commemorazione delle vittime di atti di violenza basati sulla religione.

"La regione dell'OSCE ha un ricco patrimonio culturale e religioso, ma gli edifici religiosi e le reliquie non sono solo oggetti del passato, ma sono profondamente importanti per le comunità viventi di oggi”, ha affermato il Direttore dell'ODIHR Matteo Mecacci. “Gli attacchi ai luoghi di culto vanno contro la lettera e lo spirito del diritto alla libertà di pensiero, coscienza, religione o credo. Devono essere protetti per garantire che le comunità sappiano che il loro passato è rispettato e il loro futuro è al sicuro”.

I dati più recenti dell'ODIHR sui crimini ispirati dall'odio rivelano che il 51% di tutti gli incidenti segnalati all'Ufficio erano crimini ispirati dall'odio contro la religione. La maggior parte di questi crimini ha preso di mira proprietà, come moschee, sinagoghe, chiese e cimiteri, sebbene sia ampiamente accettato che la stragrande maggioranza dei crimini ispirati dall'odio non venga mai denunciata alle autorità statali oa nessun altro. I dati delle Nazioni Unite mostrano anche che 175 siti del patrimonio culturale in Ucraina sono stati danneggiati dal 24 febbraio 2022, di cui 74 sono siti religiosi.

L'odio e l'intolleranza nei confronti di persone appartenenti a particolari comunità religiose raramente avvengono in isolamento, ma vanno di pari passo con altre violazioni dei diritti umani. L'effetto complessivo della violenza e della discriminazione non è negativo solo per le comunità interessate, ma anche per la situazione della sicurezza nella regione dell'OSCE.

Il danno può anche essere meno evidente, con comunità religiose o religiose pacifiche che lottano in alcuni paesi dell'OSCE per registrare i loro edifici religiosi o che devono far fronte a sistemi di registrazione obbligatori, burocrazia insormontabile o chiusura arbitraria e confisca delle loro proprietà. Ciò mostra chiaramente che gli stati hanno molti progressi da compiere per garantire che la libertà di pensiero, coscienza, religione o credo sia una realtà per tutti.

L'ODIHR continua ad assistere i paesi dell'OSCE nell'adempimento dei loro impegni di rispettare questo diritto ea lavorare per società tolleranti. Sono disponibili ulteriori informazioni sul lavoro dell'ODIHR in quest'area qui.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -