13.5 C
Bruxelles
Domenica, Ottobre 2, 2022

La Russia vieta l'adozione da parte di stranieri provenienti da "paesi nemici"

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Più da parte dell'autore

La CEC addestra le chiese belghe alla sicurezza

La CEC addestra le chiese belghe alla sicurezza

0
I dirigenti della Chiesa belga hanno ricevuto una formazione per garantire la sicurezza nelle comunità religiose.
La dott.ssa Valerie Duval-Poujol riflette su come la creatività e lo sforzo di CEC stiano dando speranza al mondo

La dott.ssa Valerie Duval-Poujol riflette su come la creatività e lo sforzo di CEC stanno dando speranza a...

0
La dott.ssa Valerie Duval-Poujol, teologa battista, è un membro del consiglio della CEC. Di seguito, riflette su come la creatività e lo sforzo potrebbero essere ciò che è necessario per inaugurare la CEC in una nuova era piena di sfide, ma anche con grande speranza.

Il 1° agosto è stato presentato un disegno di legge

Alla Duma di Stato della Russia è stato presentato un disegno di legge che vieta ai cittadini dei "paesi nemici" di adottare i russi, ha riferito Reuters.

L'elenco degli stati nemici della Russia si è ampliato dopo che molti paesi hanno imposto sanzioni alla Russia per l'invasione dell'Ucraina a febbraio. Questo elenco include attualmente gli Stati Uniti, il Regno Unito, tutta l'UE, la Corea del Sud e il Giappone.

All'inizio di aprile 2022 una serie di emendamenti costituzionali firmati dal presidente Vladimir Putin ha intensificato la repressione della Russia durata anni contro i diritti LGBTQ+. Gli emendamenti ad ampio raggio vietano formalmente i matrimoni tra persone dello stesso sesso e vietano alle persone transgender di adottare bambini. L'uguaglianza matrimoniale è stata a lungo considerata illegale in Russia, dove le persone LGBTQ+ sono comunemente perseguitate dalle autorità governative, ma come hanno detto gli attivisti locali Washington Blade, la definizione di nucleo familiare come “esclusivamente... un'unione di un uomo e una donna” era assente dalla costituzione del Paese prima di questa settimana.

Altri emendamenti firmati da Putin includono nuovi limiti al mandato presidenziale che gli consentono di rimanere al potere fino al 2036 e gli garantiscono l'immunità totale dall'accusa per il resto della sua vita, come riporta l'Associated Press. Il presidente ha anche approvato un linguaggio che specifica "una fede in Dio" come centrale per i valori russi insieme a restrizioni vagamente formulate su "interferenza straniera negativa nel processo educativo".

Quest'ultima misura si è rivelata molto controversa, con oltre 1,000 artisti, accademici e importanti figure culturali russe avvertendo che potrebbe avere un impatto virtualmente “qualsiasi attività pubblica” in cui “le conoscenze e le competenze sono diffuse” in una lettera aperta di marzo.

Gli emendamenti erano approvato in un referendum costituzionale del giugno 2020, in cui erano sostenuto da uno schiacciante 78% degli elettori russi. Il linguaggio che vietava le unioni tra persone dello stesso sesso era centrale in questo sforzo, con uno spot televisivo raffigurante un giovane orfano adottato da una coppia gay, una delle quali si trucca e indossa abiti effeminati. Al termine dello spot pubblicitario di 90 secondi, i lavoratori dell'orfanotrofio osservano con orrore gli uomini che danno un vestito al loro nuovo figlio mentre lo fanno salire in macchina.

Il prendere di mira le persone queer e trans segue una campagna continua di capro espiatorio delle minoranze vulnerabili in Russia. Nel 2013 Putin ha firmato una legge che vieta la diffusione della “propaganda” pro-LGBTQ+ ai minori di 18 anni – che, in pratica, è servita a prendere di mira qualsiasi cosa, da Parate dell'orgoglio a portando una custodia rosa per iPhone a scuola.

Negli otto anni trascorsi dall'approvazione di quella legge, i crimini d'odio hanno preso di mira le persone a causa del loro orientamento sessuale percepito o dell'identità di genere sono raddoppiati. Il territorio semi-indipendente russo della Cecenia ha recentemente celebrato il quarto anniversario della sua famigerata "purga gay", in cui individui sospettati di essere LGBTQ+ vengono radunati, picchiati, torturati e talvolta uccisi. Si stima che oltre 200 persone siano state detenute mentre almeno tre sono morte.

Putin, che supervisiona la regione a maggioranza musulmana, non ha ancora parlato della campagna anti-LGBTQ+, che è in corso. I leader russi, nel frattempo, hanno respinto le notizie di violenze, con un portavoce del Cremlino raccontare ai giornalisti nel 2017 che non ci sono "informazioni affidabili su eventuali problemi in quest'area".

Il commissario russo per i diritti umani Tatyana Moskalkova ha inoltre affermato che i rapporti sono stati fabbricati da persone che "piangono di capitalizzare su questo", definendo le accuse di violazioni dei diritti umani una "provocatoria".

Anche nonostante le sanzioni contro i dirigenti ceceni del Stati Uniti e Unione europea, Putin ha difeso il record del suo Paese sui diritti LGBTQ+. Dopo il cantante Elton John ha criticato la censura russa sulle scene gay nel film biografico del 2019 Rocketman, Putin ha affermato che la caratterizzazione del cantante secondo cui è ostile alle "politiche che abbracciano la diversità multiculturale e sessuale" è un "errore".

"Noi [in Russia] abbiamo un atteggiamento molto neutrale nei confronti dei membri della comunità LGBT", ha detto il presidente in quel momento.

Descrizione foto: Veduta del Cremlino di Mosca e della Cattedrale di San Basilio dal Parco Zaryadye a Mosca di Michele Parulava  /unsplash.com

- Annuncio pubblicitario -
- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti