25.4 C
Bruxelles
Lunedi, October 2, 2023
Scelta dell'editoreChi era Witold Pilecki? un eroe della seconda guerra mondiale con una sala riunioni a...

Chi era Witold Pilecki? un eroe della seconda guerra mondiale con una sala riunioni al Parlamento europeo

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Juan Sánchez Gil
Juan Sánchez Gil
Juan Sánchez Gil - at The European Times Notizie - Principalmente nelle retrovie. Reporting su questioni di etica aziendale, sociale e governativa in Europa e a livello internazionale, con particolare attenzione ai diritti fondamentali. Dare voce anche a chi non viene ascoltato dai media generalisti.

Più da parte dell'autore

Racconti mai raccontati: esplorare le incantevoli leggende d'Europa

Racconti mai raccontati: esplorare le incantevoli leggende d'Europa

0
Racconti mai raccontati: esplorando le incantevoli leggende d'Europa - Intraprendi un viaggio mistico attraverso l'accattivante folklore che ha plasmato il ricco arazzo culturale europeo.
Abaya - Gruppo di donne sdraiate e che si coprono il volto

Il divieto di Abaya nelle scuole francesi riapre il controverso dibattito sulla laïcité e le profonde divisioni

0
Il divieto dell'abaya nelle scuole francesi ha scatenato polemiche e proteste. Il governo mira a eliminare le differenze religiose nell’istruzione.

Quella di Witold Pilecki è una storia di coraggio e sacrificio, ea suo nome è stata appena inaugurata una sala riunioni del Parlamento europeo, 75 anni dopo essere stato giustiziato da Stalin. La Presidente del Parlamento Roberta Metsola era presente insieme a diversi eurodeputati di diversi gruppi, ma soprattutto dell'ECR (Anna Fotyga), in quanto quella è la sala in cui si tengono le riunioni di gruppo.

Sala riunioni Witold Pilecki inaugurata al Parlamento europeo

Video ripreso dai Servizi Stampa del Parlamento Europeo

Il 31 maggio è stata inaugurata una sala intitolata al Parlamento Europeo. Si è tenuta una cerimonia per nominare la sala riunioni del Gruppo ECR, SPAAK 1A002, in onore di Witold PILECKI, un ufficiale polacco della seconda guerra mondiale, agente dei servizi segreti e combattente della resistenza che ha resistito ferocemente sia al nazismo che al comunismo e la cui opposizione ai regimi totalitari rappresenta i valori fondamentali alla base dell'integrazione europea. Roberta Metsola, presidente del PE, ha partecipato alla cerimonia insieme ai copresidenti dell'ECR Ryszard LEGUTKO e Marek OSTROWSKI, nipote di Witold PILECKI.

Metsola ha detto durante la cerimonia:

Oggi siamo qui per onorare un eroe del 20° secolo, Witold PILECKI. Come vero esempio di perseveranza, ha svolto un ruolo fondamentale nel plasmare il futuro della Polonia. Ha resistito al totalitarismo come soldato che ha combattuto il nazismo, distinguendosi durante la rivolta di Varsavia contro l'assalto dei soldati tedeschi. È sopravvissuto agli orrori di Auschwitz. Ha documentato ciò che ha visto e ciò che ha appreso. Ha resistito all'occupazione sovietica e ha sopportato orribili torture per mano delle autorità comuniste. Pensavano che giustiziandolo avrebbero potuto spegnere la sua luce.

Ryszard Antoni LEGUTKO (ECR, PL), il capo del gruppo ECR ha affermato che:

È molto difficile parlare di pezzo. Almeno la mia lingua mi delude. Quello che ha fatto, il suo eroismo va oltre la nostra immaginazione. Ciò che supera anche l'immaginazione è il male che ha dovuto affrontare. È morto. O meglio, è stato assassinato sfidando le due invenzioni più diaboliche del XX secolo. nazionalsocialismo tedesco e. E il comunismo. Il comunista che lo uccise credeva che con la sua morte, il ricordo di lui, tutto intorno a lui sarebbe stato cancellato per sempre.

Witold Pilecki era un combattente della resistenza polacca che si offrì volontario per essere imprigionato ad Auschwitz durante la seconda guerra mondiale. La sua missione era raccogliere informazioni e organizzare un movimento di resistenza dall'interno del campo. Il coraggio e il sacrificio di Pilecki hanno contribuito a esporre le atrocità dell'Olocausto e ispirare altri a resistere all'oppressione nazista. Scopri di più su questa figura eroica e la sua eredità.

Come parte della cerimonia, Marek OSTROWSKI, nipote di Witold PILECKI ha sottolineato che:

Nipote Witl Pilecki Parlamento europeo Chi era Witl Pilecki? un eroe della seconda guerra mondiale con una sala riunioni al Parlamento europeo
Nipote di Witold Pilecki, parlando al Parlamento europeo

Da bambino l'ho incontrato durante l'occupazione tedesca. Credo che questo fosse un uomo gigante che, nonostante tempi così difficili e difficili, ha fatto così tanto. Immagina che grazie ai suoi rapporti, che sgorgavano da Auschwitz e in questi rapporti, venivano dati i nomi e i nomi dei più grandi giardinieri degli uomini delle SS tedesche. E la BBC ha riferito che via radio, che dopo la guerra sarebbero stati processati come criminali di guerra, ha cambiato la responsabilità collettiva per la fuga da Auschwitz.

Primi anni di vita e servizio militare

Witold Pilecki è nato il 13 maggio 1901 nella città di Olonets nell'impero russo (ora parte della Russia). È cresciuto in una famiglia patriottica ed è stato educato in Polonia. Nel 1918 si arruolò nell'esercito polacco e combatté nella guerra polacco-sovietica. Ha continuato il servizio militare nel periodo tra le due guerre, raggiungendo il grado di capitano. Quando la Germania invase la Polonia nel 1939, Pilecki si unì al movimento di resistenza clandestino e iniziò la sua missione per infiltrarsi ad Auschwitz.

Infiltrazione ad Auschwitz

La missione più famosa di Witold Pilecki fu la sua infiltrazione ad Auschwitz, il campo di concentramento nazista. Nel 1940 si offrì volontario per essere arrestato e inviato al campo, dove trascorse i successivi due anni e mezzo raccogliendo informazioni e organizzando un movimento di resistenza. I rapporti di Pilecki sulle atrocità commesse a Auschwitz furono tra i primi a raggiungere gli Alleati e le sue azioni contribuirono a esporre al mondo gli orrori dell'Olocausto. Nonostante il pericolo, Pilecki continuò la sua opera di resistenza fino a quando fu scoperto e giustiziato dai nazisti nel 1948.

Raccogliere informazioni e organizzare la resistenza

Il coraggio e la dedizione di Witold Pilecki al movimento di resistenza durante la seconda guerra mondiale è davvero notevole. La sua missione di infiltrarsi ad Auschwitz e raccogliere informazioni sulle atrocità commesse lì è stata un atto pericoloso e altruista. Ma Pilecki non si è fermato qui. Ha anche organizzato un movimento di resistenza all'interno del campo, fornendo speranza e sostegno ai compagni di prigionia. Le sue azioni hanno contribuito a esporre al mondo gli orrori dell'Olocausto e hanno ispirato altri a resistere. L'eredità di Pilecki come eroe e simbolo di resistenza continua a ispirare le persone oggi.

Fuga e resistenza continua

Dopo quasi tre anni ad Auschwitz, Pilecki riuscì a fuggire nell'aprile 1943. Continuò il suo lavoro di resistenza, unendosi all'esercito nazionale e combattendo nella rivolta di Varsavia nel 1944. Nonostante fosse catturato dai tedeschi e condannato a morte, l'eredità di Pilecki sopravvisse. I suoi rapporti da Auschwitz sono stati usati come prove nei processi di Norimberga e la sua storia continua a ispirare le persone di tutto il mondo a opporsi all'oppressione ea lottare per ciò che è giusto.

Il monumento di Witold Pilecki in Polonia
Bartek z Polski, CC BY-SA 4.0 , tramite Wikimedia Commons

Eredità e riconoscimento

L'eredità di Witold Pilecki come eroe della seconda guerra mondiale è stata riconosciuta in vari modi. Nel 2006 è stato insignito postumo dell'Ordine dell'Aquila Bianca, la più alta onorificenza civile polacca. Nel 2013 l'a monumento è stato eretto in suo onore a Varsavia. La storia di Pilecki è stata raccontata anche in libri, documentari e film, assicurando che il suo coraggio e il suo sacrificio non saranno mai dimenticati. Le sue azioni continuano a ispirare le persone a opporsi all'ingiustizia e a lottare per la libertà e diritti umani. E ora, il 31 maggio 2023, gli è stata intitolata una sala riunioni del Parlamento europeo.

- Annuncio pubblicitario -
- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -