9.2 C
Bruxelles
Mercoledì febbraio 28, 2024
EuropaUN PASSO verso il sostegno alla competitività e alla resilienza dell’UE nei settori strategici

UN PASSO verso il sostegno alla competitività e alla resilienza dell’UE nei settori strategici

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

La “Piattaforma Tecnologie Strategiche per l’Europa (STEP)” mira a promuovere le tecnologie digitali, a zero emissioni nette e le biotecnologie e consentire all’industria dell’UE di realizzare la transizione digitale e a zero emissioni nette.


Le commissioni Industria, Ricerca ed Energia e Bilanci hanno adottato lunedì la loro posizione sulla creazione di una “Piattaforma per le tecnologie strategiche per l'Europa” progettata per promuovere le tecnologie strategiche critiche attraverso vari mezzi, tra cui il sostegno finanziario, laSigillo di sovranità' e 'Portale della Sovranità'.

STEP mira a rafforzare vari programmi e fondi dell’UE e a incanalare fino a 160 miliardi di euro in nuovi investimenti, insieme agli incentivi della politica di coesione e al Recovery and Resilience Facility (RRF). La piattaforma favorirebbe la crescita di catene di valore tecnologiche cruciali in settori come il digitale, il net-zero e le biotecnologie, affronterebbe la carenza di manodopera e competenze e sosterrebbe l’innovazione. Nei loro emendamenti, i deputati chiedono 3 miliardi di euro in più rispetto ai 10 miliardi proposti, portando il bilancio STEP a 13 miliardi di euro di nuovi fondi.

Inoltre, i deputati propongono un più stretto allineamento di questo regolamento con il Net-Zero Industry Act e il Critical Raw Materials Act e l’istituzione di un comitato STEP per garantirne l’effettiva attuazione.

STEP dovrebbe anche fungere da “banco di prova per un fondo sovrano a pieno titolo nel prossimo periodo del QFP”. I deputati chiedono alla Commissione di condurre una valutazione intermedia entro il 2025, inclusa una proposta di modifica di STEP o una nuova proposta per un vero e proprio Fondo sovrano europeo. Se la Commissione non propone quest'ultima opzione, dovrà giustificare la sua scelta, hanno concordato i deputati.


È necessaria un'adozione urgente in linea con la revisione del bilancio a lungo termine dell'UE

Lo STEP proposto è parte della revisione in corso del bilancio a lungo termine dell’UE, per il quale sono necessari aggiustamenti, poiché è stato gravemente ridotto a seguito delle molteplici crisi che si sono verificate dal 2021. I deputati insistono sul fatto che lo STEP, insieme alla revisione del bilancio, dovrebbe essere concordato il prima possibile, poiché il pacchetto dovrebbe essere integrato nel il bilancio annuale del prossimo anno, da negoziare nel novembre 2023.

Citazioni

“Una volta si pensava che STEP sarebbe stato il nuovo Fondo sovrano europeo, ma non lo è. Con STEP, la Commissione sta cercando di quadrare il cerchio, ma la proposta soffre di tre obiettivi concorrenti: produrre le tecnologie necessarie per raggiungere i nostri obiettivi climatici, aumentare Europa sovranità nei confronti di altre regioni del mondo e il rafforzamento della coesione tra gli Stati membri dell’UE”, ha affermato l’eurodeputato responsabile della commissione per l’industria, la ricerca e l’energia Christian Ehler (PPE, DE). “Abbiamo migliorato significativamente il testo e creato coerenza legislativa con altri dossier, come il Net-Zero Industry Act e il Critical Raw Materials Act. Abbiamo garantito il corretto funzionamento del Consiglio europeo per l’innovazione per continuare a essere il principale investitore azionario dell’UE per investimenti strategici”, ha aggiunto.

“STEP è un punto di partenza per supportare adeguatamente le tecnologie fatto in Europa. Le tecnologie europee devono avere accesso a migliori opportunità di finanziamento. L’autonomia strategica dell’UE, tanto necessaria, può essere raggiunta solo rispondendo alle esigenze delle nostre industrie. STEP incanalerà i finanziamenti esistenti verso i progetti giusti, aumentando le sinergie tra i fondi e promuovendo questi progetti. A tal fine, ci sarà un Sigillo di Sovranità, pensato per aiutare i promotori del progetto ad attrarre investimenti certificando il loro contributo agli obiettivi STEP. Per questo, avere una struttura di governance – il Comitato STEP – è di fondamentale importanza. Dobbiamo utilizzare i fondi in modo trasparente ed efficace”, ha affermato il relatore della commissione per i bilanci José Manuel Fernandes (PPE, PT).

Prossimi passi

La legislazione è stata adottata con 43 voti favorevoli, 6 contrari e 15 astensioni. Verrà sottoposto al voto dell'intera Camera nel corso della sessione plenaria del 16-19 ottobre.

sfondo

Il "Piattaforma Tecnologie Strategiche per l’Europa” mira a rafforzare la competitività e la resilienza europea nei settori strategici e a ridurre la loro dipendenza dall’economia dell’UE. Prevede il sostegno allo sviluppo e alla produzione di tecnologie critiche e affronta le carenze di manodopera e competenze.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -