10.8 C
Bruxelles
Venerdì, Settembre 23, 2022

Creazione dell'uomo

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

Più da parte dell'autore

Ridurre lo spreco di acqua e acquisire competenze: i nuovi corsi di formazione offrono nuove opzioni per i detenuti in Messico

I nuovi corsi di formazione offrono nuove opzioni per i detenuti in Messico

0
Ridurre lo spreco di acqua e acquisire competenze: i nuovi corsi di formazione offrono nuove opzioni per i detenuti in Messico

Il miracoloso

0

La bontà divina non si accontentava di contemplare se stessa; era necessario che il bene traboccasse, andasse sempre più lontano. Dio inventa, in primo luogo, i poteri angelici e celesti. E il pensiero si è fatto atto, che è ripieno della Parola e perfezionato dallo Spirito. Così vennero le seconde signorie, i servi della prima signoria. Poiché le prime creature Gli erano gradite, inventa un altro mondo, materiale e visibile; e questa è l'armoniosa composizione del cielo e della terra, e ciò che c'è tra loro, stupefacente nelle belle qualità di ogni cosa, e ancor più, degna di ammirazione per l'armonia del tutto.

Volendo mostrare tutta la ricchezza del Bene, il Verbo artistico crea un essere vivente, nel quale la natura invisibile e visibile si uniscono, cioè crea una persona, e, prendendo corpo da una sostanza già creata, e mettendo la vita da sé (che è conosciuta nella parola di Dio sotto il nome di anima ragionevole e immagine di Dio), crea, per così dire, un secondo mondo, grande nelle piccole cose; Egli pone sulla terra un altro angelo, contemplatore della natura visibile, segreto della creatura intelligibile. San Gregorio il Teologo (113, 148).

L'anima però non proveniva dalla terra o dall'aria, né dall'acqua, né dal fuoco, né dalla luce, né dal sole, né da una nuvola, né da qualsiasi altra sostanza o entità creata, visibile o intelligibile. Dalla natura più pura, eterna, incomprensibile, inesplicabile, invisibile, brutta, immortale, incorruttibile, intangibile, imperitura e incorporea di Dio, per ispirazione divina, la nostra anima simile a Dio, data da Dio, simile a Dio e creata da Dio ha ricevuto creazione e origine, avendo avuto origine, per così dire, da qualche fonte di vita. vivente e vivificante, essendo creato dalla luce, come da un tesoro di luce, uscendo dalla bocca di Dio e nascendo, per così dire, da qualche oceano di eterna fragranza, come un soffio di fragranza, e dimorando in Adamo. Venerabile Anastasio del Sinai. Parola 3, Sergiev Posad, 1915, p. quindici.

In questo modo, dunque, Dio ha creato gli esseri spirituali: parlo degli Angeli e di tutti gli ordini del Cielo. Perché sono ovviamente di natura spirituale e incorporea; incorporeo, tuttavia, lo chiamo in confronto alla grossolanità della materia, perché solo la Divinità è veramente immateriale e incorporea. Dio creò anche la natura sensibile: cielo e terra, e ciò che c'è tra di loro. Così, ha creato una natura relativa a Sé (poiché la natura razionale è relativa a Dio e comprensibile alla sola mente), mentre l'altra è molto lontana da Lui sotto tutti gli aspetti, poiché è naturalmente accessibile ai sensi. Era necessario, come [San] Gregorio [il Teologo], che parla di Dio, che ci fosse anche una mescolanza di entrambi, un esempio della più alta saggezza e splendore in relazione a entrambe le nature, come se una specie di connessione tra natura visibile e invisibile. Ma dico “era necessario”, indicando la volontà del Creatore, perché è la legge e l'ordinanza più propria; e nessuno dirà al Creatore: Perché mi hai creato così? Perché il vasaio ha il potere di preparare vari vasi dalla sua argilla per dimostrare la sua saggezza.

... Dio con le sue stesse mani crea l'uomo dalla natura sia visibile che invisibile, sia a sua immagine che somiglianza: dopo aver formato il corpo dalla terra, l'anima, dotata di ragione e di mente, donandogli attraverso il suo "respiro" ciò che noi e la chiamiamo immagine divina, perché l'espressione “nell'immagine” significa il razionale e dotato di libero arbitrio, l'espressione “a somiglianza” significa somiglianza attraverso la virtù, per quanto è possibile per una persona.

Inoltre, il corpo e l'anima furono creati nello stesso tempo, e non nel modo in cui Origene parlava a vuoto l'uno prima e l'altro dopo.

Così, Dio creò l'uomo libero dal male, diretto, moralmente buono, spensierato, libero da preoccupazioni, altamente adornato di ogni virtù, fiorente di ogni sorta di benedizioni – come una specie di secondo mondo, piccolo in uno grande – un altro angelo, misto da due nature, un ammiratore, uno spettatore creazione visibile, iniziato ai misteri di questa creazione, che è percepita dalla mente, re su ciò che è sulla terra, soggetta al Re del cielo, terrena e celeste, transitoria e immortale, visibile e compreso dalla mente, intermedio tra grandezza e insignificanza, in uno stesso tempo - spirito e carne: spirito - per grazia, carne - per orgoglio; l'uno – perché resti in vita e glorifichi il Benefattore, l'altro – perché soffra e, soffrendo, sia istruito e, superbo della grandezza, sia punito; un essere vivente qui, cioè nella vita presente, guidato in un certo modo e passando in un altro luogo, cioè nell'Età Futura; e – il più alto grado di mistero! – per la sua attrazione verso Dio, diventando un dio; tuttavia, diventando un dio nel senso di partecipazione alla Luce Divina, e non perché passa nell'Essenza Divina.

Dio lo ha creato per natura – senza peccato e per volontà – indipendente. Ma io chiamo senza peccato non perché non fosse suscettibile al peccato, perché solo la Divinità non permette il peccato, ma perché la commissione del peccato non è stata determinata dalla sua natura, ma piuttosto dal libero arbitrio, cioè ha avuto l'opportunità di riuscirci nel bene, ricevendo assistenza dalla grazia divina, così come allontanati dal bello e trovarti nel male a causa del possesso del libero arbitrio, con il permesso di Dio. Perché la virtù non si fa per costrizione.

Quindi l'anima è un'essenza viva, semplice e incorporea, per sua natura invisibile agli occhi del corpo, immortale, dotata di ragione e di intelligenza, senza forma, che usa un corpo dotato di organi e che gli dà vita e crescita, e sentimenti, e potere produttivo, avere una mente. , non diverso rispetto a se stesso, ma la parte più pura di esso, poiché come l'occhio nel corpo, così la mente nell'anima è una e la stessa; indipendente e dotata della facoltà del desiderio oltre che della facoltà di agire, mutevole, cioè dotata di una volontà troppo volubile, perché creata, avendo ricevuto tutto questo naturalmente dalla grazia di Colui che l'ha creata, dal quale ha ricevuto sia ciò che esisteva sia ciò che era tale per natura.

... Bisogna sapere che una persona ha in comune con oggetti inanimati, e partecipa alla vita di esseri muti, e ha ricevuto il pensiero di esseri dotati di ragione. Perché con gli oggetti inanimati ha in comune il suo corpo e perché è connesso dai quattro elementi, e con le piante sia sotto questo aspetto, sia dalla parte del potere che nutre e cresce, e contiene il seme o è in grado di partorire; con gli esseri non verbali ha questo in comune, e inoltre, i desideri, cioè la rabbia e la lussuria, e la capacità di sentire, e i movimenti corrispondenti all'impulso.

... Per mezzo della ragione, una persona si unisce alle nature incorporee e comprese solo dalla mente, pensando e meditando, e pronunciando una sentenza su tutto separatamente, e seguendo le virtù e la pietà amorosa, l'apice delle virtù - quindi, una persona è un piccolo mondo

Bisogna sapere che lo smembramento, il flusso e il cambiamento sono caratteristici del solo corpo. Cambiamento intendo qualitativo: riscaldamento e raffreddamento e simili. Il flusso è quello che si verifica come risultato dello svuotamento, poiché essi stanno svuotando: sia l'asciutto che l'umido, e lo spirito, e hanno bisogno di essere riempiti. Pertanto, sia la fame che la sete concordano con le leggi della natura. Lo smembramento è la dissociazione dell'umidità, l'una dall'altra e la divisione in forma e materia.

L'anima è caratterizzata dalla pietà e dal pensiero. Ma le virtù sono comuni all'anima e al corpo, e proprio perché sono legate all'anima, poiché l'anima usa il corpo.

Bisogna sapere che la ragione per natura governa la parte irragionevole. Perché i poteri dell'anima si dividono in razionali e irrazionali. Ma ci sono due parti del lato irragionevole dell'anima: una è disobbediente alla ragione, cioè non obbedisce alla ragione, l'altra è obbediente e obbedisce alla ragione. La parte disobbediente e disobbediente è, naturalmente, la forza vitale, che si chiama anche pulviscolo, anche la forza che contiene il seme, cioè capace di partorire, anche la forza vegetale, che si chiama nutriente, e anche questa appartiene alla forza che favorisce la crescita, che forma il corpo. Perché non sono governati dalla ragione, ma dalla natura. La parte obbediente e obbediente è divisa in rabbia e lussuria. In generale, la parte irrazionale dell'anima è chiamata capace di sentimenti e di suscitare desideri. Bisogna sapere che il movimento corrispondente all'impulso appartiene alla parte che obbedisce alla mente.

E il potere che nutre e partorisce e mette in moto il sangue appartiene a quella parte che non obbedisce alla mente. La forza vegetativa è chiamata quella che promuove la crescita, e la forza che nutre, e la forza che genera; vitale è quello che mette in moto il sangue.

… È necessario sapere che di quelle forze che sono in un essere vivente, alcune sono spirituali, altre sono vegetative e altre ancora sono vitali. E quelli spirituali, naturalmente, quelli che provengono dal libero arbitrio, cioè il movimento corrispondente all'impulso e ai sentimenti. Al movimento, secondo l'impulso, appartiene la capacità di spostarsi da un luogo all'altro, e la capacità di mettere in movimento tutto il corpo, e la capacità di emettere suoni, e la capacità di respirare, perché dipende da noi fare e non per farlo. Il vegetativo e il vitale sono quelli che non dipendono dal libero arbitrio. E il vegetale, naturalmente, è la forza che nutre e fa crescere, e contiene il seme, mentre la forza vitale è quella che mette in moto il sangue. Perché queste forze agiscono sia quando desideriamo che quando non desideriamo. San Giovanni di Damasco. Presentazione esatta della fede ortodossa. SPb., 1894, pag. 78-85.

Il Dio di tutti, avendo creato una creatura sensuale e razionale, ha infine creato l'uomo, ponendolo come una specie di sua immagine tra le creature inanimate e animate, sensuali e razionali, affinché le creature inanimate e animate lo beneficino come una sorta di tributo, e le nature razionali, prendendosi cura dell'uomo, dimostrarono impegno per il Creatore.

… Quando sentiamo nella storia di Mosè che Dio prese polvere dalla terra e formò l'uomo (Gen 2), e cerchiamo il significato di questo detto, troviamo in esso una speciale benevolenza di Dio verso il genere umano . Infatti, descrivendo la creazione, il grande profeta nota che Dio ha creato ogni specie di altre creature con una parola, ma ha formato l'uomo con le sue mani. Ma come qui con la parola si intende non un comando, ma una volontà, così anche qui: nella formazione del corpo, non l'azione delle mani, ma la massima attenzione a questa materia. Infatti, come ora, secondo la sua volontà, un feto nasce nel grembo materno e la natura segue le leggi che le ha prescritto fin dall'inizio, così il corpo umano, secondo la sua volontà, è stato formato dalla terra e la polvere si fece carne...

… Il divino Mosè dice che dapprima si formò il corpo di Adamo, e poi l'anima fu inspirata da Dio: «E il Signore Dio creò l'uomo dalla polvere della terra, e soffiò nelle sue narici un soffio di vita, e l'uomo si fece anima viva» (Gen. 2, 7). Questo non significa che una qualsiasi parte dell'essere divino sia stata “respirata”… ma questa parola denota la proprietà dell'anima come essere razionale. Beato Teodoreto di Kirsky. Creazioni, parte I, M., p. 28-29, 108-109.

Avendo prima rivelato la terra e il cielo e tutto ciò che è in essi in un proprio ornamento. Dio procede a creare l'uomo, la cui esistenza aveva prima pensato. E ogni altra creatura l'ha creata subito per suo comando e l'ha fatta nascere mediante la sua parola, come Dio. Poiché l'uomo è un essere veramente bello e simile a un dio, così che non sembra che lui, somiglianza della più alta gloria, sia creato allo stesso modo di ciò che non è uguale a lui, Dio onora [il processo] della sua creazione con consiglio preliminare e partecipazione personale. Formando il suo corpo dalla terra. Ne fece un animale razionale; tanto da distinguersi da tutta la razionalità della sua natura, lo segnò subito con uno spirito incorruttibile e vivificante: «e soffiò nelle sue narici un soffio di vita e l'uomo divenne anima viva» (Gen. 2, 7). San Cirillo di Alessandria. Creazioni, parte 4, M., 1886, p. 11-12.

La potenza di Dio si rivela nel fatto che Egli crea dal nulla ciò che vuole, così come dare un'anima e un movimento non è caratteristico di nessun altro che di Dio. San Teofilo di Antiochia. (Opere di antichi apologeti cristiani. M., 1867, p. 187).

“E gli soffiò in faccia il soffio della vita”

(Gen. 2, 7)… Con la parola “respiro” il divino Mosè addita la semplicità dell'anima, la sua incomposizione. San Giovanni Crisostomo (40, 789-790).

Il Creatore dell'universo procede alla mera dispensazione dell'uomo, per così dire, con prudenza, per preparare la sostanza alla sua composizione, e per paragonare la sua immagine a una specie di bellezza primitiva, e per determinare lo scopo per cui essa esisterà, e di creare una natura corrispondente alla sua attività, adatta agli obiettivi proposti. San Gregorio di Nissa (17, 87).

Dopo tutto, fu creato l'uomo, che era degno di maggiore onore e maggiore provvidenza, sia prima che dopo la creazione; e questo mondo sensibile fu creato prima di lui e per lui, e poi il regno dei cieli, preparato anche per lui prima della creazione del mondo, fu creato davanti a lui. E su di lui si manifestò una volontà speciale. E per mano di Dio e ad immagine di Dio, è stato creato in modo tale che non avrebbe tutto da questa materia e secondo il mondo sensibile, come tutti gli altri esseri viventi, ma solo il suo corpo sarebbe così , e avrebbe un'anima dal sovramundano, per meglio dire, da Dio stesso per un'ispirazione inesprimibile - come qualcosa di grande e meraviglioso, e che supera tutto, e tutto contempla, e tutto domina, e conosce Dio e rivela Lui – come un'opera perfetta della saggezza dell'artista che supera tutto. San Gregorio Palamas (65, 70).

L'origine dell'uomo trascende l'origine di tutto: Dio prese polvere dalla terra e creò l'uomo (Genesi 2). Egli costruisce il nostro corpo con la sua stessa mano. Non un angelo è stato mandato a creare. Non è stata la terra a produrci da sola, come le cavallette. Non ha comandato alle Forze che servono di fare questo o quello, ma, prendendo polvere dalla terra, crea con la Sua stessa mano. San Basilio Magno (Vescovo Macario (Bulgakov), p. 7).

Animali, bovini e uccelli, fin dalla creazione, ricevettero corpi e anime insieme. Ma Dio ha onorato l'uomo in molti modi e, soprattutto, per il fatto di averlo creato, come si dice. Con la sua stessa mano gli soffiò un'anima, gli diede potere sul paradiso e su tutto ciò che è fuori del paradiso, lo rivestì di gloria e gli diede il dono della parola, della ragione e della conoscenza del Divino.

… Con le parole: “maschio e femmina li creò” (Gen. 1, 27) Mosè chiarisce che Eva era già in Adamo, nell'osso che era stato tolto ad Adamo. Sebbene Eva fosse in lui non secondo la sua mente, ma secondo il suo corpo, tuttavia, non solo secondo il suo corpo, ma anche secondo la sua anima e il suo spirito. Perché Dio non ha aggiunto nulla all'osso tolto ad Adamo, se non la bellezza dell'immagine esteriore. Venerabile Efraim il Siro. Creazioni, parte 8, M., 1853, p. 273, 268.

La Bibbia dice: “soffiò nelle sue narici un soffio di vita” (Gen. 2, 7), in Adamo, l'originale e da Lui creato dalla polvere della terra. Molte persone interpretano che questo significa che in Adamo prima non c'erano anima e spirito umani, ma solo carne creata dalla polvere. Questa interpretazione è errata, poiché il Signore creò Adamo dalla polvere della terra nella composizione di cui parla il santo apostolo Paolo: “e il tuo spirito, anima e corpo, in tutta la sua integrità, siano preservati senza macchia alla venuta del nostro Signore Gesù Cristo» (1 Tessalonicesi 5, 23). Tutte queste tre parti della nostra natura sono state create dalla polvere della terra. E Adamo non fu creato morto, ma un essere vivente attivo, come altri esseri animati di Dio che vivono sulla terra. Ma ecco la forza: se allora il Signore non gli avesse soffiato in faccia il soffio della vita, cioè la grazia dello Spirito Santo, che procede dal Padre e riposa nel Figlio, e per causa sua mandata nel mondo del Figlio, quindi Adamo, per quanto eccellentemente creato da Paragone con le altre creature di Dio, come corona della creazione sulla terra, sarebbe rimasto ancora senza lo Spirito Santo dentro di sé, elevandolo a una dignità divina. Sarebbe come tutte le altre creature, pur avendo carne, anima e spirito, appartenenti a ciascuna secondo la loro specie, ma non avendo in sé lo Spirito Santo. Quando il Signore soffiò sul volto di Adamo il soffio della vita, allora, nelle parole di Mosè, «l'uomo divenne un'anima vivente», cioè completamente simile a Dio in tutto e simile a Lui, immortale nei secoli dei secoli. Rev. Seraphim di Sarov (S. Nilus. Great in the small. Sergiev Posad, 1911, p. 189-190).

Dio considerava una sola cosa degna delle sue stesse mani: la creazione dell'uomo... Dio creò una moglie per Adamo dalla sua costola. San Teofilo di Antiochia (Vescovo Macario (Bulgakov), vol. 2, p. 107).

Non è vano che la moglie non è stata creata dalla stessa polvere da cui fu formato Adamo, ma dalla costola di Adamo stesso: sì, sappiamo che in marito e moglie c'è una natura corporea, che c'è una fonte di il genere umano, e quindi non due furono creati dall'inizio: marito e moglie e non due mogli, ma prima un marito, e poi una moglie da lui. Sant'Ambrogio di Milano (Vescovo Macario (Bulgakov), vol. 2, p. 207).

Poiché in principio Adamo, essendo stato creato dalla terra e avendo preso fiato, fu reso vivo il sesto giorno (e non nel quinto, come alcuni credono, la sua creazione iniziò, ma nel sesto si concluse , per il parere di chi sostiene ciò è erroneo). Sant'Epifanio di Cipro. Creazioni, parte 1, M., 1863, p. 25.

È detto dalla rivelazione divina che il primo uomo fu creato da Dio dal nulla, creato nella bellezza della grazia spirituale, creato immortale, estraneo al male. Vescovo Ignazio (Bryanchaninov) (109, 98).

Scopo della creazione

Se tutto fosse accaduto per caso, senza una ragione ragionevole, tutto si sarebbe formato a caso, senza un piano, senza ordine. Ma nell'Atto vediamo qualcos'altro: tutto nel mondo è meravigliosamente ordinato e sistemato. E questo inevitabilmente ci fa presumere che il mondo sia organizzato da un Essere con la mente più alta, cioè Dio. Sant'Atanasio il Grande (Vescovo Macario (Bulgakov), p. 11).

Il mondo, come prodotto del Dio Vivente e Sapiente, è pieno di vita: ovunque e in ogni cosa c'è vita e saggezza, in ogni cosa vediamo l'espressione del pensiero, sia in generale che in tutte le parti. Questo è un vero libro dal quale è possibile, anche se non così chiaramente come dall'Apocalisse, apprendere la conoscenza di Dio. L'arciprete Giovanni Sergiev. vol. 1, M., 1894, pag. 282. Sant'Epifanio di Cipro. Creazioni, parte 3, M., 1872, p. 201.

… Nulla è creato invano e senza beneficio. Perché o serve come cibo per qualche animale o, con l'aiuto della scienza medica, risulta essere curativo per noi stessi... (4, 71).

…Se cominci a considerare le stesse membra degli animali, scoprirai che il Creatore non ha aggiunto un solo superfluo e non ha tolto il necessario. San Basilio Magno (4, 143).

Perché Dio ha comandato di coltivare erbe inadatte al cibo? Ci sono molti tipi di animali muti: animali, bovini, rettili e uccelli. Dio ha preparato il cibo per tutti loro e li ha creati a beneficio delle persone, motivo per cui si dice che mangiano per noi. Perché è detto: “Tu produci erba per il bestiame, ed erba per il bene dell'uomo” (Sal 103, 14). Pertanto, ciò che non è utile all'uno è utile all'altro, e ciò che non è necessario agli uomini è adatto a coloro che sono stati creati per il bene dell'uomo. Inoltre, il Signore, prevedendo che le persone condannate a morte per peccato sarebbero affette da malattie, comandò alla terra di coltivare erbe, non solo adatte al cibo, ma anche curative.

…Nessuno rimproveri il Creatore per le bestie, tenendo conto solo del fatto che ci sono delle bestie in se stesse, ma scopra a che cosa servono. E nel corpo umano c'è bellezza, armonia, corrispondenza reciproca delle parti, ma ci sono anche escrezioni del corpo. Tuttavia, nessuna persona sana di mente umilia un essere vivente per questo, perché è impossibile vivere senza di essa ... Quindi, se qualcuno taglia un'articolazione del dito, la troverà completamente inutile, ma questa articolazione, fino a quando non sarà tagliata, offre grandi vantaggi. Pertanto, dobbiamo agire anche in questo modo: non dobbiamo considerare ogni parte della creazione separatamente, ciò che è in sé, ma scoprire se è utile per l'intero universo. Beato Teodoreto di Kirsky. Creazioni, parte 1, M., 1856, p. 19-20, 23-24.

Il mondo intero rende testimonianza a Dio, suo Creatore, e silenziosamente ci dice di Lui creature razionali: Egli mi ha creato. Il grande e meraviglioso edificio rivela il grande e meraviglioso Creatore. San Tikhon di Zadonsk. Opere, vol. 13, M., 1837, p. uno.

Ti devo molto, Signore Dio. Non c'era me, ed eccomi qui e vivo. Tu, Signore, mi hai degnato di essere ed essere annoverato tra le opere delle Tue mani... Mi hai creato non come una creatura senz'anima, non come un bestiame, non come un uccello, non come un altro animale muto, creato come essere razionale... Non posso vivi senza luce, posso agire – Le tue luci, sole, luna e stelle, risplendono per me. Non posso vivere senza fuoco – Il tuo fuoco mi riscalda e cuoce il mio cibo. Non posso vivere senza aria – La tua aria mi ravviva e preserva la mia vita. Non posso restare senza cibo e bevande – La tua mano generosa. Signore, dammi cibo. La tua bontà mi ha fatto precipitare nelle sorgenti, nei fiumi che rinfrescano e lavano gli uomini... Oh, cosa ti ricompenserò, Signore, per tutto ciò che mi hai dato? San Tikhon di Zadonsk (113, 158).

Foto di Ron Lach : https://www.pexels.com/photo/jesus-portrait-in-a-carved-wall-10628586/

Articolo precedentePace
Articolo prossimoCosa dice di te il tuo fiore preferito?
- Annuncio pubblicitario -
- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti