12.9 C
Bruxelles
Lunedi, October 3, 2022

Per i cristiani in tempo di epidemia

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

Più da parte dell'autore

Dalla lettera di san Dionisio († 264), Vescovo di Alessandria, sui tempi delle persecuzioni e dell'epidemia della cosiddetta peste di Cipriano. La malattia, che colpì l'Impero Romano nel 3° secolo, rimane nella storia con il nome di San Cipriano di Cartagine, che ne descrisse i sintomi. Circa cinquemila persone morivano ogni giorno a Roma per questa malattia contagiosa. San Dionisio scrisse che non c'erano residenti ad Alessandria di età superiore ai quarant'anni. In questo momento difficile, il Vescovo di Alessandria ha descritto il comportamento dei cristiani e il loro atteggiamento verso la morte: non in modo frivolo e sicuro di sé, ma imitando Cristo – come il calice amaro che bevono per amore del prossimo sofferente.

“... Dopo un breve intervallo, questa malattia è caduta su di noi; per loro (i Gentili) era la più terribile di tutte le cose terribili, la più crudele di tutte le calamità e, come dice il loro stesso scrittore, un evento straordinario che nessuno avrebbe potuto aspettarsi. Per noi non è stato così; come in altri casi, il Signore ci ha provato e indurito. La malattia non ci circondò, ma colpì di più i Gentili.

Molti dei nostri fratelli, per abbondante carità e mossi da amore fraterno, senza pietà di se stessi, si sostenevano a vicenda, senza timore, visitavano i malati, li servivano immancabilmente, li curavano per amor di Cristo, con gioia morivano con loro; si sono riempiti delle sofferenze degli altri, sono stati contagiati dal prossimo e hanno prontamente preso su di sé le loro sofferenze. Molti, prendendosi cura dei malati e sostenendo gli altri, morirono essi stessi, accettando la morte per loro...

Così è morto il migliore dei nostri fratelli: sacerdoti, diaconi, laici. Li inondarono di lodi, perché una tale morte, possibile solo per grande pietà e forte fede, era considerata uguale al martirio.

Fonte: Eusebio di Cesarea, “Storia della Chiesa”, vol. 7

Foto di Levi Meir Clancy on Unsplash

- Annuncio pubblicitario -
- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti