4.5 C
Bruxelles
Giovedi, dicembre 1, 2022

Gerusalemme – la Città Santa

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

Più da parte dell'autore

Scritto da archimandrite assoc. prof. Pavel Stefanov, Università Shumen “Vescovo Konstantin Preslavski” – Bulgaria

La vista di Gerusalemme immersa in una abbagliante luce spirituale è emozionante e unica. Situata tra le montagne più alte sulle rive di una profonda gola, la città irradia un bagliore costante e imperituro. Anche se non avesse un particolare significato storico, susciterebbe comunque forti sensazioni con il suo aspetto insolito. Visto dalle cime di Skopos ed Eleon, l'orizzonte è disseminato di fortificazioni e torri medievali, cupole dorate, merlature, resti fatiscenti di epoca romana e araba. Intorno valli e pendii, trasformati in ampi prati verdi che cambiano anche le proprietà della luce. La vista è affascinante.

Secondo le tradizioni del re Davide, è chiamato Jebus. In ebraico Yerushalayim significa “città della pace” (questa etimologia non è del tutto precisata – pr), il che è un paradosso, perché nella sua storia millenaria ha conosciuto pochissimi periodi di pace. In arabo il suo nome è al-Quds, che significa “santo”. È un'antica città mediorientale sullo spartiacque tra il Mediterraneo e il Mar Morto ad un'altitudine di 650-840 m. Rappresenta un'incredibile miscela di monumenti di storia, cultura e popoli con un'enorme quantità di attrazioni. Fin dall'antichità, questa piccola città di provincia era chiamata “l'ombelico” o “centro” del mondo per il suo eccezionale significato religioso (così è chiamata anche nel profeta Ezechiele 5 – b. r). [i] In tempi diversi Gerusalemme fu possedimento del Regno di Giudea, dello Stato di Alessandro Magno, della Siria seleucide, dell'Impero Romano, di Bisanzio, del Califfato Arabo, dei Crociati, dello Stato Ayyubide, dei Tartari-Mongoli, dei Mamelucchi, Impero Ottomano e Impero Britannico.[ii]

L'età di Gerusalemme supera i 3500 anni.[1] La ricerca archeologica di questa città, che occupa un posto eccezionale nella storia spirituale del mondo, iniziò nel 1864 e continua ancora oggi.[2] Il nome Shalem (Salem) fu menzionato per la prima volta nel 2300 a.C. nei documenti di Ebla (Siria) e nelle iscrizioni della XII dinastia egizia. Secondo una versione, è un probabile predecessore di Gerusalemme.[3] Nel XIX secolo aC si fa menzione di Melchisedec, re di Salem. Secondo la Bibbia, dopo una battaglia vittoriosa incontrò Abramo e il re di Sodoma e gli offrì pane e vino, prendendone la decima (Gen. 19:14-18). Nell'epistola del Nuovo Testamento agli Ebrei (20:5, 6; 10:6; 20:7, 1-10, 11, 15, 17) S. Apostolo Paolo dimostra la dignità sacerdotale di Gesù Cristo nell'ordine di Melchisedec.

Nel XIV secolo aC. durante gli scavi dei Padri Francescani intorno alla cappella “Dominus Flevit” (“Lamento del Signore”), sono stati trovati oggetti in ceramica e terracotta risalenti al XVI secolo a.C., nonché un ornamento a forma di scarabeo d'Egitto scoperto. Un ritrovamento casuale, una serie di tavolette cuneiformi provenienti da Tell el-Amarna nell'Alto Egitto (16 aC circa), fa luce sull'archivio reale di Amenhotep III e suo figlio Akhenaton. Tra circa 1350 avvisi su argilla di principi e capi in Palestina, Fenicia e Siria meridionale ci sono otto di un Abdu Heba, sovrano di Gerusalemme e vassallo dell'Egitto. Nelle sue ansiose lettere al faraone, Abdu Heba chiede rinforzi, che non riceve, e perde la terra del faraone “da habiru”. Chi erano queste tribù "habiru"? La connessione tra loro e gli antichi ebrei rimane una questione di congettura.

La storia di Gerusalemme inizia con il periodo protourbano, a cui si riferiscono diverse sepolture. Con il suo primo insediamento nella tarda età del bronzo, divenne una città dei Gebusei, una tribù cananea. Si trova sul monte Ophel (alla periferia sud-est dell'odierna Gerusalemme). «Ma i figli di Giuda non poterono scacciare i Gebusei, residenti a Gerusalemme, e perciò i Gebusei vivono con i figli di Giuda a Gerusalemme fino ad oggi» (Isa. Nav. 15:63).[4]

Dal 922 al 586 a.C. Gerusalemme è la capitale del regno ebraico. La città fu conquistata dagli ebrei, guidati dal re Davide (nell'ultimo decennio prevaleva l'opinione che la città non fosse stata catturata con la forza – br). David trovò un antico santuario esistente qui e ribattezzò la città Sion.[5] Costruì un palazzo (2 Re 5:11), ma le sue fondamenta non sono state ancora scoperte. Il re ristrutturò la città e le mura, compreso il cosiddetto Milo (1 Cronache 11:8). Il significato di questo termine non è chiaro, ma si pensa si riferisca ai terrazzi e alle fondamenta dell'acropoli. Salomone trasforma Gerusalemme in una sontuosa capitale. Raddoppiò le dimensioni della città e costruì un complesso di templi sul monte Moria (2 Cronache 3:1).[6] Il pio re Ezechia (727-698) ricostruì le mura della fortezza e scavò un tunnel per l'approvvigionamento idrico.[7] Il re assiro Sennacherib assediò Gerusalemme nel 701, ma un angelo del Signore uccise 185,000 dei suoi soldati e gli invasori si ritirarono.

Nel 598 a.C. il re babilonese Nabucodonosor assedia Gerusalemme, che cade, e il re di Giuda Ieconia viene portato prigioniero a Babilonia. Sedechia fu posto sul trono come vassallo. Si ribellò, sperando nell'aiuto dell'Egitto. Nel 587, l'esercito babilonese tornò e distrusse Gerusalemme. Quasi tutti gli abitanti furono portati prigionieri a Babilonia. Nel 539 a.C. il re persiano Ciro il Grande sconfisse i babilonesi ed emanò un decreto che permetteva agli ebrei di tornare a Gerusalemme e ricostruire il tempio.[8]

L'anno è il 332 aC. Gli abitanti di Gerusalemme si arresero senza opporre resistenza ad Alessandro Magno, che confermò i privilegi concessi alla città dai sovrani persiani.[9]

Sotto la guida dei fratelli Maccabei scoppiò una rivolta degli ebrei, che durò dal 167 al 164 a.C. Gli occupanti siriani di Antioco IV Epifane, che imponevano il paganesimo, furono cacciati.[10]

Le truppe romane sotto la guida di Pompeo conquistarono Gerusalemme nel 63 a.C. La città divenne il centro amministrativo del protettorato romano della Giudea.[11] La pianta moderna di Gerusalemme risale al tempo di Erode il Grande (37-34 aC).[12] Questo satrapo è il più grande costruttore nella storia della città. Ricostruì le mura asmonee e aggiunse tre grandi torri, costruì un complesso palazzo-amministrativo sul colle occidentale, poi chiamato “pretorio”, e ricostruì il tempio. Gli ebrei della diaspora bramano la città, guidati da eminenti intellettuali come Filone di Alessandria.[13]

L'oppressione romana alimentò il movimento di liberazione segreto degli Zeloti. Probabilmente a loro appartiene l'apostolo di Cristo, Giuda Iscariota.[14] Nel 66-70 gli ebrei guidarono una rivolta contro i romani. Dopo un lungo assedio, Gerusalemme cade. La fallita rivolta passa alla storia come la Guerra Ebraica. Nonostante l'ordine del generale romano Tito di preservare il tempio, fu bruciato e distrutto il 9 agosto 70.[15] Successivamente, per ordine dell'imperatore Adriano, sulle rovine di Gerusalemme iniziò la costruzione di una città chiamata Elia Capitolina in onore dell'imperatore (Elio Adriano) e della triade capitolina (Giove, Giunone e Minerva). La città fu costruita sul modello di un accampamento militare romano, una piazza in cui le strade si intersecano ad angolo retto. Sul sito del tempio ebraico fu costruito un santuario di Giove.

Indignati dall'imposizione del culto pagano, gli ebrei sollevarono una seconda rivolta contro i conquistatori romani. Dal 131 al 135 Gerusalemme fu nelle mani dei ribelli ebrei di Shimon bar Kochba, che coniarono persino le proprie monete. Ma nel 135 le truppe romane riconquistarono la città. L'imperatore Adriano emanò un decreto che vietava a tutti i circoncisi di entrare in città. Dopo il crollo dell'Impero Romano, iniziò il periodo bizantino e la città assunse gradualmente un aspetto cristiano.[16]

Sul sito del Golgota, i romani eressero un tempio ad Afrodite. Nel 326 Sant'Elena e il vescovo Macario guidarono la costruzione della Chiesa del Santo Sepolcro. Milioni di pellegrini da tutto il mondo hanno cominciato ad affluire qui nel corso dei secoli.

Nel 1894 un famoso mosaico raffigurante San Giorgio fu scoperto nella chiesa ortodossa di San Giorgio a Madaba (l'attuale Giordania). Terra e Gerusalemme. Risale al VI secolo e oggi misura 6 x 16 m. L'immagine più grande e dettagliata al centro dell'opera è quella di Gerusalemme e dei suoi punti di riferimento.[5]

Nel 614, la città fu catturata e saccheggiata dal persiano Shah Khozroi e la Chiesa del Santo Sepolcro fu bruciata. Dopo 24 anni, San Patriarca Sofronio aprì le porte della città a un nuovo conquistatore: il califfo arabo Omar ibn al-Khattab, e Gerusalemme iniziò gradualmente ad acquisire un aspetto musulmano. Poco dopo, Mu'af I, fondatore della dinastia degli Omayyadi, fu proclamato califfo a Gerusalemme. Una moschea è stata costruita sul sito del distrutto tempio ebraico, che per i musulmani è il terzo più sacro dopo quelli della Mecca e Medina.

Nel 1009, il folle califfo al-Hakim ordinò la completa distruzione della Chiesa del Santo Sepolcro. Questo sacrilegio provoca un'ondata di protesta in Occidente e prepara l'era delle Crociate. Nel 1099, i partecipanti alla prima campagna sotto la guida del conte Gottfried di Boulogne conquistarono Gerusalemme, massacrarono tutti i musulmani e gli ebrei e trasformarono la città nella capitale del Regno di Gerusalemme guidato dal re Baldovino I. Nel 1187, dopo un lungo assedio , le truppe del sultano egiziano Salah-at-din (Saladino, 1138-1193) conquistarono Gerusalemme. Tutte le chiese della città, tranne la Chiesa dell'Ascensione, furono convertite in moschee. [18]

Ma i cristiani occidentali non si disperarono e nel 1189-1192 organizzarono la Seconda Crociata sotto la guida del re inglese Riccardo Cuor di Leone. La città cade di nuovo nelle mani dei crociati. Nel 1229, Federico II Hohenstaufen divenne re del Regno di Gerusalemme, che riuscì a ripristinare temporaneamente il potere dei crociati a Gerusalemme sfruttando le contraddizioni tra gli stati musulmani. Tuttavia, nel 1244, i mongoli-tartari conquistarono la città. Nel 1247 Gerusalemme fu conquistata da un sultano egiziano della dinastia Ayyubide. Salirono al potere i mamelucchi, guardie del corpo dei sultani egiziani, il cui esercito fu reclutato tra gli schiavi di origine turca e caucasica (principalmente circassi). Nel 1517, l'esercito dell'Impero Ottomano, dopo una vittoria in Siria sui Mamelucchi, conquistò la terra di Eretz-Israel (il territorio della Palestina) senza spargimenti di sangue.

Durante la prima guerra mondiale, la Gran Bretagna stabilì il controllo sulla Palestina.[19] Dal 1920 al 1947 Gerusalemme fu il centro amministrativo del territorio della Palestina sotto mandato britannico. Durante questo periodo la popolazione ebraica aumentò di 1/3 principalmente a causa della migrazione dall'Europa. La risoluzione n. 181 dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite del 29 novembre 1947, nota come Risoluzione sulla spartizione della Palestina, presupponeva che la comunità internazionale avrebbe preso il controllo del futuro di Gerusalemme dopo la fine del mandato britannico (15 maggio 1948). ).[20] Nel 1950 Israele dichiarò Gerusalemme capitale e vi si trovavano tutti i rami del governo israeliano, sebbene questa decisione non fosse accettata dalla comunità mondiale. La parte orientale della città divenne parte della Giordania. [21]

Dopo la sua vittoria nella Guerra dei Sei Giorni nel 1967, Israele ottenne il controllo dell'intero territorio della città, separò legalmente Gerusalemme Est dalla Cisgiordania e dichiarò la sua sovranità su Gerusalemme. Con una legge speciale del 30 luglio 1980, Israele ha dichiarato Gerusalemme capitale unica e indivisibile. Tutti gli uffici statali e governativi di Israele si trovano a Gerusalemme. [22] L'ONU e tutti i suoi membri non riconoscono l'annessione unilaterale di Gerusalemme est. Quasi tutti i paesi hanno le loro ambasciate nell'area di Tel Aviv, ad eccezione di diversi paesi dell'America Latina, le cui ambasciate si trovano nel sobborgo di Gerusalemme di Mevaseret-Zion. Già nel 2000, il Congresso degli Stati Uniti ha approvato la decisione di spostare l'ambasciata a Gerusalemme, ma il governo americano ha costantemente rinviato l'attuazione di questa decisione. Nel 2006 le ambasciate latinoamericane si sono trasferite a Tel Aviv e ora non ci sono ambasciate straniere a Gerusalemme. Gerusalemme est ospita i consolati degli Stati Uniti e alcuni altri paesi che hanno contatti con l'Autorità Palestinese.

Lo status di Gerusalemme rimane un argomento molto controverso. Sia Israele che l'Autorità Palestinese rivendicano ufficialmente Gerusalemme come loro capitale e non riconoscono tale diritto a nessun altro paese, sebbene la sovranità israeliana su parte della città non sia riconosciuta dalle Nazioni Unite o dalla maggior parte dei paesi, e le autorità dell'Autorità Palestinese non lo siano mai state non a Gerusalemme. Gli arabi addirittura negano completamente il periodo ebraico della storia di Gerusalemme, contestando così la Bibbia, accettata come rivelazione nel loro Corano. Dopo la vittoria della rivoluzione islamica in Iran, l'Ayatollah Khomeini ha stabilito una nuova festa il 5 ottobre, il giorno di al-Quds (Gerusalemme). Ogni anno in questa data i musulmani pregano affinché la città venga liberata dalla presenza militare israeliana.[23]

Secondo gli ultimi dati, gli abitanti di Gerusalemme sono 763,800, mentre nel 1948 erano solo 84,000. Ci sono 96 santuari cristiani, 43 islamici e 36 ebrei situati nel territorio della città vecchia, che copre solo 1 km quadrato. È associato alla pace attraverso il suo nome. È una città di medie dimensioni, provinciale, per molti versi modesta e tuttavia irresistibilmente attraente che ispira stupore e meraviglia. A Gerusalemme furono fondate due religioni mondiali e la terza, l'Islam, adottò le sue varie tradizioni nel suo credo. Ma invece di essere come il suo nome “città della pace”, Gerusalemme si rivela un'arena di confronto.

La violenza continua come atti in un infinito dramma antico, ma in cui non c'è catarsi. Dalle stesse mura scalate dai romani nel 70 d.C. e dai crociati nel 1099, giovani palestinesi armati come David di fionde lanciano sassi su auto blindate della polizia di passaggio. Gli elicotteri girano sopra, facendo cadere bombolette di gas lacrimogeni. Lì vicino, nei vicoli, salgono incessantemente i suoni delle tre fedi che rendono sacra la città: la voce del muezzin che chiama i fedeli musulmani alla preghiera; il suono delle campane delle chiese; il canto degli ebrei in preghiera al Muro Occidentale, l'unica parte conservata dell'antico tempio ebraico.

Alcuni chiamano Gerusalemme una "necrocrazia" - l'unica città in cui il voto decisivo viene dato ai morti. Ovunque qui si sente il pesante fardello del passato che grava sul presente. Per gli ebrei è sempre la capitale della memoria. Per i musulmani è al-Quds, cioè. Il santuario, dall'emergere dell'Islam nel VII secolo ad oggi. Per i cristiani è l'epicentro della loro fede, associata alla predicazione, morte e risurrezione del Dio-uomo.[7]

Gerusalemme è una città in cui lo spirito della storia è quotidianamente invocato incessantemente e superstiziosamente dai paesi rivali. Gerusalemme è l'incarnazione dell'influenza della memoria sulle menti degli uomini. È una città di monumenti che hanno una propria lingua. Risvegliano memorie reciprocamente contraddittorie e costruiscono la sua immagine di città cara a più di un popolo, sacra a più di una fede. A Gerusalemme la religione si mescola alla politica. Vive troppo profondamente assorbito dal fascino di potenti credenze e religioni religiose.[25] La riverenza e il fanatismo delle religioni e delle nazionalità che qui coesistono interagiscono. Non c'è mai stata una sola verità religiosa a Gerusalemme. Ci sono sempre state molte verità e immagini contraddittorie della città. Queste immagini si riflettono o si distorcono a vicenda e il passato fluisce nel presente.

Nel nostro tempo, gli uomini hanno messo piede sulla luna alla ricerca di nuove terre promesse e nuove Gerusalemme, ma finora la vecchia Gerusalemme non è stata ancora sostituita. Conserva una presa straordinaria sull'immaginazione, conservando per tre fedi insieme vicine e lontane un timore e una speranza di un'Apocalisse espressa in frasi del tutto intercambiabili.[26] Qui la lotta religiosa per la conquista dei territori è un'antica forma di culto. Nazionalismo e religione sono sempre stati intrecciati a Gerusalemme, dove l'idea di una terra promessa e di un popolo eletto fu rivelata per la prima volta agli ebrei 3,000 anni fa.

Gli scribi ei profeti di Gerusalemme hanno sfidato l'antica nozione prevalente che la storia si muova necessariamente in tondo, ripetendosi più e più volte. Esprimono la speranza generale di un progresso irreversibile verso una vita migliore e più preziosa. Varietà del Pentateuco e dei libri di Giosuè, Samuele e Re circolarono a Gerusalemme come tradizioni orali all'inizio del VII o IX secolo a.C. Reperti archeologici ed epigrafici confermano ripetutamente con notevole accuratezza i dettagli fattuali delle fonti bibliche. Qui il re Davide compose i poemi dei Salmi, e Salomone costruì il tempio e godette delle sue centinaia di mogli. Qui Isaia grida nel deserto, e Gesù porta la corona di spine ed è crocifisso con i ladroni. I cristiani si sono radunati dopo la sua morte in questa città e in nome della speranza hanno conquistato l'Impero Romano e l'intero mondo mediterraneo. Qui, secondo la leggenda islamica, Maometto arriva su un misterioso cavallo bianco alato e sale al cielo su una scala di luce. Dal 7° secolo, gli ebrei pregano tre volte al giorno presso il Muro Occidentale, in modo che possano “tornare per misericordia alla tua città di Gerusalemme e viverci, come hai promesso”.

Quattromila anni di storia, innumerevoli guerre e fortissimi terremoti, alcuni dei quali hanno causato la completa distruzione di edifici e mura, hanno segnato la topografia della città. Ha subito 20 devastanti assedi, due periodi di completa desolazione, 18 restauri e almeno 11 conversioni da una religione all'altra. Gerusalemme rimane santa per ebrei, cristiani e musulmani, per tutte le persone del mondo. “Chiedete la pace per Gerusalemme” (Sal 121:6)!

Note:

[i] Wolf, B. Jerusalem und Rom: Mitte, Nabel – Zentrum, Haupt. Die Metaphern «Umbilicus mundi» e «Caput mundi» in den Weltbildern der Antike und des Abendlands bis in die Zeit der Ebstorfer Weltkarte. Berna ua, 2010.

[ii] Dizionario enciclopedico. Cristianesimo. TIM 1997, pag. 586. Cfr. Otto, E. Das antike Gerusalemme. Archeologia und Geschichte. Monaco di Baviera, 2008 (Beck'sche Reihe, 2418).

[1] Elon, A. Gerusalemme: Città degli specchi. Londra, 1996, pag. 30.

[2] Whiting, C. Immaginazioni geografiche della “Terra Santa”: topografia biblica e pratica archeologica. – Contesti del XIX secolo, 29, 2007, n. 2 e 3, 237-250.

[3] Elon, A. op. cit., pag. 54.

[4] Per la storia antica della città, vedere Harold Mare, W. The Archaeology of the Jerusalem Area. Grand Rapids (MI), 1987; Gerusalemme nella storia e nella tradizione antica. ed. di TL Thompson. Londra, 2004 (Seminario internazionale di Copenaghen).

[5] Cogan, La Gerusalemme di M. David: note e riflessioni. – In: Tehillah le-Moshe: studi biblici e giudaici in onore di Moshe Greenberg. A cura di M. Cogan, BL Eichler e JH Tigay. Winona Lake (IN), 1997.

[6] Goldhill, S. Il Tempio di Gerusalemme. S., 2007.

[7] Il libro Jerusalem in Bible and Archaeology: The First Temple Period è dedicato alla storia biblica di Gerusalemme. ed. di AG Vaughn e AE Killebrew. Atlanta (GA), 2003 (Serie Simposio, 18)

[8] Dizionario enciclopedico. Cristianesimo. TIM, 1997, 587. Cfr. Ritmeyer, L. Gerusalemme al tempo di Neemia. Chicago, 2008.

[9] Ameling, W. Jerusalem als hellenistische Polis: 2 Mak 4, 9-12 und eine neue Inschrift. – Biblische Zeitschrift, 47, 2003, 117-122.

[10] Tromp, J. Il significato religioso di Gerusalemme per gli ebrei nel periodo greco-romano. – In: À la recherche des villes saintes. Actes du colloque franco-néerlandais “Les Villes Saintes”. ed. A. Le Boulluec. Turnhout, 2004 (Bibliothèque de l'École des hautes études. Sciences religieuses, 122), 51-61.

[11] Mirasto, I. Cristo è risorto (In terra di Dio durante la Settimana Santa). S., 1999, pag. 9.

[12] Julia Wilker, Fuer Rom e Gerusalemme. Die herodianische Dynastie im 1. Jahrhundert n.Chr. Francoforte sul Meno, 2007 (Studien zur Alten Geschichte, 5)

[13] Pearce, S. Gerusalemme come “Città Madre” negli scritti di Filone di Alessandria. – In: Negoziare la diaspora: strategie ebraiche nell'impero romano. ed. di JMG Barclay. Londra e New York, 2004, 19-37. (Biblioteca degli studi del Secondo Tempio, 45).

[14] Hengel, M. Gli Zeloti: Indagini sul Movimento per la Libertà Ebraica nel periodo da Erode I fino al 70 d.C. Londra, 1989.

[15] Rives, JB Flavian Religious Policy e la distruzione del tempio di Gerusalemme. – In: Flavio Giuseppe e Roma Flavia. ed. J. Edmondson, S. Mason e J. Rives. Oxford, 2005, 145-166.

[16] Belayche, N. Déclin ou ricostruzione? La Palaestina romana après la révolte de 'Bar Kokhba'. – Revue des études juives, 163, 2004, 25-48. Cfr. Colbi, P. Una breve storia del cristianesimo in Terra Santa. Gerusalemme, 1965; Wilken, R. La terra chiamata santa: la Palestina nella storia e nel pensiero cristiani. New York, 1992.

[17] Damyanova, E. Gerusalemme come centro topografico e spirituale del mosaico di Madaba. – In: Riflessioni teologiche. Raccolta di materiali. S., 2005, 29-33.

[18] Shamdor, A. Saladino. Un nobile eroe dell'Islam. San Pietroburgo, 2004. Cfr. L'Orient au temps des croisades. Textes arabes present et traduit par A.-M. Eddé e F. Micheau. Parigi, 2002.

[19] Grainger, J. La battaglia per la Palestina, 1917. Woodbridge, 2006.

[20] L'eredità cristiana in Terra Santa. ed. Di A. O'Mahony con G. Gunner e K. Hintlian. Londra, 1995, pag. 18.

[21] Keay, J. Semina il vento: i semi del conflitto in Medio Oriente. Nuova York, 2003.

[22] Tessler, M. Storia del conflitto israelo-palestinese. Bloomington (IN), 1994. Cfr. Kailani, W. Reinventing Jerusalem: Ricostruzione israeliana del quartiere ebraico dopo il 1967. – Studi sul Medio Oriente, 44, 2008, n. 4, 633-637.

[23] Emelyanov, V. Cosa fare con il problema di al-Quds – Gerusalemme? A Mosca hanno celebrato una data commemorativa stabilita 27 anni fa dall'imam Khomeini. – https://web.archive.org/web/20071011224101/http://portal-credo.ru:80/site/?act=news&id=57418&cf=, 8 ottobre 2007.

[24] L'eredità cristiana.., p. 39.

[25] Kalian, M., S. Catinari, U. Heresco-Levi, E. Witztum. La “fame spirituale” in uno spazio sacro: una forma di “sindrome di Gerusalemme”. – Salute mentale, religione e cultura, 11, 2008, n. 2, 161-172.

[26] Elon, A. op. cit., pag. 71.

Breve indirizzo di questa pubblicazione: https://dveri.bg/uwx

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti