8.7 C
Bruxelles
Venerdì, novembre 25, 2022

L'accordo con la Chiesa serba ha rovesciato il governo montenegrino

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Più da parte dell'autore

La Chiesa ortodossa serba si è rivelata un fattore imprescindibile nei processi politici e sociali degli ultimi quasi tre anni nella piccola repubblica adriatica del Montenegro. Tutto è iniziato nel dicembre 2019, quando il Partito Democratico dei Socialisti (DPS) al governo del presidente montenegrino Milo Djukanovic ha fatto passare attraverso il parlamento locale la legge sulle proprietà religiose, che ha invaso le proprietà della Chiesa ortodossa serba.

Gli argomenti di Djukanović e del governo di Podgorica erano che questo atto ripristina una giustizia storica legata alla fine della prima guerra mondiale, quando non solo il Montenegro, ma anche il suo territorio fu annesso con la forza al Regno dei Serbi, Croati e Slavi - Jugoslavia e la Chiesa montenegrina fa parte della Chiesa ortodossa.

Dopo l'adozione della legge, il defunto metropolita montenegrino della Chiesa ortodossa, Amfilochius, e il suo stretto collaboratore, Ep. Ioanikiy iniziò a tenere processioni litaniche quotidiane in tutto il territorio del Montenegro, che aveva un carattere aperto e antigovernativo. I manifestanti non ottennero le dimissioni dell'allora governo di Duško Marković, ma riuscirono a mobilitare tutti gli insoddisfatti delle politiche di Milo Djukanović, che governò il Montenegro per trent'anni (con una breve eccezione di due anni). E nei mesi precedenti le regolari elezioni parlamentari del 2020, hanno creato un grande fronte contro di lui.

Così, il 30 agosto 2020, il partito di Djukanović è stato costretto a dimettersi dal governo del Paese, perché sei deputati non avevano i quarantuno voti necessari in Assemblea su un totale di ottanta e si sono opposti. Dopo diversi mesi di trattative, le parti attorno al vescovo Amfilohiy hanno annunciato un governo di coalizione, guidato dal tecnocrate Prof. Zdravko Krivokapich. Egli stesso fu proposto da Anfilochio come figura unificatrice dell'opposizione nel corso delle elezioni. L'SPC lo ha presentato come un credente che potrebbe restituire la controversa Legge sulle religioni e le loro proprietà e ripristinare il posto dell'SPC in Montenegro. Tuttavia, il governo di Krivokapić non è mai stato in grado di abrogare la legge a causa delle dure azioni dell'opposizione, che hanno intensificato le contraddizioni interne, ei partner contro il governo del presidente Djukanović si sono divisi in diversi campi.

Nel frattempo, l'influente metropolita locale Amfilochius, un montenegrino, è morto di COVID-19 e, al suo funerale, il patriarca serbo Irinej ha contratto la malattia ed è morto anche, portando a un cambiamento nell'SPC. Era guidato dal metropolita di Zagabria-Lubiana Porfiry e nella diocesi montenegrina-Primorska il metropolita è venuto a Ep. Giannicio. E invece di cercare una soluzione normale ai problemi tra il Montenegro e la Chiesa ortodossa serba, nell'autunno del 2021 ci sono state tensioni molto serie a causa delle azioni dell'élite della chiesa serba per tenere l'intronizzazione di Ioanniki a Cetinje. I residenti della vecchia capitale montenegrina Cetinje hanno protestato violentemente, bloccando la strada per la città, bruciando pneumatici ed erigendo barricate per l'intronizzazione di Ioannici come nuovo metropolita serbo.

Cetinje è sempre stata considerata il cuore della statualità montenegrina, che il paese ha ricevuto dopo il Congresso di Berlino nel 1878. Alla fine, l'intronizzazione ha causato tensioni nello stato balcanico. Il partiarca serbo Porfirij e gli ospiti della cerimonia sono arrivati ​​con elicotteri militari forniti dal governo di Zdravko Krivokapic, che era un prodotto politicamente ingegnerizzato della Chiesa ortodossa serba in Montenegro, e questo ha ulteriormente sollevato le tensioni. La Chiesa ortodossa serba ha sempre percepito il Montenegro come una parte irrevocabile della Serbia e l'indipendenza montenegrina come un elemento di transizione che prima o poi si risolverà e verrà ripristinato il vecchio status quo. Ritornerà così o come parte della Serbia o come stato unito ad essa, come era fino al 2006, quando si separò in un referendum monitorato a livello internazionale.

Molti politici serbi a Belgrado hanno opinioni simili, arrivando a negare completamente la statualità montenegrina. Il Montenegro è infatti al centro, insieme ai serbi bosniaci, nel progetto di creare un "mondo serbo" nei Balcani occidentali sulla falsariga del "mondo russo" promosso dalle autorità del Cremlino dopo l'annessione della Crimea nel 2014.

La crisi politica in Montenegro ha portato alla caduta del governo Krivokapić e alla creazione di un nuovo governo guidato da Dritan Abazović. Il desiderio di Abazović di risolvere la questione del contratto tra Podgorica e la SOC ha portato alla sua caduta dal potere, poiché il suo più grande partner di coalizione, il partito del presidente Djukanović, ha ritirato la fiducia dal governo solo quattro mesi dopo la sua formazione. Secondo i sostenitori della firma del Trattato di base tra il Montenegro e la Chiesa ortodossa serba, questo documento pone formalmente fine a decenni di attacchi contro l'unica Chiesa ortodossa canonicamente riconosciuta in Montenegro. Secondo il primo ministro Abazović, l'accordo con la SOC doveva essere firmato per ottenere due terzi di sostegno e sbloccare le riforme del sistema giudiziario in Montenegro. Abazovic ha commentato che chiunque voglia la destabilizzazione sta aiutando l'influenza russa in Montenegro e vuole “fare quello che è successo in Kosovo” in ottobre, quando sono previste elezioni locali in diversi comuni, alludendo ai blocchi nel nord del Kosovo.

Djukanovic, infatti, si è espresso contro il trattato firmato dal primo ministro Abazovic perché non garantiva la sovranità del Montenegro. In un'intervista con Autonomy, Djukanovic ha parlato in modo abbastanza categorico, dicendo che “SPC usa bugie e commette falsificazioni storiche. L'SPC è lo strumento più sinistro del grande nazionalismo serbo e dell'imperialismo russo nei Balcani. L'SPC ha partecipato al furto della storia montenegrina”.

L'SPC ha raggiunto il suo obiettivo firmando il documento con le autorità di Podgorica, ma a un prezzo troppo alto: ha fatto precipitare il Montenegro in una grave crisi politica. Non è affatto certo che entro il termine costituzionale di tre mesi i partiti del parlamento montenegrino accetteranno di formare un nuovo governo. Ma anche se ci riusciranno, non è detto che durerà fino al 2024, quando dovrebbero tenersi le regolari elezioni parlamentari. Sta diventando sempre più chiaro che le elezioni parlamentari anticipate si terranno nel Paese insieme alle elezioni locali previste per ottobre.

Oltre alla Serbia, anche la Russia è tra i principali oppositori del Montenegro, perché Podgorica rispetta la politica delle sanzioni dell'UE contro Mosca a causa della sua aggressione in Ucraina. Un mese prima della caduta, il governo di Abazovic ha congelato quarantaquattro proprietà di cittadini russi in Montenegro. Ciò è stato fatto nell'ambito del rispetto del regime di sanzioni dell'UE imposto alla Russia in relazione alla guerra contro l'Ucraina. Secondo esperti locali, l'anno scorso cittadini e aziende russe hanno investito nell'economia montenegrina oltre 129 milioni di euro, di cui 49.46 milioni di euro in immobili che i russi hanno acquistato lì.

Nel contesto della guerra in Ucraina, l'instabilità politica in Montenegro è una parte del mosaico politico poco chiaro nella regione che rende molto diffidenti gli osservatori. Alcuni mesi fa Montenegro e Bulgaria hanno chiuso il loro spazio aereo e impedito al ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov di visitare Belgrado, cosa che ha fatto arrabbiare Mosca, e dieci giorni fa il Paese adriatico ha dichiarato “persona non grata” un diplomatico russo dell'ambasciata a Podgorica.

Resta da vedere se il SOC continuerà a interferire nei processi pubblici e politici in Montenegro. E la politica di Belgrado non è molto diversa da quella del SOC, perché negli ultimi anni il presidente serbo Aleksandar Vucic non ha visitato il Montenegro nemmeno una volta, il che è preso come un atteggiamento nei confronti delle azioni di Podgorica nei confronti dei serbi locali. Belgrado sostiene attivamente i serbi in Montenegro e ha chiarito che non riconoscerà l'esito del prossimo censimento nel paese in autunno se metà dei suoi abitanti non si dichiarerà serbi e sostenitori della Chiesa ortodossa serba, che può essere percepito come un'ingerenza diretta nei suoi affari interni. È chiaro che il Montenegro deve affrontare gravi sfide sia a livello nazionale che regionale, il che aumenta le preoccupanti aspettative che i processi possano andare fuori controllo.

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti