13.9 C
Bruxelles
Sabato, settembre 24, 2022

Le chiavi per realizzare la grande promessa del Kenya

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

Più da parte dell'autore

Le discussioni tematiche della Commissione sugli stupefacenti 2022 si concentrano sulle questioni trasversali della politica in materia di droga e dei diritti umani

La Commissione sugli stupefacenti si concentra su questioni di politica in materia di droga e diritti umani

0
Le discussioni tematiche della Commissione sugli stupefacenti 2022 si concentrano sulle questioni trasversali della politica in materia di droga e dei diritti umani

Non da quando gli antenati del Kenya hanno ottenuto l'indipendenza del paese dal dominio coloniale sei decenni fa c'è stato un evento più importante nella nazione dell'Africa orientale delle elezioni presidenziali del Kenya il 9 agosto. Questo è vero per la cittadinanza della nazione, la diaspora keniota e il comunità internazionale.

By Duggan Flanakin*

Gli occhi del mondo guarderanno con anticipazione mentre gli elettori votano non solo per il presidente e il vicepresidente, ma anche per i membri dell'Assemblea nazionale e del Senato, i governatori di contea e le 47 assemblee di contea del paese.  

Personalmente guarderò con il fiato sospeso e con la speranza di una transizione pacifica.

Questo momento di opportunità e di transizione pacifica non è sempre stato il caso del Kenya. Tuttavia, mentre i kenioti hanno sofferto a causa della pandemia di COVID-19, il presidente per due mandati Uhuru Kenyatta e l'ex rivale di lunga data, Raila Odinga, hanno deciso che era tempo di unirsi politicamente per guidare il popolo del paese verso un domani più luminoso.

Che domani richiederà leader risoluti disposti a mettere il paese al primo posto e prima di se stessi. Dopo le elezioni, il futuro del Paese dipende in gran parte da come affronta i problemi chiave interconnessi che solo l'esperienza può trasmettere.

La promessa di queste elezioni è la possibilità che il suo esito ponga le basi per la stabilità nazionale e per un cambiamento positivo e duraturo. Le previsioni economiche del Kenya sono mature per l'espansione mentre la nuova leadership esce dall'attuale crisi economica globale. La neonata African Continental Free Trade Area (AfCFTA) fornisce inoltre un solido quadro per la crescita economica in tutto il continente e, se gestita con saggezza, il Kenya può essere un amministratore nel suo progresso.

A dimostrazione del potenziale dell'AfCFTA, la Banca Mondiale ha previsto che il commercio tra le nazioni africane potrebbe espandersi di oltre l'80% entro il 2035, aumentando la produzione di circa 450 miliardi di dollari e aumentando i salari per uomini e donne fino al 10%. 

Pertanto, l'impegno del paese per lo sviluppo delle infrastrutture e dei settori manifatturieri del Kenya per il commercio intra-africano offre l'opportunità di convertire le lacune del continente in questi settori in prospettive di investimento significative. La crescita può avvenire autonomamente attraverso il “Made In Kenya” o almeno il “Made In Africa” oltre che attraverso partnership pubblico-private con investitori istituzionali dall'estero.

L'abilità agricola del paese e la sua forza tessile, insieme al suo potenziale di fungere da risorsa di gas naturale liquefatto (GNL), possono anche aiutare l'Europa attraverso le tragiche conseguenze del conflitto Russia-Ucraina. Il Kenya dovrebbe essere un canale per l'esportazione continua in tutta l'Africa e nel mondo. Soddisfare quella promessa ha il potenziale per portare nuova prosperità in tutta la nazione.

Sì, forse è finalmente arrivato il momento del Kenya.

Ma affinché il Kenya massimizzi i benefici di questo nuovo ambiente, la nazione ha bisogno di leader impegnati a prestare attenzione continua alla creazione di centri di produzione localizzati in grado di produrre posti di lavoro desiderabili, sostenibili e altamente qualificati.

È stato infine dimostrato che la produzione localizzata sblocca uno sviluppo sostenibile e altamente qualificato che accelererà la traiettoria in avanti del Kenya all'interno di un mercato globale spesso destabilizzato.

C'è anche, senza dubbio, un elefante nella stanza. Uno degli obiettivi principali del paese deve essere porre fine alla corruzione sistemica che ha interferito con lo sviluppo delle infrastrutture negli anni precedenti, sviluppo che solo ora sta portando posti di lavoro e nuove iniziative imprenditoriali alle comunità locali.

Nuove strade e porti in espansione offrono il potenziale per aprire la strada alla spedizione di più prodotti realizzati in Kenya verso i mercati esteri, ma solo se è in atto un'infrastruttura responsabile per garantire che non ci siano crepe nel sistema in cui è stato dimostrato che la corruzione si aggrava.

La vasta fascia demografica giovanile del Kenya, la sua start-up emergente e la generazione digitale, comprende il significato di nozioni dell'era 2022 come sradicare la corruzione e garantire un'equa inclusione nel mercato. I giovani kenioti sono forse gli imprenditori più desiderosi e creativi del mondo, ma affinché abbiano successo, deve esserci un pronto accesso al capitale e l'interruzione delle inutili barriere normative che hanno consentito l'appropriazione indebita, l'imprenditorialità frustrata, il potenziale di creazione di posti di lavoro devastato e creato un tragico fuga di cervelli che deve essere revocata.

Il Kenya deve spargere la voce che tutti coloro che cercano di prosperare nel paese hanno l'opportunità di farlo. Ciò significa promuovere buone relazioni di gestione del lavoro, incoraggiare le tutele dei lavoratori, ma anche ascoltare coloro che protestano e metterli in dialogo. Solo allora una mentalità "Made in Kenya" produrrà una crescita palpabile e promuoverà la diversità, l'equità e l'inclusione (DEI) nell'economia globalizzata di oggi.

Durante questo processo elettorale e successivamente, è importante riconoscere che le promesse elettorali non dovrebbero essere viste come contratti sociali statici con le persone. Politici veterani stagionati, come il nonno Raila Odinga, che hanno sacrificato il loro benessere personale e, a volte, le loro carriere per il bene comune, capirebbero che tali contratti sono organici, mutevoli ed evolutivi.

Per rafforzare il suo impegno per l'integrità, la parità di genere e l'uguaglianza, sono lieto di vedere che il venerabile Odinga, che secondo i sondaggi vincerà la presidenza al suo quinto tentativo, ha accolto Martha Wangari Karua come sua compagna di vicepresidente. Serve bene nel rafforzare l'impegno della sua campagna per l'emancipazione femminile, combattere la corruzione e preservare la dignità nazionale. 

E, soprattutto, mantenere i giovani talenti a casa in Kenya.

Dopo sei decenni di indipendenza e attraverso un'ardua lotta per raggiungere la prosperità economica che i kenioti vedono davanti a loro, in questo momento, il Kenya sta emergendo come una nazione matura pronta ad assumere un ruolo di leadership nel futuro dell'Africa e del mondo. 

*Duggan Flanakin è il direttore della ricerca politica presso il Comitato per un domani costruttivo. Ex Senior Fellow della Texas Public Policy Foundation, Flanakin ha scritto lavori definitivi sulla creazione della Commissione del Texas sulla qualità ambientale e sull'educazione ambientale in Texas. Una breve storia della sua poliedrica carriera appare nel suo libro "Infinite Galaxies: Poems from the Dugout".

- Annuncio pubblicitario -
- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti