9.1 C
Bruxelles
Venerdì, febbraio 3, 2023

Il Comitato delle Nazioni Unite emette raccomandazioni per i bambini con problemi di salute mentale in Germania

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Il Comitato delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia ha completato la sua revisione sull'attuazione dei diritti umani per i bambini in Germania. Il Comitato ha emesso Raccomandazioni aggiornate da attuare nei prossimi cinque anni. Le Raccomandazioni toccano tutti gli aspetti dei diritti dei bambini, dai diritti civili e le libertà dei bambini a come affrontare adeguatamente i bambini che lottano con l'ADHD o problemi comportamentali.

L' Comitato delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia monitora l'attuazione della Convenzione sui diritti dell'infanzia (UN CRC). Il CRC delle Nazioni Unite è il più importante strumento internazionale per i diritti umani per i bambini. Stabilisce i principali diritti dei bambini, validi a livello mondiale, compreso il diritto alla protezione contro la violenza, il diritto all'istruzione, alla partecipazione e alla parità di trattamento e il diritto al tempo libero, al relax e al gioco. Questi diritti sono universali, il che significa che si applicano a tutti i bambini. 192 paesi - quasi tutti i paesi del mondo - hanno firmato la Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia.

Ogni cinque anni l'attuazione di questi diritti sanciti dalla Convenzione viene riesaminata per ciascun Paese che ha ratificato la Convenzione. Il prossimo in linea è stata la Germania. Nel 2019 il gabinetto statale federale tedesco ha approvato un rapporto preparato dalla sua amministrazione centrale che riportava i progressi compiuti in Germania. Il rapporto è stato presentato al Comitato CRC delle Nazioni Unite nel 2020 ed è stato poi seguito da una revisione, domande e risposte e integrato da ulteriori informazioni dalla società civile e dall'Istituto tedesco per Diritti umani.

A settembre lo Stato membro tedesco ha poi incontrato a Ginevra il Comitato CRC delle Nazioni Unite e durante un'intera giornata di incontro ha avuto un intenso dialogo sull'attuazione della diritti umani per i bambini in Germania, da oggi.

Uno dei problemi presi in considerazione era la salute mentale. Il Comitato CRC delle Nazioni Unite già durante l'ultima revisione della Germania nel 2014 aveva sollevato una preoccupazione “per l'aumento della prescrizione di psicostimolanti ai bambini e per le diagnosi eccessive di Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività (ADHD) o di Disturbo da Deficit di Attenzione (ADD), ed in particolare:

(a) L'eccessiva prescrizione dello psicostimolante metilfenidato;

(b) L'allontanamento forzato dei bambini a cui è stata diagnosticata/diagnosticata erroneamente l'ADHD o l'ADD dalle loro famiglie e il loro successivo collocamento in affido o in ospedali psichiatrici, dove molti di loro sono trattati con farmaci psicotropi.

Il Comitato CRC delle Nazioni Unite con questa preoccupazione ha emesso raccomandazioni per affrontare la questione. Ciò ha portato a molte azioni intraprese in Germania. Era giunto il momento di considerare i risultati.

Nell'ambito delle domande sollevate durante la riunione di settembre 2022, gli esperti del Comitato CRC delle Nazioni Unite hanno sollevato la questione sulla sovradiagnosi dell'ADHD e sull'uso di farmaci psicotropi in Germania nel tempo presente.

Il rappresentante tedesco del ministero della Salute, come parte della delegazione dello Stato membro tedesco alla riunione del CRC delle Nazioni Unite, ha risposto alla domanda. Il rappresentante ha confermato che si trattava di un problema con il governo federale tedesco.

Ha aggiunto che “abbiamo esaminato questo aspetto e sono state adottate molte misure, ad esempio campagne di informazione e sensibilizzazione per gli specialisti e la popolazione locale e le linee guida cliniche sono state ulteriormente sviluppate e rese più tangibili. Di conseguenza, la prescrizione di stimolanti è diminuita nel 2014-2018, si è verificata una riduzione di circa il 40 per cento”.

Il rappresentante ha aggiunto, concludendo questa questione, che "il governo quindi non presume che l'ADHD sia sistematicamente sovradiagnosticato in Germania al momento".

Gli esperti del Comitato CRC delle Nazioni Unite lo hanno notato e hanno emesso una nuova raccomandazione pertinente alla Germania considerando tutte le informazioni disponibili.

Il Comitato CRC delle Nazioni Unite raccomanda che la Germania:

”(a) Rafforzare gli sforzi per migliorare il benessere mentale dei bambini, anche sviluppando servizi di salute mentale basati sulla comunità e attività di consulenza e prevenzione nelle scuole, nelle case e nelle strutture di assistenza alternativa;

(b) Garantire la valutazione precoce e indipendente di qualsiasi diagnosi iniziale di problemi di salute mentale, ADHD e altri problemi comportamentali e fornire a tali bambini, ai loro genitori e insegnanti un'adeguata consulenza psichiatrica non medica e scientificamente basata e supporto specialistico.

Dà alla Germania i passi da compiere nei prossimi cinque anni per continuare l'attuazione dei diritti umani per i bambini.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti