12.8 C
Bruxelles
Domenica, Giugno 23, 2024
ReligioneFORBStrage dei Testimoni di Geova ad Amburgo, intervista a Raffaella Di Marzio

Strage dei Testimoni di Geova ad Amburgo, intervista a Raffaella Di Marzio

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Jan Leonid Bornstein
Jan Leonid Bornstein
Jan Leonid Bornstein è reporter investigativo per The European Times. Ha indagato e scritto sull'estremismo dall'inizio della nostra pubblicazione. Il suo lavoro ha fatto luce su una varietà di gruppi e attività estremiste. È un giornalista determinato che si occupa di argomenti pericolosi o controversi. Il suo lavoro ha avuto un impatto nel mondo reale nell'esporre situazioni con un pensiero fuori dagli schemi.

Il 9 marzo 2023, 7 testimoni di Geova e un bambino non ancora nato sono stati uccisi da una sparatoria di massa durante una funzione religiosa ad Amburgo. L'assassino era un ex membro della congregazione, che se n'era andato più di un anno fa, ma aveva presumibilmente rimostranze contro il suo ex gruppo e contro i gruppi religiosi in generale. Si è ucciso dopo aver perpetrato il massacro.

Mentre i molteplici omicidi hanno fatto scattare messaggi di simpatia e sostegno ai Testimoni di Geova da parte delle autorità tedesche, non c'è stata alcuna mossa internazionale o espressione di simpatia da parte di altri governi europei. Inoltre, alcuni “anticoGli attivisti hanno sfruttato lo slancio per incolpare i Testimoni di Geova dell'omicidio, sostenendo che l'assassino avrebbe potuto avere buone ragioni per agire, da ricercare nella sua associazione con il movimento religioso e la sua dottrina.

Se le persone scusassero uno stupratore e incolpassero la vittima dello stupro per il comportamento dello stupratore, questo avrebbe scatenato una protesta legittima. Se qualcuno incolpasse le vittime del terrorismo per quello che è successo loro, questo avrebbe sicuramente portato a un procedimento penale. Qui non è successo niente del genere.

Così abbiamo deciso di rivolgerci a Raffaella Di Marzio, nota esperta di psicologia del religione. Raffaella è fondatrice e direttrice del Centro Studi sulla Libertà di Religione, Credo e Coscienza (LIREC). Dal 2017 è Professore Ordinario di Psicologia della Religione presso l'Università degli Studi di Bari Aldo Moro in Italia. Ha pubblicato quattro libri e centinaia di articoli su sette, controllo mentale, nuovi movimenti religiosi e gruppi antisette ed è tra gli autori di tre diverse enciclopediecome.

The European Times: Lei ha detto che per prevenire tali massacri, le forze dell'ordine dovrebbero indagare su chiunque inciti all'odio verso una particolare minoranza religiosa. Puoi spiegare il collegamento e perché questo sarebbe efficiente?

Raffaella Di Marzio: Secondo il OSCE definizione “I crimini di odio sono atti criminali motivati ​​da preconcetti o pregiudizi nei confronti di particolari gruppi di persone. I crimini di odio comprendono due elementi: un reato penale e una motivazione basata sul pregiudizio”. Le motivazioni di pregiudizio possono essere definite come pregiudizio, intolleranza o odio diretti verso un particolare gruppo che condivide un tratto identitario comune, come la religione. Penso che la diffusione di informazioni false sulle minoranze religiose provochi pregiudizi. Questo è molto pericoloso, in particolare, per le organizzazioni religiose che hanno lo status di minoranza in un dato territorio e la politica ei media si concentrano su di loro in un particolare momento. Penso che le forze dell'ordine dovrebbero monitorare tutte le persone e le organizzazioni che diffondono informazioni false usando un linguaggio di odio nei confronti di una particolare minoranza. Mentre è difficile per le forze dell'ordine identificare preventivamente un individuo capace di compiere massacri come questo, spetta loro indagare su chiunque inciti all'odio verso una particolare minoranza religiosa. Accade spesso, infatti, che dall'hate speech si passi all'incitamento all'odio e infine all'azione diretta e violenta contro certe minoranze che diventano facili “bersaglio”, anche grazie allo stigma “settario” amplificato dai media senza alcuna discernimento.


E.T.: Dentro Europa, c'è un movimento anti-sette che è attivo e prende di mira gruppi religiosi come i Testimoni di Geova. Pensi che si assumano responsabilità di qualsiasi tipo quando si verifica un evento del genere?

RIGA: È molto importante dire che anche le segnalazioni di crimini ispirati dall’ODIHR includono segnalazioni di aggressioni fisiche e omicidi che indicano che i Testimoni di Geova sono particolarmente a rischio. La responsabilità delle organizzazioni antisette è evidente in molti casi. Ad esempio, Willy Fautré di Human Rights Without Frontiers ha scritto su casi di diffamazione in cui gruppi antisette sono stati condannati dai tribunali europei in Austria, Francia, Germania e Spagna e CAP-LC (Coordination des Associations et des Particuliers pour la Liberté de Conscience), ONG con status consultivo speciale presso l'ECOSOC (Consiglio economico e sociale) delle Nazioni Unite, ha depositato una dichiarazione scritta alla 47a sessione delle Nazioni Unite ' Consiglio dei diritti umani pubblicato il 21 giugno 2021 che denuncia la politica di diffamazione, l'incitamento alla stigmatizzazione e all'odio nei confronti di determinati gruppi religiosi e di credenze da parte della FECRIS (Federazione europea dei centri di ricerca e informazione su sette e sette) e delle sue associazioni membri. La discriminazione e l'intolleranza, spesso trasmesse attraverso notizie distorte, hanno un impatto grave e negativo su gruppi e individui che finiscono per essere ostracizzati e perseguitati da entità governative e talvolta vittime di crimini d'odio.


ET: Alcune persone antisette in Germania hanno incolpato i Testimoni di Geova nei media, trovando una scusa per l'assassino perché era un ex membro che certamente aveva buone ragioni per avere rimostranze contro i Testimoni. Cosa ne pensi di questo? Lei è esperto ormai da anni sul tema della discriminazione delle minoranze religiose, e infatti prima ha fatto parte del movimento antisette prima di rendersene conto della pericolosità. Quindi ne hai una conoscenza diretta. Pensi che questo tipo di eventi possa aiutarli a rendersi conto che stanno agendo in modo sbagliato o pensi che continueranno?

RIGA: Sfortunatamente, penso che questo genere di cose continuerà. Infatti, dopo il massacro di Amburgo, alcuni membri di organizzazioni antisette non solo non si sono resi conto di agire in modo sbagliato, ma hanno iniziato a pubblicare commenti sui social media dicendo che l'assassino era un ex membro ostracizzato dai Testimoni di Geova, e lo ha quasi giustificato per quello che ha fatto.


ET: Teme che tali eventi diventino più frequenti?

RIGA: Penso di sì, a meno che non li impediamo. La prevenzione è l'obiettivo principale del Centro Studi sulla Libertà di Religione, Credo e Coscienza (LIREC) di cui sono direttore. Si è trattato più volte di campagne mediatiche in cui un fatto “criminale” è arbitrariamente legato ad una minoranza religiosa e usato come pretesto per inserirlo in un contesto informativo allusivo che induca il lettore a farsi un'idea dell'organizzazione come se fosse “controverso”, coinvolto in “trame oscure” e sarebbe pericoloso per l'individuo o la società.

Di fronte a questi casi, che si ripetono e colpiscono minoranze molto diverse tra loro, il nostro compito è contrastare la Le disinformazioni sanitarie e promuovere una conoscenza obiettiva e documentata sulle minoranze, religiose e non.

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -