15.1 C
Bruxelles
Domenica, Giugno 16, 2024
NewsUcraina: 700,000 persone colpite dalla scarsità d'acqua a causa del disastro della diga 

Ucraina: 700,000 persone colpite dalla scarsità d'acqua a causa del disastro della diga 

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Notizie delle Nazioni Unite
Notizie delle Nazioni Unitehttps://www.un.org
Notizie delle Nazioni Unite - Storie create dai servizi di notizie delle Nazioni Unite.

Venerdì sono stati consegnati aiuti umanitari alle famiglie vulnerabili nella regione rurale di Kherson, vicino alla linea del fronte. 

La distruzione della diga il 6 giugno ha avuto ripercussioni sull'approvvigionamento idrico, sui servizi igienico-sanitari e fognari, oltre che sui servizi sanitari. 

Consegne in barca 

Come parte dello sforzo di aiuto, il Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia (UNICEF) e il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (WFP) hanno trasportato acqua e cibo salvavita alle famiglie in barca, a soli 15 chilometri dalla linea di contatto. 

“Stiamo usando oggi quattro barche per portare assistenza a queste 500 famiglie, una piccola comunità che è qui vicino a dove mi trovo ora”, ha detto Saviano Abreu, responsabile della comunicazione dell'ufficio di coordinamento degli aiuti delle Nazioni Unite OCHA, in Ucraina. 

“Queste comunità hanno già affrontato le conseguenze della guerra. Questa zona era sotto il controllo russo. Alla fine dell'anno scorso, intorno a novembre, è stato riconquistato dall'Ucraina e ora lo sono di fronte a questa nuova catastrofe con l'inondazione qui. 

Le agenzie delle Nazioni Unite e i partner umanitari continuano a sostenere i bisogni urgenti delle persone colpite dall'esplosione della diga di Kakhovka nell'Ucraina orientale.

Tagliato fuori dall'acqua potabile 

Lo svuotamento del bacino idrico di Kakhovka ha lasciato decine di migliaia di persone nell'Ucraina meridionale senza accesso all'acqua corrente, soprattutto nella regione di Dnipro. 

Il serbatoio - uno dei più grandi in Europa - è secondo come riferito il 70 per cento vuoto, secondo le autorità ucraine. Anche la larghezza dell'invaso è diminuita da tre chilometri a uno, mentre il livello dell'acqua è ora di circa sette metri, ben al di sotto della soglia operativa dei 12 metri, ha riferito l'OCHA. 

"Il nostro calcolo è che 200,000 persone nella regione di Dnipro, ad esempio, sono già state tagliate fuori dall'acqua delle loro case", ha affermato Abreu. 

Ma ciò potrebbe colpire più di 700,000 persone poiché il serbatoio è l'unica fonte per l'intera parte dell'Ucraina meridionale, non solo per la regione di Kherson, ha avvertito. 

Le grandi aree urbane nella regione di Dnipro, tra cui Pokrovska, Nikopolska e Marhanetska, lo sono completamente tagliata fuori dall'acqua centralizzata e altri come Apostolivska e Zelenodolska hanno un accesso estremamente limitato. 

Dislocamento mortale della miniera  

La ritirata delle acque alluvionali ha anche creato altre sfide mortali sotto forma di mine antiuomo che sono state sparse in lungo e in largo. 

"Questa zona, penso che sia una delle parti più contaminate dalle mine del mondo", ha detto Saviano. "È il motivo per cui, ad esempio, l'agricoltura a Kherson, a Mykolaiv, Zaporizhzhia è stata colpita a causa della contaminazione della miniera, quindi l'acqua alluvionale sta spostando le miniere, questa è una realtà". 

Abigail Hartley, capo della sezione politica, advocacy e relazioni con i donatori del Servizio di azione contro le mine delle Nazioni Unite (UNMAS) ha aggiunto che “quando l'acqua si abbassa, le mine sono lì. 

“(La) cosa buona è che le mine galleggiano, quindi rimangono in superficie. Ma, naturalmente, ci sono molti altri detriti dell'alluvione e possono rimanere sepolti nei sedimenti. Quindi è una sfida”.  

Ha detto che le autorità ucraine hanno fatto "finora un buon lavoro di sminamento". 

Dopo la distruzione della diga di Kakhovka, l'OCHA ei partner umanitari hanno continuato le operazioni salvavita. Almeno 10 convogli inter-agenzia hanno raggiunto i bisognosi. 

Abigail Hartley, Servizio di azione contro le mine delle Nazioni Unite (UNMAS) Capo della politica, patrocinio, relazioni con i donatori e sensibilizzazione.
UN News/Dominika Tomaszewska-Mortimer – Abigail Hartley, Servizio di azione contro le mine delle Nazioni Unite (UNMAS) Capo della politica, della difesa, delle relazioni con i donatori e della sensibilizzazione.

Fonte

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -