3.1 C
Bruxelles
Mercoledì febbraio 28, 2024
ReligioneCristianesimoRUSSIA, Un testimone di Geova privato della cittadinanza e deportato in Turkmenistan

RUSSIA, Un testimone di Geova privato della cittadinanza e deportato in Turkmenistan

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Willy Fautre
Willy Fautrehttps://www.hrwf.eu
Willy Fautré, ex incaricato di missione presso il Gabinetto del Ministero dell'Istruzione belga e presso il Parlamento belga. È il direttore di Human Rights Without Frontiers (HRWF), una ONG con sede a Bruxelles da lui fondata nel dicembre 1988. La sua organizzazione difende i diritti umani in generale con un'attenzione particolare alle minoranze etniche e religiose, alla libertà di espressione, ai diritti delle donne e alle persone LGBT. HRWF è indipendente da qualsiasi movimento politico e da qualsiasi religione. Fautré ha effettuato missioni conoscitive sui diritti umani in più di 25 paesi, comprese regioni pericolose come l’Iraq, il Nicaragua sandinista o i territori maoisti del Nepal. È docente universitario nel campo dei diritti umani. Ha pubblicato numerosi articoli su riviste universitarie sui rapporti tra Stato e religioni. È membro del Press Club di Bruxelles. È un difensore dei diritti umani presso l’ONU, il Parlamento Europeo e l’OSCE.

Il 17 settembre 2023, i dipendenti del Servizio federale di migrazione, contrariamente alla decisione del tribunale, hanno deportato Rustam Seidkuliev in Turkmenistan. In precedenza, su iniziativa dell'FSB, gli era stata revocata la cittadinanza russa a causa di un procedimento penale a causa della sua fede. 

Seidkuliev è stato condannato a due anni e quattro mesi in colonia penale per aver partecipato a servizi di culto e aver parlato di argomenti biblici. In totale, Rustam ha trascorso poco più di un anno e dieci mesi dietro le sbarre. Dopo quello di Seidkuliev rilasciare dalla colonia entrò in vigore una punizione aggiuntiva. Ciò non era associato alla reclusione e gli permetteva di vivere con sua moglie e di muoversi liberamente per Saratov, di comunicare con gli amici e di lavorare. 

Procedimento giudiziario

Nel gennaio 2020, il comitato investigativo ha avviato un procedimento penale contro Rustam Seidkuliev. È stato accusato di estremismo per aver letto e discusso la Bibbia. Due settimane dopo, la polizia lo ha arrestato in un centro commerciale ad Adler. È stato trasportato nella città di Saratov e posto agli arresti domiciliari per sette mesi. Nel marzo 2021 il caso di Seidkuliev è arrivato in tribunale. Due mesi dopo fu dichiarato colpevole e condannato a due anni e mezzo di reclusione in una colonia del regime generale. Il tribunale regionale ha ridotto questo periodo di due mesi. La Corte di Cassazione ha approvato questa decisione. Seidkuliev ha scontato la pena nella colonia penale-33 di Saratov. Durante questo periodo, l'FSB ha revocato la cittadinanza russa. Nell'aprile 2023 è stato rilasciato dalla colonia e a settembre è stato deportato in Turkmenistan.

estradizione

Secondo lo stesso Seidkuliev, gli ufficiali dell'FMS hanno tentato due volte di espellerlo dal paese. Il primo tentativo è avvenuto il 15 settembre, ma il volo è stato ritardato e il fedele è stato riportato al centro di detenzione. “Il giorno dopo, il personale è venuto e ha detto: 'Hai 15 minuti per prepararti'”, ricorda il credente. “Successivamente sono stati portati a Mosca in macchina, spiegando la fretta per ordine delle autorità”. 

Seidkuliev è arrivato ad Ashgabat alle 3 del mattino. Lì è stato trattenuto al controllo di frontiera per circa 12 ore e rilasciato dopo aver completato le pratiche burocratiche.

Più di 20 anni fa, il patrigno di Rustam fu deportato dal Turkmenistan perché era testimone di Geova. È così che la famiglia Seidkuliev è finita a Saratov.

Rustam Seidkuliev è diventato il quarto Testimone di Geova ad essere deportato dal paese dalle autorità russe a causa della sua religione dal 2017. In precedenza, ciò era accaduto a Dennis ChristensenFeliks Makhammadiev ed Konstantin Baženov.

raccomandazioni

Alla Conferenza sui diritti umani di Varsavia organizzata all’inizio di questo mese dall’OSCE, i Testimoni di Geova hanno raccomandato alla Russia:

  • annullare la decisione della Corte Suprema dell’aprile 2017 che ha bandito e liquidato le entità giuridiche dei Testimoni
  • rilasciare tutti i Testimoni in detenzione
  • rimuovere la letteratura religiosa dei Testimoni, inclusa la Traduzione del Nuovo Mondo delle Sacre Scritture (la Sacra Bibbia), dall'Elenco federale dei materiali estremisti
  • restituire tutti i beni confiscati posseduti o utilizzati dai Testimoni
  • applicare gli standard dei media che vietano la diffamazione e la calunnia
  • rispettare la Costituzione russa e rispettare il diritto internazionale, comprese le sentenze vincolanti della Corte europea dei diritti dell'uomo
- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -