9.4 C
Bruxelles
Mercoledì febbraio 21, 2024
Moda"Le donne vestono le donne": il Metropolitan Museum presenta 80 abiti di 70 stilisti

“Le donne vestono le donne”: il Metropolitan Museum presenta 80 abiti di 70 stilisti

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Gastone de Persigny
Gastone de Persigny
Gaston de Persigny - Reporter a The European Times News

Simbolo della mostra è un abito di mussola decorato con rose di seta e taffetà della stilista Anne Lou (1898-1981), pioniera della moda creata dalle donne afroamericane.

Il Metropolitan Museum of Art – la più grande istituzione negli Stati Uniti per la presentazione e lo studio di tutti i tipi di arte – dedica una mostra alla moda creata dalle donne per le donne, ha riferito AFP.

La mostra si intitola “Le donne vestono le donne”. Simbolo della mostra è un abito di mussola decorato con rose di seta e taffetà della stilista Anne Lowe (1898-1981), pioniera della moda creata dalle donne afroamericane. Lowe viene spesso ignorata come stilista, sebbene il modello per l'abito da sposa di Jackie Kennedy (1953) fosse opera sua.

Tre decenni prima, una casa di moda francese ormai dimenticata – “Premet” – aveva lanciato l’abito “La garconne”. Il successo di questo modello ha preceduto di tre anni l'idea di moda simile di Gabrielle Chanel.

Il museo ha raccolto 80 abiti di 70 stilisti dagli inizi del XX secolo ai giorni nostri. Sono presenti gli abiti di Gabriela Hearst, che utilizza la moda contemporanea per inviare messaggi ambientali.

La storia delle donne nella moda inizia con il lavoro di cucito negli atelier di moda. La maggior parte degli stilisti francesi è apparsa all'inizio del XX secolo: Madeleine Bionne, Jean Lanvin, Gabrielle Chanel. Tra le due guerre mondiali, le donne nella moda erano ormai più numerose degli uomini.

Per poter presentare le creazioni firmate di Elsa Schiaparelli, Nina Ricci o Vivienne Westwood, il Metropolitan Costume Institute ricerca tra le sue collezioni contenenti 33,000 modelli dell'intera storia di sette secoli di abbigliamento.

La mostra era originariamente prevista per il 2020 per commemorare il centenario del movimento delle suffragette negli Stati Uniti. Il suo ritardo è una conseguenza della pandemia di COVID-100.

La prossima grande mostra del Costume Institute si terrà nel 2024 con il titolo Sleeping Beauties: Reawakening Fashion.

Foto: Museo d'Arte Metropolitano

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -