15.4 C
Bruxelles
Sabato, Maggio 18, 2024
Diritti umaniI leader delle Nazioni Unite stimolano l’azione per risarcimenti per le persone di origine africana

I leader delle Nazioni Unite stimolano l’azione per risarcimenti per le persone di origine africana

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Notizie delle Nazioni Unite
Notizie delle Nazioni Unitehttps://www.un.org
Notizie delle Nazioni Unite - Storie create dai servizi di notizie delle Nazioni Unite.

Esperti e leader delle Nazioni Unite si sono scambiati opinioni sulle migliori soluzioni da seguire, incentrati sul tema di quest'anno, Un decennio di riconoscimento, giustizia e sviluppo: attuazione del decennio internazionale per le persone di origine africana

Anche se il decennio finirà nel 2024, resta ancora molto lavoro da fare, ha dichiarato all’organismo mondiale il presidente dell’Assemblea generale Dennis Francis.

Per galvanizzare gli sforzi basati sull'azione, ha annunciato un incontro incentrato sulla questione giustizia riparativa, che si terrà lunedì il Giornata internazionale in memoria delle vittime della schiavitù e della tratta transatlantica degli schiavi, segnato il 25 marzo.

Le persone di origine africana devono affrontare molti pregiudizi e ingiustizie derivanti dall’eredità della schiavitù e del colonialismo, dalla brutalità della polizia alle disuguaglianze, ha affermato, sottolineando che il mondo deve agire per proteggere pienamente i loro diritti umani.

“Il razzismo e la discriminazione razziale sono a flagrante violazione dei diritti umani," Egli ha detto. “È moralmente sbagliato, non ha posto nel nostro mondo e deve quindi essere categoricamente ripudiato”.

Il capo delle Nazioni Unite critica le eredità “devastanti”

I risultati dell’eredità della schiavitù e del colonialismo sono “devastanti”, hanno affermato le Nazioni Unite Segretario Generale António Guterres in un dichiarazione consegnato dallo chef di gabinetto delle Nazioni Unite Courtenay Rattray.

Riferendosi alle opportunità rubate, alla dignità negata, ai diritti violati, alle vite strappate e distrutte, ha affermato che “il razzismo è un male che infetta paesi e società in tutto il mondo”.

Sebbene il razzismo sia “diffuso”, ha un impatto diverso sulle comunità.

L’azione deve smantellare le disuguaglianze

“Le persone di origine africana devono affrontare a storia unica del razzismo sistemico e istituzionalizzatoe le profonde sfide attuali”, ha affermato il capo delle Nazioni Unite. “Dobbiamo rispondere a questa realtà, imparando e basandoci sull’instancabile sostegno delle persone di origine africana”.

L'azione deve cambiare la situazione, ha detto governi che avanzano politiche e altre misure per eliminare il razzismo contro le persone di origine africana le aziende tecnologiche affrontano urgentemente i pregiudizi razziali nell'intelligenza artificiale.

Storia violenta

Il Capo di Gabinetto Rattray, parlando a nome proprio, ha ricordato all'organismo mondiale che è la Giornata Internazionale osservato ogni anno il giorno in cui la polizia di Sharpeville, in Sud Africa, ha aperto il fuoco uccidendo 69 persone durante una manifestazione pacifica contro le “leggi approvate” dell’apartheid nel 1960.

Da allora, il sistema dell’apartheid in Sud Africa è stato smantellato e le leggi e le pratiche razziste sono state abolite in molti paesi.

Oggi, un quadro globale per la lotta al razzismo è guidato dal Convenzione internazionale sull'eliminazione della discriminazione razziale, che è ormai prossimo alla ratifica universale.

I manifestanti si riuniscono a Times Square a New York per chiedere giustizia e protestare contro il razzismo negli Stati Uniti in seguito alla morte di George Floyd nel maggio 2020, mentre era in custodia di polizia. (file).

"La commemorazione non basta"

Tuttavia, il signor Rattray ha detto: il razzismo è radicato nelle strutture sociali, nelle politiche e nelle realtà di milioni di persone oggi, violando la dignità e i diritti delle persone e alimentando una discriminazione silenziosa nella sanità, nell'alloggio, nell'istruzione e nella vita quotidiana.

“È giunto il momento di liberarci”, ha detto, invitando all’azione.

“La commemorazione non basta. Eliminare la discriminazione richiede azione. "

Ciò include i paesi e le imprese che offrono giustizia riparativa, ha affermato.

All'Assemblea generale sono intervenuti anche Ilze Brand Kehris, Segretario generale aggiunto per i diritti umani e June Soomer, presidente designato del Forum permanente sulle persone di discendenza africana.

Per una copertura completa di questo e di altri incontri ufficiali delle Nazioni Unite, visitare Copertura delle riunioni delle Nazioni Unite, in Inglese ed Francese.

Fonte

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -