15.2 C
Bruxelles
Thursday, May 30, 2024
Diritti umaniMyanmar: Rohingya in prima linea mentre il conflitto nel Rakhine si intensifica

Myanmar: Rohingya in prima linea mentre il conflitto nel Rakhine si intensifica

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono di chi le esprime ed è sotto la propria responsabilità. Pubblicazione in The European Times non significa automaticamente l'approvazione del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

DISCLAIMER TRADUZIONI: Tutti gli articoli di questo sito sono pubblicati in lingua inglese. Le versioni tradotte vengono eseguite attraverso un processo automatizzato noto come traduzioni neurali. In caso di dubbio, fare sempre riferimento all'articolo originale. Grazie per la comprensione.

Notizie delle Nazioni Unite
Notizie delle Nazioni Unitehttps://www.un.org
Notizie delle Nazioni Unite - Storie create dai servizi di notizie delle Nazioni Unite.

Rakhine era il luogo di una brutale repressione nei confronti dei Rohingya da parte dei militari nel 2017, provocando l’uccisione di circa 10,000 uomini, donne e neonati e l’esodo di quasi 750,000 membri della comunità, molti dei quali continuano a languire nei campi profughi nel vicino Bangladesh.

“Lo stato di Rakhine è diventato ancora una volta un campo di battaglia che coinvolge più attori i civili stanno pagando un prezzo pesante, e i Rohingya sono particolarmente a rischio”, Volker Türk, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani disse.

“Ciò che è particolarmente inquietante è che mentre nel 2017 i Rohingya furono presi di mira da un gruppo, ora sono intrappolati tra due fazioni armate che hanno precedenti di uccisioni. Non dobbiamo permettere che i Rohingya vengano nuovamente presi di mira”.

Combattimenti diffusi

La rottura del cessate il fuoco informale durato un anno tra l'esercito e l'Esercito Arakan (AA) lo scorso novembre ha gettato nel conflitto 15 delle 17 municipalità di Rakhine.

La perdita di territorio da parte dell'esercito da parte dell'AA nelle parti settentrionali e centrali della provincia ha portato a intensificare i combattimenti nelle municipalità di Buthidaung e Maungdaw, ponendo le basi per una potenziale battaglia per la capitale dello stato, Sittwe.

La presenza di grandi popolazioni Rohingya in queste aree aggrava ulteriormente i rischi affrontati dai civili.

Coscrizione forzata da parte dei militari

"Di fronte alla sconfitta, l’esercito ha scandalosamente iniziato a reclutare, corrompere e costringere i Rohingya a unirsi ai loro ranghi”, ha detto Türk.

“È inconcepibile che vengano presi di mira in questo modo, considerati gli eventi spaventosi di sei anni fa e la continua discriminazione estrema contro i Rohingya, compresa la negazione della cittadinanza”.

I rapporti suggeriscono anche che sia gli abitanti dei villaggi Rohingya che quelli di etnia Rakhine sono stati costretti a bruciarsi reciprocamente le case e i villaggi, aumentando le tensioni e la violenza.

OHCHR sta cercando di verificare i rapporti, un compito complicato da un blackout delle comunicazioni in tutto lo stato.

Suonano i campanelli d'allarme

L’Alto Commissario ha anche citato la diffusa disinformazione e la propaganda, sottolineando le affermazioni secondo cui i cosiddetti “terroristi islamici” avrebbero preso in ostaggio indù e buddisti.

"Questo era lo stesso tipo di narrativa piena di odio che alimentava la violenza comunitaria nel 2012 e gli orrendi attacchi contro i Rohingya nel 2017”, ha affermato.

“I paesi che influenzano l’esercito del Myanmar e i gruppi armati coinvolti devono agire ora per proteggere tutti i civili nello stato di Rakhine e prevenire un altro episodio di orrenda persecuzione dei Rohingya”, ha esortato.

Fonte

- Annuncio pubblicitario -

Più da parte dell'autore

- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -spot_img
- Annuncio pubblicitario -

Devi leggere

Articoli Recenti

- Annuncio pubblicitario -