4 C
Bruxelles
Martedì, novembre 29, 2022

Esplorazione della Terra dallo spazio: Kourou, sede dello spazioporto europeo nella Guyana francese [Video]

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Più da parte dell'autore

Kourou Guyana francese 777x583 1 - Esplorare la Terra dallo spazio: Kourou – Sede dello spazioporto europeo nella Guyana francese [Video]

In vista dell'imminente lancio di Ariane 5 del James Webb Space Telescope, la missione Copernicus Sentinel-2 ci porta su Kourou, sede dello spazioporto europeo nella Guyana francese, un dipartimento francese d'oltremare. Situata a circa 60 km a nord-ovest della capitale della Guyana francese Cayenne, Kourou è una città costiera nella parte centro-settentrionale del paese ed è visibile in basso a destra nell'immagine. La cittadina si trova alla foce del fiume Kourou che, dopo un percorso di 144 km, sfocia nell'Oceano Atlantico. Le sue acque fangose ​​appaiono marroni molto probabilmente a causa di sedimenti raccolti dalla foresta circostante. Credito: contiene dati Copernicus Sentinel modificati (2020), elaborati da ESA, CC BY-SA 3.0 IGO

In vista dell'imminente lancio di Ariane 5 del James Webb Space Telescope, la missione Copernicus Sentinel-2 ci porta su Kourou, sede dello spazioporto europeo nella Guyana francese, un dipartimento d'oltremare della Francia.

Situata a circa 60 km a nord-ovest della capitale della Guyana francese Cayenne, Kourou è una città costiera nella parte centro-settentrionale del paese ed è visibile in basso a destra nell'immagine. La cittadina si trova alla foce del fiume Kourou che, dopo un percorso di 144 km, sfocia nell'Oceano Atlantico. Le sue acque fangose ​​appaiono marroni molto probabilmente a causa di sedimenti raccolti dalla foresta circostante.

Lunghe spiagge di sabbia bianca fiancheggiano la costa oceanica della città, mentre la riva del fiume e l'entroterra sono costituite principalmente da mangrovie e da una fitta foresta pluviale tropicale. La zona circostante economia è in gran parte agricolo, con la coltivazione di caffè, cacao e frutti tropicali.

Appena a nord-ovest di Kourou si trova Lo spazioporto d'Europa – scelto come base da cui lanciare i satelliti nel 1964 dal governo francese, e attualmente ospita le famiglie di razzi Ariane e Vega sviluppate dall'ESA.

Lo spazioporto europeo visto dallo spazio 777x518 1 - Esplorare la Terra dallo spazio: Kourou – Sede dello spazioporto europeo nella Guyana francese [Video]

Lo spazioporto europeo nella Guyana francese garantisce un accesso indipendente e affidabile allo spazio per Europa. Questa base di lancio e la giungla che la circondano coprono 690 km2. L'ESA possiede l'infrastruttura speciale costruita per i razzi Ariane, Soyuz e Vega, che include veicoli di lancio e edifici per la preparazione dei satelliti, strutture per le operazioni di lancio e un impianto per la produzione di propellente solido e l'integrazione di motori a razzo solido. Credito: ESA/NASA

Poiché Kourou si trova a soli 500 km a nord dell'equatore, è in una posizione ideale per i lanci in orbita poiché i razzi ottengono prestazioni extra grazie a un "effetto fionda" dalla velocità di rotazione della Terra. Inoltre, non vi è alcun rischio di cicloni o terremoti. Questa base di lancio e la giungla che la circonda coprono 690 kmq e proteggono un'abbondanza di fauna selvatica e piante.

Lo spazioporto europeo visto dallo spazio annotato 777x518 1 - Esplorare la Terra dallo spazio: Kourou – Sede dello spazioporto europeo nella Guyana francese [Video]

Al centro dell'immagine il complesso di lancio di Ariane 6, realizzato per l'ESA dall'agenzia spaziale francese CNES e dai suoi partner, è stato inaugurato il 28 settembre 2021. Disponibile in due versioni, con due o quattro booster, Ariane 6 sostituirà il pesante aereo europeo Ariane 5 per offrire maggiori prestazioni e flessibilità. Il prossimo Vega-C dell'ESA utilizzerà la stessa zona di lancio (nella foto a sinistra) del suo predecessore Vega. Credito: ESA/NASA

Da qui è previsto il lancio del telescopio più grande e potente mai lanciato nello spazio, il James Webb Space Telescope. Dopo il decollo, intraprenderà un viaggio di un mese verso la sua destinazione, a circa un milione e mezzo di chilometri dalla Terra.

Seguendo le orme del Telescopio spaziale Hubble, Webb è progettato per rispondere a domande sull'Universo e per fare scoperte rivoluzionarie in tutti i campi dell'astronomia. Il telescopio sarà in grado di rilevare la luce infrarossa generata dalle galassie quando si sono formate più di 13.5 miliardi di anni fa, all'indomani del Big Bang. Webb vedrà più lontano nelle nostre origini: dalle prime galassie dell'Universo, alla nascita di stelle e pianeti, agli esopianeti.

Nel primo mese dopo il lancio, Webb aprirà il suo parasole, che ha le dimensioni di un campo da tennis, e dispiegherà il suo specchio primario di 6.5 metri. Questo servirà a rilevare la debole luce di stelle e galassie lontane con una sensibilità cento volte maggiore di quella di Hubble.

Webb è un progetto congiunto tra NASA, ESA e l'Agenzia spaziale canadese (CSA).

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti