8.4 C
Bruxelles
Lunedi, October 3, 2022

La "catastrofe dimenticata" degli 11 anni di guerra in Siria deplorata dall'inviato cattolico

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Più da parte dell'autore

Il Papa trasferisce la pastorale del turismo al Dicastero per l'Evangelizzazione - Vatican News

Il Papa trasferisce la pastorale del turismo al Dicastero per l'Evangelizzazione – Vatican News

0

Papa Francesco trasferisce la responsabilità della pastorale del turismo dal Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale al Dicastero per l'Evangelizzazione, dopo una recente udienza con il Cardinale Michael Czerny.

Leggi tutto

 

Il papa beatifica Giovanni Paolo I: ci ottenga il 'sorriso dell'anima' - Vatican News

Il Papa beatifica Giovanni Paolo I: ci ottenga il 'sorriso del...

0
Papa Francesco ha presieduto la Messa di beatificazione di Papa Giovanni Paolo I, ricordando come il suo sorriso comunicasse la bontà del Signore.
Papa Francesco incoraggia gli artisti a promuovere la bellezza e la verità - Vatican News

Papa Francesco incoraggia gli artisti a promuovere la bellezza e la verità

0
Papa Francesco incontra celebrità internazionali del cinema, dei media e della musica al primo “Vertice Vitae” in Vaticano e ricorda agli artisti che dovrebbero usare la bellezza per predicare il Vangelo

Pietro Kenny 

Poiché gran parte dell'attenzione del mondo è rivolta alla pandemia di COVID-19 e alla crisi in Ucraina, il conflitto che ha travolto la Siria per 11 anni è stato in gran parte dimenticato, afferma il rappresentante del Vaticano in Siria.

Lo ha detto il cardinale Mario Zenari in un'intervista a Notizie dal Vaticano che è stato “triste vedere, ripetute in Ucraina, le stesse strazianti immagini di dolore viste in Siria”.

Ha citato: “case distrutte, morti, milioni di profughi, l'uso di armi non convenzionali come le bombe a grappolo, il bombardamento di ospedali e scuole. Vedere la stessa identica discesa all'inferno vista in Siria".

A Ginevra il 18 marzo, il capo della commissione delle Nazioni Unite ha affermato che i siriani dovranno affrontare ulteriori difficoltà a causa della crisi ucraina.

Paolo Pinheiro, che presiede la Commissione internazionale d'inchiesta internazionale indipendente sulla Repubblica araba siriana, ha presentato un rapporto alla 49a sessione del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite che si terrà fino al 1 aprile a Ginevra, quando la Siria è entrata nell'undicesimo anno del suo conflitto.

Ha affermato che il Paese affronta la lotta contro il coronavirus con “strutture mediche molto deboli per affrontare una pandemia”.

Ha affermato che oltre il 90 per cento della popolazione rimanente in Siria vive in povertà, con 12 milioni di insicuro alimentare e 14.6 milioni senza precedenti che necessitano di accesso umanitario.

Nel frattempo, in un'intervista con Notizie dal Vaticano pubblicato il 16 marzo, il cardinale Zenari ha affermato che l'11° anniversario della guerra è stato “un anniversario triste, prima di tutto perché la guerra non è ancora finita e anche perché da un paio d'anni a questa parte la Siria sembra essere scomparsa dai radar dei media.

“Prima la crisi libanese, poi il COVID-19, e ora la guerra in Ucraina ha preso il suo posto”.

11 ANNI DI GUERRA

La guerra in Siria – un conflitto che ha provocato mezzo milione di morti – è iniziata 11 anni fa, il 15 marzo 2011.

“Non lasciate che la speranza muoia”, ha detto Zenari, Nunzio apostolico in Siria, mentre continuava a denunciare la violenza, la povertà e l'abbandono.

Secondo un rapporto del 15 marzo dell'Osservatorio siriano per i diritti umani con sede nel Regno Unito, nel conflitto sono morte circa 610,000 persone.

Più di 2.1 milioni di persone sono rimaste ferite e circa 13 milioni sono fuggite o sono state sfollate all'interno del Paese.

Il cardinale Zenari ha detto che la speranza è “svanita dal cuore di tante persone, soprattutto giovani, che “non vedono futuro nel loro Paese”.

“Una nazione senza giovani, e per giunta senza qualificate, è una nazione senza futuro”, ha detto. "La catastrofe siriana è ancora il più grave disastro umanitario causato dall'uomo dalla fine della seconda guerra mondiale".

Il cardinale italiano ha affermato che la natura prolungata del conflitto, unita agli eventi di attualità in altre parti del mondo, non solo hanno "rivolto l'attenzione della comunità internazionale altrove", ma anche l'attenzione dei media.

“Fino a un paio di anni fa ricevevo telefonate da varie parti del mondo per interviste e informazioni sul conflitto siriano”, ha detto. “Ora il telefono non squilla più. Questa è un'altra grande disgrazia che è accaduta alla Siria: cadere nell'oscurità. Questa oscurità sta danneggiando molto le persone".

Leggi Anche

  • Parlateci, invece di ritirarvi, dice papa Francesco nel suo messaggio di Natale
  • Il "Cyber-califfato" collega la rete islamista in espansione a livello globale con il reclutamento online, afferma il rapporto sulla libertà religiosa
  • Dopo gli attacchi in Nigeria, Siria, Somalia e Stati Uniti, il leader delle Chiese mondiali chiede la fine della violenza
  • World Evangelical Association profondamente preoccupata per le sofferenze dei più vulnerabili, compresi i cristiani, al confine tra Siria e Turchia
  • 'Frati francescani amministrano i cristiani siriani nella zona jihadista di Idlib'
  • Il principe Carlo loda il ruolo ispiratore dei cristiani in Medio Oriente
  • La fotografia partecipativa dà potere ai giovani siriani come costruttori di pace; lanciato dall'ente cattolico per la migrazione
  • Il patriarca ortodosso condanna l'aggressione occidentale all'attacco in Siria, parlando alla riunione in Colombia
  • Papa Francesco, Consiglio ecumenico delle Chiese ribadisce l'appello per una soluzione politica in Siria
  • Luci rosse per illuminare il Colosseo di Roma per i cristiani perseguitati
  • Le sparizioni di cristiani in Medio Oriente sotto i riflettori alla conferenza di Washington
  • Il Papa copto e i patriarchi orientali fanno una visita storica in Germania
  • Papa Francesco si scaglia contro il commercio di armi; Il leader delle chiese mondiali offre a Gerusalemme la preghiera per la pace
  • Il Consiglio Mondiale delle Chiese denuncia l'escalation del conflitto in Siria dopo l'attacco aereo degli Stati Uniti
  • Papa Francesco chiede la pace nel mondo segnato dall'"idolatria del denaro"
  • Visita del patriarca russo Kirill vista come un tentativo di aiutare a scongelare le relazioni Londra-Mosca
  • Papa Francesco chiede il cessate il fuoco in Siria; Usa e Russia per parlare di nuovo
  • La rimozione dell'IS da sola non garantirà il ritorno delle minoranze irachene e siriane, afferma il rapporto delle chiese
  • Degli 11,491 rifugiati siriani reinsediati nel 2016, pochi sono cristiani
  • Papa Francesco condivide il pranzo con i rifugiati siriani mentre le Nazioni Unite lottano con la fornitura di aiuti
  • Non lasciare che i terroristi demoliscano la convivenza cristiano-musulmana in Medio Oriente, invoca l'inviato del Vaticano
  • Sottolineando la crisi dei profughi in Europa, il Papa porta i profughi siriani in aereo al Vaticano
  • L'arcivescovo greco esorta l'UE a condividere la responsabilità per i rifugiati
  • La libertà religiosa in Siria è vita o morte; negli Stati Uniti può dipendere dal non cuocere torte per i gay
  • Le condizioni per i rifugiati siriani peggiorano affermano le ONG mentre i colloqui di pace vacillano
- Annuncio pubblicitario -
- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti