1.1 C
Bruxelles
Domenica, Dicembre 4, 2022

Vertice europeo delle regioni e delle città: a cosa prestare attenzione il giorno 2

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Più da parte dell'autore

La lotta all'antisemitismo è una lotta per l'Europa

La lotta all'antisemitismo è una lotta per l'Europa

Con l'antisemitismo in preoccupante aumento in Europa e oltre, l'Unione europea sta iniziando ad attuare la prima strategia dell'UE in assoluto sulla lotta all'antisemitismo
gioventù - Carta europea della gioventù e della democrazia

Istruzione e cultura europea: una comunità di buone pratiche

In tempi in cui la resilienza del nostro progetto europeo comune è messa alla prova da diverse crisi, la necessità di agire per difendere e promuovere i nostri valori europei è ora più pressante che mai.

​​​​​​​ Il Vertice europeo delle regioni e delle città prosegue il 4 marzo con un altro fitto programma di relatori di alto livello e discussioni ad ampio raggio sui temi chiave della democrazia, dell'inclusione, dell'istruzione e della gioventù. Il presidente francese Emmanuel Macron è l'oratore principale della giornata, partecipando al dibattito della sessione plenaria sulla costruzione della casa della democrazia europea insieme al presidente del CdR Apostolos Tzitzikostas.

La giornata si apre con tre tavole rotonde che si svolgono in parallelo, incentrate sulla questione della democrazia.

Alla prima tavola rotonda, Gli elementi costitutivi della democrazia europea, ex presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy si unirà alla discussione tramite collegamento video per condividere i risultati del gruppo ad alto livello del CdR sulla democrazia europea. Margaritis Schinas, vicepresidente della Commissione europea e Guy Verhofstadt L'eurodeputato, copresidente del comitato esecutivo della Conferenza sul futuro dell'Europa, parteciperà insieme ad alcuni membri del CdR. La discussione si concentrerà sullo stato di avanzamento della Conferenza sul futuro dell'Europa, che si concluderà a maggio, e se riuscirà a dare ai cittadini europei una voce molto più forte nel processo decisionale dell'UE. Sarà inoltre discusso il ruolo degli enti locali e regionali nell'aiutare a promuovere i valori democratici europei.

La seconda tavola rotonda, Nuove modalità di democrazia rappresentativa e partecipativa nel 21° secolo, esaminerà anche la conferenza sul futuro dell'Europa, ma con un'attenzione particolare a come coinvolgere più efficacemente i cittadini ei loro rappresentanti nel più ampio processo democratico. Il CdR ha organizzato una serie di panel di cittadini in tutta l'UE in associazione con la Fondazione Bertelsmann e il presidente della fondazione Ralph Heck guiderà la discussione su come basarsi sulle migliori pratiche già in atto a livello locale e regionale in termini di democrazia partecipativa. Altri oratori chiave includono Antonio Tajani MEP, presidente della commissione per gli affari costituzionali (AFCO) del Parlamento europeo, e Ahmed Aboutaleb, sindaco di Rotterdam.

Poco prima della Giornata internazionale della donna l'8 marzo, la terza tavola rotonda, Democrazia in azione: le donne nella politica locale si concentrerà più specificamente sul ruolo delle donne in politica. Le donne rimangono sottorappresentate a tutti i livelli di governo e le politiche di equilibrio tra i sessi rimangono elusive come sempre nella maggior parte dei paesi europei. La discussione ad alto livello con alcune delle più importanti donne decisionali dell'UE si concentrerà sui principali ostacoli alle donne nella vita politica e sulle possibili soluzioni, in particolare a livello locale e regionale. La discussione sarà guidata da Sandra Ceciarini, esperta in politica dell'UE e partecipazione di genere ed ex direttore del Consiglio dei comuni e delle regioni europee (CEMR), e sarà protagonista tra gli altri Elisabetta Moreno, Ministro francese per l'uguaglianza di genere, la diversità e le pari opportunità, Magali Altouniano, Vicepresidente della Regione Francia-Sud, Eva Maydell Eurodeputato e Gillian Coughlan, Sindaco della Contea di Cork, Irlanda.

Dopo la tavola rotonda, la terza sessione plenaria del Vertice 2022 proseguirà sul tema della democrazia, con il presidente francese Emmanuel Macron guidando il dibattito. La discussione su Costruire la Casa della Democrazia Europea conterranno anche gli interventi di Apostolo Tzitzikostas, presidente del Comitato europeo delle regioni, Renaud Muselier, Presidente della Regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra, Vasco Alves Cordeiro, Primo Vicepresidente del Comitato Europeo delle Regioni, Christa Schweng, Presidente del Comitato economico e sociale europeo, Dubravka Šuica, vicepresidente della Commissione europea per la democrazia e la demografia e Roberta Metsola, Presidente del Parlamento Europeo. La sessione plenaria si concluderà con l'adozione del Manifesto degli enti regionali e locali per la democrazia europea, riassumendo i risultati chiave del vertice. 

Le discussioni del pomeriggio proseguiranno con il tema più ampio della partecipazione e dell'inclusione nella democrazia europea, con un focus particolare sui giovani e l'istruzione. Si concentreranno due tavole rotonde parallele Democrazia, educazione e cultura nell'era digitale e La partecipazione dei giovani al rilancio della democrazia e alla promozione dei valori europei.

La prima tavola rotonda sarà guidata da Il dottor Jonnie Penn, accademico di Harvard e Cambridge ed ex Google Fellow, e presenterà un intervento video di Mariya Gabriel, Commissario europeo per l'innovazione, la ricerca, la cultura, l'istruzione e la gioventù. I relatori politici includono Aleksandra Dulkiewicz, sindaco di Danzica e Hedi Ramdan, vicesindaco della città ospitante del Vertice, Marsiglia, mentre Capucine Tuffier, Policy Manager per Meta Public, porterà la prospettiva dal mondo dei social media. La discussione si concentrerà su come le piattaforme digitali possono sostenere la partecipazione dei giovani alla vita democratica, soprattutto a livello locale, e se la digitalizzazione sta migliorando l'inclusione e contribuendo ad aumentare la partecipazione dei giovani alle politiche locali e regionali.

La seconda tavola rotonda si concentra anche sul tema della partecipazione dei giovani alla democrazia. Le questioni chiave da discutere saranno come rafforzare la partecipazione dei giovani a livello locale e regionale, che è spesso un punto di partenza per un attivismo politico e civico più generale. E incoraggiare più giovani a partecipare porterà a nuove forme di democrazia partecipativa a livello locale e regionale e oltre? Il CdR gestisce a programma per i Giovani Politici Eletti (YEP) per incoraggiare e sostenere il coinvolgimento dei giovani nella vita politica e democratica, e la discussione sarà caratterizzata da una serie di YEP e da interventi chiave di Evelyn Regner, vicepresidente del Parlamento europeo e Jean Rottner, Presidente della Regione Grand-Est francese.

L'ultima sessione plenaria del Vertice collegherà i due temi della giornata con un focus su Il futuro della democrazia europea: impegno giovanile e valori europei. Verrà discusso il feedback delle tavole rotonde dei giovani Silja Markkula, Presidente del Forum Europeo della Gioventù, prima che il Vertice sia concluso dai co-organizzatori Apostolos Tzitzikostas, Presidente del Comitato Europeo delle Regioni​​ e ​Renaud Muselier, Presidente della regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra.

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti