7.2 C
Bruxelles
Martedì, novembre 29, 2022

Oltre le etichette e l'esclusione: la tavola rotonda multireligiosa esplora i percorsi verso la comprensione

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Notizie di religione mondiale
Notizie di religione mondialehttps://www.worldreligionnews.com
WRN World Religion News è qui per parlare del mondo della religione in modi che ti sorprenderanno, sfideranno, illumineranno, divertiranno e ti coinvolgeranno all'interno di una struttura cablata per un mondo connesso. Copriamo tutte le religioni del mondo dall'Agnosticismo alla Wicca e tutte le religioni intermedie. Quindi tuffati e dicci cosa pensi, senti, detesti, ami, odi, vuoi vedere più o meno e scegli sempre la verità più alta.

Più da parte dell'autore

Chi sei? Cosa credi? Possiamo ancora lavorare insieme, nonostante le nostre differenze?

Queste sono domande spesso poste ai leader religiosi e al clero, e alle ultime viene generalmente risposto con un sorridente "certo!".

Ma la prova sta nel fare. Può la storia del conflitto e persino dello spargimento di sangue tra le religioni essere invertita? Può i sospetti e il bigottismo che, in alcuni casi, persistono da secoli vengono messi da parte a favore di una spinta unitaria verso la formazione di un mondo migliore, più pacifico, più accogliente?

Una costellazione di diversi leader religiosi, studiosi e attivisti si è riunita in una tavola rotonda virtuale lo scorso fine settimana sponsorizzata dal Istituto per la tolleranza religiosa, la pace e la giustizia per affrontare queste spinose questioni e gettare le basi per la reciproca cooperazione. Fondatore dell'Istituto, studioso, autore e docente Il dottor Arik Greenberg, ha dato il tono e il tema del forum all'inizio: “Il movimento interreligioso è a un bivio”, ha detto, ed è tempo di andare oltre “il semplice spezzare il pane e condividere gli abbracci. Ora è il momento di fare il passo successivo”. Il dottor Greenberg ha sfidato i relatori e i relatori principali a rispondere alla domanda: come possiamo rimanere fedeli alle nostre tradizioni pur essendo tolleranti verso gli altri?

“Questa stanza non è una stanza di soli ebrei, cristiani, musulmani, indù. È una stanza di inclusività”.

Il primo keynote speaker, autore e teologo Dott.ssa SimonMary Asese Aihiokhai, ha usato le scritture e le parabole di varie fedi nel suo discorso per rispondere alla domanda: "Come possiamo reimmaginare i problemi di identità che possono essere più inclusivi?" Il dottor Aihiokhai ha sottolineato che nell'istante in cui iniziamo a usare etichette di identità per noi stessi e per Dio, stiamo praticando l'esclusione. “Questa stanza non è una stanza di soli ebrei, cristiani, musulmani, indù. È una stanza di inclusività”, ha detto il dottor Aihiokhai, “Alcuni di noi vogliono essere gli agenti di polizia di Dio, e questo è sbagliato”. Ha spiegato che il conflitto tra le fedi è impossibile quando tutti riconosciamo un Dio comune della diversità: "Il nostro Dio è un Dio delle differenze, non dell'esclusione".

A rispondere e commentare le osservazioni del Dr. Aihiokhai, è stato un panel composto da un gruppo diversificato in sé: il pluripremiato LGBTQ+ nazionale e attivista per la giustizia sociale Mr. Justin Hager, JD; Professore assistente di pensiero e pratica afroamericani presso il Dipartimento di studi teologici della Loyola Marymount University, Dr. Kim R. Harris; Professore a contratto e dottorando presso l'Università di Denver, Prof. Marji Karish; Nato di nuovo Cristiano dal Comunità interreligiosa della contea di Ventura, il signor Keith Salvas; e attivista per i diritti umani e Direttore Esecutivo di Boat People SOS (BPSO), Dott. Thang Nguyen Dinh.evento multireligioso del primo pannello 1024x384 1 - Oltre le etichette e l'esclusione: la tavola rotonda multireligiosa esplora i percorsi per la comprensione

In alto da sinistra a destra: la sig.ra Sharon Angel, il sig. Keith Salvas, il sig. Justin Hager. In basso da sinistra a destra: la signora Marji Karish, il dottor Kim Harris e il dottor Thang Nguyen Dinh

Ciascun membro del panel ha espresso la propria prospettiva ed esperienza uniche nei propri commenti. Il signor Hager ha sottolineato che la sua presenza al forum non era una persona di fede, sebbene fosse cresciuto in una famiglia e in una comunità di fede che erano scioccate dal suo coming out. Ha detto: "Penso che sia assolutamente meraviglioso avere eventi come questo... una delle cose di cui non vediamo abbastanza sono queste cose all'interno delle nostre fedi", aggiungendo: "Non ho bisogno di avere ragione, riconoscimi solo come essere umano”.

La dottoressa Harris, che si identifica come una cattolica nera, ha parlato della propria esperienza di essere al di fuori del "modello" di quella che viene considerata l'esperienza religiosa nera americana. “La gente non può immaginare che siamo cattolici o ebrei o musulmani o buddisti. E parte di questo proviene da altri afroamericani, che non possono immaginare che sia quello che siamo. Quindi parte dell'impegno è riuscire a vedere all'interno delle nostre comunità che c'è un interno diversità che c'è... c'è un'ospitalità, un impegno che deve accadere.

La conversazione è inclusiva, la conversione è esclusiva.

La professoressa Karish ha condiviso la sua esperienza di partecipazione al più grande evento interreligioso a Denver, l'annuale "langar-in-the-park". Langar è una tradizione sikh in cui un pasto indiano gratuito viene servito e condiviso da una comunità indipendentemente da chi sia, unificando così diverse razze, religioni, generi, orientamento sessuale e identità di classe. Il professor Karish ha dichiarato: "Abbiamo servito 10,000 pasti ogni anno in tutta la comunità fino a quando la pandemia non ha sospeso tutto e riprenderemo in autunno". Ha organizzato un corso presso l'Università di Denver (DU) che culminerà in un "[email protected] DU". Il professor Karish ha aggiunto: “Sono molto grato per essere stato in grado di portare tradizioni non occidentali incentrate sull'unità e sulla comunità in uno spazio in cui le persone potrebbero non aver avuto familiarità con la tradizione in passato, ma ora stanno abbracciando l'equità che rappresenta. "

Il signor Salvas, a sua volta, ha affermato: "Quando si parla di reimmaginare l'identità c'è così tanto da fare". Ha condiviso una retrospettiva storica di fedi diverse che si uniscono e lavorano come una squadra. Negli anni '1920, Charles Evans Hughes, un cattolico, Ben Cardozo, un ebreo, e la riformatrice sociale Jane Addams andarono in tournée, tenendo discorsi in municipio sull'interreligione. I tre divennero noti come il “Trio della Tolleranza” e insieme diedero vita alla Conferenza Nazionale dei Cristiani e degli Ebrei (NCCJ), che ora è conosciuta come la Conferenza americana sulla diversità. I nostri forum e seminari multireligiosi sono una conseguenza di quei primi ed efficaci sforzi di un secolo fa per promuovere la cooperazione e la comprensione tra le fedi.

Il dottor Thang Nguyen Dinh, un rifugiato ed evaso dal Vietnam comunista, ha portato in tavola la sua storia unica. "I rifugiati devono affrontare molte barriere", ha detto, citando la lingua, l'alloggio e le difficoltà economiche, "ma hanno anche dei punti di forza". Il Dr. Dinh ha delineato la situazione paradossale della comunità di rifugiati, una fascia demografica composta da individui resilienti che sono patriottici e apprezzano le loro nuove libertà, ma che allo stesso tempo sono spesso disconnessi dalle proprie comunità religiose ed etniche a causa delle barriere linguistiche, economiche e le divisioni sociali.secondo pannello evento multireligioso 1024x381 1 - Oltre le etichette e l'esclusione: la tavola rotonda multiconfessionale esplora i percorsi verso la comprensione

In alto da sinistra a destra: Dr. Arik Greenberg, Sig.ra Sharon Angel, Sig.ra Bari Berger. In basso da sinistra a destra: Dr. Nirinjan Khalsa, Rabbi Arthur Gross-Schaefer, Dr. Mary Shuttleworth

L'altra spinosa domanda posta dal dottor Greenberg: "Come ci impegniamo in una conversazione che affronta argomenti difficili e spesso divisivi in ​​modo rispettoso, costruttivo e promuove una profonda comprensione della reciproca visione del mondo?" Affrontato dal secondo oratore principale, insegnante e predicatore interreligioso musulmano dell'Africa orientale Sceicco Aziz Nathoo, ha affermato che il suo toolkit è composto da due parole: dialogo rispettoso. Visitando lo stesso bene del primo oratore principale, il dottor Aihiokhai, lo sceicco Nathoo ha anche usato scritture e parabole per sostenere i suoi punti. Prendendo spunto dal Sacro Corano, ha detto: "Ci viene chiesto di competere tra loro, ma di competere in buone azioni.” Incoraggiò tutti a partecipare alle feste e alle cerimonie di altre fedi — “spezzare il pane porta a spezzare il terrore” — a fare amicizia e ad “assicurarsi di conversare piuttosto che di convertirsi. La conversazione è inclusiva, la conversione è esclusiva". Lo sceicco Nathoo ci ha esortato a unirci agli altri e a creare uno tsunami di tolleranza religiosa. Ha concluso: "Ognuno di noi è un ambasciatore e tutte le nostre azioni hanno un effetto clamoroso", prima di citare il poeta persiano del XIII secolo, Rumi: "Non sei una goccia nell'oceano. Sei l'intero oceano contenuto in una singola goccia.

“Come ci vediamo? Attraverso la lente della curiosità, della meraviglia o dell'esclusione?”

Nel secondo pannello, in risposta alle intuizioni dello sceicco Nathoo, c'erano il presidente di United for Human Rights International, Dott.ssa Mary Shuttleworth; Istruttore senior di studi teologici e professore clinico di studi giainisti e sikh presso la Loyola Marymount University (LMU), Dr. Nirinjan Khalsa-Baker; Professore di diritto d'impresa, etica e sostenibilità presso LMU, Rabbi Arthur Gross-Schaefer; Direttore della STAND League, Scientologist che intraprendono azioni contro la discriminazione, la sig. Bari Berger; e moderatore di tavole rotonde, autore, conduttore di programmi TV, imprenditore, oratore umanitario e motivazionale, La signora Sharon Angel.

Ancora una volta, i relatori hanno attinto al proprio background e alle proprie esperienze per rispondere allo sceicco Nathoo. La dottoressa Shuttleworth ha citato la sua educazione nell'apartheid in Sud Africa e ha raccontato come, alla ricerca del rispetto e di un terreno comune, ha scoperto la Dichiarazione universale dei diritti umani delle Nazioni Unite, in particolare l'articolo 18 sulla libertà di pensiero e di religione. Il dottor Shuttleworth ha anche sottolineato l'articolo 29, in cui ognuno ha la responsabilità nei confronti della propria comunità di assicurarsi che anche gli altri siano consapevoli di questi diritti. “Quindi per me come educatore, è importante insegnare ai nostri figli quali sono i terreni comuni. La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani è un buon e solido trampolino di lancio”. https://www.youtube.com/embed/WZEQIvo8nMQ?start=673wmode=transparent&rel=0&autohide=1&showinfo=0&enablejsapi=1

Il Dr. Khalsa-Baker ha toccato il concetto sikh che siamo tutti uno e parte della Luce Divina. "Come ci vediamo?" lei chiese. "Attraverso la lente della curiosità, della meraviglia o dell'esclusione?" Il dottor Khalsa-Baker ha affermato che dobbiamo trascendere le nostre emozioni in modo da poter ascoltare con rispetto e umiltà per aprire uno spazio di grazia. "Cosa ci vuole?" lei ha aggiunto. “Molto coraggio, supporto e risorse dagli altri”.

Il rabbino Arthur Gross-Schaefer ha commentato: “Non siamo gli eletti, noi per tutti i nostri marchi storici sono. Chi è il mio nemico? Un nemico è qualcuno di cui non ho sentito la storia”. Come Sheik Nathoo, ha citato il poeta Rumi: “Al di là delle idee di giusto o sbagliato, c'è un campo. Ci incontrerò lì”, per illustrarlo nonostante le nostre differenze, o forse perché di loro: noi di credenze diverse dobbiamo trovare un terreno comune. Il rabbino Gross-Schaefer ha aggiunto che molte persone non sentono Dio parlare loro: “Molte persone passano davanti al roveto ardente. Nella tradizione spirituale, devi cercare Dio e poi Dio ti parlerà. Ma viene anche dall'ascolto degli altri».

"È ora di iniziare a fare il duro lavoro."

La signora Berger ha sottolineato che molto di ciò che unisce fedi diverse sono i problemi simili che devono affrontare. Ha detto: “Dovremmo investire le nostre energie per scoprire le cose che abbiamo appassionatamente concordare e capire come possiamo usare quell'accordo per migliorare il mondo. E una cosa su cui credo di poter tranquillamente affermare che siamo tutti d'accordo è che la nostra libertà religiosa è importante per noi e vogliamo il diritto di praticare la nostra fede liberamente e con dignità”.

La moderatrice e relatrice della tavola rotonda, Sharon Angel, ha commentato: "Quando veniamo da generazioni di una particolare religione, a volte è difficile capire le altre fedi". Ha parlato della necessità di un po' di sana "santa invidia" per rispettare l'altra persona, le sue convinzioni e vivere una vita migliore sostenendo le nostre stesse convinzioni. La signora Angel ha anche parlato del potere e dell'importanza della narrazione per decostruire quello che altrimenti potrebbe essere un argomento difficile e complesso. Quando sei avvicinato a Dio, "sei avvicinato all'unità, alla giustizia e alla pace per te stesso e per gli altri", ha detto.

Se i partecipanti alla tavola rotonda rappresentano un campione del più ampio arazzo di diversità tra le religioni, il desiderio di andare d'accordo, capire e collaborare è più che presente.

Ciò che viene dopo è, nelle parole del dottor Greenberg, "È ora di iniziare a fare il duro lavoro".

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti