3.8 C
Bruxelles
Lunedì, dicembre 5, 2022

Case di culto: il culto fiorisce nel tempio del loto

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Notizie di religione mondiale
Notizie di religione mondialehttps://www.worldreligionnews.com
WRN World Religion News è qui per parlare del mondo della religione in modi che ti sorprenderanno, sfideranno, illumineranno, divertiranno e ti coinvolgeranno all'interno di una struttura cablata per un mondo connesso. Copriamo tutte le religioni del mondo dall'Agnosticismo alla Wicca e tutte le religioni intermedie. Quindi tuffati e dicci cosa pensi, senti, detesti, ami, odi, vuoi vedere più o meno e scegli sempre la verità più alta.

Più da parte dell'autore

Delhi, capitale dell'India, seconda città più popolosa del mondo e in crescita di quasi il tre per cento all'anno, ospita dozzine di chiese, templi e moschee. Tra la moltitudine di luoghi di culto storici e popolari della regione, uno spicca tra i più visitato luoghi sacri sulla Terra: Il Tempio del Loto della Fede Bahá'í.

Il Tempio del Loto, noto anche come Kamal Mandir o Loto di Bahapur, è visitato da 4.5 milioni di persone l'anno, anche più del Santuario del Báb sul Monte Carmelo ad Haifa, in Israele, dove si trovano i resti del araldo della religione è sepolto. Il tempio è stato aperto nel 1986 e aveva già visto 100 milioni di visitatori prima del suo 30° anno.

I 26 acri del tempio sono ricoperti da una flora lussureggiante e circondati da nove piscine blu riflettenti e passerelle di arenaria rossa che conducono ai nove ingressi. Il tempio stesso è composto da tre anelli, ciascuno con nove petali di marmo bianco che formano l'iconica immagine del loto fiore in fiore che galleggia nell'acqua. Una sala di preghiera all'interno del tempio ne contiene 2,500 ed è illuminata dal sole attraverso il tetto di vetro al centro del fiore. Tempio del loto a Nuova Delhi, India

Un tempio bahá'í è chiamato a mashriq al-adhkar in arabo, che significa "luogo dove all'alba sorge l'enunciazione del nome di Dio". La sua costruzione unica ha nove lati e nove porte. Le credenze bahá'í attribuiscono grande importanza al numero nove, come spiegato da Shoghi Effendi, nipote e successore di 'Abdu'l-Bahá, nominato al ruolo di Guardiano della Fede Baháʼí dal 1921 fino alla sua morte nel 1957. “In primo luogo, simboleggia le nove grandi religioni del mondo di cui abbiamo una precisa conoscenza storica, comprese le Rivelazioni Babi e Bahá'í; secondo, rappresenta il numero della perfezione, essendo il numero singolo più alto; terzo, è il valore numerico della parola 'Bahá'”. 

'Abdu'l-Bahá: figlio maggiore di Bahá'u'lláh, il fondatore del religione—disse: “Quando il Mashriqu'l-Adhkár è compiuto, quando da esso emanano le luci, i giusti vi si presentano, le preghiere sono eseguite con suppliche verso il Regno misterioso, la voce della glorificazione è levata al Signore, il Supremo, allora i credenti si rallegreranno, i cuori saranno dilatati e traboccanti dell'amore del Dio onnivivente ed autoesistente. Il popolo si affretterà ad adorare in quel Tempio celeste, le fragranze di Dio saranno elevate, gli insegnamenti divini saranno stabiliti nei cuori come l'instaurazione dello Spirito nell'umanità; il popolo allora starà fermo nella Causa del tuo Signore, il Misericordioso. Lode e saluti su di te”.

L'architetto del Tempio del Loto, Fariborz Sahba, fu scelto dal Casa Universale di Giustizia nel 1976 per progettare e costruire un tempio nel subcontinente indiano. In precedenza aveva lavorato alla progettazione della Sede della Casa Universale di Giustizia sul Monte Carmelo ad Haifa, in Israele, e in seguito è tornato a progettare le terrazze della Santuario del Báb.

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti