1.4 C
Bruxelles
Domenica, Dicembre 4, 2022

Arcivescovo Jerome di Atene: Se i vescovi e i sacerdoti non si prendono cura delle persone, non hanno uno scopo nella vita

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

Più da parte dell'autore

Idee natalizie sostenibili: 5 modi per rendere le tue feste amiche della foresta

Idee natalizie sostenibili: 5 modi per rendere le tue feste amiche della foresta

0
Le pubblicità natalizie sono già qui, la stagione è notoriamente un periodo di eccessi e sprechi. Le nostre piccole scelte come consumatori possono avere un grande impatto sul pianeta

L'arcivescovo di Atene, Hieronymus, ha rivolto un appello a tutto il clero del Paese perché sia ​​vicino a tutti, perché senza di questo il loro ministero perde di significato. Nel suo discorso di oggi dopo il servizio solenne nella Chiesa dell'Assunzione della Beata Vergine Maria – Chrysospilyotissa, ha detto:

“Se la Chiesa, l'arcivescovo, i vescovi e i sacerdoti non si preoccupano di ogni singola persona, allora non hanno uno scopo nella loro vita”. E ha aggiunto: «La Chiesa e i sacerdoti esistono perché ci sono persone con difficoltà e problemi nella vita, e per questo Dio ci ha chiamati a diventare collaboratori».

“Quando Dio si china sulla ferita di ogni persona, su ogni problema, su ogni difficoltà, anche quando incontra la negazione, non abbiamo il diritto di seguire un'altra strada e andare in un'altra direzione. Per questo tutti i chierici, siano essi arcivescovi, vescovi o sacerdoti, sono chiamati ad essere servitori dell'uomo».

Il capo della Chiesa greca ritiene che la medicina odierna per far fronte alle crescenti difficoltà della società sia la cooperazione: “Nel nostro Paese bisogna dimenticare le differenze e metterle in secondo piano, e la cooperazione deve essere prima di tutto. Anche qui la Chiesa deve dare l'esempio. I sacerdoti devono collaborare con il popolo, i vescovi, tra di loro e con il popolo, in modo che il popolo possa consegnarlo ai politici ea tutti coloro che stanno combattendo per questo Paese intorno a noi. Affinché tutti capiscano che questa è la migliore medicina e si impegnino per la cooperazione, la convivenza e la comprensione”.

Da parte sua, l'arcivescovo australiano Macario ha invitato il clero della sua diocesi a ricordare che la loro missione sacerdotale è quella di dirigere le persone non a se stesse, ma a Cristo e alla Chiesa. Ha pronunciato il suo discorso pastorale durante un'ordinazione sacerdotale nella chiesa “S. Charalampius” di Melbourne, e il motivo è il modo in cui alcuni chierici predicano dal pulpito – al centro dei loro sermoni mettono se stessi, le loro esperienze, pensando che in questo modo rendano più interessante e viva la loro parola, mentre in realtà si auto- oscurare al centro il messaggio di Cristo. È così che ottengono seguaci, creando sottilmente un culto della propria personalità invece di dirigere l'attenzione delle persone su Cristo.

Secondo l'arcivescovo Macario il sacerdote deve tenere presente il pericolo di perdere l'orientamento alla sua missione, nonostante l'entusiasmo con cui inizia il suo ministero sacerdotale:

«E questo accade perché noi sacerdoti dimentichiamo che non siamo qui per predicare, non per dire cose da noi stessi, non per condurre le persone a noi stessi e conquistare l'amore delle persone, ma per indirizzare le persone a Cristo e alla Chiesa».

Sono tre i principi fondamentali che il sacerdote deve osservare se vuole evitare questo pericolo: non identificarsi mai con Cristo, mai identificarsi con la Chiesa, e mai identificarsi con lo Spirito Santo.

“Ci sono molti casi di ecclesiastici che escono e parlano nel nome dello Spirito Santo e predicano l'eresia. Ci sono molti casi di sacerdoti che escono e, invece di Cristo, parlano della loro vita e dei loro successi, delle cose buone in cui credono o, peggio ancora, alzano la lingua sul pulpito in strada, perché pensano che così diventano attuali, ma dimenticano che la predica è una cosa sacra e non tutti possono dire ciò che vuole, ciò che gli interessa, ciò in cui crede e soprattutto ciò che vive personalmente”.

Lo consiglia anche il modello nell'opera di predicazione - San Giovanni Crisostomo: "Noi non predichiamo e riveliamo la nostra vita, ma il nostro obiettivo è predicare e rivelare Cristo".

Foto di Ron Lach / pexels

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti