10 C
Bruxelles
Martedì, Ottobre 4, 2022

La fede cristiana dopo il battesimo

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

Più da parte dell'autore

L'ulteriore vita dell'uomo, come abbiamo visto sopra, consiste nello sviluppo di quel seme di vita eterna che è deposto nel battesimo. Una persona viene gradualmente purificata dal peccato, gradualmente perfezionata e rafforzata nella bontà e ascende all'età perfetta del marito. Ma anche allora «l'inizio della sua vita» (Isacco il Siro), quel «sale che mantiene intatta una persona», continua ad essere fede. «La fede è madre di ogni buona azione, e con essa l'uomo realizza su di sé la promessa del Signore e Salvatore del nostro Gesù Cristo, secondo quanto sta scritto: «senza fede è impossibile piacere a Dio» ( Efraim il Siro). Anche se una persona è caduta: lascia che mantenga solo la sua fede: l'armonia spezzata della sua anima verrà ripristinata, le sue forze disparate saranno nuovamente raccolte e si precipiteranno contro il peccato con nuova energia. “Fede”, dice S. I. Crisostomo, – c'è una testa e una radice; se lo mantieni, allora, anche se hai perso tutto, tutto riguadagnerai con maggior gloria. “La fede è potenza per la salvezza e potenza per la vita eterna” (Clemento di Alessandria).

D'altra parte, è chiaro cosa succede se una persona perde la fede. “Senza olio la lampada non può ardere”, senza la radice ogni albero appassisce. “Senza di me”, disse il Signore, “non puoi fare nulla”. Una volta tolta la fede, viene tolto ogni senso della vita e ogni potere di fare il bene. Non esiste un centro che leghi gli sforzi di una persona e li comprenda. Una persona non sente la vicinanza di Dio, non può capire la Sua bontà, Dio ancora per lui è solo un punitore della menzogna. Una persona simile si rivolgerà a Dio? E se non si volta, allora non può accettare l'aiuto di Dio, la sua grazia. Quindi, avendo perso questo “occhio che illumina ogni coscienza” (Cirillo di Gerusalemme), la sua fede, una persona perde tutte le sue proprietà spirituali – e perisce. Notevoli a questo riguardo sono le fattezze con cui il Signore dipinge i giusti ei peccatori al giudizio finale. Nel frattempo, come i giusti, che hanno conservato la loro fede, si meravigliano della misericordia di Dio: "Quando ti hai visto affamato e hai bevuto?" – Per i peccatori, la sentenza di Dio sembra ingiusta: “quando ti ho visto affamato e non ti ho servito?” Dio appare loro ostile, desideroso, cercando una scusa per condannarli, per privarli della beatitudine eterna. I primi vivevano nella fede, e quindi tutta la loro anima è piena del sentimento dell'immeritata misericordia di Dio, e ora confessano la loro indegnità. Questi ultimi, però, hanno perso la fede, non riconoscono la misericordia di Dio, hanno vissuto solo per se stessi, e quindi ora si stanno elevando a difesa del loro “io”. I primi nella loro fede vedevano sempre aperta a se stessi la via di Dio, perché vedevano la misericordia di Dio. Vedendo ciò, aspiravano sempre a Dio ed erano costantemente in unità spirituale con Lui: questa unità, naturalmente, diventa loro destino anche dopo aver lasciato questa vita. Questi ultimi, avendo perso la fede, hanno perso naturalmente anche le forze per l'unione spirituale con Dio, si sono alienati da Dio: perciò, anche dopo il loro passaggio al mondo futuro, non hanno la capacità di arrendersi a Dio, la loro sorte è in il cupo regno dell'egoismo, che digrigna i denti per la sua morte. , non trovando la forza di venire a patti con questo, anche se, come un uomo giusto, nel pensiero di aver sofferto secondo la volontà di Dio (Rm 9).

Quindi, la fede ha ravvivato una persona, la fede lo ha sviluppato ed educato alla vita spirituale, la fede lo condurrà alla beatitudine eterna. Credendo, una persona accettava qui la grazia di Dio e poteva accettare la comunione con Dio, nonostante fino ad allora avesse vissuto nel peccato. La stessa fede nell'amore di Dio consentirà a una persona di mantenere questa comunione con Dio nel regno a venire. “Nel giorno del giudizio”, dice san Neil del Sinai, “noi stessi saremo i nostri stessi accusatori, condannati dalla nostra stessa coscienza. Pertanto, in questo caso estremo, troveremo qualche altra protezione o aiuto, se non una fede nel filantropico Signore Cristo? Questa fede è la nostra grande difesa, grande aiuto, sicurezza e audacia e una risposta per coloro che sono diventati irresponsabili a causa di una moltitudine inesprimibile di peccati”.

La fede che salva è libera e attiva

Per evitare equivoci, occorre qui ripetere ancora una volta che la Chiesa ortodossa, assumendo nella fede tutta la beatitudine dell'uomo e considerando la fede come la causa della crescita spirituale dell'uomo, non immagina mai questa fede nella forma di una sorta di auto-autostima forza agente, che, come qualcosa di estraneo, quasi costringerebbe l'uomo a una vita virtuosa e alla comunione con Dio. Certo, una persona credente percepisce la grazia di Dio, con la quale va a combattere il peccato. Tuttavia, lo strumento per ricevere questa grazia non è la conoscenza o la contemplazione della misericordia di Dio e la sua disponibilità a perdonare e aiutare, ma certamente il libero desiderio e decisione di una persona. Allo stesso modo, la fede è «operatrice di bontà, fondamento di una condotta retta» solo perché «è il libero consenso dell'anima» (Clemente d'Alessandria). La fede ispira solo la volontà di una persona, ma non la libera in alcun modo dagli sforzi su se stessa. «Non solo dovete credere in Cristo», diceva san Macario d'Egitto, «ma anche soffrire, secondo quanto sta scritto: «come vi è stato dato... non solo credete in Cristo, ma soffrite anche per lui» (Fil 1, 29) Credere solo in Dio è caratteristico di coloro che pensano in modo terreno, anche, non direi, e degli spiriti immondi che dicono: «Noi ti conosciamo, che sei Figlio di Dio» (Mc 1.24; Mt. 8.29)”. La fede richiede la libera scelta del bene e la decisione di farlo.

Non per il suo lato contemplativo, non come stato di percezione, la fede salva una persona, affinché una persona possa sperimentare solo in modo inattivo la sua salvezza, la fede salva con il suo lato attivo, la partecipazione costante della buona volontà in essa (Gv 7) . Il credente nella sua fede trova l'audacia di rivolgersi a Dio e, così, entra in comunione con Dio, accetta questa comunione. Il credente, rafforzato dalla potenza di Dio, aspira alla vita di un santo e così la inizia. La fede in questo senso è «l'inizio della nostra speranza e l'inizio della misericordia divina verso di noi, come una porta e una via» (Cirillo di Alessandria).

Fede e opere

Per mettere in luce proprio questo significato vitale (e non formale) della salvezza, e proprio là dove è necessario proteggersi dalle invenzioni protestanti, la nostra Chiesa sceglie tra due formule elaborate in Occidente quella che attribuisce la salvezza non alla fede solo, ma alla fede con le opere. . “Crediamo”, dice il 13° membro dell'Epistola dei Patriarchi d'Oriente, “che una persona è giustificata non semplicemente dalla sola fede (cioè, come si vedrà più avanti, non dal suo lato teorico, percettivo), ma dalla fede, aiutato dall'amore (la fede, come forza attiva, dal fatto che produce amore), cioè attraverso la fede e le opere “… “Non un fantasma, – spiegano ancora più precisamente i padri, – solo la fede, ma la fede che c'è in noi mediante le opere ci giustifica in Cristo». Quindi, è senza dubbio la fede che giustifica una persona, ma solo la vera, vera fede, quella che conduce una persona alla vita vera, le fa operare la sua salvezza. L'insegnamento del Rev. Theophan che la fede salva con i fatti. «La salvezza», dice il Santo, «dalle buone azioni; ma è impossibile riuscire nelle buone azioni, come dovrebbe essere, senza fede. La fede ispira buone azioni, la fede le indica, la fede porta anche ad ottenere la forza per compiere buone azioni. Pertanto, la fede è complice delle buone azioni. La cosa principale sono i fatti, e lei è un vantaggio". La salvezza, quindi, sta nel fatto che una persona la crea lui stesso, ma non viene a questa creazione se non per fede.

Gli ortodossi non dovrebbero intendere questa definizione in modo cattolico, cioè in modo che con i fatti un uomo si guadagni la salvezza. Gli atti in sé, come atti esteriori o atti separati, non hanno significato nel cristianesimo. Il comportamento è qui valutato solo come espressione dello stato d'animo corrispondente dell'anima, una certa direzione della volontà, sebbene, a sua volta, influenzi la formazione di questo stato d'animo. L'intera Conversazione della Montagna si costruisce sul pensiero dell'insufficienza di una buona azione esteriore e sulla necessità di un cambiamento interiore, che assimila appunto il Regno dei Cieli ad una persona. Pertanto, la misericordia mostrata a un profeta o discepolo si apprezza solo quando è resa «nel nome del profeta o del discepolo», in nome della fede (Mt 10-41). «Se», dice l'apostolo Paolo, «cedo tutti i miei averi e do il mio corpo perché sia ​​arso, ma non ho amore, non mi giova affatto» (42 Cor 1). Non puoi guardare l'esterno. L'apostolo spiega più dettagliatamente: l'essenza della salvezza non sta nelle fatiche ascetiche, in quanto tali, non nello zelo esteriore; e le imprese, e lo zelo dovrebbero scaturire da un'anima rigenerata e mutata; altrimenti non sono nulla davanti a Dio (Rm 13). Pertanto, può accadere che due acari portati da una vedova superino l'intera moltitudine delle offerte del ricco, e un pubblicano peccatore sarà più vicino a Dio di un giusto fariseo; coloro che verranno all'ora undicesima e non faranno nulla riceveranno una ricompensa uguale a coloro che hanno lavorato tutto il giorno e hanno sopportato il caldo del giorno. Da un punto di vista legale, questo non si spiega: più lavoro richiede più ricompense (a meno che generalmente non si neghi la possibilità di qualsiasi gentilezza da parte di una persona). Con gli ortodossi questo non ha bisogno di spiegazioni: il Signore vuole salvare tutti allo stesso modo e il tutto aspira a tutti allo stesso modo, ma uno ha più aspirazione a Dio, capacità di percepire di più la sua comunione, l'altro meno. In tal caso, può accadere che il neo convertito e che non ha fatto nulla sia uguale o addirittura superiore in ricompensa a colui che è invecchiato nella fede e ha compiuto imprese. Il regno di Dio non è una ricompensa per le fatiche, ma una misericordia offerta al tun e assimilata secondo l'accettabilità di ciascuno.

La domanda, quindi, è dove è diretta l'anima, cosa vuole, come vive. Se la sua aspirazione è verso Dio, se non vive per se stessa, allora, oltre alle sue azioni esteriori, è giustificata; questa è la garanzia del futuro perdono, e gli atti e le fatiche sono importanti solo per il ritorno e il rafforzamento di questa aspirazione. «La ricompensa», dice sant'Isacco il Siro, «non è più per la virtù, e non per il lavoro per essa, ma per l'umiltà che ne deriva. Se è persa, la prima sarà vana”.

L'anima si salva non dalle sue azioni esteriori, ma perché il suo essere interiore si rinnova, perché il suo cuore è sempre con Dio. Certo, al giudizio finale si aprirà il libro della vita di ciascuno, e ognuno darà una risposta per ogni atto e parola, per ogni pensiero, per quanto insignificante e fugace possa essere: il perfetto non può dirsi imperfetto. Ma questa rivelazione di vita per alcuni sarà solo fonte di umiltà, non farà che condurli alla realizzazione del perdono immeritato, e li legherà ancora più strettamente a Dio; per altri, la convinzione di coscienza al giudizio porterà disperazione, e infine li strapperà a Dio e al Regno. “E questi vanno al castigo eterno, ma i giusti alla vita eterna”. Chiunque abbia diretto la sua anima dove va, va là.

Così, nella fede, tutta la beatitudine di un cristiano. La fede non è solo la causa, la forza trainante nello sviluppo spirituale dell'uomo, è piuttosto il fulcro, il cuore stesso della vita spirituale. Come cresce la fede, cresce l'amore, come cresce l'amore, cresce la fede: lo sviluppo morale di una persona trova la sua espressione e il suo frutto nel rafforzamento e nella crescita della fede. La fede promuove le azioni e la fede è perfezionata dalle azioni (Giacomo 2:22). La fede è veramente l'alfa e l'omega della vita morale, proprio come il Signore stesso, che essa rivela all'uomo*. Conducendo all'amore, in cui l'essenza della vita eterna (1 Giovanni 3:14; Giovanni 17:26), la fede dà così a una persona l'opportunità qui sulla terra di iniziare la beatitudine eterna. Passando nell'altro mondo, la fede si trasforma in conoscenza e l'amore, che collega una persona con Dio, continua nell'eternità.

Cfr. © M. Novoselov. Salvezza e fede secondo l'insegnamento ortodosso. Biblioteca religiosa e filosofica. Problema. 31. Confraternita di S. Alessia, 1995. Pubblicato secondo il testo dell'edizione del 1913.

- Annuncio pubblicitario -
- CONTENUTI ESCLUSIVI -spot_img
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti