3.4 C
Bruxelles
Venerdì, Gennaio 27, 2023

Italia: 50 musulmani e scientologist si sono uniti per ripulire la via principale della Grande Moschea di Roma

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Edicola
Edicolahttps://www.europeantimes.news
L'European Times News mira a coprire le notizie che contano per aumentare la consapevolezza dei cittadini in tutta l'Europa geografica.

Più da parte dell'autore

Roma – Sabato 23 luglio 2022, più di 50 volontari del Centro Culturale Islamico d'Italia e Ministri Volontari della Chiesa di Scientology hanno ripulito il tratto di Viale della Grande Moschea che va dalla stazione degli autobus "Campi sportivi" alla stazione "Monte Antenne" della linea regionale Roma-Viterbo.

La grande Moschea di Roma (ItalianoMoschea di Roma), è la più grande moschea nel mondo occidentale in termini di superficie del terreno su cui sorge. Ha una superficie di 30.000 mq e può ospitare più di 12.000 persone. L'edificio si trova nella zona dell'Acqua Acetosa, ai piedi dei Monti Parioli, a nord della città. È anche la sede del Centro Culturale Islamico d'Italia.

Oltre a essere un luogo di incontro per le attività religiose, offre servizi culturali e sociali che mettono in contatto i musulmani, tenendo anche insegnamenti, cerimonie nuziali, servizi funebri, esegesi, mostre, convegni e altri eventi.

La moschea è stata fondata congiuntamente dal principe in esilio Muhammad Hasan dell'Afghanistane da sua moglie, la principessa Razia ed è stata finanziata da Faisal dell'Arabia Saudita, capo della famiglia reale saudita Custode delle Due Sacre Moschee nonché da alcuni altri Stati del mondo musulmano. La cerimonia di inaugurazione è stata presieduta da Papa Giovanni Paolo II.

La sua progettazione è durata più di dieci anni: il Comune di Roma ha donato il terreno nel 1974, ma la prima pietra è stata posata solo nel 1984, alla presenza dell'allora Presidente della Repubblica Italiana Sandro Pertini, con inaugurazione il 21 giugno 1995.

Il XNUMX luglio XNUMX, giorno dell'operazione congiunta tra i fedeli dell'Islam e quelli di Scientology, sono stati raccolti oltre sei metri cubi di rifiuti, erbacce e arbusti.

Si è provveduto allo sfalcio di rovi e rami che impedivano il transito pedonale sui marciapiedi, alla rimozione di erbacce, sterpaglie e immondizia di varia natura. Il materiale è stato raccolto e chiuso in sacchi di plastica che è stato ritirato alla fine dell’intervento dagli operatori dell'Agenzia Municipalizzata per l'Ambiente (AMA) di Roma.

La buona riuscita dell’intervento è stata possibile grazie al supporto dell’Assessorato all’Agricoltura, Ambiente e ciclo dei rifiuti di Roma Capitale e alla collaborazione dell’AMA.

“E’ stata una giornata che ha richiesto un grande impegno a tutti i volontari, anche per il caldo opprimente, ma il risultato finale ci ripaga ampiamente in termini di ambiente restituito ai cittadini”, ha detto Elena Martini, portavoce della Chiesa di Scientology di Roma.

Il Dr. Nader Akkad, Imam della Grande Moschea di Roma, ha rimarcato l’importanza dell’iniziativa delle due fedi coinvolte: “E’ una collaborazione che porta avanti un progetto comune, sia di fraternità che di amicizia e con un obiettivo comune, quello della cura dell’ambiente.”

“Le religioni hanno un compito molto importante, quello di creare fraternità, creare uno spazio comune di amicizia”, ha continuato il Dr. Akkad; “Oggigiorno è molto importante che le fedi religiose cooperino insieme per il bene collettivo e certamente uno dei modi migliori per farlo è quello di prendersi cura dell’ambiente, delle persone e delle relazioni di quelle persone che co-abitano questo ambiente.”

La soddisfazione per il risultato conseguito con l’intervento di sabato 23 nell’area della Grande Moschea di Roma ha motivato ancora di più i responsabili del Centro Culturale Islamico d’Italia e della Chiesa di Scientology a dare un seguito al progetto con iniziative future da decidere anche insieme alle istituzioni pubbliche per un miglior servizio alla comunità.

"Sebbene la religione, in generale, ponga l'accento su ciò che si potrebbe definire come l'"aldilà"", ha dichiarato Ivan Arjona, Presidente dell'Ufficio Europeo della Chiesa di Scientology per gli Affari Pubblici e i Diritti Umani, "è chiaro a tutti noi che è una buona cosa far sembrare la Terra più simile a un paradiso, mentre lavoriamo per raggiungere la salvezza, e i musulmani italiani e gli scientologist, insieme, hanno fatto una buona mossa dando l'esempio".

In accordo con un precetto de La Via della Felicità, il codice morale scritto da L. Ron Hubbard e che gli scientologist seguono, dice il sito ufficiale di Scientology, le chiese e i loro parrocchiani sono molto attivi nelle campagne ambientali locali. Tra le loro attività primeggiano "progetti di riciclaggio, pulizia di parchi pubblici, rimozione di graffiti, progetti di murali per abbellire strade e autostrade del centro città, campagne educative per la Giornata della Terra e campagne di pulizia della comunità... L'attenzione per l'ambiente si estende anche all'uso di materiali ecologici nella costruzione delle nuove chiese di Scientology".

Per quanto riguarda l'Islam, il Prof. Al-Jayyousi, dice il sito web del Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente, ha spiegato che la visione del mondo islamico definisce una vita buona (Hayat Tayebah), vivendo con leggerezza sulla Terra (Zohd) e prendendosi cura sia delle persone che della natura. Il discorso islamico offre un senso di speranza e ottimismo sulla possibilità di raggiungere l'armonia tra gli esseri umani e la natura. La Terra troverà un equilibrio se gli esseri umani ripenseranno i loro stili di vita e la loro mentalità, come affermato nel Corano.

Gli Scientologist di tutto il mondo partecipano non solo ai forum per proteggere la libertà di religione per tutti, sempre e ovunque, ma anche a molte iniziative interreligiose in cui tutte le diversità di religioni cooperano per un bene comune.

Fonte: EINPresswire

1 ridimensionamento - Italia: 50 musulmani e scientologist uniti per ripulire la via principale della Grande Moschea di Roma
Italia: 50 musulmani e scientologist si sono uniti per ripulire la via principale della Grande Moschea di Roma
2 ridimensionamento - Italia: 50 musulmani e scientologist uniti per ripulire la via principale della Grande Moschea di Roma
Italia: 50 musulmani e scientologist si sono uniti per ripulire la via principale della Grande Moschea di Roma
3 ridimensionamento - Italia: 50 musulmani e scientologist uniti per ripulire la via principale della Grande Moschea di Roma
Italia: 50 musulmani e scientologist si sono uniti per ripulire la via principale della Grande Moschea di Roma
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti