4.7 C
Bruxelles
Giovedi, dicembre 1, 2022

Pakistan: l'OMS avverte di rischi significativi per la salute mentre continuano le inondazioni

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Più da parte dell'autore

In Pakistan si stanno manifestando gravi rischi per la salute mentre continuano le inondazioni senza precedenti, ha riferito mercoledì l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), avvertendo della minaccia di un'ulteriore diffusione di malaria, febbre dengue e altre malattie trasmesse dall'acqua e da vettori.
WHO capo Tedros Adhanom Ghebreyesus disse l'agenzia delle Nazioni Unite ha classificato la situazione come emergenza di grado 3 - il livello più alto del suo sistema di valutazione interno - il che significa che tutti e tre i livelli dell'organizzazione sono coinvolti nella risposta: il paese e gli uffici regionali, nonché la sua sede a Ginevra. 

“Le inondazioni in Pakistan, la siccità e la carestia nel Grande Corno d'Africa e i cicloni più frequenti e intensi nel Pacifico e nei Caraibi indicano tutti l'urgenza di un'azione contro la minaccia esistenziale del cambiamento climatico", ha detto, parlando durante il suo regolare briefing dal quartier generale dell'OMS.

Milioni di persone colpite

Più di 33 milioni di persone in Pakistan, e tre quarti di tutti i distretti, sono stati colpiti dalle inondazioni, provocate dalle piogge monsoniche. 

Almeno 1,000 persone sono state uccise e 1,500 ferite, ha affermato l'OMS, citando le autorità sanitarie nazionali. Più di 161,000 altri sono ora nei campi.

Quasi 900 strutture sanitarie in tutto il paese sono stati danneggiati, di cui 180 sono completamente danneggiati. Milioni di persone sono rimaste senza accesso all'assistenza sanitaria e alle cure mediche.

Il governo ha dichiarato lo stato di emergenza e l'ONU ha lanciato un appello da 160 milioni di dollari per il Paese. Tedros ha anche rilasciato 10 milioni di dollari da un fondo di emergenza dell'OMS per sostenere la risposta.

Fornire forniture salvavita

"L'OMS ha avviato una risposta immediata per curare i feriti, fornire forniture salvavita alle strutture sanitarie, supportare i team sanitari mobili e prevenire la diffusione di malattie infettive", disse Dr. Ahmed Al-Mandhari, Direttore Regionale per il Mediterraneo Orientale.

L'agenzia delle Nazioni Unite e i partner hanno condotto una valutazione preliminare che ha rivelato che l'attuale livello di devastazione è molto più grave rispetto alle precedenti inondazioni, comprese quelle che hanno devastato il paese nel 2010.

Garantire l'accesso ai servizi

La crisi ha ulteriormente aggravato i focolai di malattie, tra cui diarrea acquosa acuta, febbre dengue, malaria, poliomielite e COVID-19, in particolare nei campi e dove le strutture idriche e igienico-sanitarie sono state danneggiate.

Il Pakistan aveva già registrato 4,531 casi di morbillo quest'anno e 15 casi di poliovirus selvaggio, anche prima delle forti piogge e delle inondazioni. Una campagna nazionale contro la poliomielite è stata interrotta nelle aree colpite.

“L'OMS sta lavorando con le autorità sanitarie per rispondere in modo rapido ed efficace sul campo. Le nostre priorità chiave ora sono garantire un rapido accesso ai servizi sanitari essenziali alla popolazione colpita dalle inondazioni rafforzare e ampliare la sorveglianza delle malattie, la prevenzione e il controllo delle epidemiee garantire un solido coordinamento dei cluster sanitari", ha affermato la dott.ssa Palitha Mahipala, rappresentante dell'OMS in Pakistan.

Le inondazioni potrebbero peggiorare

Con le inondazioni che dovrebbero peggiorare nei prossimi giorni, l'OMS si concentra immediatamente su queste priorità.

Il governo pakistano sta guidando la risposta nazionale e sta istituendo sale di controllo e campi medici a livello provinciale e distrettuale.

Le autorità stanno anche organizzando operazioni di evacuazione dell'aria e conducendo sessioni di sensibilizzazione sanitaria sulle malattie trasmesse dall'acqua e da vettori, nonché su altre malattie infettive come COVID-19.

L'OMS sta lavorando a stretto contatto con il ministero della salute per aumentare la sorveglianza per la diarrea acquosa acuta, il colera e altre malattie trasmissibili per evitare un'ulteriore diffusione. L'agenzia fornisce anche medicinali essenziali e forniture mediche alle strutture sanitarie funzionali che curano le comunità colpite.

Espansione della sorveglianza delle malattie

Prima delle inondazioni, l'OMS e i suoi partner avevano intrapreso vaccinazioni contro il colera in risposta all'epidemia preesistente.

Anche il Pakistan lo è uno dei due paesi endemici di poliomielite rimasti nel mondo, e le squadre nelle aree colpite stanno ampliando la sorveglianza sia per la poliomielite che per altre malattie. Inoltre, gli operatori antipolio stanno ora lavorando a stretto contatto con le autorità per sostenere i soccorsi, in particolare nelle aree più colpite.

L'OMS ha anche dirottato campi medici mobili verso i distretti colpiti, consegnato più di 1.7 milioni di pastiglie acquatiche per garantire alle persone l'accesso all'acqua pulita e fornito kit per la raccolta di campioni per la diagnosi precoce di malattie infettive.

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti