4.5 C
Bruxelles
Giovedi, dicembre 1, 2022

Ucraina: è necessario un accordo urgente per porre fine ai combattimenti intorno alla centrale nucleare di Zaporizhzhia

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

Più da parte dell'autore

Le ultime settimane hanno visto un'escalation di bombardamenti dentro e intorno al più grande impianto nucleare d'Europa. 

La riunione del Consiglio è stata richiesta dalla Russia, le cui forze hanno occupato lo stabilimento da marzo, o poco dopo l'inizio della guerra, mentre il personale ucraino continua a svolgere le proprie operazioni in loco. 

Minaccia 'suicida' 

La Sig.ra DiCarlo ha ribadito la grave preoccupazione delle Nazioni Unite per la situazione pericolosa, ricordando gli appelli del Segretario Generale al buon senso, alla ragione e alla moderazione, nonché al dialogo. 

“In questo momento, è imperativo ricevere il espresso impegno delle parti a interrompere qualsiasi attività militare intorno all'impianto e per consentire le sue continue operazioni sicure e protette. Per parafrasare il brusco avvertimento del Segretario generale, qualsiasi potenziale danno a Zaporizhzhia è suicida", ha disse

Tutto il personale e le attrezzature militari devono essere ritirati dall'impianto e non dovrebbero esserci ulteriori dispiegamenti di forze o attrezzature sul sito.

"La struttura non deve essere utilizzata come parte di alcuna operazione militare e dovrebbe essere raggiunto un accordo su un perimetro sicuro di smilitarizzazione per garantire la sicurezza dell'area", ha affermato.

L'ONU ha nuovamente chiesto alle parti di fornire all'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA) con accesso immediato, sicuro e illimitato alla centrale nucleare. 

Preparativi per la missione dell'AIEA 

Il capo dell'AIEA Rafael Mariano Grossi ha rinnovato martedì la sua richiesta di inviare una missione per svolgere attività essenziali di sicurezza, protezione e salvaguardia nel sito. 

La signora DiCarlo ha riferito che i preparativi stanno procedendo e l'agenzia è in attiva consultazione con tutte le parti in modo che la missione possa essere inviata il prima possibile. 

“Accogliamo con favore le recenti dichiarazioni di Ucraina e Russia che indicano sostegno all'obiettivo dell'AIEA di inviare una missione all'impianto, che sarebbe il primo sito dell'AIEA dall'inizio della guerra”, ha affermato. 

L'ONU ha anche valutato di avere la capacità logistica e di sicurezza in Ucraina per supportare qualsiasi missione dell'AIEA da Kiev, a condizione che Ucraina e Russia siano d'accordo. 

“Dobbiamo essere chiari eventuali danni alla pianta, o qualsiasi altro impianto nucleare in Ucraina, portando a un possibile incidente nucleare avrebbe conseguenze catastrofiche, non solo per le immediate vicinanze, ma per la regione e non solo”, ha affermato la DiCarlo. 

“Allo stesso modo, qualsiasi danno che porti all'interruzione dell'impianto dalla rete elettrica ucraina avrebbe implicazioni umanitarie catastrofiche, in particolare con l'arrivo dell'inverno. Come ha chiarito il Segretario generale, l'elettricità prodotta nello stabilimento di Zaporizhzhia appartiene all'Ucraina". 

Russia: atmosfera 'sana' nello stabilimento

Nella sua delibera, l'ambasciatore russo Vasily Nebenzya ha elencato gli episodi di presunti bombardamenti ucraini nell'impianto questo mese, accusando il paese di "ricatto nucleare".

"Il fatto che il regime di Kiev continui ad attaccare questa stazione è una diretta conseguenza dell'acquiescenza criminale da parte dei suoi patroni occidentali", ha detto, parlando attraverso un interprete.

Inoltre, qualsiasi potenziale disastro alla centrale nucleare è stato finora evitato “solo perché c'è un lavoro congiunto regolare tra i lavoratori della stazione, i vigili del fuoco, i soccorritori e l'esercito russo che li sta aiutando in ogni modo possibile”, ha aggiunto. "E questo dimostra che c'è un'atmosfera di lavoro sana alla stazione e nessuno sta opprimendo nessuno".

Supporto alla missione dell'AIEA

Per quanto riguarda l'AIEA, Nebenzya ha affermato che la Russia ha sostenuto gli sforzi per una missione nell'impianto "dal primo giorno" e aveva già concordato che una missione si svolgesse a giugno.

"Ci aspettiamo che la missione di viaggio dell'AIEA avrà luogo in un futuro molto prossimo e gli esperti dell'agenzia confermeranno la reale situazione alla stazione", ha affermato.

L'Ambasciatore ha concluso il suo intervento rivolgendosi all'autobomba avvenuta sabato a Mosca in cui ha ucciso Darya Dugina, opinionista politica e figlia di uno stretto alleato del presidente Vladimir Putin.

Le autorità russe stanno indagando sull'incidente, ha detto, "e le conclusioni preliminari sono che questo mostruoso crimine è stato organizzato dai servizi speciali ucraini".

Ha esortato il Consiglio e la leadership delle Nazioni Unite, nelle sue parole, "a condannare l'ennesimo crimine del regime di Kiev".

L'Ucraina confuta le affermazioni sui bombardamenti

L'ambasciatore ucraino Sergiy Kyslytsy ha respinto le affermazioni della Russia secondo cui il suo paese sta bombardando il proprio impianto nucleare.

"Nessuno che sia almeno cosciente può immaginare che l'Ucraina prenderebbe di mira una centrale nucleare a tremendo rischio di catastrofe nucleare e sul proprio territorio", ha affermato.

Il sig. Kyslytsy ha informato il Consiglio che il ministro degli Esteri ucraino ha risposto all'AIEA in merito alla missione.  

La proposta dell'itinerario è conforme alla normativa nazionale “e in generale potrebbe essere accolta”, ha affermato. Tuttavia, devono essere presi ulteriori accordi in base alle condizioni di sicurezza, alla comunicazione di piani dettagliati del percorso e ad altri aspetti logistici.

Presenza permanente dell'AIEA

"Continuiamo a credere che l'efficacia della missione possa essere rafforzata incorporando componenti militari e politici supportati dall'esperienza delle Nazioni Unite", ha affermato.

"Considerando l'entità delle attuali sfide e minacce, abbiamo anche esortato l'AIEA a prendere in considerazione una presenza permanente dei suoi esperti presso la ZNPP fino a quando le autorità ucraine competenti non riprenderanno il pieno controllo di questo impianto nucleare".

L'Ambasciatore ha sottolineato l'importanza della missione che si svolge su richiesta dell'Ucraina.

“Gli occupanti hanno addestrato alcuni degli ostaggi su ciò che dovrebbero dire e ciò che non dovrebbero mostrare all'AIEA. Ecco perché è davvero importante condurre la missione in un modo che permetta alla comunità internazionale di vedere la situazione reale e non uno spettacolo teatrale russo”.
 

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti