-2.6% C
Bruxelles
Domenica, gennaio 29, 2023

Un nuovo studio confuta la cronologia attuale dell'estinzione dei mammut

DISCLAIMER: Le informazioni e le opinioni riprodotte negli articoli sono quelle di chi le dichiara ed è sotto la propria responsabilità. La pubblicazione su The European Times non significa automaticamente avallo del punto di vista, ma il diritto di esprimerlo.

svg%3E - Un nuovo studio confuta la cronologia attuale dell'estinzione dei mammut

Cameron Schwalbach, a sinistra, responsabile delle collezioni di paleontologia per il Geier Collections and Research Center del Cincinnati Museum Center, e l'assistente professore dell'Università di Cincinnati Joshua Miller esaminano un teschio di mammut. Credito: Andrew Higley/UC

Gli esperti suggeriscono che il DNA trovato nei depositi sedimentari abbia probabilmente avuto origine da animali deceduti da tempo.

Il mistero che circonda il momento esatto dell'estinzione dei mammut ha affascinato a lungo i paleontologi, poiché il declino di queste gigantesche creature dell'era glaciale sembrava coincidere con l'arrivo degli umani nel Nord e nel Sud America.

Ciò ha portato molti a chiedersi se l'attività umana abbia avuto un ruolo nell'estinzione dei mammut oltre 10,000 anni fa.

A Università di Cincinnati Il paleontologo confuta l'ultima linea temporale pubblicata nel 2021 sulla rivista Nature secondo cui i mammut hanno incontrato la loro fine molto più recentemente di quanto credessimo. Un team internazionale di ricercatori ha esaminato l'ambiente DNA di resti di mammut e più di 1,500 piante artiche per concludere che un clima più umido ha rapidamente cambiato il paesaggio dalla steppa delle praterie della tundra a zone umide boscose che non potevano sostenere molti di questi grandi animali da pascolo, portando i mammut all'estinzione solo 3,900 anni fa.

Ma in un documento di confutazione in Natura, il professore assistente dell'UC College of Arts and Sciences Joshua Miller e il coautore Carl Simpson dell'Università del Colorado Boulder sostengono che il DNA ambientale utilizzato per stabilire la loro linea temporale aggiornata è più complesso di quanto precedentemente riconosciuto.

svg%3E - Un nuovo studio confuta la cronologia attuale dell'estinzione dei mammut

Il paleontologo dell'Università di Cincinnati Joshua Miller posa con una statua in bronzo di un mammut fuori dal Geier Collections and Research Center del Cincinnati Museum Center. Credito: Andrew Higley/UC

"Il problema è che non hai idea di quanti anni abbia quel DNA", ha detto Miller. “I depositi sedimentari sono complessi. I materiali di epoche diverse vengono regolarmente seppelliti insieme”.

I ricercatori dispongono di molti strumenti per datare i depositi sedimentari ei materiali in essi contenuti. Ma non tutto può essere datato, ha detto Miller.

“Possiamo datare al radiocarbonio ogni genere di cose: ossa, denti, carbone, foglie. È molto potente. Ma al momento non possiamo datare in modo indipendente il DNA trovato nei sedimenti", ha detto Miller.

Da recenti scoperte come il cucciolo di mammut trovato in Canada quest'anno, sappiamo che molti animali dell'era glaciale morti decine di migliaia di anni fa possono essere mummificati nell'ambiente secco e freddo dell'Artico. Miller ha detto che i ricercatori non possono dire se il DNA ambientale conservato nei sedimenti sia stato versato da un animale vivo o morto.

svg%3E - Un nuovo studio confuta la cronologia attuale dell'estinzione dei mammut

Joshua Miller, professore assistente dell'Università di Cincinnati, esamina un teschio di mammut presso il Geier Collections and Research Center del Cincinnati Museum Center. Credito: Andrew Higley/UC

"Il DNA viene versato dagli organismi tutto il tempo", ha detto Miller. “In effetti, il DNA continua a essere versato molto tempo dopo la morte dell'animale. Nei luoghi in cui la decomposizione è lenta, ciò significa che specie morte da tempo e persino estinte da tempo possono continuare a farsi strada nei sedimenti circostanti. Nell'Artico e in altri luoghi freddi, possono volerci migliaia di anni prima che qualcosa si decomponga».

I ricercatori affermano che la lenta decomposizione degli animali nelle regioni artiche potrebbe spiegare come il DNA dei mammut si stia manifestando migliaia di anni dopo il più recente fossile di mammut scoperto. Il documento rileva che i resti mummificati di elefanti marini vicino all'Antartide possono avere più di 5,000 anni.

Simpson ha affermato che il suo lavoro sullo studio degli ambienti marini da pendii recentemente erosi dimostra quanto sia difficile datare esemplari antichi.

“Le conchiglie possono rimanere sul fondo del mare per migliaia di anni. Quando si vedono conchiglie sulla spiaggia, alcune potrebbero provenire da animali morti di recente, mentre altre potrebbero provenire da molluschi morti millenni fa", ha detto Simpson. "Questo accade anche nella documentazione sui vertebrati".

Miller ha affermato che resta da chiedersi quale impatto, se del caso, gli esseri umani hanno avuto sul declino globale e sull'estinzione dei mammut. Gli umani erano noti per usare il fuoco per alterare i paesaggi in modi profondi, ha detto Miller. Hanno anche cacciato i mammut e hanno usato le loro zanne d'avorio.

Allora, quando sono morti gli ultimi mammut? Gli scienziati affermano che la maggior parte dei mammut si è estinta più di 10,000 anni fa, ma le popolazioni rimanenti vivevano su isole come l'isola russa di Wrangel fino a tempi molto più recenti.

Questa convivenza con gli umani moderni è uno dei motivi per cui i mammut catturano la nostra immaginazione, hanno detto i ricercatori.

"Sono incredibilmente simili agli animali che vivono in mezzo a noi oggi", ha detto Miller. “Possiamo quasi toccarli. Questo rende i mammut davvero allettanti. Per molte persone, sono i poster della megafauna dell'era glaciale”.

Simpson ha notato che un tempo i mammut vivevano nelle Isole del Canale della California, vicino a dove è cresciuto. Le isole ospitavano un mammut pigmeo del peso di 2,000 libbre. Oggi, il più grande mammifero dell'isola è una minuscola volpe endemica.

"Penso a quanto sarebbe stato fantastico crescere con tutti quei grandi animali in giro", ha detto Simpson. "Ma mi mancavano."

Riferimento: "Quando si sono estinti i mammut?" di Joshua H. Miller e Carl Simpson, 30 novembre 2022, Natura.
DOI: 10.1038/s41586-022-05416-3

- Annuncio pubblicitario -

Lascia un Commento

Più da parte dell'autore

- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario -
- Annuncio pubblicitario - spot_img

Devi leggere

Articoli Recenti